Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
29 marzo 2020 7 29 /03 /marzo /2020 09:07
Radioso risveglio ad Altavilla (Foto di Maurizio Crispi)

(29 marzo 2020) Avverto oggi, al risveglio, una certa stanchezza.
Ma bisogna abituarsi.
Non vedo sprazzi di luce in fondo al tunnel.
A livello mondiale, stiamo diventando un popolo di reclusi, avviati mestamente verso un collasso globale senza precedenti, per quanto si possa capire.
Non mi pesano la reclusione forzata, nè tantomeno la solitudine sociale (fatta salva la possibilità di vivere in contatto con i miei cari), ma ciò che maggiormente mi logora è l'incertezza: sì, avete ragione nel dirmi adesso che mi sto contraddicendo con quanto ho scritto qualche giorno fa a proposito della necessità di vivere alla giornata, applicando la filosofia degli AA.
Ma perfino gli AA per poter seguire questa loro visione del mondo salvifica hanno bisogno di un gruppo di altri AA, propri pari nel problema che cercano di risolvere, con cui riunirsi e con cui condividere la propria filosofia del condurre la propria battaglia "giorno dopo giorno".
Per il resto, in questo momento mi piace pensare ad una delle mie letture giovanili di riferimento e di formazione, che fu Walden ovvero la vita nei boschi di Thoreau, alla base di ogni forma di anarchismo libertario e di ritorno alla semplicità/essenzialità del rapporto diretto e non mediato con la Natura.
Oggi, non mi sento ottimista, se non si era ancora capito. Vorrei poter guardare al bicchiere mezzo pieno. Ma non ci riesco.

L'invasione degli ultracorpi (The Body Snatchers, 1954) - locandina originale

L'impensabile si sta verificando. New York è sotto assedio da parte del Covid-19, anzi è stata già invasa, in un'inedita "invasione degli ultracorpi" che, in molti modi diversi, ha sempreossessionato gli Americani (ancora una citazione letteraria e si tratta di "The Body Snatchers" di Jack Finney, più volte trasposto in film). Ho sentito dire in un notiziario che il ritmo delle morti nella Grande Mela, calcolato ieri, è stato di una ogni 6 minuti. E si deve aggiungere che chi ha redatto questa notizia ha anche chiosato  che forse questa stima al momento della divulgazione del testo era già mutata.
Trump adesso, dopo essere stato troppo a lungo coronavirus-scettico parla di mettere sotto quarantena stretta lo stato di NY e i due stati confinanti, il Connecticut e il New Jersey.
Quello che era stato raccontato nella narrativa d'anticipazione si sta dunque verificando.
E in Italia  si è mestamente sorpassato il livello 10.000 quanto ai morti. Altre campane a morto, troppe.
Oggi, non mi sento di dire altro, se non che - nel corso della notte - mi sonosvegliato diverse angustiato e in sofferenza.

Ho sognato che mi recavo in ospedale per andare a visitare qualcuno ammalato di mia conoscenza. Impossiile avvicinarsi con l'auto ad una distanza ragionevole, poichè le strade erano nel caos. Mi sono dunque incamminato assieme agli altri con cui mi trovavo per raggiungere a piedi il nosocomio.
Qui, abbiamo trovato il cancello presidiato da infermieri in divisa verde da sala operatoria, i quali formavano un vero e proprio cordone umano.
Ci hanno detto che non si poteva entrare senza preavviso e che la visita ai propri cari degenti andava prenotata prima per telefono. Senza, nessun ingresso sarebbe stata consentito.
Interdetti, io e gli altri rimanevano a ciondolare davanti al cancello e, ad un certo punto, riuscivamo a sgattaiolare all'interno, per ritrovarci in una specie di ampio bar-refettorio-caffeteria dove il personale ospedaliero, visibilmente esausto, si ristorava e mangiava velocemente prima di tornare al lavoro. Visto che c'ero, anch'io ordinavo qualcosa da mettere sotto i denti
Poi, uscendo e immergendomi in una folla assorta e indaffarata, vedevo avvicinarsi a me il primario della Divisione di Neurologia dove ho lavorato all'inizio della mia carriera. Mi facevo incontro per salutarlo, ma lui mi evitava deliberatamente rivolgendomi un veloce cenno con gli occhi, come a dire: "Cerca di capire, non è il momento di salutarsi e di fare rimpatriate". E si scansava per dissuadermi dal fare qualsiasi gesto di ulterior saluto.

Segnali dal futuro (Knowing, 2009) - locandina

La seconda parte del mio piccolo scenario onirico mi ha portato a ricordare che ieri sono andato a fare la spesa, al piccolo supermercato di San Nicola l'Arena, trovando una coda all'esterno piuttosto lunga, poichè l'indomani, domenica, l'esercizio commerciale sarebbe stato chiuso, come tutti gli altri, del resto. Pioveva, ed eravamo in molti sotto la pioggia. Altri cercavano riparo sotto una striminzita tettoia. Mi sentivo infastidito, quando qualcuno mi veniva troppo vicino e allora facevo un passo indietro o di lato, all'interno, quando le traiettorie degli utenti contingentati si incrociavano, inevitabilmente. A questo siamo arrivati!

Poi, nel pomeriggio di ieri, ho guardato due film su Netflix. Entrambi già visti in passato, in particolare il secondo è stato "Knowing" (in italiano, "Segnali dal futuro", del 2009) che racconta di un'ipotetica fine dell'umanità e del mondo intero. Giusto per stare allegri, anche se il film ruota attorno alla possibilità di un nuovo inizio, per il quale soltanto pochi, prescelti da un misterioso popolo extraterrestre di "angeli custodi", verranno messi in salvo per dare vita ad un un nuovo biblico inizio.

E con questo confortante scenario, mi congedo per oggi.

Aggiungo qui il link ad un articolo che mi pare davvero interessante e utile ad una riflessione comune.

Qui di seguito, invece un link ed un video youtube che illustrano le possibili correlazioni tra la diffusione del Covid-19 e l'attivazione a livello planetario del sistema 5G.

La veduta di Monte San Calagero, dalla mia campagna (foto di Maurizio Crispi)

(30 marzo 2020) Notte di sogni inquieti. Dormo sempre di più tuttavia e la mia disciplina quotidiana, fatta di risveglio precoce per potere sfruttare al meglio le ore del giorno, si sta sgretolando davanti all'assenza di prospettive. Per fortuna che, essendo in campagna, c'è sempre del lavoro da fare per creare da sé una specie di regola minimale.
Qui il lavoro non manca mai: spietrare il terreno, utilizzare le pietre più grandi per costruire dei nuovi muretti a secco di contenimento laddove ce ne sia bisogno e quelle piccole come riempimento, un po' di lavoro con il cemento, bruciare frasche e ramaglie secche.
Ma oggi al mio risveglio piove e quindi niente lavoro manuale.  Ieri, invece, è stata una grande giornata piena di soddisfazioni.
Non pensavo che avrei scritto qualcosa, ma poi mi sono messo davanti al laptop e le parole hanno cominciato a fluire.

Bla bla bla bla, dunque.
Si sente sempre più parlare di economia di guerra: è un dato di fatto. Bisogna fare i conti anche con tutte quelle forme di economia sommersa che l'ordine di restare a casa ha improvvisamente stoppato. Oltre a tutte quelle forme di lavoro nero  dipendenti da datori di lavoro che non pagano i contributi e che non mettono in regola: anche in questo caso, chi lavorava in esercizi commerciali di cui è stata decretata la chiusura sono rimasti a casa senza alcuna tutela, mentre chi ancora lavora, peggiorando le cose, non potrà usufruire di alcuna forma di ammortizzatore.
Si affaccia la possibilità di distribuire agli indigenti delle somme di denaro per potere provvedere alle necessità vitali e ritorna quindi (non si sa in quale forma, ancora) la "carta annonaria" dei tempi della II guerra mondiale, quando quantità stabilite di ogni genere alimentare venivano distribuite a chi la presentasse. Tra i racconti di guerra di mia mamma c'era anche questo: erano narrazioni che mi affascinavano e io le dicevo sempre, di questo o di quello, "Mamma raccontamelo di nuovo!".
Stanotte, ho sognato di essere in ospedale (dimensione onirica ricorrente, evidentemente), ma non ricordo i dettagli, se non che avevo la sensazione che il sogno riprendesse immutato dopo ogni mio risveglio, come se fossi bloccato all'interno di un loop onirico. Invariabilmente ripiombavo nello stesso scenario, anche se ad ogni risveglio mi ripetevo sollevato: "E' soltanto un sogno".
Imperversano in questi giorni le teorie complottiste. anche se, ad onor del vero, alcune sembrano essere suggestive e danno l'idea di essere fondate su di un'ideazione complessa.

Lettura (foto di Maurizio Crispi)

Come quella, ad esempio, che attribuisce il dilagare del Covid-19 all'attivazione su scala planetaria del sistema 5G. Io non so: non mi sento di prendere posizione a favore di una tesi oppure dell'altra, ma ritengo - come fece Freud a proposito del soprannaturale - di dover umilmente sospendere il giudizio, rimanendo in attesa di evidenze più esaustive ed incrollabili a qualsiasi critica.
In ogni caso, non so se ci avete fatto caso. chi parla più di migranti e di barconi? E chi invece fa riferimento ai diversi scenari di guerra e di guerriglia nel mondo? La pandemia da Covid-19 è diventata un'enorme nuvola - una cortina fumogena - che sta nascondendo al nostro sguardo tutto il resto, così come - lavorando sulla paura individuale e sociale - impedisce di riflettere all'enormità della sospensione delle libertà civili e al suo protrarsi per un tempo indefinito.
Basta così per oggi...

 

Altavilla Milicia, Piano Aci (foto di Maurizio Crispi)

(1° aprile 2020) Ieri non ho scritto nulla. Il sole brillava e il cielo era azzurro. Ho preferito sin da subito dedicarmi al lavoro all'aperto, anziché ad una session davanti al laptop.
Quindi all'aperto, qui in campagna.

Poi di notte ho sognato.
Mi sono svegliato e ho preso una copia della Bibbia che tengo vicino al letto, anche se non ne sono un lettore assiduo e l'ho aperta a caso.
Ecco i versetti che hanno attirato la mia attenzione e che ho letto, prima di rimettermi a dormire:


(Sapienza 3, 1-5) Le anime dei giusti, invece, sono nelle mani di Dio,
nessun tormento le toccherà.
Agli occhi degli stolti parve che morissero;
la loro fine fu ritenuta una sciagura,
la loro dipartita da noi una rovina,
ma essi sono nella pace.
Anche se agli occhi degli uomini subiscono castighi,
la loro speranza è piena di immortalità.
In cambio di una breve pena
riceveranno grandi benefici,
perché Dio li ha provati
e li ha trovati degni di sé;
(...)

 

Poi, ho sognato nuovamente.
E questa volta, quando mi sono risvegliato, ho ricordato.
Ero in un grande giardino e mi occupavo delle piante che vi crescevano rigogliose, innaffiandole con attenzione per evitare che l'acqua si spandesse inutilmente e che ogni goccia ricadesse all'interno delle caselle fatte con le vanga (per le piante in piena terra) e dentro i vasi.
Arrivava la mamma di un compagno di scuola di Gabriel e mi chiedeva se potevo occuparmi anche delle loro piante, visto che c'ero.
All'inizio non me ne davo per inteso e continuavo ad occuparmi delle mie piante, quelle di cui sentivo di avere la piena responsabilità.
Poi, però, mi ricredevo, sentendomi uno stronzo per non essermi mostrato disponibile e, quindi, trascinando con me il tubo dell'acqua, andavo ad abbeverare le piante del loro giardino.
Poi, il giardino si trasformava nel chiostro di un convento (o forse un monastero). Anche qui mi dedicavo con scrupolo a dar acqua alle piante, senza trascurarne neppure una.
Su di un lato del giardino c'era una grande fossa oblunga piena d'acqua, dalle sponde erbosa e decorata con papiri ed altre piante acquatiche. Posso immaginare che in quelle acque scure navigassero delle carpe e che nascoste tra l'erba più giovane e tenere al limite della specchio d'acqua tranquillo si raccogliessero rane e ranocchi.
Nello svolgimento dei miei compiti entravo anche nella chiesa (o comunque di un luogo di culto), anch'essa decorato con grandi piante in vaso e continuavo ad abbeverare con attenzione e, direi quasi, con amore.
Mentre così facevo, cominciavano entrare inn ordine sparso delle suore, in abito bianco, e man mano che affluivano si disponevano sui banchi di preghiera.
Io continuavo nel mio lavoro.
Improvvisamente, l'acqua cessava di scorrere. Il tubo si afflosciava senza più vibrazioni sotto la mano che lo reggeva.
Entrava un'ultima suora che mi fissava stizzita e con un'aria di rimprovero: e dio capivo che era stata lei a chiudere il rubinetto. La sua espressione mi diceva chiaramente che aveva ritenuto il mio comportamento irrispettoso e che dunque aveva deciso di porvi termine in modo drastico.
Uscivo in punta di piedi, mortificato, poiché non ritenevo di aver fatto torto a nessuno né di aver mancato di rispetto alla sacralità del luogo.
Riavvolgevo il tubo di gomma, prendevo la mia cassetta degli attrezzi e me ne andavo.
Vedevo che bambini e ragazzi di età variabile avevano prso a usare il piccolo laghetto artificiale come piscina: facevano salti, si tuffavano, schiamazzavano, si spruzzavano a vicenda e, soprattutto, intorbidavano l'acqua.
Li rimproveravo con veemenza, facendo loro notare che quel laghetto non era una piscina e che, così facendo, avrebbero disturbato il delicato equilibrio tra specie animali e vegetali.
Non se ne davano per inteso e continuavano a sguazzare, imperturbati.
Anzi mi sembrava che mi irridessero per il mio zelo.
La cosa che mi dispiaceva di più era che, tra loro, vi era anche mio figlio Francesco e che, almeno da lui, io mi sarei aspettato di ricevere una qualche forma di comprensione, se non proprio di di cooperazione.
Giravo le spalle e proseguivo mesto per la mia strada.
C'e anche un altro frammento di sogno e non mi ricordo se si sviluppasse prima o dopo quello del giardino.
Qui ero con quattro amici e eravamo appena arrivati in un grande sito marino di vacanza.
Da una hostess ci venivano assegnati i nostri alloggi e quindi ci venivano distribuite delle schede di affiliazione al Club, allo scopo di poter usufruire di tutte le facilitazioni esistenti nel resort.
Poi scoprivo in una nicchia nella parte un'attrezzatura super-tecnologica per la connessione internet e mi davo da fare per attivarla [benché io nella vita ordinaria sia assolutamente una schiappa per quanto concerne queste cose]. Ma era davvero super, super, super.
Quindi, dopo tutti questi rituali, mi spogliavo e mi avviavo per andare alla spiaggia.
Uno dei miei amici mi faceva notare che ero tutto nudo, senza nulla addosso, nemmeno uno slip minimale. E io gli rispondevo: "Qual'è il problema? Questo è un sito naturista! E poi qui non c'è nessun altro oltre a noi".  I miei interlocutori mi hanno guardato sgomento, come a dire: "Ma allora che vacanza è?".
Oggi, il cielo è coperto e di notte ha piovuto, ma non mi sono mai accorto che piovesse, durante i miei risvegli.

Ho seguito tanti dibattiti ieri.
Uno relativo a quello dell'impossibilità di comprare articoli di cancelleria, giocattoli, biancheria intima nei supermercati; in quanto non "generi di prima necessità".
E poi a quello sul permesso in deroga al precedente decreto di accompagnare i bambini, uno alla volta e un solo genitore alla volta, a fare una breve passeggiata: non monopattini, no biciclette, niente attività ludiche e motorie.
Come dire che ai bimbi viene accordata una sorta di ora d'aria, ma molto restrittiva.
Per alcune cose stiamo assistendo a effetti davvero molto grotteschi.
Le misure limitative dei sistemi complessi come è la nostra organizzazione societaria portano a questo tipo di effetti. Nel senso che nel dare delle limitazioni generali, di rado si pensa alle ricadute che esse potranno avere sugli aspetti più minuziosi della vita quotidiana.
Chi governa dovrebbe avere la situazione monitorata da un team di esperti, includendo anche sociologi e psicologi, in modo da poter ricalibrare costantemente le misure adottate, ma senza tanti intralci burocratici. Perché altrimenti ii rimedi proposti rischiano di di ingenerare effetti peggiori del male che si intende allontanare o deformare grottescamente e surrealmente le nostre vite.

Al Confine (foto di Maurizio Crispi)

(2 aprile 2020) E' passato il giorno del pesce d'Aprile e da giorni ormai l'equinozio di primavera ce lo siamo lasciati alle spalle. C'è anche stato il cambiamento annuale dell'ora legale, lo scorso week end. Abbiamo guadagnato un'ora di luce: ma di queste giornate più lunghe, con la promessa di una temperatura mite e di pomeriggi assolati, per il momento non ne potremo godere. Ieri è stato decretato il prolungamento dell'#iorestoacasa sino a Pasqua.
Intanto, dopo le recenti piogge, la vegetazione è in pieno rigoglio e le strade sono fiancheggiate da macchie colorate: il glicine già fiorito precocemente, il siliquastro, i susini, la zagara delle piante di agrumi con il loro profumo sontuoso. Un tripudio. Ma in giro non c'è nessuno che possa godere di questa festa di colori e di odori.
Il mare lontano appare una superficie primigenia non solcata da natanti.
Anche questa notte, in uno dei miei risvegli, ho preso la Bibbia. Proseguendo nel mio esperimento, questa volta, la ricerca casuale l'ho fatta al buio: aprendo il volume a caso, sfogliando poi delle pagine in avanti e indietro comefa il mazziere quando rimescola le carte, e poi, alla fine di questa procedura, ho puntato il dito su di un rigo. Solo a questo punto ho acceso la luce e ho letto:

Dice il Signore Dio:
Distruggerò gli idoli
e farò sparire gli dei da Menfi.
Non ci sarà più principe nel paese d'Egitto,
vi spanderò il terrore,
devasterò Patros, darò fuoco a Tanis,
farò giustizia su Tebe

(Ezechiele 30, 12-13)

Quindi mi sono riaddormentato e ho sognato.
Ero con mio fratello. Lui con il suo badante. Eravamo seduti ad un desco ed io facevo  avanti ed indietro da un cucinotto dove stavo approntando una pietanza appositamente per lui, sperando che ne mangiasse, anziché limitarsi a bere vino e a fumare una sigaretta appresso all'altra.
Poi la scena si spostava.
Ero in un ristorante, altri avventori seduti ai tavoli. Io da solo, ma circondato da persone.
Mangiavo, ma anche qui ero inquieto, mi alzavo di frequente come se avessi cose più urgenti da fare.
Quando tornavo da un'assenza più prolungata trovavo degli sconosciuti seduti al mio tavolo: e fumavano spavaldamente, facendola da padroni. Loro! Al mio tavolo! Ma cose da pazzi!.
Protestavo vivacemente, gli indicavo la pietanza ancora nel piatto, non finita, e gli dicevo che desideravo poter continuare il mio pasto.
Mi lanciavano un'occhiata aggressiva e poi uno dei due diceva: "Qui c'è posto per tutti, ci pare!"
Io:  "Sì, non lo metto in dubbio, ma per poter mangiare io ho bisogno della mia privacy,  quindi vi prego di lasciarmi spazio".
Prima che la conversazione degenerasse i vicini di tavolo intervenivano a mio favore, siimprovvisavano pacieri e, con bonomia, invitavano gli intrusi ad allontanarsi.
Si avvicinava una donna che faceva da cameriera ai tavoli con un taccuino in mano e mi chiedeva la comanda per il secondo. Non ricordo affatto cosa avessi scelto per primo.
Mi diceva che c'era, e molto buono (da non perdere assolutamente), l'"orso" e io non capivo: lei allora cominciava a decantare le qualità di questa pietanza, fatta di ortaggi, una specie di sformato vegetariano, mi sembrava di capire.
Il mio sguardo vagava per il locale e veniva catturato dall'immagine di un orso tricolore rampante, fatto come un dipinto di Arcimboldi: infatti, si intravedevano nella trama della sua sagoma carote, piselli, cavoletti di Bruxelles, rape, broccoli ed altro. La combinazione dei diversi colori creava, in effetti, l'effetto cromatico del nostro tricolore.
Io le chiedevo: "E' questo?"
"Sì, è buonissimo, salutare e per giunta patriottico!", faceva lei.
"Vada per questo, allora!"
[L'orso vegetariano mi faceva pensare al pesce finto fatto di tonno e patate impastati assieme che, a volte, si fa in casa e se all'impasto ci si aggiungono anche un po' di capperi, il sapore è la fine del mondo!]

E la cameriera si allontanava impettita.
In una scena successiva arrivavo in una località dove era annunciata una conferenza sul Coronavirus. Si trattava di una cittadina dall'aspetto medievaleggiante. Ed era in corso, in concomitanza, una manifestazione che metteva in scena la ricostruzione di una battaglia, in cui la cittadina con le sue alte mura turrite era messa sotto assedio da un esercito invasore. E quindi si vedevano cavalieri armati di tutto punto, arcieri, guerrieri a piedi con le armature di ferro, con elmi con la celata, con spadoni e alabarde, mazze ferrate, asce bipenni, e tutto il corredo di catapulte, torri di legno mobili di quelle usate negli assedi delle città per avvicinarsi riparati e poter dare la scalata alle mura e di altre macchine da guerra ingegnose.
La cittadella era circondata da un fossato pieno di piccole imbarcazioni fortificate, dotate di ripari per arcieri e frombolieri, ed anche qui erano in corso dei combattimenti simulati nella variante "navale".
Ero incantato da queste scene e dalla precisione filologica della loro ricostruzione.
Intanto nel grande salone in cui si sarebbe dovuta svolgere la conferenza c'erano alcuni, ragazzi e ragazze, che predisponevano i materiali per i relatori, i cavalieri(non quelli del combattimento di prima...), penne e matite, piccole carpette con le alette e intanto qualcuno provava anche i microfoni e l'impianto di amplificazione: "Pronto, pronto, uno, due, tre, prova, prova".
Ma dei relatori ancora nessuna traccia.
Poi, all'improvviso, arrivava una mia vecchia conoscenza, accompagnato dalla moglie. Ero sorpreso nel vederlo, perchè pensavo che di questi tempi avrebbe preferito rimanere a casa al riparo.
Lo salutavo calorosamente: "Buongiorno, Professore!"
Chiacchieravamo del più e del meno, e ci ritrovavamo seduti a tavola, di nuovo a pranzare. Per un attimo c'era anche mia moglie; io che stavo parlando in Italiano con il mio interlocutore le dicevo che avrei tradotto per lei in Inglese, ma nel frattempo lei, sentendosi esclusa, si alzava dicendo che doveva andare d'urgenza in farmacia.
Scoprivo, parlando con il Professore, che proprio lui avrebbe dovuto essere il relatore.

 

Tintin

Assieme a loro era comparsa un'altra signora corpulenta e sussiegosa che si scopriva essere una cantante lirica: infatti, senza esserne stata richiesta, si esibiva in arie e gorgheggi d'una potenza inaudita  da far incrinare i cristalli e, mentre lei si esibiva, mi accorgevo che le pareti della grande sala erano costellate di sue gigantografie, intenta in performance varie della sua scoppietante carriera. Mi faceva pensare alla cantante lirica dell'episodio di Tintin (Tintin and the Castafiore Emerald, in Italiano "Tintin e i gioielli della Castafiore"), insomma quel tipo lì.
Spendevo qualche parola su di lei e sulla sua abilità di cantante: ma le mie parole si rivelavano essere irrimediabilmente banali e scontate. Non me ne poteva fregar di meno.
Si avvicinava l'ora della conferenza e il Professore si sedeva al tavolo dei relatori, ma dei partecipanti non v'era traccia. C'ero solo io come uditore.
Infatti, gli organizzatori prendevano tempo, probabilmente in attesa che qualche spettatore prima o poi arrivasse, per quanto in ritardo.
Vedevo un'angusta porticina e mi affacciavo ad essa: uscivo e mi ritrovavo su di un piccolo terrazzo lastricato di pietre rese scivolose dalla pioggia. Di fronte a me, scorgevo la cittadella turrita mentre era in corso ancora la finta battaglia. Mi sporgevo per guardare meglio e mi accorgevo che questo piccolo terrazzo, senza parapetto peraltro, era aggettante dalla sommità di un dirupo con una caduta verticale di oltre cento metri.
Ero preso da un attacco subitaneo di vertigini e, in preda alla paura di cadere giù o addirittura di lanciarmi nel vuoto spinto da un improvviso raptus, perdevo di lucidità e di coordinamento, incespicando mentre cercavo di guadagnare una via di uscita. Praticamente strisciando e sudando freddo, rientravo  - con il respiro accelerato e il battito cardiaco a mille - nel salone delle conferenze, ritornando a guardare le variegate scene di battaglia attraverso il vetro di una finestra appanato e imperlato di gocce di pioggia.
La promessa conferenza sul Covid-9 intanto era andata in dissolvenza e, all'interno di quel salone, mi ritrovavo completamente solo.

L'ultima immagine che ricordo era quella di una di una figuretta con il volto appiccicato al vetro della finestra in un salone completamente e desolatamente spoglio e vuoto.

(03.04.2020)

Il Signore guida il suo popolo,
si muove a pietà dei suoi servi.
Gli idoli dei popoli sono d'argento e d'oro,
opera delle mani dell'uomo.
Hanno bocca e non parlano;
hanno occhi e non vedono;
non c'è respiro nella loro bocca.
Sia come loro chi li fabbrica
e chiunque in essi confida.

(Salmi, 134, 14-19)

Prosegue il mio esperimento di lettura a caso della Bibbia, notte dopo notte.
Il caso (o la necessità?) mi hanno portato stavolta a questi versetti dei Salmi.
Rimango sempre impressionato, così come mi capitava quando consultavo un altro libro sapienziale, ma della tradizione orientale, cioè l'I-King.
In fondo, e non vorrei che nessuno si offendesse, a parte lo specifico discorso della Fede (e delle attitudini interiori che vi sono connesse) la Bibbia è anche in primo luogo un libro (o meglio una racoltadi libri, una "biblioteca") sapienziale e che, possedendo q    uesta qualità, ha molto da dire e da far riflettere.
Le parole della Bibbia hanno il più delle volte una forza d'impatto enorme. In questi primi tre giorni di esperimento i brani che ho trovato alla cieca li ho trovati accomunati da un filo comune e li ho sentiti molto legati in qualche modo alla situazione attuale.

Alba sul mare (foto di Maurizio crispi)

(05.04.2020) Al mattino del sabato, ci sono nuvole a chiazze nel cielo, poi spunta il sole tra un aureale di nubi e i suoi raggi piovono in basso verso la distesa del mare tranquillo come una colata di oro fuso.
Viene voglia di nuotare sino a quella distesa scintillante e magari raccogliere con un cucchiaio qualche goccia di quell'oro scintillante.
Wow!
Rientro in città dopo quasi tre settimane di assenza.
Viaggio spettrale. Nessuna auto davanti a me. Nessuna dietro.
Qualche sciabolata di luce alle mie spalle che presto svanisce inghiottita dal buio.
Silenzio.
Se abbandonassi la razionalità, potrei pensare di essere l'unico rimasto sulla faccia della Terra, come capita in alcune storie di anticipazione o che sia avvenuta un'improvvisa dislocazione in una dimensione parallela dove la storia è andata diversamente.
Sia come sia, arrivo a casa sano e salvo, nella sera di sabato.
Domani sarò a Palermo, bloccato.
Lunedì mattina sbrigherò delle cose improrogabili e, dopo, il più presto possibile, farò ritorno alla mia dimensione campagnola.
Il rientro in casa è ancora più strano: mi sembra di far ritorno dopo un lungo periodo di malattia altrove o anche dopo un lungo viaggio, iniziato senza che ciò fosse previsto e dove tutto denuncia un improvviso abbandono.
Dormo nel mio letto di sempre, trovandovi conforto, con i miei libri quelli che stavo leggendo tre settimana fa. Ne riprendo le fila, senza fare alcuna fatica. Anche se è passato molto tempo, mi ricordo sempre della trama e del punto in cui ho lasciato.
Dormo nel mio solito modo.
Ogni tanto leggendo. Ogni tanto sveglio, riflettendo.
Consulto, sempre a caso, la Bibbia e questa volta il mio indice punta un paragrafo di Geremia.

Geremia nella rappresentazione di Michelangelo Buonarroti

Ecco la parola che fu rivolta a Geremia da parte del Signore: «Alzati, scendi in casa del vasaio, e là ti farò udire le mie parole».
Allora io scesi in casa del vasaio, ed ecco egli stava lavorando alla ruota;
il vaso che faceva si guastò, come succede all'argilla in mano del vasaio; da capo ne fece un altro
come a lui parve bene di farlo.
La parola del Signore mi fu rivolta in questi termini:
«Casa d'Israele, non posso io fare di voi quello che fa questo vasaio?»,
dice il Signore.
«Ecco, quel che l'argilla è in mano al vasaio, voi lo siete in mano mia, casa d'Israele!
A un dato momento io parlo riguardo a una nazione, riguardo a un regno,
di sradicare, di abbattere, di distruggere; ma, se quella nazione contro la quale ho parlato, si converte dalla sua malvagità, io mi pento del male che avevo pensato di farle.
In un altro momento io parlo riguardo a una nazione, a un regno, di costruire e di piantare;
ma, se quella nazione fa ciò che è male ai miei occhi senza dare ascolto alla mia voce,
io mi pento del bene di cui avevo parlato di colmarla.
«Ora parla agli uomini di Giuda e agli abitanti di Gerusalemme, e di':
"Così parla il Signore: Ecco, io preparo contro di voi del male, e formo contro di voi un disegno.
Si converta ora ciascuno di voi dalla sua malvagità, cambiate le vostre vie e le vostre azioni!"
Ma costoro dicono: "È inutile; noi vogliamo camminare seguendo i nostri pensieri, vogliamo agire ciascuno seguendo la caparbietà del nostro cuore malvagio"».
Perciò, così parla il Signore: «Chiedete dunque fra le nazioni chi ha udito tali cose!
La vergine d'Israele ha fatto una cosa orribile, enorme.
La neve del Libano scompare mai dalle rocce che dominano la campagna?
O le acque che vengono di lontano, fresche, correnti, si asciugano mai?
Eppure il mio popolo mi ha dimenticato, offre profumi agli idoli vani;
lo hanno fatto inciampare nelle sue vie, che erano i sentieri antichi,
per seguire sentieri laterali, una via non appianata, e per far così del loro paese una desolazione, un oggetto di continuo scherno; talché tutti quelli che vi passano rimangono stupiti e scuotono il capo.
Io li disperderò davanti al nemico, come fa il vento orientale;
io volterò loro le spalle e non la faccia nel giorno della loro calamità». (Geremia 18, 1-17)

Al mattino passeggiata nella città silente.
Incrocio tanti padroni di cani, ma tanti.
Si potrebbe pensare che, ormai, dei cittadini di un tempo ci siano soltanto padroni di cani, e questo non soltanto negli orari mattutini (quelli delle uscite canoniche e più regolari), ma a tutte le ore del giorno.

 

Il parco di Villa Sperlinga (Pa) deserto ai tempi del Covid-19 (foto di Maurizio Crispi)

Magari c'è stata un'improvvisa corsa al procacciamento di cani, per avere un salvacondotto alle uscite più frequenti (risata).
Presto anche i cani indosseranno la mascherina e forse anche i gatti (risata).
Avvisto un gabbiano acquattato sul marciapiedi. Non si muove. Soltanto quando Flash comincia a latrare eccitata, il gabbiano cerca di scostarsi a fatica. Ma non prende il volo maestoso, come farebbe in circostanze normali. SI muove a fatica e si capisce chiaramente che ha un ala malconcia.
Vorrei aiutarlo, ma non ho i mezzi per farlo. E poi dove trovare oggi un veterinario che se ne possa occupare, e poi - in ogni caso - come fare a gestire un volatile così grande e maestosa e dotato per di più di un becco così grande e minaccioso?
La primavera è in pieno rigoglio. Ci sono intere pareti di glicine fiorito che emanano un profumo sontuoso ed inebriante. Le Jacarande sono già in piena fioritura (in anticipo, quest'anno, come il glicine) e già un tappeto viola comincia a formarsi ai loro piedi.
Altri profumi percorrono l'aria, molto più intensi del normale, poiché non c'è l'inquinamento dei gas tossici dei fumi di scarico a fare da cortina olfattiva.
Rientro a casa, alla fine.
Quanto durerà la segregazione?
#ioresto a casa.
Restate a casa! E questa la frase che viene ripetuta come un mantra, nelle scritte, nelle affissioni murali, nei notiziari e negli spot "educational". Più tardi, durante la seconda passeggiata canina, la mia attenzione è improvvisamente captata da un frastuono che mi sgomenta.
Cosa succede? E' arrivato il circo? C'è una catastrofe imminente? Guardo nella direzione da cui sento provenire il rombo nel quale si cominciano a distinguere parole e frasi roboanti.
Ecco c'è un camion piuttosto grosso sul quale è montato un sound system di tutto rispetto dal quale fluisce una voce stentorea che, mentre il camion incede a passo d'uomo seguito da un'auto della Polizia municipale, esorta i cittadini a restare a casa, dando loro tutte le coordinate cui rivolgersi in caso di perplessità.
Non avrei mai creduto che si potesse arrivare a questo. Come se fosse annunciato un terremoto oppure un'imminente catastrofe naturale, come un improvviso riscaldamento globale dell'atmosfera, o l'arrivo di un missile nucleare, e le autorità non sapendo quali altre misure prendere invitano i cittadini a chiudersi a casa.
Questa scena mi ha sconfortato perché mi ha fatto pensare ad una fine del mondo imminente. Intanto il conto dei morti aumenta e così quello dei contagiati che ha già superato, nel mondo, il milione. Ma questo milione è soltanto la punta dell'iceberg, poichè è soltanto in funzione del numero di individui che sono stati sottoposti al tampone.
Alcuni hanno detto che si dovrà fare una stima di gran lunga superiore, tenendo conto di tutti i contagiati asintomatici che, senza misure di restrizione della mobilità individuale, hanno portanto e continuano a portare in giro per il mondo il virus. Che tutto questo sia opera di un Dio-vasaio, come nella parabola di Geremia?

 

Foto di Maurizio Crispi

(07.04.2022) Una giornata calda e assolata, come ieri del resto. Vari piccoli lavori. Brucio ramaglie e ricavo quelle parti dei rami buone per accendere il fuoco nel camino e nella stufa. Come esperimento, metto a dimora quattro piantine di pomodoro.

Raccolta di fave ancora giovani e tenere e di punte di asparagi: saranno utili per cucinare qualcosa per il pranzo.

A sera, la luna si leva nel cielo, quasi piena. Un disco argentato che sorge dal mare e che accende un lungo riflesso sulla sua superficie immota.

In lontananza, in una visione incantata scintillano le luci di Termini Imerese e di Trabia.

L'aria è fresca e umida. Si sente un sentore forte di terra bagnata.

Un altro giorno è andato, con poche iniziative da parte mia a parte il lavoro mattutino nel campo.

Ho sentito di un'iniziativa collettiva da parte di alcuni artisti a Palermo che, iniziata il 30 marzo scorso, consiste nel proiettare sulle facciate delle case e sui balconi l'immagine di Santa Rosalia con   una mascherina a coprirle il volto, come a dire: Io farò il miracolo e vi salverò dalla pestilenza, ma voi fate i bravi e come faccio io indossate la mascherina.

Ex Voto collettivo di artisti a Palermo

 

 

 

Condividi post

Repost0
25 marzo 2020 3 25 /03 /marzo /2020 18:44
Solleticare (foto tratta dal web)

Qualche giorno fa (ormai più di un mese addietro), Gabriel mi ha mostrato un punto della sua pelle particolarmente sensibile al solletico e mi ha chiesto: “Ma come mai io non riesco a farmi il solletico, toccandomi proprio lì?
Difficile a credersi considerando che questo punto, di pochi centimetri quadri, provoca in lui al minimo tocco scoppi di ilarità incontenibile, tanto più dirompente quanto più abbia cercato di trattenersi. A volte il gioco è anche questo: cercare di resistere il più possibile alla frenesia della risata.
Ho cercato di spiegargli una cosa non facile da dire in modo comprensibile e semplice: e, cioè, che l’essere solleticati dipende da una sollecitazione neuropsichica complessa e non è semplicemente l’effetto visibile di un riflesso neuro-motorio, in cui allo stimolo segue un’immediata risposta in termini di contrazione muscolare.
Si tratta invece di una sollecitazione complessa che coinvolge sicuramente, ai più diversi livelli il SNC, dalla corteccia cerebrale, ai nuclei della base e al sistema limbico e che, in larga parte, è efficace soltanto in un contesto “relazionale”: in altri termini, perché si reagisca all’azione solleticante, occorre che ci sia una relazione tra un “solleticatore” e un “solleticato”, anche laddove il solletico venga utilizzato come strumento per infliggere sofferenza (ricordiamoci della raffinata tortura cinese - conosciuta anche come "Tickle Torture" - del solletico ai piedi protratto che, in una dinamica non ludica, trasforma le afferenze sensoriali che solitamente determinano ilarità in sofferenza!).
Quindi, con il solletico siamo nel terreno degli eventi squisitamente relazionali, come sono - ad esempio - l’abbraccio, oppure il bacio. Uno dà qualcosa e l’altro la prende e manifesta questo suo prendere in modi diversi. Nel nostro caso il contatto avviato dal solleticatore è efficace nel determinare la risata del solleticato. E, se ci si fa caso, nell’azione del solleticare e dell’essere solleticati, entrambi i soggetti dell’azione si divertono da matti.  Naturalmente, trattandosi di una modalità relazionale, è l'intenzione di entrambi i partecipanti che definisce l'evento. Il confine tra dimensione ludica e abuso è estremamente sottile e ciò che conta è che il solleticatore non varchi mai quella soglia, mantenendo la relazione nell'ambito del gioco e del divertimento reciproco.
E quindi il solleticare e l’essere solleticati servono al tempo stesso per più scopi: l’apprendimento, la coesione sociale, la stimolazione della secrezione ormonale (probabilmente nell’ambito del sistema dopaminergico e serotoninergico) e l’attivazione di una dimensione ludica tra grandi e piccini, oppure tra pari d’età.
Fateci caso...
Da un certo punto di vista - e questo lo dico senza essere uno specialista del comportamento animale - l’azione del solleticare (con il suo corrispettivo dell’essere solleticati) potrebbe avere una forte valenza nel consolidamento dei rapporti tra gli individui di uno stesso gruppo umano (in questo caso, tra quelli appartenenti ad uno stesso gruppo familiare, oppure o ai due costituenti di una coppia), così come avviene tra le grandi scimmie antropomorfe con il comportamento reciproco (e a volte regolato da una gerarchia sociale) del grooming (ossia il rito dello spulciamento reciproco, osservato tra le scimmie antropomorfe). Non a caso, tra l'altro, proprio per sottolineare come un comportamento relazionale possa divenire abuso, la parola groomingha assunto in tempi recenti un nuovo - e minaccioso - significato per descrivere i comportamenti messi in atto in forma di azioni seduttive e di corteggiamenti vari dal potenziale abusatore nei confronti di soggetti vulnerabili e privi di difese strutturate. In questo caso, dietro la maschera ludica del solleticatore si nasconde il lupo cattivo e il predatore.
Tempo addietro un geniale psicoanalista britannico della scuola “di mezzo”, Adam Phillips, scrisse su questi temi un brillante libro di saggi che, ristampato nel 2011 da Ponte alle Grazie (prima edizione del 1993), merita sicuramente una rilettura o una lettura, perchè tratta temi tuttora fortemente attuali.

 

Adam Phillip, Sul bacio, sul solletico e sulla noia, Ponte alle Grazie

(dal risguardo di copertina dell’edizione di Ponte alle Grazie del volume di Adam Phillips) Raccontare storie e dissertare di argomenti psicoanalitici potrebbero sembrare attività distanti, forse inconciliabili. I libri di Adam Phillips dimostrano proprio il contrario: le teorie dei grandi analisti del passato si possono spiegare con i racconti dei pazienti e degli psichiatri, con le vicende dei personaggi che popolano le nostre nevrosi e che cerchiamo di ricostruire sul proverbiale lettino. Nei saggi raccolti in questo libro lo psicoanalista britannico affronta temi «seri», come la solitudine e la preoccupazione, e altri che, pur apparentemente «frivoli», non andrebbero per questo trascurati: altrettanti segnali del profondo, il solletico, la compostezza, la noia, il bacio vengono scandagliati da Phillips aggirando l’idea che l’analista abbia a che fare unicamente con i «pazienti». Il risultato è un’indagine anticonformista, dai risvolti spesso insospettabili e avvincenti, dove i fitti riferimenti al corpus freudiano e alle opere di Winnicott aiutano a chiarire, e mai a confondere. Anche sulla pagina scritta, la «terapia della parola» è tanto più potente ed efficace se lo psichiatra e il suo interlocutore si concedono lo spazio necessario per ascoltarsi e, soprattutto, scoprire le storie di cui sono autori e protagonisti.

 

Questa nota è stata originariamente pubblicata su Facebook il 20 febbraio 2020

Condividi post

Repost0
21 marzo 2020 6 21 /03 /marzo /2020 07:59
Palermo ai tempi del Coronavirus (foto di Maurizio Crispi)

Siamo a poco più di mese dall'arrivo del CoVid-19 in Italia, con il primo caso a Codogno e con l'identificazione della prima zona rossa.

Da quel momento, quello che ritenevamo impensabile è accaduto: e il Coronavirus ha cominciato a dilagare, sopratutto nelle Regioni del Nord.

L'impensabile: quello di cui finora avemo letto soltanto nei libri di fiction o nei film di scenari apocalittici cupi.

In Sicilia stiamo ancora vedendo ben poco... ma con i due successivi decreti del governo Conte che hanno determinato un giro di vite sulla libera mobilità delle persone il panorama è cambiato anche nel Sud, mentre - fatto salvi alcuni persistenti comportamenti irresponsabili - la paura ha cominciato a guadagnare terreno, grazie anche al martellamento H24 di notizie sul progredire dell'infezione che si susseguono come bollettini di guerra.

Le strade a Palermo già semivuote - se non vuote del tutto - in orari in cui usualmente sono caratterizzate da un traffico caotico, con gli ulteriori giri di vite si sono svuotate ulteriormente.

Il cielo è più limpido, però; l'aria meno inquinata. I volatili continuano indifferenti le loro attività. I gabbiani volteggiano alti nel cielo, stridono, scendono planando alla ricerca ddi cibo nei rifiuti abbandonati.

Tutti a casa, auspicabilmente. I radi passanti che si incrociano compiono manovre di evitamento e cercano di modificare la propria traiettoria, per evitare il contatto ravvicinato con i propri simili che vengono visti come potenziali appestati.

La città non è più nostra, ma un territorio desolato e ostile.

La sensazione è quella di essere prigionieri, in prigioni senza sbarre, attanagliati dalla paura, anche quando si cerca di rimanere ottimisti e minimizzare.

Ma sentendo le notizie delle morti, a centinaia, adesso, ogni giorno, viene davvero difficile minimizzare.

Ho sempre letto i libri di anticipazione catastrofisti e post-catastrofisti con interesse: tutte storie in cui l'Umanità si trova davanti ad un dilagante evento catastrofico e alle sue conseguenze, libri in cui con vividi tratti è rappresentata la fase della distruzione e del crollo totale dell'organizzazione societaria umana e poi quella della ricostruzione (laddove ciò sia possibile).

Grandioso,per esempio, "Il Giorno dei Trifidi" di John Wyndham, oppure "Io sono leggenda" di Richard Matheson (1954), ma al culmine di tutto porrei le prime 100 pagine - o giù di lì - del magistrale "L'ombra dello Scorpione" di Stephen King (The Stand, 1978), in cui si racconta di un epidemia simil-influenza sfuggita ad un laboratorio di armio biologiche e rapidamente diffusa a livello planetario.

Qui, la storia inizia con la morte di quasi tutta la popolazione dell'America settentrionale (e, presumibilmente, del mondo) in seguito alla dispersione di un'arma batteriologica sfuggita al controllo dell'uomo: un virus conosciuto con il nome formale di Progetto Azzurro (e in gergo come "Capitan Trips") mutazione letale dell'agente eziologico dell'influenza, caratterizzato da un tasso di infettività del 99,4% ed un tasso di mortalità per gli infetti del 100%. La prima sezione del libro, intitolata appunto "Capitan Trips", si svolge in un lasso di tempo di 19 giorni e racconta del quasi totale sterminio della specie umana ad opera del virus stesso. L'edizione completa del libro inizia con un prologo intitolato "Il cerchio si apre" che spiega come la super influenza sia sfuggita dal laboratorio in cui era stata creata (da wikipedia).


Viene delineato in questa narrazione uno scenario cupo e terribile che King utilizza ai fini dell'emergere di una spietata lotta tra il Bene e il Male (impersonato dal tristo personaggio Randall Flagg) che coinvolge i pochi sopravvissuti. Ma si può certamente dire che "Il Re" sia stato capace di predire un simile evento catastrofica con la forza narrativa che è il suo segno maggiore.

Lo scenario del Coronavirus in confronto è morbido, ma non meno terribile, visto che a seconda dei calcoli e delle stime si parla di una mortalità tra lo 0,6 e l'1% della popolazione, salvo che non vengano messe in atto contromisure efficaci (come l'isolamento degli individui e la riduzione marcata della liberà mobilità). Ma in ogni caso, si possono ipotizzare milioni di contagiati: e ancora non abbiamo visto niente. Poichè siamo appena all'inizio,non certamente alla fine.

Quello che è successo in Cina (estinzione dei nuovi casi) lascerebbe ben sperare: ma lì - anche se in ritardo - sono state messe in atto misure davvero drastiche ed eccezionali.

Così si avverte nella vita quotidiana, dopo poco più di un mese dallo sbarco del CoVid-19 in Italia?

Ci sente isolati e soli.

Ci si sente in pericolo, ovviamente.

Si è a repentaglio, sì. Uscendo, ci si espone, ma si espongono anche altri alla nostra presenza e chi è senza peccato (senza infezione) scagli la prima pietra.

Cosa fare? nessuno lo sa, se non lo stare a casa, mentre l'economia scricchiola sempre di più.

Si può immaginare di starsene tranquilli a leggere - chi ha il gusto della lettura - tutti quei libri che non si èancora mai avuto il tempo di leggere, oppure rileggere quelli che ci sono piaciuti di più.

Si può scrivere, come sto facendo io adesso, per convogliare pensieri ed emozioni.

Quelli che hanno il dono della fede possono pregare, naturalmente.

E poi non rimane altro da fare che meditare e riflettere, mentre una ridda di opinioni diverse si accavallano sui perchè e sui per come, sulla prevedibilità di ciò che sta accadendo, sulle eventuali - criminali - responsabilità, sul caso e sulla necessità e sul fatto che sicuramente, dopo, il mondo non sarà più lo stesso.

E qui mi fermo, per proseguire nei prossimi giorni con ulteriori aggiornamenti, quando mi sentirò di farlo.

 

Palermo, prima del Coronavirus (Foto di Maurizio Crispi)

(23 marzo 2020) Sono nella casetta in campagna. Ho sentito l'esigenza di ritirarmi qui anzichè fare avanti e indietro con la città, cosa che è diventata sempre più difficile ed aleatoria. Qui mi sento più libero, con la possibilità di entrare ed uscire all'aperto quando mi pare. Attorno non c'è nessuno: la casa è davvero molto isolata. Posso lavorare all'aperto quanto mi pare e occuparmi delle solite faccende: e questo dà una continuità al tempo di prima.

Sì, in effetti, questo è quello che sento: c'è un tempo di prima e un tempo di dopo: noi siamo in questo momento in una specie di terra di mezzo e ancora non sappiamo quando arriverà il tempo di dopo e come sarà.

Dormo come un ghiro: vado a letto presto e dormo più a lungo di quanto non accadesse nel tempo di prima.

Sogno tanto. Sogni a volte confusi e affastellati, a volte invece chiari e precisi.

Un tratto comune di questi sogni è che, in essi, incontro sempre una quantità di persone: vivo una vita sociale intensa e variegata sia con perfetti sconosciuti sia con persone che non vedo da tanto tempo.

E' come se i sogni mi garantissero una vita sociale, anche quella vita sociale fatta di contatti sporadici e di chiacchierate occasionali con le persone più disparate che si incontrano per strada, che adesso non posso più avere.

Qualche giorno fa, quando ancora ero a palermo, mi sono incrociato con una che portava a spasso il suo cane. Ed io il mio.

I due cani senza alcuna preoccupazione hanno voluto socializzare e mentre loro lo facevano dispiegando tutti i segni del loro linguaggio canino e gli inviti al gioco, io e la tizia - mantenendo la debita distanza - abbiamo chiacchierato del più e del meno. Niente di che, le solite informazioni che ci si scambiano tra padroni di cani quando si incontrano, solo qualche tangenziale riferimento alla situazione ma senza esserne oberati.

Poi, alla fine, ci siamo congedati ed io, andando via, le ho detto: "Grazie della piacevole conversazione!"

Di questi tempi, anche una banale conversazione si fa sempre più difficile anche tra persone che si incontrano occasionalmente, poichè - in linea generale - ciò che prevale è un atteggiamento di sospetto (come se tu, sconosciuto, fossi un potenziale untore-propagatore di virus), ma soprattutto una disastrosa perdita della leggerezza e del senso dell'ironia. Se si fa una battuta scherzosa, nel tentativo di alleggerire la tensione le persone ti guardano ottusamente, come se non capissero o non volessero capire.

Vorrei che, per qualche istante, i giornalisti non ci parlassero più nei notiziari dei calciatori che, in contravvenzione alle norme che valgono per i cittadini normali, vengono testati alla ricerca di un'eventuale positività anche quando non sono sintomatici. Vorrei che su queste notizie assolutamente irrilevanti si stendesse un velo di silenzio. Detto molto francamente dei calciatori non me ne frega nulla, se non in quanto esseri umani: che se stiano a casa e che vengano testati con il tampone soltanto se diventano sintomatici, come tutti.

Ecco, mi piacerebbe che in un ipotetico tempo di dopo, il Calcio professionistico venisse ad essere fortemente ridimensionato senza essere come il centro dell vita di tutti e che si possa ritornare a modelli di vita più semplici e più francescani.

E intanto arrivano notizie di terremoti, come quello che ha colpito Zagabria, fortunatamente, a quanto pare senza vittime.

In questo accavallarsi di notizie negative, è come se si potesse intravedere un preannuncio di Gaia (ricordate James Lovelock? Sì, penso di sì!) che si riscuote per cercare di ridurre l'eccessiva pressione e il tormento che il genere umano le infligge da decenni.

E per oggi è tutto.

 

Festa di carnevale a scuola (foto di Maurizio Crispi)

(24.03.2020) Un altro giorno è andato...

Vivo (viviamo) giorno per giorno, in attesa,

Siamo tutti locked down, a livello planetario.
Mi fa davvero antipatia questa parola: dopo che è stata usata da quel puzzolone di Boris Johnson (che, personalmente, non posso sopportare), tutti i giornalisti italiani, da bravi imitatori linguistici anglofili non fanno che usare questa parola: ma abbiamo molti altri termini italiani che si potrebbero usare per dire la stessa cosa...
E poi, questa parola mi fa pensare ad una drammatica sindrome neurologica che è la Locked-in Syndrome (anche nota come "Pseudocoma"), immortalata in un bellissimo film "Lo Scafandro e la farfalla". Chi l'ha visto ricorderà. Finiremo con l'essere tutti come degli zombie locked-in?

Ieri, sono passato dal piccolo supermercato di San Nicola l'Arena. Si entrava uno alla volta, ogni volta che all'interno "si liberava un posto". Uno entra e uno esce. ma qui sono tranquilli. Non c'è un eccessivo allarme. Tutti con la mascherina, alcuni anche i guanti usa e getta, di tutti i tipi.

Mentre aspetto il mio turno all'esterno, uno si affaccia al balconcino al primo piano sovrastante il supermarket. L'inferriata del balconcino è tutta tappezzata con una stoffa bianca (è un'usanza delle nostre parti, di vecchia data, pensata in origine per impedire a sguardi indiscreti di penetrare dal basso sotto le gonne delle donne di casa, ma di solito si utilizzano dei drappi vivacemente colorati). La stoffa bianca mi ha colpito e ha attivato la mia ironia, sicchè ho detto al tipo che con aspetto sonnacchioso guardava in basso verso la strada: "Anche il balcone si è messo la mascherina!" Ma la mia ironia non è stata colta (sigh, sigh). Il tizio ha soltanto bofonchiato qualche parola per dire che si era appena alzato dal letto, del resto dove avrebbe potuto andare? E così, fine dell'interazione.

Nei frangenti drammatici, l'ironia e l'auto-ironia (come anche la capacità di sorridere e di ridere) possono servire se non a cambiare la gravità delle cose a ridurne l'impatto emotivo... Ricordiamoci del film di Benigni "La vita è bella"...

Ho scoperto ieri sera che esisteva già un decreto dal governo pubblicato sulla gazzetta ufficiale che decretava a partire dal 30 gennaio lo stato di emergenza nazionale.

Questa, molto francamente mi era sfuggita, per difetto di informazione da parte mia probabilmente.

Anche stanotte ho fatto una quantità di sogni sempre pieni di persone e di incontri caleidoscopici, ma non avendoli appuntati al momento del risveglio notturno, li ho dimenticati del tutto.

Mi chiedo - e di questo si dibatte alla radio - potremo stare chiusi in casa (con misure via via più strette) per un altro mese oppure per due o tre o forse anche quattro mesi. E che ne sarà dell'istruzione dei nostri bambini?

E cosa dire dell'organizzazione della nostra società e del nostro assetto democratico?
Ancora una volta mi vengono in mente i molti romanzi catastrofisti che ho letto e che sono stati scritti dai loro autori per dare vita ad una sorta di test a tavolino per esercitarsi a pensare - e ad ipotizzare - il dopo catastrofe, quando in tempi veloci o lenti si verifica il crollo dell'organizzazione societaria.

E qui mi viene in mente uno straordinario romanzo di Philip K. Dick, La penultima verità, di cui magari parlerò un'altra volta.

Mentre scrivo queste parole, fuori piove ed è grigio, ma all'orizzonte intravedo il profilo lontano ed inconfondibile di Alicudi.

Ed intanto sento i gabbiani onnipresenti che stridono.

E so per certo che da qualche parte, fermi al riparo, ci sono l'upupa e la poiana, in attesa di riprendere i lori voli.

Anche le tortore, solitamente molto rumorose, oggi hanno spento il loro richiamo.

Voglio inserire qui di seguito la Favola del Colibrì che tanti commenti ha suscitato.

LA FAVOLA DEL COLIBRÍ
Un giorno nella foresta scoppiò un grande incendio. Di fronte all'avanzare delle fiamme, tutti gli animali scapparono
terrorizzati mentre il fuoco distruggeva ogni cosa senza pietà.
Leoni, zebre, elefanti, rinoceronti, gazzelle e tanti altri animali cercarono rifugio nelle acque del grande fiume, ma ormai l'incendio stava per arrivare anche lì.

 

Colibrì (fonte web)

Mentre tutti discutevano animatamente sul da farsi, un piccolissimo colibrì si tuffò nelle acque del fiume e, dopo aver preso nel becco una goccia d'acqua, incurante del gran caldo, la lasciò cadere sopra la foresta invasa dal fumo. Il fuoco non se ne accorse neppure e proseguì la sua corsa sospinto dal vento.
Il colibrì, però, non si perse d'animo e continuò a tuffarsi per raccogliere ogni volta una piccola goccia d'acqua che lasciava cadere sulle fiamme.
La cosa non passò inosservata e ad un certo punto il leone lo chiamò e gli chiese: "Cosa stai facendo?".
L'uccellino gli rispose: "Cerco di spegnere l'incendio!".
Il leone si mise a ridere: "Tu così piccolo pretendi di fermare le fiamme?" e assieme a tutti gli altri animali incominciò a prenderlo in giro. Ma l'uccellino, incurante delle risate e delle critiche, si gettò nuovamente nel fiume per raccogliere un'altra goccia d'acqua.
A quella vista un elefantino, che fino a quel momento era rimasto al riparo tra le zampe della madre, immerse la sua proboscide nel fiume e, dopo aver aspirato quanta più acqua possibile, la spruzzò su un cespuglio che stava ormai per essere divorato dal fuoco. Anche un giovane pellicano, lasciati i suoi genitori al centro del fiume, si riempì il grande becco d'acqua e, preso il volo, la lasciò cadere come una cascata su di un albero minacciato dalle fiamme.
Contagiati da quegli esempi, tutti i cuccioli d'animale si prodigarono insieme per spegnere l'incendio che ormai aveva raggiunto le rive del fiume. Dimenticando vecchi rancori e divisioni millenarie, il cucciolo del leone e dell'antilope, quello della scimmia e del leopardo, quello dell'aquila dal collo bianco e della lepre lottarono fianco a fianco per fermare la corsa del fuoco.
A quella vista gli adulti smisero di deriderli e, pieni di vergogna, incominciarono a dar manforte ai loro figli.
Con l'arrivo di forze fresche, bene organizzate dal re leone, quando le ombre della sera calarono sulla savana, l'incendio poteva dirsi ormai domato.
Sporchi e stanchi, ma salvi, tutti gli animali si radunarono per festeggiare insieme la vittoria sul fuoco.
Il leone chiamò il piccolo colibrì e gli disse: "Oggi abbiamo imparato che la cosa più importante non è essere grandi e forti ma pieni di coraggio e di generosità. Oggi tu ci hai insegnato che anche una goccia d'acqua può essere importante e che «insieme si può» spegnere un grande incendio. D'ora in poi tu diventerai il simbolo del nostro impegno acostruire un mondo migliore, dove ci sia posto per tutti, la violenza sia bandita, la parola guerra cancellata, la morte per fame solo un brutto ricordo".

Anche il balcone indossa la mascherina (San Nicola l'Arena, Trabia, PA) - Foto di Maurizio Crispi

Anche il balcone indossa la mascherina (San Nicola l'Arena, Trabia, PA) - Foto di Maurizio Crispi

Davanti ad una casa di riposo per anziani di Santa Flavia (Foto di Maurizio Crispi)

(25 marzo 2020) Si accavallano i provvedimentio e si va verso ulteriori giri di vite. Le vittime tornano a vrescere, anche si nota in alcune zone una deflessione della curva dei contagi. Nello stesso tempo si comincia ad ipotizzare che i contagiati possano essere molti di più (una cifra non quantificabile), a causa delfenomeno sommerso che non può essere monitarato, poichè allo stato attuale si fanno i tamponi solo ai contatti degli individui risultati sintomatici e testati.

Si parla di proseguire con le misure eccezionali sino al 31 luglio che è il termine previsto, allo stato attuale, per lo stato di emergenza nazionale decretato il 30 gennaio scorso.

I lavoratori del settore dei carburanti minacciano una serrata.

Cosa accadrà se dovessero andare in tilt internet e la telefonia mobile?

Non sono certo scenari allegri: se poi si amplia l'orizzonte dello sguardo al panorama internazionale c'è ancora meno da stare ottimisti. A New York, ad esempio, l'infezione dilaga rapidamente. In Europa, la Spagna è in corsa (si fa per dire) per raggiungere il primato delle vittime.

Per fortuna, non ho più sentito parlare di calciatori e il tormentone Olimpiadi è stato in qualche modo accantonato con la decisione ultima da parte del Comitato olimpico di rimandarle a tempi più allegri.

Concentriamoci su noi stessi, dunque.

Ritorniamo a noi e alle nostre piccole cose quotidiane.

Ma non è tanto semplice.

Io mi sento a disagio, per non dire inquieto.

Il mio senso dell'ironia e dell'autoironia, qui, oggi è miseramente fallito: ma spero soltanto per poco. Spero che il mio ottimismo potrà riprendere il sopravvento o almeno fare da elemento equilibratore.

Piove fitto questa mattina. E me ne sto confinato a casa.

La notte è stata agitata, con molti sogni che adesso non ricordo più., ma mi sono svegliato di frequente con lunghi periodi di veglia ansiosa.

Rimangono sempre i conforti della lettura e della scrittura.

Ci sono tre zone dichiarate rosse in Sicilia, una a Villafrati, non distante da Palermo, dove il contagio è stato portato da una donna avventata e imprudente che, tornata dal Nord Italia (con la fuga di massa concomitante al Decreto Conte sulla prima stretta) ha pensato bene di andare a salutare il nonno degente in una casa di riposo per anziani, con il risultato di 69 contagiati e di una vittima. Pensate un po'.

 


Ieri parlavo del romanzo di quel grande visionario che è stato Philip K. Dick, "La Penultima verità".
Perchè mi veniva in mente?

Il romanzo è piuttosto complesso e dirò soltanto la parte della trama che qui mi interessa per il suo impatto allegorico: in un mondo futuribile si è combattuta con armi nucleari devastanti la Terza Guerra Mondiale e i sopravvissuti si sono ritirati a vivere sottoterra in enormi formicai sotterranei.I dittatori della popolazione che se ne sta sottoterra, con lo scopo di mantenere ordine e disciplina nella cornice di una ferrea condizione di emergenza, fanno in modo che i cittadini del mondo sotterraneo continuino a credere che la guerra sia ancora in corso, mandando in onda nei notiziari finte riprese video, in modo tale da distoglierli dal desiderio di risalire alla superficie per ricostruire una società fondata sulle regole della democrazia.

Ognuno tragga da questa metafora le conclusioni che preferisce.

Io penso che in questo contesto che ci ritroviamo a vivere potrebbero verificarsi grandi rivolgimenti, senza che nessuno abbia modo di accorgersene.

Una cena frugale (foto di Maurizio Crispi)

(26.03.2020) ieri, dove mi trovo, come nel resto della Sicilia credo, ha piovuto fitto tutto il giorno. Bassa la temperatura percepita. Una pioggia necessaria all'agricoltura, ma tale da intristire.
Ma del resto si deve stare a casa: quindi, con la pioggia continua, c'è un ottimo motivo per stare dentro e ci si sente alleggeriti.

Dopo una lunga lotta, derivante dal fatto che mi ero incaponito a usare della legna tagliata di fresco, sono riuscito ad avviare la stufa e ho potuto godere dentro casa di un piacevole tepore, portando la temperatura interna sino alla meraviglia di 16°.

Poi nel corso della notte notte la pioggia è cessata ed è subentrato il vento, a raffiche.

Durante i miei risvegli, mi sembrava di essere su di un bastimento a vela, sballottato e scricchiolante.

Ho sognato vividamente e dei sogni di questa notte ricordo bene un frammento in cui io, in abiti talari bianchi e con una candida papalina sul capo, mi ritrovavo a ricevere Papa Francesco che arrivava con numerosi prelati al suo seguito. Ero alquanto imbarazzato alla sua presenza e mi sentivo goffo ed incapace di gestire adeguatamente il mio corpo in tali solenni circostanze. L'unico pensiero cosciente che mi attraversava la mente era che avrei dovuto levarmi quello zucchetto come se fosse un qualsiasi copricapo che uno alza dalla testa in segno di saluto oppure fare una riverenza e un baciamano. Ma rimanevo lì impalato come un ebete.

Che il sogno volesse dirmi che in questo frangente occorre rientrare nell'alveo consolatorio della fede? O che occorra lasciare entrare nel proprio cuore una figura salvifica e taumaturgica? Oppure ero io stesso che, nel sogno, mi facevo papa per guarire me stesso dalla paura?

Le notizie si accavallano, tutti dibattono.Sono tante le cose che si sentono dire, in testa a tutti le teorie complottiste. Certo è che - a sentire gli economisti - dalle ceneri del mondo percorso dal Coronavirus potrebbe nascere nuove configurazioni. Delrestoalcune delle grandi pestilenze nella storia dell'Umanità hanno cambiato letteralmente il corso della Storia.

Poi ci sono quelli che invocano l'arrivo di un vaccino efficace, costi quel costi (anche senza la necessaria sperimentazione, quindi come farmaco "eroico), altri che lo paventano.

Ci sono quelli che vorrebbero utilizzare farmaci di dubbia efficacia ancora e dai probabili effetti tossici (non ancora adeguatamente testati) da somministrare agli individui risultati infetti e/o ammalati.

Tutto e il contrario di tutto. E questo certamente non giova.

E' vero sicuramente che in questa situazione di dèbacle economica su scala mondiale ci saranno delle aziende che, se puntano sul cavallo giusto, si arricchiranno (vedi il caso dell'Avigan di cui tanto si discute adesso), come anche potranno trarne vantaggio i broker poichè - a seconda delle notizie circolanti - alcune azioni andranno giù e altre saliranno alle stelle (anche sulla base di fake news).

E questo è quanto.

Comincia un nuovo giorno e staremo a vedere.

Mi sono ricordato adesso (in realtà me lo sono ricordato mentre leggevo "Il velo dipinto" che ho finito ieri) che una volta, in Spagna, mi ritrovai nel bel mezzo di un'epidemia di colera.

Era il 1971 ed ero ancora studente di medicina. Allora non esistevano gli Erasmus, ma erano da poco stati avviati degli "scambi" tra studenti universitari. Avevo partecipato alle selezioni ed ero stato assegnato ad un piccolo ospedale spagnolo nella piccola cittadina di Palencia. Ero partito conla mia gloriosa 500 Fiat ed ero stato prima per oltre un mese in UK. Da lì mi spostai con un mio collega sino alla Spagna. Anche lui ci andava per lo stesso motivo, ma era destinato ad un'altra città. Quando arrivammo in prossimità della frontiera (eravamo in era pre-Schengen) avemmo (da una telefonata con i nostri familiari) la notizia dell'epidemia. Cercammo dunque un posto dove farci vaccinare (poichè era disponibile il vaccino) e ottenemmo la vaccinazione. Ci dissero che nei giorni successivi avremmo avuto qualche linea di febbre, ma che si sarebbe trattato di una normale reazione: "Quindi non preoccupatevi", aggiunsero. In realtà, questo ospedaletto a cui ero assegnato non era proprio a Palencia, ma in una cittadina limitrofa di cui non ricordo il nome: ricordo soltanto nei pressi della struttura sanitaria, un castello turrito cupo e tenebroso (che, tra l'altro, non era visitabile). Mi assegnarono una stanza spoglia, quasi monacale, con un lettino di metallo smaltato. niente alle pareti per allietare lo sguardo.

Nessuno si interessò a me, non mi venne dato alcun compito. Passai lì, i primi due giorni febbricitante, chiuso tra quelle quattro mura: i pasti me li portavano in camera. Mi sentivo come un recluso.

Quando stiedi meglio cominciai ad uscire per brevi passeggiate nei dintorrni. Dopo una settimana la mia resistenza si frantumò: decisi di andarmene e di partire per un tour attraverso la Spagna con una mia cugina  ed un un altro collega del nostro corso, anche loro profughi da analoghe situazioni. E quel viaggio fu memorabile.Ma questa è tutta un'altra storia.

 

Esercizio commerciale di Palermo che ha chiuso anzitempo per mancanza di clienti (Foto di Maurizio Crispi)

Il mio aggiornamento di oggi

(27.03.2020) Seguendo i notiziari e gli aggiornamenti si constata che le cose peggiorano a vista d'occhio nel dilagare dell'infezione da Covid-19. E' giusto tenersi informati, ovviamente.
Ma l'interesse ossessivo per gli ultimi notiziari non giova all'umore generale, questo è certo!
Vogliamo poter vedere degli spiragli, delle possibili aperture. Si gioisce, per esempio, se si osserva una lieve deflessione del numero dei nuovi casi registrati o dei morti. Ma è sollievo di poco conto poter constatare questo, perché poi i numeri riprendono a lievitare: ed in ogni caso bisogna tenere d'occhio il quadro globale,ciò che avviene nel mondo intero.
E siamo appena all'inizio.
Certo è che, leggendo con attenzione alcune fonti attendibili, che non sarà cosa breve. Alcuni parlano di tutto il 2020 e forse anche del 2021, con numeri molto alti di infetti e di morti nel mondo intero.
Ci sarà da preoccuparsi quando l'infezione prenderà piede in India, dove le misure di lockdown, già disposte peraltro, non potranno essere attuate, perché lì molta parte della popolazione non ha semplicemente una casa dove richiudersi.
In uno dei miei risvegli notturno riflettevo che bisogna cessare di desiderare spasmodicamente la fine di tutto questo, da un giorno all'altro, come per miracolo.
Quando si desidera spasmodicamente una cosa, sistematicamente il nostro desiderio rimane deluso.
Occorre smettere di desiderare e concentrarsi piuttosto sul momento presente.
La filosofia di vita degli Alcolisti Anonimi può tornarci utile.
Smettere di pensare al domani, concentrandoci unicamente all'oggi.
La nostra preoccupazione primaria è concentrare le nostre forze nell'oggi, non sono quelle fisiche, ma anche quelle mentali e spirituali.
Domani è un altro giorno, di là da venire. Domani si vedrà.
Quello che conta è transitare bene in ciascun giorno, senza chiedersi come sarà tra sei mesi e un anno. Questo ci aiuterà sicuramente a vivere meglio.
Ricordo che quando facevo le gare podistiche di 100 km, soprattutto all'inizio di quell'esperienza, scoprii che per essere resiliente, dovevo rinunciare a pensare al traguardo finale, concentrandomi piuttosto su quello - più pensabile - del successivo posto di ristoro a 5 km di distanza.
Questo atteggiamento mentale ti porta anche a concentrarti sul singolo passo che ti trovi a compiere, e così vai avanti, un passo dopo l'altro, sino a compiere i centomila passi dell'intera distanza (o giù di lì, un po' più o un po' meno, a seconda della velocità della tua traslazione nello spazio).
Mi ha anche colpito il fatto che dopo aver sognato due notti fa di incontrare il Papa, io stesso essendo vestito in abito talare, oggi Il Papa affacciandosi sul sagrato di una Piazza di San Pietro totalmente e surrealmente vuota impartirà una benedizione solenne Urbi et Orbi: e basta pensare in questo caso al potere dell'energia psichica messa in movimento dal fatto che decine di milioni di persone si ritroveranno a pregare contemporaneamente.
E, ritornando alla filosofia AA c'è da dire che questa consente anche a chi non è credente di affidarsi ad una forza superiore, un'Entità X che nei dodici punti AA mai viene nominata poiché ognuno deve costruirsela dentro di sé e con essa autonomamente dialogare, senza alcuna mediazione.
Il segreto degli AA è quello di una resa ad un potere superiore e l'accettazione della propria piccolezza, il che implica l'abbandono della hubrys che tanti danni fa a livello individuale e planetario.
Ieri ho anche ascoltato un'intervista ad Enzo Bianchi, il fondatore della comunità di Bose, che ha parlato a lungo del dramma delle centinaia e centinaia di persone che muoiono da sole senza il conforto dei propri familiari e senza il conforto dei riti della fede che aiutano il trapasso.
Dobbiamo riflettere a quei morti, nel momento in cui - come dicono le testimonianze - nelle cittadine del Nord le campane suonano a morto con una frequenza inaudita: come John Donne recita nel suo poema, quelle campane a morto ci riguardano, esse suonano anche per noi.

Intanto, si ridisegnano le mappe della prossemica. Ieri sono stato al piccolo supermercato dove mi servo abitualmente. E qui sono rimasto infastidito dal fatto che alcuni avventori (sempre ammessi all'interno in modo contingentato) mi venivano troppo vicini. Si instaurava tra me e costoro una specie di danza in cui io cercavo sempre di fare un passo indietro o di lato per mantenermi a distanza di sicurezza. Ho notato che un mio vecchio articolo sulla prossemica, pubblicato in questo blog, è stato all'improvviso attenzionato da molti lettori. aperto da molti lettori
Non è bello che ciò accada, ma tant'è.

Papà Francesco sul sagrato della Basilica di san Pietro, ill 27 marzo 2020 (fonte web)

(28 marzo 2020) Ieri ho avuto modo di scorrere un ottimo articolo di Raffaele Alberto Ventura su "La società iatrogena" che merita di essere letto e meditato. Il suo autore si dilunga sul fatto che questa pandemia sia l'autentica "tempesta perfetta" che nasce dall'incontro tra il piccolo virus Covid-19 e i meccanismi globalizzati del mondo del XXI secolo, quali rapidità dei trasporti, interconnessioni, delocalizzazioni, sovraffollamento etc.
In un certo senso - sostiene Ventura in modo documentato ed argomentando ampiamente - siamo noi stessi ad aver creato le condizioni necessarie per la diffusione del virus, in quanto è il nostro modo di vivere che ne facilità la diffusione su scala planetaria.
Mi è molto piaciuto che Ventura, nel contesto della sua dissertazione, abbia inserito un ampio riferimento a Ivan Illich e ad uno dei suoi testi più acclamati, "Nemesi Medica" che io ebbi modo di leggere quando ero ancora studente di medicina e che mi pose in una posizione utilmente critica nei confronti di certe prassi mediche super-tecnologiche.

Ciò che accade a noi oggi andrebbe, del resto, inquadrato in un contesto ben più ampio che è quello del progressivo ed inarrestabile degrado del nostro pianeta, a causa delle innumerevoli azioni di inquinamento e depredamento delle risorse, prima del tutto (o quasi) inconsapevoli, ma oggi sempre più condotte cinicamente sulla base della logica del profitto.

Questo libro è stato scritto dalla francese Fred Vargas, pseudonimo letterario di una ricercatrice in archeozoologia presso il Centro nazionale francese per le ricerche scientifiche e autrice di una serie di poziesca che ha come protagonista il commisssario Adamsberg.

Si tratta di un saggio che esamina in modo documentatissimo (alla faccia dei cosiddetti climato-scettici, guidati dai tracotanti Trump e Bolsonaro) le attuali condizioni di degrado inarrestabile delle condizioni climatiche e di esaurimento di alcune delle risorse chimiche fondamentali per il mantenimento della vita sul nostro pianeta. 
Il titolo del volume è "L'umanità in pericolo. Facciamo qualcosa subito" (Einaudi, 2020). non c'è davvero molto di che stare allegri.  Vi esorto a leggerlo, anche se di questi tempi, si tratta di lettura che non fa certamente sollevare il nostro umore.

Fred Vargas, L'umanità in pericolo. Facciamo qualcosa subito, Einaudi, 2020

(dal risguardo di copertina) Per anni, le élite politiche e finanziarie hanno nascosto la verità. Senza una drastica riduzione delle emissioni di CO2, entro il 2100 fino al 75% degli abitanti del pianeta potrebbe essere annientata da ondate di calore. Cambiare non è solo auspicabile, spiega Fred Vargas, ma necessario. Dobbiamo modificare la nostra dieta per incidere sempre meno sul cambiamento climatico; ridurre drasticamente la produzione di rifiuti e passare all’energia pulita. Lavorando insieme, riflettendo e immaginando soluzioni, l’umanità può ancora cambiare rotta e salvare sé stessa e il pianeta.

Se si colloca quanto sta accadendo con il Covid-19 in questo contesto, ci si renderà conto che siamo di fronte ad un tassello soltanto di una catastrofe di ben più ampie proporzioni e che ci stiamo avvicinando rapidamente al punto di non ritorno.

Ma non venitemi a che ciò che capita "sta semplicemente succedendo" e che noi lo subiamo come povere vittime innocenti. Non ci sono i quattro cavalieri dell'Apocalisse inviati da un dio irato a punirci, ma siamo noi stessi (in quanto uomini) i responsabili del disastro imminente.
A nostra discarica possiamo soltanto dire che noi siamo ostaggi delle lobby e di poteri occulti che manovrano soltanto per il proprio profitto: ma questa non è una giustificazione sufficiente, poichè noi - pur esecrandolo a parole - siamo i primi ad usufruire di tutti i vantaggi offerti da quel sistema di consumismo globale che sta rovinando il nostro pianeta e che ha creato le premesse per quanto sta accadendo con l'attuale pandemia. Sarebbe ora che quanto stia accadendo potesse essere colto come il segno per ridisegnare le mappe di un possibile sviluppo e di attivare nuove tecnologie, oppure affrontare coraggiosamente la necessità di tornare a condizioni di vita meno tecnologiche. Pensiamo, ad esempio, alla comunità degli Amish (che, pur con diverse variegatur,e continua a vivere come i primi pellegrini di più di due secoli addietro, rifiutando in maniera radical-fondamentalista qualsiasi nuova tecnologia).

Continuo ad essere assillato dalle narrazioni post-catastrofiste che ho assorbito nel corso degli anni: e si presentano segni indicativi del fatto che la realtà potrebbe superare i reami della fiction. Mi ha colpito sicuramente la notizia che un grande centro commerciale di Palermo (un grande Liddle, per l'esattezza) è stato preso d'assalto da "cittadini" che pretendevano di portarsi a casa i carrelli pieni senza pagare (accampando che non avevano più soldi per far fronte alle necessità quotidiane). Un singolo episodio che lascia presagire scenari cupi.
O anche la notizia altrettanto preoccupante del rialzo dei prezzi al dettaglio nel campo alimentari, con - in alcuni casi - ilraddoppio del costo di alcuni articoli. Per non parlare poi deelricarico astronomico praticato senza scrupoli su alcuni presidi anti-contagio, quali mascherine e guanti.
Fatti che sono intimamente correlati l'un con l'altro quasi due facce della stessa medaglia, poichè il rialzo predatorio dei prezzi (che in alcuni casi può ritornare ad accendere fantami del passato, come quello dei borsaneristi del tempo della II Guerra Mondiale) trova il suo correlato nei comportamenti altrettanto predatori di altri che ritengono di non potere più pagare simili prezzi inflazionati e che è venuto il momento di servirsi da soli (oppure perchè non ci sono più soldi per poter sopravvivere: basti pensare a tutti quelli che lavoravano nel'economia sommersa e che non potendo più giustificare i propri spostamenti sono costretti a stare a casa).
Di fronte a questi fenomeni si aprono due strade possibili: o il rinforzo delle misure di polizia che limiterebbe ulteriormente le libertà civili oppure l'attivazione di uno stato di guerriglia sociale.

Non è un caso che, negli Stati Uniti, dove l'allargarsi dell'epidemia procede ad un ritmo galoppante, ad essere presi d'assalto non sono stati i supermercati e i templi del consumismo commerciale, ma i negozi d'armi.

A fronte di tutto questo mi ha colpito la solenne immagine di papa Francesco che, al cospetto di una Piazza di San Pietro totalmente vuota ha impartito una solenne benedizione Urbi et Orbi, con indulgenza plenaria per tutti.
 

Pandemic gioco da tavolo

 

E intanto per esorcizzare la paura e il disagio ecco che è stato diffuso un gioco da tavolo che si chiama Pandemic e che serve ai giocatori costretti a casa ad esorcizzare la paura e a provare l'ebbrezza di tentare di sconfiggere con un lancio di dadi e con abili mosse il dilagare pandemico. Ma non è certo un gioco ciò che ci salverà.

 

Condividi post

Repost0
20 dicembre 2019 5 20 /12 /dicembre /2019 11:43

Cammino reggendo in mano un’asta telescopica, del tipo di quelle per farsi i selfie, ma questa è davvero enorme e si estende sino all’altezza di diversi piani da terra.
Mi sento, a dire il vero, come l’Ispettore Gadget dei cartoni (personaggio che, di fatto, non è umano ma un robot con fattezze umane o, quanto meno, è un ibrido).
Cammino e intanto riprendo con il mio dispositivo gli scenari che si aprono man mano a volo d’uccello.
Mio figlio mi chiede cosa io stia facendo.
Una ripresa panoramica - rispondo io.

Ovvio...
E si impone una domanda a questo punto.
La tecnologia moderna con tutti i suoi ineffabili gadget ci rende più liberi?
O forse più schiavi?
Io propendo per il secondo corno del dilemma.
Siamo circondati di cose, di oggetti, di gadget appunto, di cui potremmo fare benissimo a meno. Siamo stati condizionati a pensare e a sentire che tutta questa miriade di oggetti siano per noi indispensabili.
Si tratta di cose che apparentemente migliorano la qualità della vita, ma di fatto la peggiorano e la complicano.
Ci rendono schiavi e soprattutto facilmente controllabili e manipolabili.
Bisognerebbe ritornare alla semplicità delle origini, ricordandoci sempre - come massima di vita - del famoso slogan “Il consumismo ti consuma”.

Rimangono esemplari Thoreau e la sua apologia di una vita trascorsa al riparo di una capanna nei boschi, lontano da tutte le suggestioni della modernità e dal caos della grande città.

Palermo, 7 dicembre 2019

Condividi post

Repost0
11 novembre 2019 1 11 /11 /novembre /2019 12:10

Questo articolo è stato pubblicato il 5 giugno 2009 nel mio blog "Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo" e lo ripropongo integralmente, apportando al testo solo qualche piccola modifica. Come incipit propongo il post del mio grande amico, il compianto Enzo Cordovana, "Panchine da viaggio" (del 3 giugno 2009), le cui considerazioni mi hanno ispirato nella scrittura del mio post, pubblicato il 5 giugno successivo.
Spesso con Enzo succedeva così: in una dimensione molto ludica ci rimpallavamo a vicenda dei contenuti ceativi in uno scambio fecondo di spunti e di riflessioni.

 

Diversi anni fa, passando per una strada di grande transito, vedevo sovente, “appanchinato” sempre nel medesimo segmento di gard rail un uomo di mezza età, vestito con un giubbotto e recante con sé alcune valigie. Stava fermo, solitario a guardare la strada ed il traffico dei veicoli che scorrevano dinanzi a lui. Con alcuni amici, miei compagni di percorso si rideva di lui considerandolo portatore di una strana follia ma, a ben pensare, io ho sempre considerato quell'uomo semplicemente un viaggiatore, si, il rappresentante di una tipologia nuova di viaggiatore. Con quel giubbotto e quelle valigie quell'uomo era per me una sorta di “viaggiatore stazionario”.

Enzo Cordovana, Panchine da viaggio

Diversi anni fa, passando per una strada di grande transito, vedevo sovente, “appanchinato” sempre nel medesimo segmento di gard rail un uomo di mezza età, vestito con un giubbotto e recante con sé alcune valigie. Stava fermo, solitario a guardare la strada ed il traffico dei veicoli che scorrevano dinanzi a lui. Con alcuni amici, miei compagni di percorso si rideva di lui considerandolo portatore di una strana follia ma, a ben pensare, io ho sempre considerato quell'uomo semplicemente un viaggiatore, si, il rappresentante di una tipologia nuova di viaggiatore. Con quel giubbotto e quelle valigie quell'uomo era per me una sorta di “viaggiatore stazionario”.
Mi spiego.
Mentre il viaggiatore cammina per il mondo, quell'avventuriero visionario vedeva il mondo scorrergli davanti. E così ogni giorno, per molti giorni. Poi, all'improvviso non lo vidi più. Chissà dove sarà adesso. Forse si è stancato di viaggiare ed è tornato a casa, forse è invecchiato e non ha più le forze per continuare il suo viaggio, forse sta seduto da solo in un'altra panchina e vive ricordando,
quando,
ancor giovane,
viaggiando
da quel posizionamento
conobbe il mondo,
perpetuo,
in scorrimento

Panchina di Ronta(foto di Maurizio Crispi, 2009)

Mi ha molto colpito il post di recente comparso nel blog di Enzo Cordovana, dal titolo accativante "Panchine da viaggio" (nel suo blog Varietà), oltre che nel gruppo di discussione FB "QUELLI, KE LE PANCHINE...".
La definizione cordovanesca di "panchine da viaggio" mi è piaciuta davvero molto  perchè nel nome c'è insita la garanzia di poter viaggiare con la mente, sicuramente e di potere osservare il mondo dislocarsi attorno a te, realizzando quindi una delle caratteristiche principali del viaggiare con l'effetto di spaesamento e quant'altro.
E' un modo per capovolgere l'idea stessa del viaggio: non sei più tu che vai verso il mondo, ma è il mondo che scorre davanti ai tuoi occhi, come in un film.
Il microcosmo, che comprende ciò che puoi abbracciare con lo sguardo o toccare con mano, costituisce una rappresentazione attendibile, se non addirittura isomorfica, dell'intero macrocosmo.
Questo assunto ha degli antecedenti letterari significativi, tra i quali mi vengono in mente due piccole opere del francese Xavier de Maistre.
Xavier De Maistre (1763-1852), fratello del più famoso Joseph, è l'autore di un piccolo libro, il "Viaggio intorno alla mia camera", composto nel 1790 in occasione di una sua forzata immobilità conseguenza degli arresti domiciliari cui l'avevano condannato le autorità militari savoiarde. Il libro, con un andamento discorsivo e raffinato al tempo stesso, è costituito da 42 capitoletti tanti quanti sono stati i suoi giorni di prigionia. De Maistre, nelle sue pagine, ci racconta di tante sue piccole scoperte che sono, in realtà, alla portata di ogni attento osservatore, ma il suo "tocco" ed il principio ispiratore (spiritualista) della sua narrazione lo hanno fatto apprezzare, nel tempo, anche da illustri scrittori quali Alessandro Manzoni e tanti altri suoi contemporanei.
Il piccolo libro venne seguito da un secondo volumetto, "Spedizioni notturne intorno alla mia camera", costruito in modo del tutto simile.
E, a questo riguardo,mi viene anche in mente un aneddotto, citato da un famoso psicoanalista argentino: un uomo ubriaco se ne stava fermo, in piena notte, appoggiato ad un lampione. Si avvicina uno, incuriosito, e gli chiede: "Cosa fai qui? perchè non te ne vai a casa?" L'ubriaco gli risponde, guardandolo con sufficienza: "Me ne sto qui ad aspettare. E, prima o poi, la mia casa passerà di qui. Ne sono certo".
Certo: parole di ubriaco, ma in fondo anche di profonda saggezza. Inutile affannarsi per cercare di trovare qualcosa che, prima o poi, troverà te.
Seduti nella panchina ci si mette un po' fuori dal mondo e lo si osserva: ma non sempre questo volontario mettersi fuori dal flusso delle cose è ben accolto dal "pubblico". In alcuni casi, per potere seguire indisturbato questa tua esigenza, devi un po' nasconderti.
Una volta, alla 100 km Trapani-Palermo, sentii impellente il bisogno di dormire: dovetti scegliere per la bisogna un posto relativamente appartato e fuori dalla vista. Se infatti fossi stato visto da qualcuno dell'organizzazione beatamente addormentato, nella peggiore della ipotesi, avrei suscitato allarme ("Sta male. Ha bisogno di soccorsi!") e di peso sarei stato portato via e, nella migliore, sarei stato guardato con compatimento ("Chistu è unu curiusu").
La panchina offre la possibilità di un viaggio "stazionario", un modo di viaggiare in controtendenza rispetto a questa nostra moderntà ipervelocizzata, in cui le cose che viengono maggiormente apprezzate e valorizzate sono il movimento continuo e la velocità.
Robert Anson Heinlein, uno dei maestri della narrativa di anticipazione, scrisse negli anni Sessanta un racconto che è una rappresentazione metaforica di ciò che accade al nostro mondo, oggi: in "Le strade devono correre" veniva preconizzato una società futura, in cui il nostro pianeta è ridotto ad una rete infinita di strade, su cui l'intera umanità vive la sua vita su mezzi di trasporto (la più parte autoveicoli personali), dunque ciascuno anche in modo solipsistico) in continuo movimento. Unica legge: non ci si può mai fermare.
A quel mondo (ma, senza arrivare all'estremo visionario di Heinlein, anche nel nostro mondo attuale) preferisco una modesta panchina "da viaggio" che, in alcuni casi, può anche diventare come un tappeto magico che, subito in volo al tuo comando, ti trasporta ovunque tu voglia andare.
Come ad esempio la panchina della foto che si trova sulla strada che da Firenze porta a Faenza, subito dopo l'uscita di Ronta, dunque al 45° km circa del percorso che da Firenze si snoda attraverso l'Appennino sino a Faenza.
La panchina è strategicamente posizionata su di un tornante in modo tale che standovi seduti lo sguardo può avere uno scorcio sulla valle del Mugello che chi percorre quella strada in direzione di Faenza si è lasciato alle spalle e, a più breve distanza, sul tratto di strada a partire dal tornante subito prima.
La panchina è ubicata proprio nel punto in cui la salita si fa veramente dura per poi mantenersi con questo grado di pendenza sino al Passo della Colla (di Casaglia) ubicato al 48° km.
Seguivo come fotografo la testa di un'edizione passata della 100 km del Passatore e quando sono arrivato su questa curva (ottima per tirare delle foto), la panchina era occupata da un papà e da un bambino (o ragazzetto): entrambi ciclisti, si concedevano qualche istante di riposo. Erano seduti e si riposavano. Avrei voluto fotografarli.
Non ho fatto in tempo perchè hanno inforcato le bici e sono andati via, continuando la dura pedalata in salita.
Non mi è rimasto altro da fare che fotografare la panchina vuota.
E poi mi ci sono seduto, in attesa del passaggio della testa della gara.

 

Condividi post

Repost0
9 novembre 2019 6 09 /11 /novembre /2019 11:25

L'articolo che segue è stato pubblicato per la prima volta nel 2008 nel mio blog "Pensieri sparsi, Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese", con il titolo: Rallentare il tempo: è tempo perso o guadagnato?. Lo ripropongo qui senza apportare alcuna modifica.

 

Panchina di Polizzi generosa (Foto di Maurizio Crispi)

E' tempo perso starsene seduto su una panchina a guardarsi attorno oppure a giocare a carte?
E' tempo perso camminare a piedi senza uno scopo preciso, lasciandosi guidare dalla curiosità o dal caso?
E' tempo perso rinunciare all'uso dell'automobile e andarsene in giro con la bici oppure con i mezzi pubblici disponibili?
Secondo gli accesi fautori della modernità, sì, è proprio tempo perso.
Secondo altri che invece, senza tirare in ballo tante teorie ma semplicemente ricorrendo a "pratiche" di vita controtendenza, il tempo "perso" è, i verità, tempo guadagnato per la propria mente e per la propria vita.
Le "modalità" menzionate sopra (ma se ne potrebbero trovare una infinità di altre) sono tutte espressione di un diverso atteggiamento nei confronti ell'esistenza, di una diversa "filosofia" di vita - si potrebbe dire.
Abbiamo perso il senso del tempo "lento".
Viviamo in una società accelerata, in cui - sempre e comunque - viene valorizzata la velocità, la capacità di fare molte cose in tempi ristretti.
L'avere a disposizione mezzi "veloci" (per gli spostamenti) e strumenti che potnziano qualsiasi cosa abbiamo in mente di fare è, in alcuni casi, una droga al servizio d'una nostra fantasia di onnipotenza (quella di poter far tutto, sfidando i limiti temporali che ci sono imposti).
Si vuole fare di tutto e di più: non è raro sentire qualcuno che si vanta con il suo interlocutore di tutti gli impegni di cui ha infarcito la sua giornata.
Tante volte, assillati dalla morsa del tempo che viene a mancare per fare tutto ciò che vorremmo, ci diciamo: "Sì, certo, se la mia giornata fosse di 36 ore, allora ci starei veramente comodo!".
Ma se la giornata fosse veramente di 36 ore, probabilmente, si riproporrebbe un analogo problema, con un'ulteriore e soffocante moltiplicarsi degli impegni e delle cose da fare.
Ciò comporta, tra l'altro, una "patologia" del nostro tempo che è quella di una sorta di "horror vacui" per quanto riguarda l'organizzazione della giornata: non ci deve essere una solo spazio vuoto, non sono previsti intervalli di tempo nei quali uno stia, per così dire, "a contemplare il proprio ombelico". La percezione di un imprevisto intervallo vuoto in una siffatta organizzazione del tempo può provocare una reazione di acuta ansia.
Il tempo "lento" non pevede, invece, che nell'arco di una giornata si posano fare tante cose: in culture non occidentalizzate (come anche nella nostra morente cultura contadina), a volte, una giornata era consacrata a fare una sola cosa.
Come, ad esempio, andare a raccogliere della legna da ardere.

Una volta, in viaggio in Marocco, nel cuore di una landa deserta, è spuntato dal nulla, un vecchietto ricurvo sotto il peso d'una fascina di legno. Senza fretta, ha imboccato la strada principale che tagliava il piatto paesaggio sassoso come una lama, dritta a perdita d'occhio sino all'orizzonte, e ha proseguito il suo cammino: era un camminare antico che, rimandando indietro di secoli, dava l'impressione forte che le lancette dell'orologio si fossero bloccate.
Da dove veniva? Dietro di lui, apparentemente, c'era il nulla...
Dove andava? Verso qualche luogo sicuramente, ma non c''era nulla in vista, solo il vuoto di un paesaggio desertico.


Ogni tanto, può essere "terapeutico" e rieducativo affrontare le cose in un modo diverso.
Per esempio, rinunciando ai mezzi di trasporto più veloci e affrontando gli spostamenti che dobbiamo compiere con la lentezza dei mezzi di cui ci ha dotato la natura: quei famosi "cavalli di san Pietro" di un tempo, per intenderci!
Se si accettano i ritmi del "tempo lento", si ha l'opportunità di vivere in un modo diverso, di vedere le cose con occhio in qualche modo trasformato: c'è infatti il tempo di guardarsi attorno, di percepire il verde intenso della vegetazione, lo stormire delle foglie nel vento, il tubare dei piccioni, il cinguettio eil frullo d'ali di altri uccelli.
Tutto ciò che ci circonda può entrare vividamente nel nostro campo percettivo, lo possiamo assaporare: e, quando ciò accade, è un'autentica festa.

 

Peppe Sebaste. Panchine. Come uscire dal mondo senza uscirne, Giorgio Mondadori

Fermarsi a riposare, utilizzando una provvida panchina ombreggiata da un albero può essere un modo per vivere la lentezza.
Un noto scrittore e saggista italiano Beppe Sebaste ha pubblicato di recente un bel libro sulle panchine, dall'interesante titolo (ed esplicativo, per chi sa leggere la grana delle cose, "Panchine. Come uscire dal mondo dal mondo senza uscirne, Laterza, 2008). L'autore, in toni solo apparentemente minimalisti ma in verità con molta passione, intesse in una serie di brevi, smaglianti, capitoli l'elogio della "panchina" (un oggetto degli arredi urbani che tende a diventare obsoleto per insipienza degli stessi amministratori) come luogo in cui si può sostare e dove si può appunto percepire una diversa dimensione (e qualità) del tempo.
Alcuni direbbero che sedersi su di una panchina in pieno giorno è una cosa da pensionati o da nullafacenti e perditempo, per non dire che sia degna di personaggi ben più temibili ed affliggenti (nell'immaginario collettivo di stampo leghista), come extracomunitari, drogati, barboni e accattoni, tanto da avere indotto alcune amministrazioni comunali ad abolire le panchine dal proprio panorama urbano, proprio per disincentivare gli oziosi, identificati tout court con una fastidiosa ed esecrabile marmaglia.
La panchina, in verità, è un luogo privilegiato che consente di mettersi in assetto di osservazione contemplativa di ciò che accade intorno; è il luogo della calma e dell'immobilità, in contrapposizione con la frenesia della vita moderna (vi ricordate l'azzeccata pubblicità in cui Ernesto Calindri se ne stava seduto comodamente ad un tavolino in mezzo al traffico caotico? Quella pubblicità aveva indovinato ad abbinare il prodotto promoso - un famoso amaro - con la tranquillità dello star seduto appunto); ma la panchina è anche un luogo in cui ci si può fermare a fare uno spuntino che ci si è portato da casa, a bere una bibita rinfrescante oppure a consumare pensierosamente un gelato.Il bello è che, per accomodarsi, non bisogna chiedere il permesso a nessuno nè c'è una tariffa da pagare (in questi nostri tempi moderni, dominati dal business a tutti i costi, in alcuni casi, è proprio questa gratuità a dar fastidio); la panchina è il luogo di conversazioni improvvisate in tempi in cui la gente non si parla più; ma, soprattutto, come dice Sebaste, per tutti questi motivi, la panchina è il luogo del tempo "guadagnato".

Polizzi generosa (2008) -foto di Maurizio Crispi

Già, a ben guardare, la categoria "tempo perso" è una raccapriciante invenzione della modernità velocizzata. Invece, capovolgendo i termini della discussione, se si perde del tempo, si guadagna tempo: nel senso che, soggettivamente, si vive un tempo più lungo.
Ma tutto questo è difficile farlo comprendere ai più giovani che sono stati allevati in una società velocizzata e a regole ferree fortemente condizionanti.
Un esempio.

L'altro giorno è stato un giorno di godimento pieno sotto questo profilo: ho deciso di andare al mare (a Mondello) a piedi. Niente di che, se non si è assillati. Camminando a passo sveltino (ma non troppo) un'ora e 15 minuti per percorrere da casa mia circa 8 chilometri. Ma non è questo il punto. L'essere a piedi induce a ragionare in termini diversi: non si fanno più le cose ad incastro, ma - invece - si accetta il principio di fare soltanto quel che si può. Quindi, al mare sono stato con comodo senza sentirmi costretto a pianificare un ritorno mozzafiato in città per sbrigare qualche incombenza. Alla fine della giornata, quando il sole già tramontava , io e mio figlio siamo andati alla fermata dell'autobus. Con diversi atteggiamenti, tuttavia: io senza nessun assillo; mio figlio, invece, permeato di cultura della "velocità" (portata all'estremo dalla consuetudine con i videogiochi) insofferente e lamentoso delle inevitabili attese. Il viaggio in autobus, poi, è stato un autentico godimento, anche perchè - da una vita - non viaggiavo con questo mezzo. Ho avuto modo - durante il tragitto - di osservare il paesaggio secondo prospettive nuove ed inedite, ma anche gli altri passeggeri. Ed anche questo mi è piaciuto. La fermata utile era un po' lontana da casa e, quindi, abbiamo dovuto fare questo ultimo tragitto a piedi. E, di nuovo, vi è stata la discrepanza di stati d'animo, tra quello sperimentato da me e quello di mio figlio. Io contento di camminare senza fretta alcuna e mio figlio insofferente. Proprio a questo punto, Francesco ha fatto un commento sul fatto che andare in autobus, avendo altri mezzi di locomozione a disposizione, era una perdita di tempo. E' stato qui che ho cercato di spiegargli la differenza tra tempo veloce e tempo lento, tentando di fargli vedere che, se si rinuncia alla velocità, forse si guadagna qualcosa di nuovo ed inedito. Ma non c'è stato verso: il suo retropensiero è rimasto immutato. Magari, un domani, Francesco si ricorderà di questa nostra conversazione e la rivaluterà. Questa, in fondo, è la speranza di ogni genitore: poter trasmettere qualcosa ai propri figli e soprattutto un patrimonio di pensieri e di riflessioni.

Insomma, ogni tanto, bisognerebbe fare qualche piccolo esercizio per provare a sperimentare il tempo lento, come - ad esempio -

  •         sedersi su una panchina e rimanerci seduto per un po' di tempo
  •         dedicare un po' del proprio tempo a camminare a piedi
  •         andare in bici
  •         rinunciare ad infarcire la propria giornata di impegni da superman
  •         stare senza fare niente
  •         guardare le rondini che intrecciano voli in cielo
  •         etc
  •         etc

Insomma attraverso un diuturno esercizio di questo tipo (arricchito dalla fantasia di ciascuno con infinite variazioni), a poco a poco, si potrà entrare nella percezione del tempo "lento" e allora, veramente, qualsiasi posto diventarà un luogo privilegiato per godersi il mondo.

Condividi post

Repost0
8 novembre 2019 5 08 /11 /novembre /2019 07:00
(foto tratta da un profilo social FB)

(foto tratta da un profilo social FB)

Ho carpito l'immagine di copertina da un profilo social.

Non appena l'ho vista mi ha immediatamente colpito con forza, perla sua pregnanza iconica e poetica allo stesso tempo.

Cosa ci dice l'immagine?

E' molto semplice, essenziale quasi.

Un adulto e un bambino camminano tenendosi per mano nel bel mezzo di un paesaggio desolato.

Sono intenti nel cammino.
Il guardarli, così, a volo d'uccello fa sembrare entrambe le figurette minute e fragili nell'immensità e nell'asprezza del territorio circostante,una Natura che sembra essere ostile ed impervia.

La strada che seguono sembrerebbe perdersi nel cuore profondo della desolazione: e, benchè non si possa vedere cosa vi sia al di là del dosso, viene facile immaginare che proceda all'infinito.

Dove vanno? Da dove vengono?

Sembrano essere attrezzati per un lungo cammino...

Si staranno raccontando storie mentre procedono, oppure se ne stanno in silenzio, assorti?

Tante domande e, partendo da ciascuna, si può tessere una storia diversa.

Mi piace immaginare che siano diretti verso una radiosa aurora e che presto, per loro, i grigi, i neri e i rossi cupi del terreno che li circonda possano cedere il passo ad una natura ubertosa e fertile. E che il loro andare possa giungere ad una sosta, quanto meno temporanea.

Il cammino è una metafora potente della vita.

Questa foto mi ha ricordato con prepotenza la canzone di Guccini "Il vecchio e il bambino", ma anche il tragico romanzo post-apocalittico di Cormac McCarthy, La strada (e il film crudo che ne è stato tratto), ma anche - giusto per sollecitare delle immagini meno cupe, seppur malinconiche - la sequenza finale di Il Monello di Charlie Chaplin.

Condividi post

Repost0
6 novembre 2019 3 06 /11 /novembre /2019 08:55
Piazza Noce, Palermo (Foto di Maurizio Crispi)

Piazza Noce, Palermo (Foto di Maurizio Crispi)

Panchine di solitudine
Ma talvolta di condivisione e di compagnia
Se pare che uno sieda su di una panchina in solitudine,
é anche vero che egli si trova in un’interfaccia
con il mondo che scorre accanto
La panchina è stasi versus movimento
L’immobilità della panchina invita chi è in movimento
a ristare
Mentre il mondo é in affanno, l’appanchinato se ne sta fermo
in sospensione pensosa, contemplativa,
talvolta sentendosi fuori dai giochi
La panchina, dovunque si trovi,
é contemplazione o introspezione versus la vertigine del movimento
Forse, per questo, le panchine nei luoghi pubblici
possono essere così straordinarie
Sono un tramite, una porta, talvolta una finestra
E a me le panchine piacciono sempre:
ognuna di loro per quanto malmessa
ha qualcosa da dire
sia che sia vuota, in attesa di un occupante,
sia che sia temporaneamente abitata
Cosa sarebbero le panchine
se tra le loro differenti proprietà
fossero anche volanti come i tappeti delle magiche storie?
Bisognerebbe ridisegnarne l’intera filosofia e geografia,
allora
E le panchine sono la tua ancora di salvamento,
quando ti ritrovi a corto di argomenti:
panchine per voli della fantasia

 

Condividi post

Repost0
1 novembre 2019 5 01 /11 /novembre /2019 07:02
Arriva l'ora legale...

Quando avviene, oggi, il vero cambio di stagione?
Non certo nelle date stabilite dal calendario come abbiamo imparato a scuola, quando ancora esistevano quattro stagioni che si avvicendavano, con una successione di cambiamenti ben definiti e riconoscibili.
Oggi, tutto questo appartiene al passato, come al passato appartiene quasi del tutto il cambio stagionale degli armadi che, in ogni casa, si usava fare (bagaglio indimenticabile dei ricordi di infanzia di molti di noi, quando si rimettevano fuori per farle arieggiare indumenti ed effetti letterecci odorosi di naftalina).
Quando si ha la certezza, invece, che è cambiata la stagione e che l’inverno si avvicina inesorabile?
Io credo che questo avvenga, quando si spostano le lancette di un’ora indietro, in corrispondenza dell’ultimo fine settimana di ottobre (che quest’anno è caduto nella notte tra il 26 e il 27).
Tutti i dibattiti che si accendono in questa circostanza (come nel caso della transizione "primaverile" dall'ora solare allora legale) sull’ora in più di sonno o in meno (argomento che viene sfoderato puntualmente sfoderato con imbarazzante monotonia nei notiziari pubblici sui media) sono cazzate, in realtà: quelli che dibattono su questo aspetto così superficiale, sono ciechi di fronte ad un aspetto ben più profondo che plasma le nostre vite.
Il cambio di ora sì che fa la differenza, soprattutto per quanto riguarda ricadute psicologiche ben più ampie e consistenti: come dice il Donald Duck della vignetta, per avere il magro vantaggio di un po’ più di luce più, presto la mattina c’è lo svantaggio di giornate che molto presto affondano nell’oscurità e nel buio della notte.
Con tutto il carico di tristezza e a volte di depressione che ciò comporta.
E’ qui che, a prescindere dalle temperature e dagli eventi climatici comincia il lungo inverno, anche se ancora a sera l’aria è pervasa - dalle nostre parti - del profumo irrefrenabile e dolce dei gelsomini: non un lungo inverno climatico, ma il lungo inverno dell’anima.
E si piomba nella tristezza (almeno, a me capita, senza alcun dubbio), sapendo che per avere di nuovo delle giornate lunghe e piene di luce occorrerà attendere il giro dell’anno e il ritorno dell’ora legale, quando tutti saremo di un anno più vecchi.
E’ così che l’ora legale, assieme al cambiamento climatico, ha preso a scandire le nostre vite non più con una circolarità a quattro fasi, ma con una morfologia fondamentalmente bifasica, tutta giocata con l’eterno conflitto tra luce e tenebre.

Condividi post

Repost0
16 ottobre 2019 3 16 /10 /ottobre /2019 10:20
Mio fratello rincorre i dinosauri (Italia, 2019)

Mio fratello rincorre i dinosauri (Italia, 2019) è un bel film, molto educativo e molto vero, che racconta di quanto possa essere arricchente in una famiglia la presenza di un bimbo down, ma anche quali e quante possano essere le difficoltà con le quali alcuni della famiglia debbano confrontarsi. E, naturalmente, le cose si complicano quando l'unità sociale elementare che è la famiglia deve istituire un confronto con il contesto societario più vasto oppure quando il portatore della disabilità - qualunque essa sia - deve fare il suo ingresso nel mondo.

In queste situazioni, l'affettività ha un potente ruolo cementante ed evolutivo. E sono sempre gli elementi più giovani dell'unità familiare che più facilmente possono subire le pressione del contesto allargato a potere subire delle conseguenze, come appunto dimostra la vicenda autobiografica raccontata da Giacomo Mazzariol (pubblicata da Einaudi Collana Stile Libero Extra nel 2016, con il titolo Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più) e trasposta in film da Cipani.

Il film - fatta salva qualche interpolazione necessaria per  rendere più fluida la sua sintassi - segue in modo piuttosto aderente il racconto scritto.
Alcuni hanno detto che il libro di Mazzariol (e il film) rappresenti la risposta italiana a Wonder (libro e film che ne è stato tratto): in effetti è così, anche se - ovviamente - vi sono delle differenze sia legate al contesto sia al tipo di "diversità" di cui viene raccontato. Anche se in Wonder vi è un fronte familiare compatta accanto al piccolo protagonista della vicenda, mentre nel racconto di Mazzariol è lo stesso Giacomo che, in un momento ben preciso della sua storia di evoluzione sociale e di costruzione del Sè, ripudia il fratello Gio affetto da Sindrome di Down salvo a ricredersi e a ritrovare il giusto e armonico equilibrio affettivo, con una riapertura e una dichiarazione in qualche modo "pubblica", attraverso un videoclip, divenuto rapidamente virale, "The simple interview".

Io stesso, nel vedere il film e nel leggere il libro, ho avuto una serie di flashback che mi hanno riportato indietro agli anni della mia pre-adolescenza e adolescenza e al difficile compito di mediare in quegli anni tra le istanze sociali nuove con cui iniziavo a confrontarmi e il fatto di avere un fratello disabile. Benchè in famiglia vi fosse la precisa consapevolezza di essere uniti affettivamente e motivati per costituire un team affiatato in cui il problema della disabilità di mio fratello doveva essere condiviso e gestito da tutti, senza distinzioni, l'avere un fratello disabile ha creato dentro di me - indubbiamente - delle risonanze e delle titubanze che, quando mi sono ritrovato davanti alle prime aperture nel sociale, hanno plasmato in qualche misura la costruzione del mio carattere, portandomi in taluni casi a scelte di isolamento piuttosto che di coraggiosa apertura.
Penso certamente che libri come questi (e i relativi film che a loro sono stati ispirati) dovrebbero essere fatti leggere nelle scuole o essere letti e illustrati ad alta voce dai docenti e poi discussi con gli allievi, poichè hanno da insegnare veramente tanto sui temi dell'accettazione e dell'integrazione, non in maniera teorica ma in modo semplice e diretto fondato su fatti realmente accaduti.

Chi ha tratto interesse a questi due racconti potrebbe trovare utile iun confronto con la priva prova letteraria di Mariapia Veladiano, La vita accanto (Einaudi, 2011), nella quale si racconta dell'infelice Rebecca, nata in una famiglia di rango sociale marchiata dalla sfortuna - sin dalla nascita - di essere palesemente brutta e, per questo, sin dalla nascita, rifiutata dalla madre e condannata ad una vita di semi-reclusione, dalla quale si salverà soltanto grazie al suo talento naturale e dal fatto che alcune delle persone che la circondano le vogliono bene, malgrado la sua bruttezza. Il racconto della Veladiano contraddice radicalmente il detto popolare "Ogni scarrafone è bello 'a mamma sua". In effetti si può essere condannati ad una forma di severo ostracismo per la propria malattia o bruttezza (e, in fondo, cos'è la malattia se non un'offesa alla purezza dei canoni estetici che si vorrebbero garantiti per sé e per i propri cari?). Ma anche il libro della Veladiano conferma l'assioma che sono gli affetti a salvare le persone e che anche nelle situazioni di più estreme di rifiuto affettivo possono aprirsi delle vie insperate per incanalare l'affettività e per ricevere l'affetto necessario ad un sano sviluppo psico-affettivo.

 

 

Mazzariol, Mio fratello rincorre i dinosauri, Einaudi Stile Libero Big, 2016

Giacomo Mazzariol, Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più, Einaudi (Stile Libero Extra), 2016

(Risguardo di copertina) Ci sono voluti dodici anni perché Giacomo imparasse a vedere davvero suo fratello, a entrare nel suo mondo. E a lasciare che gli cambiasse la vita.
Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, questo fratello, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire «supereroe». Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che sí, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l’adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era cosí sbagliata. Lasciarti travolgere dalla vitalità di Giovanni per concludere che forse, un supereroe, lui lo è davvero. E che in ogni caso è il tuo migliore amico. Con Mio fratello rincorre i dinosauri Giacomo Mazzariol ha scritto un romanzo di formazione in cui non ha avuto bisogno di inventare nulla. Un libro che stupisce, commuove, diverte e fa riflettere.
Insomma, è la storia di Giovanni, questa. Giovanni che ha tredici anni e un sorriso piú largo dei suoi occhiali. Che ruba il cappello a un barbone e scappa via; che ama i dinosauri e il rosso; che va al cinema con una compagna, torna a casa e annuncia: «Mi sono sposato». Giovanni che balla in mezzo alla piazza, da solo, al ritmo della musica di un artista di strada, e uno dopo l’altro i passanti si sciolgono e cominciano a imitarlo: Giovanni è uno che fa ballare le piazze. Giovanni che il tempo sono sempre venti minuti, mai piú di venti minuti: se uno va in vacanza per un mese, è stato via venti minuti. Giovanni che sa essere estenuante, logorante, che ogni giorno va in giardino e porta un fiore alle sorelle. E se è inverno e non lo trova, porta loro foglie secche. Giovanni è mio fratello. E questa è anche la mia storia. Io di anni ne ho diciannove, mi chiamo Giacomo.

L'Autore. Giacomo Mazzariol è nato nel 1997 a Castelfranco Veneto, dove vive con la sua famiglia. Nel marzo del 2015 ha caricato su YouTube un corto, The Simple Interview, girato assieme al fratello minore Giovanni, che ne è il protagonista. Giovanni ha la sindrome di Down. Il video ha avuto un'eco imprevedibile: i principali quotidiani gli hanno dedicato la prima pagina ed è stato commentato anche all'estero.
The Simple Interview è visibile su www.youtube.com/watch?v=0v8twxPsszY.html
Per Einaudi ha pubblicato Mio fratello rincorre i dinosauri (2016 e 2018) e Gli squali (2018).

Condividi post

Repost0

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth