Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
21 marzo 2020 6 21 /03 /marzo /2020 07:59
Palermo ai tempi del Coronavirus (foto di Maurizio Crispi)

Siamo a poco più di mese dall'arrivo del CoVid-19 in Italia, con il primo caso a Codogno e con l'identificazione della prima zona rossa.

Da quel momento, quello che ritenevamo impensabile è accaduto: e il Coronavirus ha cominciato a dilagare, sopratutto nelle Regioni del Nord.

L'impensabile: quello di cui finora avemo letto soltanto nei libri di fiction o nei film di scenari apocalittici cupi.

In Sicilia stiamo ancora vedendo ben poco... ma con i due successivi decreti del governo Conte che hanno determinato un giro di vite sulla libera mobilità delle persone il panorama è cambiato anche nel Sud, mentre - fatto salvi alcuni persistenti comportamenti irresponsabili - la paura ha cominciato a guadagnare terreno, grazie anche al martellamento H24 di notizie sul progredire dell'infezione che si susseguono come bollettini di guerra.

Le strade a Palermo già semivuote - se non vuote del tutto - in orari in cui usualmente sono caratterizzate da un traffico caotico, con gli ulteriori giri di vite si sono svuotate ulteriormente.

Il cielo è più limpido, però; l'aria meno inquinata. I volatili continuano indifferenti le loro attività. I gabbiani volteggiano alti nel cielo, stridono, scendono planando alla ricerca ddi cibo nei rifiuti abbandonati.

Tutti a casa, auspicabilmente. I radi passanti che si incrociano compiono manovre di evitamento e cercano di modificare la propria traiettoria, per evitare il contatto ravvicinato con i propri simili che vengono visti come potenziali appestati.

La città non è più nostra, ma un territorio desolato e ostile.

La sensazione è quella di essere prigionieri, in prigioni senza sbarre, attanagliati dalla paura, anche quando si cerca di rimanere ottimisti e minimizzare.

Ma sentendo le notizie delle morti, a centinaia, adesso, ogni giorno, viene davvero difficile minimizzare.

Ho sempre letto i libri di anticipazione catastrofisti e post-catastrofisti con interesse: tutte storie in cui l'Umanità si trova davanti ad un dilagante evento catastrofico e alle sue conseguenze, libri in cui con vividi tratti è rappresentata la fase della distruzione e del crollo totale dell'organizzazione societaria umana e poi quella della ricostruzione (laddove ciò sia possibile).

Grandioso,per esempio, "Il Giorno dei Trifidi" di John Wyndham, oppure "Io sono leggenda" di Richard Matheson (1954), ma al culmine di tutto porrei le prime 100 pagine - o giù di lì - del magistrale "L'ombra dello Scorpione" di Stephen King (The Stand, 1978), in cui si racconta di un epidemia simil-influenza sfuggita ad un laboratorio di armio biologiche e rapidamente diffusa a livello planetario.

Qui, la storia inizia con la morte di quasi tutta la popolazione dell'America settentrionale (e, presumibilmente, del mondo) in seguito alla dispersione di un'arma batteriologica sfuggita al controllo dell'uomo: un virus conosciuto con il nome formale di Progetto Azzurro (e in gergo come "Capitan Trips") mutazione letale dell'agente eziologico dell'influenza, caratterizzato da un tasso di infettività del 99,4% ed un tasso di mortalità per gli infetti del 100%. La prima sezione del libro, intitolata appunto "Capitan Trips", si svolge in un lasso di tempo di 19 giorni e racconta del quasi totale sterminio della specie umana ad opera del virus stesso. L'edizione completa del libro inizia con un prologo intitolato "Il cerchio si apre" che spiega come la super influenza sia sfuggita dal laboratorio in cui era stata creata (da wikipedia).


Viene delineato in questa narrazione uno scenario cupo e terribile che King utilizza ai fini dell'emergere di una spietata lotta tra il Bene e il Male (impersonato dal tristo personaggio Randall Flagg) che coinvolge i pochi sopravvissuti. Ma si può certamente dire che "Il Re" sia stato capace di predire un simile evento catastrofica con la forza narrativa che è il suo segno maggiore.

Lo scenario del Coronavirus in confronto è morbido, ma non meno terribile, visto che a seconda dei calcoli e delle stime si parla di una mortalità tra lo 0,6 e l'1% della popolazione, salvo che non vengano messe in atto contromisure efficaci (come l'isolamento degli individui e la riduzione marcata della liberà mobilità). Ma in ogni caso, si possono ipotizzare milioni di contagiati: e ancora non abbiamo visto niente. Poichè siamo appena all'inizio,non certamente alla fine.

Quello che è successo in Cina (estinzione dei nuovi casi) lascerebbe ben sperare: ma lì - anche se in ritardo - sono state messe in atto misure davvero drastiche ed eccezionali.

Così si avverte nella vita quotidiana, dopo poco più di un mese dallo sbarco del CoVid-19 in Italia?

Ci sente isolati e soli.

Ci si sente in pericolo, ovviamente.

Si è a repentaglio, sì. Uscendo, ci si espone, ma si espongono anche altri alla nostra presenza e chi è senza peccato (senza infezione) scagli la prima pietra.

Cosa fare? nessuno lo sa, se non lo stare a casa, mentre l'economia scricchiola sempre di più.

Si può immaginare di starsene tranquilli a leggere - chi ha il gusto della lettura - tutti quei libri che non si èancora mai avuto il tempo di leggere, oppure rileggere quelli che ci sono piaciuti di più.

Si può scrivere, come sto facendo io adesso, per convogliare pensieri ed emozioni.

Quelli che hanno il dono della fede possono pregare, naturalmente.

E poi non rimane altro da fare che meditare e riflettere, mentre una ridda di opinioni diverse si accavallano sui perchè e sui per come, sulla prevedibilità di ciò che sta accadendo, sulle eventuali - criminali - responsabilità, sul caso e sulla necessità e sul fatto che sicuramente, dopo, il mondo non sarà più lo stesso.

E qui mi fermo, per proseguire nei prossimi giorni con ulteriori aggiornamenti, quando mi sentirò di farlo.

 

Palermo, prima del Coronavirus (Foto di Maurizio Crispi)

(23 marzo 2020) Sono nella casetta in campagna. Ho sentito l'esigenza di ritirarmi qui anzichè fare avanti e indietro con la città, cosa che è diventata sempre più difficile ed aleatoria. Qui mi sento più libero, con la possibilità di entrare ed uscire all'aperto quando mi pare. Attorno non c'è nessuno: la casa è davvero molto isolata. Posso lavorare all'aperto quanto mi pare e occuparmi delle solite faccende: e questo dà una continuità al tempo di prima.

Sì, in effetti, questo è quello che sento: c'è un tempo di prima e un tempo di dopo: noi siamo in questo momento in una specie di terra di mezzo e ancora non sappiamo quando arriverà il tempo di dopo e come sarà.

Dormo come un ghiro: vado a letto presto e dormo più a lungo di quanto non accadesse nel tempo di prima.

Sogno tanto. Sogni a volte confusi e affastellati, a volte invece chiari e precisi.

Un tratto comune di questi sogni è che, in essi, incontro sempre una quantità di persone: vivo una vita sociale intensa e variegata sia con perfetti sconosciuti sia con persone che non vedo da tanto tempo.

E' come se i sogni mi garantissero una vita sociale, anche quella vita sociale fatta di contatti sporadici e di chiacchierate occasionali con le persone più disparate che si incontrano per strada, che adesso non posso più avere.

Qualche giorno fa, quando ancora ero a palermo, mi sono incrociato con una che portava a spasso il suo cane. Ed io il mio.

I due cani senza alcuna preoccupazione hanno voluto socializzare e mentre loro lo facevano dispiegando tutti i segni del loro linguaggio canino e gli inviti al gioco, io e la tizia - mantenendo la debita distanza - abbiamo chiacchierato del più e del meno. Niente di che, le solite informazioni che ci si scambiano tra padroni di cani quando si incontrano, solo qualche tangenziale riferimento alla situazione ma senza esserne oberati.

Poi, alla fine, ci siamo congedati ed io, andando via, le ho detto: "Grazie della piacevole conversazione!"

Di questi tempi, anche una banale conversazione si fa sempre più difficile anche tra persone che si incontrano occasionalmente, poichè - in linea generale - ciò che prevale è un atteggiamento di sospetto (come se tu, sconosciuto, fossi un potenziale untore-propagatore di virus), ma soprattutto una disastrosa perdita della leggerezza e del senso dell'ironia. Se si fa una battuta scherzosa, nel tentativo di alleggerire la tensione le persone ti guardano ottusamente, come se non capissero o non volessero capire.

Vorrei che, per qualche istante, i giornalisti non ci parlassero più nei notiziari dei calciatori che, in contravvenzione alle norme che valgono per i cittadini normali, vengono testati alla ricerca di un'eventuale positività anche quando non sono sintomatici. Vorrei che su queste notizie assolutamente irrilevanti si stendesse un velo di silenzio. Detto molto francamente dei calciatori non me ne frega nulla, se non in quanto esseri umani: che se stiano a casa e che vengano testati con il tampone soltanto se diventano sintomatici, come tutti.

Ecco, mi piacerebbe che in un ipotetico tempo di dopo, il Calcio professionistico venisse ad essere fortemente ridimensionato senza essere come il centro dell vita di tutti e che si possa ritornare a modelli di vita più semplici e più francescani.

E intanto arrivano notizie di terremoti, come quello che ha colpito Zagabria, fortunatamente, a quanto pare senza vittime.

In questo accavallarsi di notizie negative, è come se si potesse intravedere un preannuncio di Gaia (ricordate James Lovelock? Sì, penso di sì!) che si riscuote per cercare di ridurre l'eccessiva pressione e il tormento che il genere umano le infligge da decenni.

E per oggi è tutto.

 

Festa di carnevale a scuola (foto di Maurizio Crispi)

(24.03.2020) Un altro giorno è andato...

Vivo (viviamo) giorno per giorno, in attesa,

Siamo tutti locked down, a livello planetario.
Mi fa davvero antipatia questa parola: dopo che è stata usata da quel puzzolone di Boris Johnson (che, personalmente, non posso sopportare), tutti i giornalisti italiani, da bravi imitatori linguistici anglofili non fanno che usare questa parola: ma abbiamo molti altri termini italiani che si potrebbero usare per dire la stessa cosa...
E poi, questa parola mi fa pensare ad una drammatica sindrome neurologica che è la Locked-in Syndrome (anche nota come "Pseudocoma"), immortalata in un bellissimo film "Lo Scafandro e la farfalla". Chi l'ha visto ricorderà. Finiremo con l'essere tutti come degli zombie locked-in?

Ieri, sono passato dal piccolo supermercato di San Nicola l'Arena. Si entrava uno alla volta, ogni volta che all'interno "si liberava un posto". Uno entra e uno esce. ma qui sono tranquilli. Non c'è un eccessivo allarme. Tutti con la mascherina, alcuni anche i guanti usa e getta, di tutti i tipi.

Mentre aspetto il mio turno all'esterno, uno si affaccia al balconcino al primo piano sovrastante il supermarket. L'inferriata del balconcino è tutta tappezzata con una stoffa bianca (è un'usanza delle nostre parti, di vecchia data, pensata in origine per impedire a sguardi indiscreti di penetrare dal basso sotto le gonne delle donne di casa, ma di solito si utilizzano dei drappi vivacemente colorati). La stoffa bianca mi ha colpito e ha attivato la mia ironia, sicchè ho detto al tipo che con aspetto sonnacchioso guardava in basso verso la strada: "Anche il balcone si è messo la mascherina!" Ma la mia ironia non è stata colta (sigh, sigh). Il tizio ha soltanto bofonchiato qualche parola per dire che si era appena alzato dal letto, del resto dove avrebbe potuto andare? E così, fine dell'interazione.

Nei frangenti drammatici, l'ironia e l'auto-ironia (come anche la capacità di sorridere e di ridere) possono servire se non a cambiare la gravità delle cose a ridurne l'impatto emotivo... Ricordiamoci del film di Benigni "La vita è bella"...

Ho scoperto ieri sera che esisteva già un decreto dal governo pubblicato sulla gazzetta ufficiale che decretava a partire dal 30 gennaio lo stato di emergenza nazionale.

Questa, molto francamente mi era sfuggita, per difetto di informazione da parte mia probabilmente.

Anche stanotte ho fatto una quantità di sogni sempre pieni di persone e di incontri caleidoscopici, ma non avendoli appuntati al momento del risveglio notturno, li ho dimenticati del tutto.

Mi chiedo - e di questo si dibatte alla radio - potremo stare chiusi in casa (con misure via via più strette) per un altro mese oppure per due o tre o forse anche quattro mesi. E che ne sarà dell'istruzione dei nostri bambini?

E cosa dire dell'organizzazione della nostra società e del nostro assetto democratico?
Ancora una volta mi vengono in mente i molti romanzi catastrofisti che ho letto e che sono stati scritti dai loro autori per dare vita ad una sorta di test a tavolino per esercitarsi a pensare - e ad ipotizzare - il dopo catastrofe, quando in tempi veloci o lenti si verifica il crollo dell'organizzazione societaria.

E qui mi viene in mente uno straordinario romanzo di Philip K. Dick, La penultima verità, di cui magari parlerò un'altra volta.

Mentre scrivo queste parole, fuori piove ed è grigio, ma all'orizzonte intravedo il profilo lontano ed inconfondibile di Alicudi.

Ed intanto sento i gabbiani onnipresenti che stridono.

E so per certo che da qualche parte, fermi al riparo, ci sono l'upupa e la poiana, in attesa di riprendere i lori voli.

Anche le tortore, solitamente molto rumorose, oggi hanno spento il loro richiamo.

Voglio inserire qui di seguito la Favola del Colibrì che tanti commenti ha suscitato.

LA FAVOLA DEL COLIBRÍ
Un giorno nella foresta scoppiò un grande incendio. Di fronte all'avanzare delle fiamme, tutti gli animali scapparono
terrorizzati mentre il fuoco distruggeva ogni cosa senza pietà.
Leoni, zebre, elefanti, rinoceronti, gazzelle e tanti altri animali cercarono rifugio nelle acque del grande fiume, ma ormai l'incendio stava per arrivare anche lì.

 

Colibrì (fonte web)

Mentre tutti discutevano animatamente sul da farsi, un piccolissimo colibrì si tuffò nelle acque del fiume e, dopo aver preso nel becco una goccia d'acqua, incurante del gran caldo, la lasciò cadere sopra la foresta invasa dal fumo. Il fuoco non se ne accorse neppure e proseguì la sua corsa sospinto dal vento.
Il colibrì, però, non si perse d'animo e continuò a tuffarsi per raccogliere ogni volta una piccola goccia d'acqua che lasciava cadere sulle fiamme.
La cosa non passò inosservata e ad un certo punto il leone lo chiamò e gli chiese: "Cosa stai facendo?".
L'uccellino gli rispose: "Cerco di spegnere l'incendio!".
Il leone si mise a ridere: "Tu così piccolo pretendi di fermare le fiamme?" e assieme a tutti gli altri animali incominciò a prenderlo in giro. Ma l'uccellino, incurante delle risate e delle critiche, si gettò nuovamente nel fiume per raccogliere un'altra goccia d'acqua.
A quella vista un elefantino, che fino a quel momento era rimasto al riparo tra le zampe della madre, immerse la sua proboscide nel fiume e, dopo aver aspirato quanta più acqua possibile, la spruzzò su un cespuglio che stava ormai per essere divorato dal fuoco. Anche un giovane pellicano, lasciati i suoi genitori al centro del fiume, si riempì il grande becco d'acqua e, preso il volo, la lasciò cadere come una cascata su di un albero minacciato dalle fiamme.
Contagiati da quegli esempi, tutti i cuccioli d'animale si prodigarono insieme per spegnere l'incendio che ormai aveva raggiunto le rive del fiume. Dimenticando vecchi rancori e divisioni millenarie, il cucciolo del leone e dell'antilope, quello della scimmia e del leopardo, quello dell'aquila dal collo bianco e della lepre lottarono fianco a fianco per fermare la corsa del fuoco.
A quella vista gli adulti smisero di deriderli e, pieni di vergogna, incominciarono a dar manforte ai loro figli.
Con l'arrivo di forze fresche, bene organizzate dal re leone, quando le ombre della sera calarono sulla savana, l'incendio poteva dirsi ormai domato.
Sporchi e stanchi, ma salvi, tutti gli animali si radunarono per festeggiare insieme la vittoria sul fuoco.
Il leone chiamò il piccolo colibrì e gli disse: "Oggi abbiamo imparato che la cosa più importante non è essere grandi e forti ma pieni di coraggio e di generosità. Oggi tu ci hai insegnato che anche una goccia d'acqua può essere importante e che «insieme si può» spegnere un grande incendio. D'ora in poi tu diventerai il simbolo del nostro impegno acostruire un mondo migliore, dove ci sia posto per tutti, la violenza sia bandita, la parola guerra cancellata, la morte per fame solo un brutto ricordo".

Anche il balcone indossa la mascherina (San Nicola l'Arena, Trabia, PA) - Foto di Maurizio Crispi

Anche il balcone indossa la mascherina (San Nicola l'Arena, Trabia, PA) - Foto di Maurizio Crispi

Davanti ad una casa di riposo per anziani di Santa Flavia (Foto di Maurizio Crispi)

(25 marzo 2020) Si accavallano i provvedimentio e si va verso ulteriori giri di vite. Le vittime tornano a vrescere, anche si nota in alcune zone una deflessione della curva dei contagi. Nello stesso tempo si comincia ad ipotizzare che i contagiati possano essere molti di più (una cifra non quantificabile), a causa delfenomeno sommerso che non può essere monitarato, poichè allo stato attuale si fanno i tamponi solo ai contatti degli individui risultati sintomatici e testati.

Si parla di proseguire con le misure eccezionali sino al 31 luglio che è il termine previsto, allo stato attuale, per lo stato di emergenza nazionale decretato il 30 gennaio scorso.

I lavoratori del settore dei carburanti minacciano una serrata.

Cosa accadrà se dovessero andare in tilt internet e la telefonia mobile?

Non sono certo scenari allegri: se poi si amplia l'orizzonte dello sguardo al panorama internazionale c'è ancora meno da stare ottimisti. A New York, ad esempio, l'infezione dilaga rapidamente. In Europa, la Spagna è in corsa (si fa per dire) per raggiungere il primato delle vittime.

Per fortuna, non ho più sentito parlare di calciatori e il tormentone Olimpiadi è stato in qualche modo accantonato con la decisione ultima da parte del Comitato olimpico di rimandarle a tempi più allegri.

Concentriamoci su noi stessi, dunque.

Ritorniamo a noi e alle nostre piccole cose quotidiane.

Ma non è tanto semplice.

Io mi sento a disagio, per non dire inquieto.

Il mio senso dell'ironia e dell'autoironia, qui, oggi è miseramente fallito: ma spero soltanto per poco. Spero che il mio ottimismo potrà riprendere il sopravvento o almeno fare da elemento equilibratore.

Piove fitto questa mattina. E me ne sto confinato a casa.

La notte è stata agitata, con molti sogni che adesso non ricordo più., ma mi sono svegliato di frequente con lunghi periodi di veglia ansiosa.

Rimangono sempre i conforti della lettura e della scrittura.

Ci sono tre zone dichiarate rosse in Sicilia, una a Villafrati, non distante da Palermo, dove il contagio è stato portato da una donna avventata e imprudente che, tornata dal Nord Italia (con la fuga di massa concomitante al Decreto Conte sulla prima stretta) ha pensato bene di andare a salutare il nonno degente in una casa di riposo per anziani, con il risultato di 69 contagiati e di una vittima. Pensate un po'.

 


Ieri parlavo del romanzo di quel grande visionario che è stato Philip K. Dick, "La Penultima verità".
Perchè mi veniva in mente?

Il romanzo è piuttosto complesso e dirò soltanto la parte della trama che qui mi interessa per il suo impatto allegorico: in un mondo futuribile si è combattuta con armi nucleari devastanti la Terza Guerra Mondiale e i sopravvissuti si sono ritirati a vivere sottoterra in enormi formicai sotterranei.I dittatori della popolazione che se ne sta sottoterra, con lo scopo di mantenere ordine e disciplina nella cornice di una ferrea condizione di emergenza, fanno in modo che i cittadini del mondo sotterraneo continuino a credere che la guerra sia ancora in corso, mandando in onda nei notiziari finte riprese video, in modo tale da distoglierli dal desiderio di risalire alla superficie per ricostruire una società fondata sulle regole della democrazia.

Ognuno tragga da questa metafora le conclusioni che preferisce.

Io penso che in questo contesto che ci ritroviamo a vivere potrebbero verificarsi grandi rivolgimenti, senza che nessuno abbia modo di accorgersene.

Una cena frugale (foto di Maurizio Crispi)

(26.03.2020) ieri, dove mi trovo, come nel resto della Sicilia credo, ha piovuto fitto tutto il giorno. Bassa la temperatura percepita. Una pioggia necessaria all'agricoltura, ma tale da intristire.
Ma del resto si deve stare a casa: quindi, con la pioggia continua, c'è un ottimo motivo per stare dentro e ci si sente alleggeriti.

Dopo una lunga lotta, derivante dal fatto che mi ero incaponito a usare della legna tagliata di fresco, sono riuscito ad avviare la stufa e ho potuto godere dentro casa di un piacevole tepore, portando la temperatura interna sino alla meraviglia di 16°.

Poi nel corso della notte notte la pioggia è cessata ed è subentrato il vento, a raffiche.

Durante i miei risvegli, mi sembrava di essere su di un bastimento a vela, sballottato e scricchiolante.

Ho sognato vividamente e dei sogni di questa notte ricordo bene un frammento in cui io, in abiti talari bianchi e con una candida papalina sul capo, mi ritrovavo a ricevere Papa Francesco che arrivava con numerosi prelati al suo seguito. Ero alquanto imbarazzato alla sua presenza e mi sentivo goffo ed incapace di gestire adeguatamente il mio corpo in tali solenni circostanze. L'unico pensiero cosciente che mi attraversava la mente era che avrei dovuto levarmi quello zucchetto come se fosse un qualsiasi copricapo che uno alza dalla testa in segno di saluto oppure fare una riverenza e un baciamano. Ma rimanevo lì impalato come un ebete.

Che il sogno volesse dirmi che in questo frangente occorre rientrare nell'alveo consolatorio della fede? O che occorra lasciare entrare nel proprio cuore una figura salvifica e taumaturgica? Oppure ero io stesso che, nel sogno, mi facevo papa per guarire me stesso dalla paura?

Le notizie si accavallano, tutti dibattono.Sono tante le cose che si sentono dire, in testa a tutti le teorie complottiste. Certo è che - a sentire gli economisti - dalle ceneri del mondo percorso dal Coronavirus potrebbe nascere nuove configurazioni. Delrestoalcune delle grandi pestilenze nella storia dell'Umanità hanno cambiato letteralmente il corso della Storia.

Poi ci sono quelli che invocano l'arrivo di un vaccino efficace, costi quel costi (anche senza la necessaria sperimentazione, quindi come farmaco "eroico), altri che lo paventano.

Ci sono quelli che vorrebbero utilizzare farmaci di dubbia efficacia ancora e dai probabili effetti tossici (non ancora adeguatamente testati) da somministrare agli individui risultati infetti e/o ammalati.

Tutto e il contrario di tutto. E questo certamente non giova.

E' vero sicuramente che in questa situazione di dèbacle economica su scala mondiale ci saranno delle aziende che, se puntano sul cavallo giusto, si arricchiranno (vedi il caso dell'Avigan di cui tanto si discute adesso), come anche potranno trarne vantaggio i broker poichè - a seconda delle notizie circolanti - alcune azioni andranno giù e altre saliranno alle stelle (anche sulla base di fake news).

E questo è quanto.

Comincia un nuovo giorno e staremo a vedere.

Mi sono ricordato adesso (in realtà me lo sono ricordato mentre leggevo "Il velo dipinto" che ho finito ieri) che una volta, in Spagna, mi ritrovai nel bel mezzo di un'epidemia di colera.

Era il 1971 ed ero ancora studente di medicina. Allora non esistevano gli Erasmus, ma erano da poco stati avviati degli "scambi" tra studenti universitari. Avevo partecipato alle selezioni ed ero stato assegnato ad un piccolo ospedale spagnolo nella piccola cittadina di Palencia. Ero partito conla mia gloriosa 500 Fiat ed ero stato prima per oltre un mese in UK. Da lì mi spostai con un mio collega sino alla Spagna. Anche lui ci andava per lo stesso motivo, ma era destinato ad un'altra città. Quando arrivammo in prossimità della frontiera (eravamo in era pre-Schengen) avemmo (da una telefonata con i nostri familiari) la notizia dell'epidemia. Cercammo dunque un posto dove farci vaccinare (poichè era disponibile il vaccino) e ottenemmo la vaccinazione. Ci dissero che nei giorni successivi avremmo avuto qualche linea di febbre, ma che si sarebbe trattato di una normale reazione: "Quindi non preoccupatevi", aggiunsero. In realtà, questo ospedaletto a cui ero assegnato non era proprio a Palencia, ma in una cittadina limitrofa di cui non ricordo il nome: ricordo soltanto nei pressi della struttura sanitaria, un castello turrito cupo e tenebroso (che, tra l'altro, non era visitabile). Mi assegnarono una stanza spoglia, quasi monacale, con un lettino di metallo smaltato. niente alle pareti per allietare lo sguardo.

Nessuno si interessò a me, non mi venne dato alcun compito. Passai lì, i primi due giorni febbricitante, chiuso tra quelle quattro mura: i pasti me li portavano in camera. Mi sentivo come un recluso.

Quando stiedi meglio cominciai ad uscire per brevi passeggiate nei dintorrni. Dopo una settimana la mia resistenza si frantumò: decisi di andarmene e di partire per un tour attraverso la Spagna con una mia cugina  ed un un altro collega del nostro corso, anche loro profughi da analoghe situazioni. E quel viaggio fu memorabile.Ma questa è tutta un'altra storia.

 

Esercizio commerciale di Palermo che ha chiuso anzitempo per mancanza di clienti (Foto di Maurizio Crispi)

Il mio aggiornamento di oggi

(27.03.2020) Seguendo i notiziari e gli aggiornamenti si constata che le cose peggiorano a vista d'occhio nel dilagare dell'infezione da Covid-19. E' giusto tenersi informati, ovviamente.
Ma l'interesse ossessivo per gli ultimi notiziari non giova all'umore generale, questo è certo!
Vogliamo poter vedere degli spiragli, delle possibili aperture. Si gioisce, per esempio, se si osserva una lieve deflessione del numero dei nuovi casi registrati o dei morti. Ma è sollievo di poco conto poter constatare questo, perché poi i numeri riprendono a lievitare: ed in ogni caso bisogna tenere d'occhio il quadro globale,ciò che avviene nel mondo intero.
E siamo appena all'inizio.
Certo è che, leggendo con attenzione alcune fonti attendibili, che non sarà cosa breve. Alcuni parlano di tutto il 2020 e forse anche del 2021, con numeri molto alti di infetti e di morti nel mondo intero.
Ci sarà da preoccuparsi quando l'infezione prenderà piede in India, dove le misure di lockdown, già disposte peraltro, non potranno essere attuate, perché lì molta parte della popolazione non ha semplicemente una casa dove richiudersi.
In uno dei miei risvegli notturno riflettevo che bisogna cessare di desiderare spasmodicamente la fine di tutto questo, da un giorno all'altro, come per miracolo.
Quando si desidera spasmodicamente una cosa, sistematicamente il nostro desiderio rimane deluso.
Occorre smettere di desiderare e concentrarsi piuttosto sul momento presente.
La filosofia di vita degli Alcolisti Anonimi può tornarci utile.
Smettere di pensare al domani, concentrandoci unicamente all'oggi.
La nostra preoccupazione primaria è concentrare le nostre forze nell'oggi, non sono quelle fisiche, ma anche quelle mentali e spirituali.
Domani è un altro giorno, di là da venire. Domani si vedrà.
Quello che conta è transitare bene in ciascun giorno, senza chiedersi come sarà tra sei mesi e un anno. Questo ci aiuterà sicuramente a vivere meglio.
Ricordo che quando facevo le gare podistiche di 100 km, soprattutto all'inizio di quell'esperienza, scoprii che per essere resiliente, dovevo rinunciare a pensare al traguardo finale, concentrandomi piuttosto su quello - più pensabile - del successivo posto di ristoro a 5 km di distanza.
Questo atteggiamento mentale ti porta anche a concentrarti sul singolo passo che ti trovi a compiere, e così vai avanti, un passo dopo l'altro, sino a compiere i centomila passi dell'intera distanza (o giù di lì, un po' più o un po' meno, a seconda della velocità della tua traslazione nello spazio).
Mi ha anche colpito il fatto che dopo aver sognato due notti fa di incontrare il Papa, io stesso essendo vestito in abito talare, oggi Il Papa affacciandosi sul sagrato di una Piazza di San Pietro totalmente e surrealmente vuota impartirà una benedizione solenne Urbi et Orbi: e basta pensare in questo caso al potere dell'energia psichica messa in movimento dal fatto che decine di milioni di persone si ritroveranno a pregare contemporaneamente.
E, ritornando alla filosofia AA c'è da dire che questa consente anche a chi non è credente di affidarsi ad una forza superiore, un'Entità X che nei dodici punti AA mai viene nominata poiché ognuno deve costruirsela dentro di sé e con essa autonomamente dialogare, senza alcuna mediazione.
Il segreto degli AA è quello di una resa ad un potere superiore e l'accettazione della propria piccolezza, il che implica l'abbandono della hubrys che tanti danni fa a livello individuale e planetario.
Ieri ho anche ascoltato un'intervista ad Enzo Bianchi, il fondatore della comunità di Bose, che ha parlato a lungo del dramma delle centinaia e centinaia di persone che muoiono da sole senza il conforto dei propri familiari e senza il conforto dei riti della fede che aiutano il trapasso.
Dobbiamo riflettere a quei morti, nel momento in cui - come dicono le testimonianze - nelle cittadine del Nord le campane suonano a morto con una frequenza inaudita: come John Donne recita nel suo poema, quelle campane a morto ci riguardano, esse suonano anche per noi.

Intanto, si ridisegnano le mappe della prossemica. Ieri sono stato al piccolo supermercato dove mi servo abitualmente. E qui sono rimasto infastidito dal fatto che alcuni avventori (sempre ammessi all'interno in modo contingentato) mi venivano troppo vicini. Si instaurava tra me e costoro una specie di danza in cui io cercavo sempre di fare un passo indietro o di lato per mantenermi a distanza di sicurezza. Ho notato che un mio vecchio articolo sulla prossemica, pubblicato in questo blog, è stato all'improvviso attenzionato da molti lettori. aperto da molti lettori
Non è bello che ciò accada, ma tant'è.

Papà Francesco sul sagrato della Basilica di san Pietro, ill 27 marzo 2020 (fonte web)

(28 marzo 2020) Ieri ho avuto modo di scorrere un ottimo articolo di Raffaele Alberto Ventura su "La società iatrogena" che merita di essere letto e meditato. Il suo autore si dilunga sul fatto che questa pandemia sia l'autentica "tempesta perfetta" che nasce dall'incontro tra il piccolo virus Covid-19 e i meccanismi globalizzati del mondo del XXI secolo, quali rapidità dei trasporti, interconnessioni, delocalizzazioni, sovraffollamento etc.
In un certo senso - sostiene Ventura in modo documentato ed argomentando ampiamente - siamo noi stessi ad aver creato le condizioni necessarie per la diffusione del virus, in quanto è il nostro modo di vivere che ne facilità la diffusione su scala planetaria.
Mi è molto piaciuto che Ventura, nel contesto della sua dissertazione, abbia inserito un ampio riferimento a Ivan Illich e ad uno dei suoi testi più acclamati, "Nemesi Medica" che io ebbi modo di leggere quando ero ancora studente di medicina e che mi pose in una posizione utilmente critica nei confronti di certe prassi mediche super-tecnologiche.

Ciò che accade a noi oggi andrebbe, del resto, inquadrato in un contesto ben più ampio che è quello del progressivo ed inarrestabile degrado del nostro pianeta, a causa delle innumerevoli azioni di inquinamento e depredamento delle risorse, prima del tutto (o quasi) inconsapevoli, ma oggi sempre più condotte cinicamente sulla base della logica del profitto.

Questo libro è stato scritto dalla francese Fred Vargas, pseudonimo letterario di una ricercatrice in archeozoologia presso il Centro nazionale francese per le ricerche scientifiche e autrice di una serie di poziesca che ha come protagonista il commisssario Adamsberg.

Si tratta di un saggio che esamina in modo documentatissimo (alla faccia dei cosiddetti climato-scettici, guidati dai tracotanti Trump e Bolsonaro) le attuali condizioni di degrado inarrestabile delle condizioni climatiche e di esaurimento di alcune delle risorse chimiche fondamentali per il mantenimento della vita sul nostro pianeta. 
Il titolo del volume è "L'umanità in pericolo. Facciamo qualcosa subito" (Einaudi, 2020). non c'è davvero molto di che stare allegri.  Vi esorto a leggerlo, anche se di questi tempi, si tratta di lettura che non fa certamente sollevare il nostro umore.

Fred Vargas, L'umanità in pericolo. Facciamo qualcosa subito, Einaudi, 2020

(dal risguardo di copertina) Per anni, le élite politiche e finanziarie hanno nascosto la verità. Senza una drastica riduzione delle emissioni di CO2, entro il 2100 fino al 75% degli abitanti del pianeta potrebbe essere annientata da ondate di calore. Cambiare non è solo auspicabile, spiega Fred Vargas, ma necessario. Dobbiamo modificare la nostra dieta per incidere sempre meno sul cambiamento climatico; ridurre drasticamente la produzione di rifiuti e passare all’energia pulita. Lavorando insieme, riflettendo e immaginando soluzioni, l’umanità può ancora cambiare rotta e salvare sé stessa e il pianeta.

Se si colloca quanto sta accadendo con il Covid-19 in questo contesto, ci si renderà conto che siamo di fronte ad un tassello soltanto di una catastrofe di ben più ampie proporzioni e che ci stiamo avvicinando rapidamente al punto di non ritorno.

Ma non venitemi a che ciò che capita "sta semplicemente succedendo" e che noi lo subiamo come povere vittime innocenti. Non ci sono i quattro cavalieri dell'Apocalisse inviati da un dio irato a punirci, ma siamo noi stessi (in quanto uomini) i responsabili del disastro imminente.
A nostra discarica possiamo soltanto dire che noi siamo ostaggi delle lobby e di poteri occulti che manovrano soltanto per il proprio profitto: ma questa non è una giustificazione sufficiente, poichè noi - pur esecrandolo a parole - siamo i primi ad usufruire di tutti i vantaggi offerti da quel sistema di consumismo globale che sta rovinando il nostro pianeta e che ha creato le premesse per quanto sta accadendo con l'attuale pandemia. Sarebbe ora che quanto stia accadendo potesse essere colto come il segno per ridisegnare le mappe di un possibile sviluppo e di attivare nuove tecnologie, oppure affrontare coraggiosamente la necessità di tornare a condizioni di vita meno tecnologiche. Pensiamo, ad esempio, alla comunità degli Amish (che, pur con diverse variegatur,e continua a vivere come i primi pellegrini di più di due secoli addietro, rifiutando in maniera radical-fondamentalista qualsiasi nuova tecnologia).

Continuo ad essere assillato dalle narrazioni post-catastrofiste che ho assorbito nel corso degli anni: e si presentano segni indicativi del fatto che la realtà potrebbe superare i reami della fiction. Mi ha colpito sicuramente la notizia che un grande centro commerciale di Palermo (un grande Liddle, per l'esattezza) è stato preso d'assalto da "cittadini" che pretendevano di portarsi a casa i carrelli pieni senza pagare (accampando che non avevano più soldi per far fronte alle necessità quotidiane). Un singolo episodio che lascia presagire scenari cupi.
O anche la notizia altrettanto preoccupante del rialzo dei prezzi al dettaglio nel campo alimentari, con - in alcuni casi - ilraddoppio del costo di alcuni articoli. Per non parlare poi deelricarico astronomico praticato senza scrupoli su alcuni presidi anti-contagio, quali mascherine e guanti.
Fatti che sono intimamente correlati l'un con l'altro quasi due facce della stessa medaglia, poichè il rialzo predatorio dei prezzi (che in alcuni casi può ritornare ad accendere fantami del passato, come quello dei borsaneristi del tempo della II Guerra Mondiale) trova il suo correlato nei comportamenti altrettanto predatori di altri che ritengono di non potere più pagare simili prezzi inflazionati e che è venuto il momento di servirsi da soli (oppure perchè non ci sono più soldi per poter sopravvivere: basti pensare a tutti quelli che lavoravano nel'economia sommersa e che non potendo più giustificare i propri spostamenti sono costretti a stare a casa).
Di fronte a questi fenomeni si aprono due strade possibili: o il rinforzo delle misure di polizia che limiterebbe ulteriormente le libertà civili oppure l'attivazione di uno stato di guerriglia sociale.

Non è un caso che, negli Stati Uniti, dove l'allargarsi dell'epidemia procede ad un ritmo galoppante, ad essere presi d'assalto non sono stati i supermercati e i templi del consumismo commerciale, ma i negozi d'armi.

A fronte di tutto questo mi ha colpito la solenne immagine di papa Francesco che, al cospetto di una Piazza di San Pietro totalmente vuota ha impartito una solenne benedizione Urbi et Orbi, con indulgenza plenaria per tutti.
 

Pandemic gioco da tavolo

 

E intanto per esorcizzare la paura e il disagio ecco che è stato diffuso un gioco da tavolo che si chiama Pandemic e che serve ai giocatori costretti a casa ad esorcizzare la paura e a provare l'ebbrezza di tentare di sconfiggere con un lancio di dadi e con abili mosse il dilagare pandemico. Ma non è certo un gioco ciò che ci salverà.

 

Condividi post

Repost0
23 febbraio 2020 7 23 /02 /febbraio /2020 09:24

La Parata di Carnevale del Quartiere Noce a Palermo si è svolta il 20 febbraio 2020, alla sua quarta edizione.
L'iniziativa, varata quest'anno con il titolo : “Diritti in maschera, Carnevale alla Noce”, a stata dall’Associazione "A Strummula".
Sono state coinvolte le scuole E. De Amicis, A. Ugo, D. Almeyda, Manzoni - Impastato oltre all'Istituto Valdese.
Ciascuna scuola ha scelto un tema rappresentativo nell'ambito del vasto ventaglio di opzioni sui "Diritti in maschera" attraverso il quale raccontare i diritti nelle loro più diverse declinazione dall'ambito sociale, all'inclusività, alla lettura e all'ambiente e alla sua salvaguardia.
Tutte le scuole hanno lavorato a questo fine, con i propri studenti in modo laboratoristico, in modo tale che la rappresentazione delle tematiche scaturisse proprio dalla creatività - pur guidata - degli alunni.

Carnevale alla Noce 20230 (4^ edizione) - foto di Maurizio Crispi

L'Istituto Valdese (che conosco meglio perchè lo frequenta mio figlio Gabriel) ha scelto l’ambiente, con riferimento al diritto di poter vivere pienamente la bellezza della natura, che va preservata e valorizzata. Per tale motivo il percorso laboratoristico, che ha permesso di preparare la sfilata ha preso il titolo di "Carnevale in fiore".
I bambini e le bambine, dopo essersi raccolti in Piazza Noce hanno sfilato attraverso il quartiere Noce accompagnati dalle loro insegnanti.
Le strade sono state chiuse al traffico con blocchi mobili grazie all'intervento e alla costante supervisione della Polizia Municipale.

E' stata una bella manifestazione ricca di suoni e di colori, di divertimento ed allegria, in un quartiere che possiede di suo un'elevata densità multietnica e che, quindi, è per sua natura vario e colorato, con i gruppi di ciascuna scuola contraddistinti dai propri allestimenti tematici, ma tutti all'insegna del rispetto dei diritti civili, dell'inclusività sociale, della connessione in reti sociali allargate e del rispetto dell'ambiente.

Donne in sari, donne con il velo, bambini con la pelle di colori diverso: tutto ciò era rappresentato nella realtà vivente dei piccoli attori e dei genitori presenti: e dunque il tema dei "diritti" espresso attraverso le maschere è risultato particolarmente pertinente.
Altrettanto grande è stata la partecipazione del quartiere,: con tanti affacciati alle finestre e ai balconi ad applaudire e in taluni casi per poter vedere i propri piccoli congiunti sfilare.

Non è tutto rose e fiori naturalmente: alla gioia del momento facevano da sfondo la presenza di cumuli di rifiuti non raccolti (e teniamo conto che il quartiere della Noce è uno dei quartieri di Palermo dove non si fa ancora la raccolta differenziata): qui il Comune (e per esso il Comitato di quartiere) avrebbe potuto provvedere con una pulizia straordinaria, proprio per mettere all rione l'abito della festa, come sarebbe stato giusto - e bello - fare.
L'altro neo è stato quello del traffico che, benchè arginato dalla presenza della Polizia Municipale - e opportunamente deviato con blocchi mobili - si è fatto sentire con le sue sterili proteste e lamentele che, nei nostri climi (ma Milano non è diversa sotto questo profilo) sono inevitabili non appena è leso il diritto del cittadino di spostarsi a bordo della sua auto, come e quando vuole.

Condividi post

Repost0
20 ottobre 2019 7 20 /10 /ottobre /2019 09:08
Alberi stroncati a Monte Pellegrino (Foto di Maurizio Crispi)

(Aprile 2019) Dopo molto tempo di sedentarietà e di brevissime uscite, anche a causa di un ginocchio traballante, un giorno mi son deciso e sono partito di prima mattina per fare una passeggiata da casa sino al Santuario di Santa Rosalia, zaino in spalla. Ed è stata anche la prima passeggiata di una certa lunghezza che mi sono deciso a fare dopo la morte di Frida, compagna fedele di corse e passeggiate, a gennaio.
E ce l'ho fatta, camminando di buona lena (secondo le mie possibilità) in 1h40' circa, percorrendo la Scala Vecchia e facendo anche alcuni tornanti della strada più moderna.
Questa passeggiata è stata per me fonte di grande gioia.
Innanzitutto, perché ho potuto dimostrare a me stesso che ce la potevo fare, malgrado gli acciacchi e la disabitudine al movimento e al tarlo della sedentarietà. E, in secondo luogo, perché ho potuto vivere il gusto dell'avventura di "casa mia": la sensazione cioè di aver a portata di mano il vasto mondo senza dover compiere grandi spostamenti per raggiungerlo, assieme a quella sensazione - altrettanto impareggiabile - dell'essere da solo nel silenzio e nella natura.
Ho avuto il piacere di constatare che tante cose sono rimaste identiche, mentre altre sono cambiate. Ho notato come dopo il devastante incendio di alcune estati fa, alcuni passaggi prima ombreggiati da grandi pini siano adesso del tutto spogli e desolati, non solo lungo le prime rampe della Scala Vecchia, ma anche lungo il suo tratto finale.
Qui, addirittura, sembra di vedere le vestigia di un'antica foresta pietrificata con tronchi calcinati dal fuoco che sono rimasti in piedi, mentre altri schiantati dal fuoco sono rimasti per terra come giganti uccisi che nessuno ha più rimosso.
Mi chiedo, considerando che Monte Pellegrino è una Riserva naturale orientata (la cui gestione è affidata al gruppo Rangers d'Italia) a chi dovrebbe spettare il compito di far pulizia delle macerie che il fuoco ha lasciato a terra e di mettere a dimora nuovi alberi per far in modo che i fianchi della montagna tornino ad essere coperti da un bosco.
Inoltre, un tempo, in diversi punti della montagna c'erano dei vaccari che qui portavano le mucche al pascolo e quindi molti tratti di terreno scoperto erano tenuti puliti dalle erbe infestanti in questo modo.
Adesso, essendo divenuto il Monte territorio della Riserva queste pratiche sono state escluse oppure sono cadute in disuso (considerando anche che oggi nessuno vuole più fare questi lavori), levando però un importante volano per il mantenimento della pulizia dei terreni, elemento primario - d'altra parte - per una più efficace protezione dagli incendi. Mi chiedo se gli ambientalisti nel proclamare il rispetto totale di determinati ambienti non pecchino di una forma di ottuso fondamentalismo, determinando come effetto paradossale di una pratica che vuole essere protezionistica e di tutela a condizioni di abbandono che poi sfociano (laddove arrivino degli incendi accidentali o, peggio, dolosi) in devastazioni e perdita delle caratteristiche che per l'appunto si intendevano preservare.

 

Ex-voto dedicati a Santa Rosalia (Foto di Maurizio Crispi)

L'arrivo al Santuario è stato come sempre emozionante. Quando sono entrato nella cappella-grotta sono stato subito contagiato dalla intrinseca forza del luogo, dalla sua sobrietà e dalla sua permanenza, immutata, nel tempo. Se si visita la grotta, e si legge prima la descrizione che ne fa Goethe (che salì qui nel corso del suo viaggio in Sicilia, parte del Grand Tour che egli compi in Italia), si può avere l'impressione che il tempo sia rimasto da allora fermo ed immutato.
Altrettanto bella è la prosecuzione della passeggiata verso il belvedere (un chilometro più in là) dove è stata eretta su di un plinto di cemento e marmo una grande statua di una santa Rosalia ieratica che fronteggia il mare e il lontano orizzonte. Questo è un luogo dove i fidanzati vengono a giurarsi eterno amore e dove, oltre alle loro scritte su fogli di cartone o di plastica, legano i propri lucchetti, come pegno della durata dell'amore, alla maniera di quanto è descritto in "Tre Metri sopra il Cielo", caso eclatante della finzione che entra d'impeto, in un gioco di emulazione e di specchi, nella vita reale (con la conseguente cascata di imitatori ed emuli a partire dai lucchetti legati a quintali sui lampioni di Ponte Milvio a Roma.
Il belvedere è un posto davvero magico perché si ha la sensazione di essere esattamente a metà tra la terra e il cielo e in vista del perfetto cerchio dell'orizzonte là dove mare e cielo si confondono in un una caligine blu, mentre barche a vela e bastimenti solcano le acque. Una visione d'incanto e evocativa de L'Infinito di Leopardi.

Santa Rosalia, statuetta in una cappella votiva a mezza via della Scala Vecchia di Monte Pellegrino (foto di Maurizio Crispi)

Quando mi allenavo seriamente con la corsa, salivo a Monte Pellegrino almeno una volta alla settimana, se non due. Qui, alla piccola cappella votiva dedicata a Santa Rosalia, alla metà circa della prima serie di rampe (le più dure, quanto a pendenza) sostavo sempre per un paio di minuti in meditazione. E raccomandavo alla Santa le persone che mi erano più care. Non pratico assiduamente la religione, eppure ci sono delle cose in cui credo fermamente. E d'altra parte i luoghi di culto dedicati ai santi diventano spesso dei luoghi di preghiera trasversali a molte religioni.
Forse non molti sanno che per molti dello Sri Lanka e di Mauritius il cammino per salire sino sino alla Grotta di Santa Rosalia è un percorso devozionale molto frequentato. Ogni domenica mattina, su e giù per la Scala vecchia c'è una vera e propria processione.
Anche questa volta, dopo tanti anni, mi sono fermato davanti alla piccola cappella a meditare, a dedicare pensieri alle persone che mi sono care e a quelle che non ci sono più, e a osservare gli ex voto.
Dopo questa sosta rigeneratrice sono ripartito di buona lena, lasciandomi alle spalle la parte più dura della Scala Vecchia.

Condividi post

Repost0
25 maggio 2019 6 25 /05 /maggio /2019 12:17
Carlo Lucarelli, Navi a perdere, Einaudi Stile Libero Big 2019

Navi a perdere (Einaudi, Collana Stile Libero Big, 2019)  è un racconto-inchiesta di Carlo Lucarelli sulle cosiddette "Navi dei Veleni", navi che scompaiono all'improvviso o che affondano con tutto il loro carico e di navi che, accindentalmete sfuggono all'affondamento e si spiaggiano, rivelando la vera natura di ciò che trasportano. E allora l'affondamento o il tentativo di affondamento assume tutto un altro significato, specie se investigatori intraprendenti e tenaci, uomini che cercano la Verità, si mettono a fare dei collegamenti con altri affondamenti..
Si potrà osservare, guardando tra le soglie del testo che il copyright di Lucarelli è del 2008. Evidentemente, Il racconto-inchiesta, prima di essere trasformato in volume, è stato una sua inchiesta televisiva. In effetti, con il titolo "Navi a perdere - Il mare dei veleni", fu anche oggetto di una trasmissione del programma "Blu Notte", nel 2011.
Il racconto scritto nel classico stile "parlato" di Lucarelli (quello delle inchieste nei palinsesti televisivi) si segue con straordinario interesse, mentre l'autore ci conduce per mano nei meandri della corruzione e del sistema degli affari illeciti che ruota attorno allo smaltimento dei rifiuti tossici, offrendoci un riassunto documentatissimo sulle inchieste che si sono sviluppate a partire dal caso clamoroso della Jolly Rosso che, per errore di calcolo, sfuggì all'affondamento doloso e si spiaggiò, rivelando la natura del suo carico.
Si legge in un paio d'ore.
Avvincente.

(Soglie del testo) All'improvviso affondano, oppure finiscono spiaggiate. E a nessuno importa come e perché. Sono le «navi a perdere». Che cosa trasportano?
Cargo che si arenano su coste isolate e per avarie misteriose, container che spariscono, investigatori che muoiono per cause dubbie. Sono solo alcuni degli episodi su cui si concentra Carlo Lucarelli cercando di seguire il filo rosso di un commercio illegale e poco conosciuto. Il suo è un romanzo-inchiesta, avvincente come un giallo, che dagli anni Ottanta arriva fino a oggi. «L’idea è questa, che qualcuno prenda una nave, la carichi di robaccia piú o meno dichiarata (meglio meno), la porti a fare un giro in mare e poi simuli un naufragio. La nave cola a picco con tutto il suo carico piú o meno (ma sempre meglio meno) dichiarato, ed ecco fatto. Tra l’altro, a giocarsela bene, magari si intascano anche i soldi dell’assicurazione».

L'Autore. Carlo Lucarelli (Parma, 1960) è autore di romanzi, saggi e sceneggiature. Tra i suoi ultimi libri usciti per Einaudi Stile Libero, Albergo Italia (2014), Il tempo delle iene (2015), Intrigo italiano (2017) e Peccato mortale (2018). Questi ultimi due romanzi hanno segnato il ritorno sulla scena del commissario De Luca, già protagonista di una trilogia (pubblicata in origine da Sellerio e ora da Einaudi Stile Libero) che comprende Carta bianca, L'estate torbida e Via delle Oche. Sempre per Einaudi Stile Libero ha pubblicato il romanzo-inchiesta Navi a perdere (2018). Da molti anni conduce trasmissioni televisive in cui ripercorre celebri casi criminali esaminandone gli aspetti rimasti oscuri.

Condividi post

Repost0
4 novembre 2018 7 04 /11 /novembre /2018 08:24
Rachel Carson, Primavera silenziosa (Silent Sspring), Feltrinelli

C'è un mercatino bio vicino a casa mia. Ogni sabato mattina.
Sin dall'inizio e per tutta la mattina c'è un flusso continuo di persone che vanno a fare la spesa.
Sono felici quando arrivano, festosi quasi, e sono felici quando vanno via, con un'epsressione di soddisfazione dipinta in volto.
Hanno la certezza di avere acquistato roba genuina.

Ma sarà poi vero? Io non so, personalmente.
So per certo tuttavia che il mondo non può essere diviso a comparti.
Se un agente inquinante è diffuso nell'ambiente, può arrivare molto lontano dal punto di immissione sia attraverso l'aria, sia con l'acqua, sia per mezzo di una serie di altri vettori che entrano a far parte della piramide alimentare degli esseri viventi.
Lo ha detto questo Rachel Carson nel suo "Primavera Silenziosa" (Silent Spring), opera di tutta una sua vita e presto divenuto un libro di culto considerato un vero e proprio manifesto seminale dell'ambientalismo.
Chi coltiva prodotti bio non può isolarsi con le paratie stagne dal resto di un mondo inquinato e quindi...
Rimane tuttavia il fatto che coloro che comprano e acquistano prodotti bio sono animati da una fede incrollabile che il sogno di un mondo incontaminato sia realizzabile ancora oggi.
E vanno avanti convinti che prodotti che incarnano la purezza edenica originaria siano tutt'ora accessibili.
E' per questo che sono felici quando comprano e mangiano prodotti bio.
La loro è una credenza, una fede, una religione.
Buon per loro, perchè così riescono ad essere felici.
Ma è una felicità, la loro, che si alimenta grazie ad un'illusione. Ciò nondimeno, è felicità: e la ricerca della felicità, anche al prezzo del vivere con delle illusioni, va rispettata.

Condividi post

Repost0
9 luglio 2018 1 09 /07 /luglio /2018 07:41
Tracce. Quelle dei Cristiani vastasi sono fatte di monnezza

Un cartello è stato esposto a Mondello (la nota e frequentata spiaggia di Palermo), nei pressi de "L'ombelico del Mondo": vuole rappresentare una piccola "storia" targata WWF contro i "Cristiani vastasi" che insozzano ed inquinano, e offrire lo spunto per una meditazione sostanzialmente malinconica.
Le tracce dei "Cristiani", nel senso lato di "human being", maleducati e incuranti, sono purtroppo fatte di monnezza... Sembra non esserci scampo a questo male anche da parte di coloro che si commuovono davanti alle specie in pericolo di estinzione e che ne contemplano la bellezza.

Bisognerebbe, invece, imparare a fare ciascuno la propria parte. Invece di aspettarsi che un servizio comunale provveda alle pulizie (il che che ci lascia un implicito lasciapassare a lasciare sporcizia al nostro passaggio, una sorta di giustificazione morale), bisognerebbe esercitarsi quotidianamente negli elementari doveri civici.

Pensate: se ciascuno di noi, ogni giorno, si chinasse a raccattare da terra una bottiglia di vetro abbandonata, un pezzo di carta, un giornale appollottolato (o qualsiasi altra cosa), le nostre città sarebbero più pulite.

In fondo siamo direttamente responsabili dell'incuria e dell'abbandono: dovremmo imparare che tutto ciò ci riguarda e cha siamo noi personalmente ad avere la possibilità di fare pendere l'ago della bilancia verso un mondo più pulito e sostenibile.

Io, personalmente, mi sforzo di farlo: così come raccatto da terra la cacca del mio cane, così , con un minimo sforzo, durante le mie uscite quotidiane a piedi non manco di raccogliere la monnezza da terra. E per fortuna i cestini della spazzatura non mancano e in questo periodo vengono svuotati abbastanza sollecitamente.

Dobbiamo invertire la tendenza e tornare ad una società in cui ciascuno si senta personalmente responsabile della tutela del bene comune.

Anche qualcun'altro ha scritto di questa locandina: brevi considerazioni con il titolo "Noi Palermitani".

Ecco di seguito il link

Condividi post

Repost0
22 aprile 2016 5 22 /04 /aprile /2016 19:42
Earth Day 2016. Consume less, live more!

Earth Day - Giornata Mondiale della Terra - 2016Oggi 22 aprile 2016 si celebra l''Earth Day, la Giornata Mondiale della Terra.
Dovunque in Italia e nel mondo sono stati organizzati eventi aggregativi all'insegna della tutela e del rispetto dell'ambiente.
Fatto storico, al Summit sul clima che ha avuto luogo all'ONU, i rappresentanti (capi di Stato o loro delegati) di 175 nazioni ONU hanno firmato la Carta che si impegna a tenere la crescitadell'inquinamento da CO2 sotto il 2% annuo, incluso anche Kerry in rappresentanza di Obama, per cercare di ridurre il tasso di crescita della "febbre" del Pianeta. Ora o mai più: se non si interviene adesso, significativamente, dopo sarà troppo tardi.
Nulla di più calzante che riesumare in questa circostanza una mia foto di alcuni anni fa, a un graffito che recita "Consume less, live more"
Vivere senza "consumare", ma prendendo soltanto il poco che ci è necessario: questa sì che sarebbe una bella sfida...
A tutti, dovrenno far leggere e studiare Walden. La vita nei boschi di Henry David Thoreau... che dovrebbe diventare negli anni futuri, soprattutto per i più giovani, una bibbia dell'ambientalismo e del rispetto della Natura.
Dobbiamo entrare in un diverso ordine di idee, cercando di cambiare paradigma, prima che sia troppo tardi.

 

"Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e per vedere se non fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi, e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto. Non volevo vivere quella che non era una vita, a meno che non fosse assolutamente necessario. Volevo vivere profondamente, e succhiare tutto il midollo di essa, vivere da gagliardo spartano, tanto da distruggere tutto ciò che non fosse vita, falciare ampio e raso terra e mettere poi la vita in un angolo, ridotta ai suoi termini più semplici […]". (cap. II, 1988, pp. 152 sg.)

Henry David Thoreau, Walden, ovvero la Vita nei Boschi

Il discorso integrale di Leonardo Di Caprio,

al Summit sul Clima, all'Onu, nell'Earth Day(22 maggio 2016)

Thank you, Mr. Secretary-General, your excellencies, ladies and gentleman, and distinguished guests. I’m honored to be here today, I stand before you not as an expert but as a concerned citizen, one of the 400,000 people who marched in the streets of New York on Sunday, and the billions of others around the world who want to solve our climate crisis.

As an actor I pretend for a living. I play fictitious characters often solving fictitious problems.
I believe humankind has looked at Climate Change in that same way: as if it were a fiction, happening to someone else’s planet, as if pretending that Climate Change wasn’t real would somehow make it go away.

But I think we know better than that. Every week, we’re seeing new and undeniable Climate Events, evidence that accelerated Climate Change is here now.

We know that droughts are intensifying, our oceans are warming and acidifying, with methane plumes rising up from beneath the ocean floor. We are seeing extreme weather events, increased temperatures, and the West Antarctic and Greenland ice-sheets melting at unprecedented rates, decades ahead of scientific projections.

None of this is rhetoric, and none of it is hysteria. It is fact. The scientific community knows it, Industry and Governments know it, even the United States military knows it. The Chief of the U.S. Navy’s Pacific Command, Admiral Samuel Locklear, recently said that Climate Change is our single greatest security threat.

My Friends, this body - perhaps more than any other gathering in human history - now faces that difficult task. You can make history...or be vilified by it.

To be clear, this is not about just telling people to change their light bulbs or to buy a hybrid car. This disaster has grown BEYOND the choices that individuals make. This is now about our industries, and governments around the world taking decisive, large-scale action.

I am not a scientist, but I don't need to be. Because the world’s scientific community has spoken, and they have given us our prognosis, if we do not act together, we will surely perish. Now is our moment for action.

We need to put a pricetag on carbon emissions, andeliminate government subsidies for coal, gas, and oil companies. We need to end the free ride that industrial polluters have been given in the name of a free-market economy, they don't deserve our tax dollars, they deserve our scrutiny. For the economy itself will die if our eco-systems collapse.

The good news is that renewable energy is not only achievable but good economic policy. New research shows that by 2050 clean, renewable energy could supply 100% of the world’s energy needs using EXISTING TECHNOLOGIES, and it would create millions of jobs.

This is not a partisan debate; it is a human one. Clean air and water, and a livable climate are inalienable human rights. And solving this crisis is not a question of politics.It is our moral obligation - if, admittedly, a daunting one.

We only get one planet. Humankind must become accountable on a massive scale for the wanton destruction of our collective home. Protecting our future on this planet depends on the conscious evolution of our species.

This is the most urgent of times, and the most urgent of messages.

Honored delegates, leaders of the world, I pretend for a living.

But you do not. The people made their voices heard on Sunday around the world and the momentum will not stop. And now it’s YOUR turn, the time to answer the greatest challenge of our existence on this planet... is now.

I beg you to face it with courage. And honesty. Thank you.

---

Grazie, Signor Segretario Generale.

Eccellenze vostre, signore e signori, e ospiti illustri. Sono onorato di essere qui oggi, mi rivolgo a voi non da esperto, ma come un cittadino portatore di interesse, una delle 400.000 persone che hanno marciato per le strade di New York domenica, e miliardi di altri in tutto il mondo che vogliono risolvere la crisi climatica.

Come attore "fingo" per vivere. Gioco ad essere personaggi fittizi. Spesso a risolvere problemi fittizi.
Credo che l'umanità abbia trattato i cambiamenti climatici nello stesso modo: come se fosse una finzione, succede a qualche altro pianeta, come se fingendo che cambiamenti climatici non fossero veri, in qualche modo se ne vadano.

Sappiamo che non e' così. Ogni settimana, vediamo nuovi e innegabili eventi nel clima: la prova che i cambiamenti climatici accelerano, è qui, ora.

Sappiamo che le siccità si stanno intensificando, che i nostri oceani si stanno riscaldando e acidificandosi, con colonne di metano che salgono da sotto il fondo dell'oceano. Stiamo assistendo ad eventi estremi meteorologici, temperature elevate, le calotte dell'Antartide e della Groenlandia si sciolgono a ritmi senza precedenti, con decenni di anticipo rispetto alle previsioni scientifiche.

Niente di tutto questo è retorica, niente e' isteria. Sono fatti. La comunità scientifica lo sa, l'industria e i governi lo sanno, anche il corpo miliare degli Stati Uniti lo sa. Il capo del Comando della Marina del Pacifico degli Stati Uniti, l'ammiraglio Samuel Locklear, ha recentemente affermato che i cambiamenti climatici sono la nostra unica, principale minaccia per la sicurezza.

Cari amici, questo gruppo - forse più di ogni altro incontro nella storia umana - deve ora affrontare un compito difficile. Si può fare la storia qui ... o sara' la storia a villificarvi.

Occorre ssere chiari: qui non si tratta solo di dire alla gente di cambiare le lampadine o comprare una macchina ibrida. Questo disastro è cresciuto oltre le scelte che ciascun individuo possa fare. Si tratta delle nostre industrie e dei governi di tutto il mondo che devono prendere azioni decisive, su larga scala.

Io non sono uno scienziato, ma non ho bisogno di esserlo. Perche' la comunità scientifica mondiale ha parlato, e ci hanno dato la prognosi: se non agiamo insieme, periremo. Adesso è il nostro momento di agire.

Abbiamo bisogno di mettere un costo sulle emissioni di carbone, ed eliminare i sussidi governativi per il carbone, il gas, e le compagnie petrolifere. Dobbiamo porre fine alla corsa libera di inquinatori e industriali che hanno potuto fare di tutto in nome di una libera economia di mercato. Non meritano i nostri soldi delle tasse, meritano la nostra vigilanza. Perche' l'economia stessa morira' se muore il nostro eco-sistema.

La buona notizia sta nel fatto che l'energia rinnovabile non solo e' una politica economica realizzabile ma buona. Le nuova ricerche mostrano che nel 2050 l'energia pulita e rinnovabile potrebbe fornire il 100% del fabbisogno energetico del mondo, con tecnologie esistenti, creando milioni di posti di lavoro.

Questo non è un dibattito di parte, è un dibattito umano. L'aria pulita, l'acqua, un clima vivibile sono diritti umani inalienabili. E risolvere questa crisi non è una questione di politica. E ' il nostro obbligo morale - anche se, certamente, difficile.

Abbiamo solo un pianeta. L'umanità deve diventare responsabile su larga scala per la distruzione della nostra casa collettiva. Proteggere il nostro futuro su questo pianeta dipende dall'evoluzione cosciente della nostra specie.

Questo è il più urgente dei tempi, e il più urgente dei messaggi.

Onorevoli delegati, i leader del mondo, io fingo per vivere.

Ma voi no. I cittadini hanno fatto sentire la loro voce domenica scorsa in tutto il mondo e l'impeto non si fermerà. E ora è il vostro turno, il tempo per rispondere alla grande sfida della nostra esistenza su questo pianeta è adesso.

Vi prego di affrontare il problema con coraggio ed onestà.

Grazie.

 

Condividi post

Repost0
30 novembre 2015 1 30 /11 /novembre /2015 06:47
Trasporti sostenibili e fonti energetiche alternative. A Bristol è in funzione il primo bio-bus

Da poco tempo questa parte in UK (nella municipalità di Bristol) è in funzione il primo "cacca-bus", un mezzo pubblico alimentato a gas biometano, uno speciale compostaggio realizzato dalla fermentazione dei rifiuti organici.
La cosa più interessante è che ai fini della produzione de gas bio-metano sono stati utilizzati non rifiuti organici (scarti alimentari ed escrementi) presi a caso, ma quelli prodotti (e misurati con precisione, in termini di quantità) da cinque persone in un anno: bene, si è verificato che la quantità di bio-metano così prodotta è in grado di generare una quantità di energia che garantisce circa 300 chilometri di percorrenza.
Le immagini poste sulla fiancata di questo primo - sperimentale - green bus sono eloquenti: personaggi diversi, gente comune, intenti in diverse attività, ma ciascuno seduto su di un WC.
Questo tipo di approccio spiritoso e umoristico è in linea con lo spirito pragmatico britannico e da noi troverebbe mille ostacoli, dettati dal senso della decenza e dalla totale mancazna di senso dell'ironia.

 

Il Bio Bus ha fatto il suo esordio nel regno Unito sulla tratta che va dalla stazione ferroviaria di Bath all’aeroporto di Bristol. Stando ai primi risultati, la qualità dell'aria trarrebbe un grande vantaggio dal basso impatto ambientale del bus "green" e "ecofriendly".
Per quanto riguarda i costi invece, a causa della lavorazione, sarebbero equiparabili a quelli della benzina.
Ma in questo caso non si tratterebbe di un combustibile fossile.
Al contrario, il carburante del "cacca-bus" proviene da una fonte facilmente rinnovabile.

L'esperimento del bio-bus è che si possono percorrere strade alternative.

We’ve launched the first UK bus powered on gas generated from recycling food waste and treating sewage – the Bio-Bus! Television personality Stefan Gates took the first journey on the bus, which is refuelled at GENeco’s gas to grid plant at Bristol sewage treatment works. GENeco produces enough biomethane at the plant to power almost 8,500 homes as well as providing gas for the Bio-Bus which can travel around 300km on a full tank. Per approfondimento vai a questo sito: www.geneco.uk.com Per informazioni inviare una mail a: @ukgeneco

Condividi post

Repost0
29 dicembre 2014 1 29 /12 /dicembre /2014 18:05

In Sicilia, a fine anno, meteo di tregenda ed eruzione dell'Etna. E ancora si attende il gelo

 

(da www.meteoweb.eu/) Il 2014 ha deciso di chiudere col "botto", con tanti fenomeni naturali estremi degni di un anno così bizzarro per la meteorologia, la vulcanologia e la sismologia italiana. Dal non-inverno dello scorso anno fino all’estate fredda e piovosa, le alluvioni dell’autunno, i tanti disastrosi tornado, le drammatiche frane e inondazioni che hanno provocato decine di vittime, ma anche le precipitazioni da record storico in tutto il nord Italia, senza precedenti nella climatologia del nostro Paese. E’ stato un anno bizzarro e movimentato anche per i terremoti e i vulcani, con le eruzioni dell’Etna e dello Stromboli, spettacolare, in piena estate, e i tanti movimenti sismici in varie Regioni d’Italia, da nord a Sud, soprattutto nelle ultime settimane, dalla Toscana al Molise, dall’Umbria alla Calabria appunto.

Non poteva esserci una fine differente per un 2014 così estremo: il 28 dicembre 2014 abbiamo avuto una violenta e improvvisa eruzione dell’Etna. Dai crateri a quota 2.900 metri è fuoriuscita una fontana di lava accompagnata da esplosioni. L’attivita’ si concentra nella zona sommitale. La presenza di nubi basse e nebbia impedisce una visione strumentale dell’evento rilevata però dall’aumento dell’ ampiezza improvvisa del tremore dei condotti magmatici dell’Etna sotterranei. Esperti dell’Ingv di Catania si sono recati sul posto per un sopralluogo diretto.

Poi, in serata, il terremoto 4.4 che ha scosso tutta la Calabria. E non è finita qui. Nei prossimi tre giorni, gli ultimi tre giorni del 2014, il centro/sud vivrà uno dei più grandi eventi meteorologici degli ultimi decenni: un’ondata di gelo e neve da record che farà crollare le temperature di oltre 13-14°C sotto le medie del periodo provocando eccezionali nevicate fin sulle spiagge di tutte le Regioni meridionali, con accumuli persino a Palermo, Messina, Reggio Calabria e Catania, oltre che in Puglia e in tutte le zone interne. Saranno tre giorni eccezionali che chiuderanno un anno particolarmente estremo.

 

 

etna-06_28.12.2014.jpg

In Sicilia, a fine anno, meteo di tregenda ed eruzione dell'Etna. E ancora si attende il gelo

Condividi post

Repost0
3 ottobre 2013 4 03 /10 /ottobre /2013 06:55

Corso di giardinaggio urbano (1^ ed.). Organizzato dal Guerrila Gardening Palermo dal 10 ottobre 2013Come è noto per "Guerrilla Gardening" si intende una forma di giardinaggio "politico", che è sostanzialmente una forma di azione non violenta diretta, praticata soprattutto da gruppi ambientalisti. Questi movimenti sono solitamente legati alla permacultura o alle problematiche riguardanti i diritti della terra.
Gli attivisti rilevano un pezzo di terra abbandonato, che non appartiene loro, per farci crescere piante o colture.
Certi gruppi di guerrilla gardening compiono le loro azioni (attacchi) durante la notte, in relativa segretezza, per seminare e prendersi cura di un nuovo tappeto vegetale o tappeto fiorito. Altri lavorano più apertamente, cercando di coinvolgere le comunità locali.
Si è sviluppato nella forma di attivismo pro-attivo o pro-attivismo.

Il Guerrila Gardening può avere diversi obiettivi ed operare sia in terreni agricoli abbandonati sia in territori urbani, allo scopo di migliorare la vivibilità di ambienti degradati e, quindi, può prednere come oggetto d'attenzione un'aiuola abbandonato, un piccolo appezzamento abbandonato tra edifici di cemento, trasformandolo di nuovo in giardino, sarchiando la terra, mettendovi a dimora nuove piantine.

In genere, dopo che il lavoro è stato effettuato, viene lasciato un cartello, come segno tangibile del passaggiodel gruppo operativo di Guerrilla Gardening, invitando i cittadini di quel territorio a rispettare quel lavoro e, eventualmente, a farene carico.
Il principio su cui si basano le azioni del Guerrilla Gardening è quello di rovesciare la dominante passivizzazione del cittadino e spingerlo a sentirsi responsabile dei beni appartenenti alla comunità, suggerendo che se tutti si prendessero carico di una piccola cosa che li circonda, potremmo indubbiamente vivere in un mondo migliore, senza più stare nella vana attesa che arrivio dei "professionisti" o degli "stipendiati" per sanare certi problemi ambientali.
In molte città italiane esistono dei gruppi di Guerrila Gardening attivi.

Così anche a Palermo, ormai da diversi anni.

Il gruppo Guerrilla Gardening di Palermo, coerentemente con la sua linea di azione e con i suoi obiettivi, organizzaper la prima volta un "Corso di Giardinaggio Urbano" che si svolgerà il 10 ottobre, alle ore 9.00, nella sede di AddioPizzo di Palermo (via Lincoln), dando a tutti così la possibilità di poter divenire un vero "Guerrillero del Verde".
Purtroppo, il corso si terrà in orari mattuttini di giornate lavorative e ciò impedirà a molti che siano interessati, ma impegnati in altre attività lavorative, di partecipare.

Sarebbe stato auspicabile, certamente, scegliere un orario più praticabile per tutti.

 

Il Corso verrà tenuto dalla D.ssa Salamone (Patologa Vegetale c/o il CRA), sarà suddiviso in 4 Lezioni da due ore ciascuna (vedi locandina per programma) e verterà sulla conoscenza delle caratteristiche delle piante e del loro possibile uso nell'ambito urbano.

Il tutto finalizzato all'acquisizione di una serie di strumenti spendibili nella quotidianità ed utili anche per la realizzazione di una vera e propria Guerrilla (sarà prevista anche l'applicazione pratica delle conoscenze acquisite durante 2 Guerrille programmate ad hoc).

L'iniziativa vede la partecipazione entusiasta di Addiopizzo, realtà virtuosa con cui Guerrilla Gardening Palermo ha già iniziato un percorso comune.

Per la partecipazione al Corso sarà necessario inviare una mail a guerrillagardeningpalermo@gmail.com indicando nome, cognome e numero di telefono.

I posti disponibili sono limitati e, quindi, nel caso di un numero di iscrizioni superiori ai posti, varrà come ordine di preferenza la data di ricezione delle mail, pregando coloro i quali abbiano ricevuto esito positivo da parte nostra di onorare poi tale possibilità con la partecipazione a tutti e 4 gli incontri, visto che la propria presenza necessariamente escluderà qualcun altro parimenti interessato.

Il Corso - sostanzialmente autofinanziato - prevede un contributo volontario di €5.00 e si svolgerà nelle date e negli orari riportati in locandina presso la sede di Addiopizzo, Via Lincoln 131 Palermo.

Condividi post

Repost0

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth