Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
29 dicembre 2017 5 29 /12 /dicembre /2017 09:06
Dean R. Koontz, La voce della notte, Bompiani (Tascabili), 2003

Molti dei romanzi del primo Koontz prima che raggiungesse la notorietà sono stati pubblicati non in hard cover ed erano indubbiamente mediamente più brevi dei romanzi della sua maturità.
E in questa prima fase Koontz si è dilettato a scrivere di vari generi, prima di conquistare una sua cifra più definita con una prosa che assume in alcuni tratti una modalità trasognata che si interseca variamente con il dispiegarsi di alcune situazione estreme.
La voce della notte (The voice of the night, nella traduzione di Maria Barbara Piccioli), pubblicato in lingua originale nel 1986, ha fatto la sua comparsa in traduzione italiana solo sei anni dopo, nel 1992, con RCS Libri) ed è stato più volte ristampato in edizioni tascabili. L'ultima in ordine di tempo, quella nei Tascabili Bombiani del 2003.
La soglia del testo - cioè la nota situata in quarta di copertina - promette grandi cose, ma il risultato è modesto e il Lettore rimane lievemente deluso.
E' come se nei suoi passi iniziali Koontz volesse descrivere ciò che accade in termini di dinamiche relazionale nel costiuirsi di una cooppia di futuri serial killer, in cui uno dei due (Roy Borden) è l'elemento dominante, con un profilo fortemente psicopatico e fondamentalmente amorale. Mentre il suo deuteragonista, un Colin timido ed impacciato, sembra trovare in lui un punto di riferimento autorevole e un plinto su cui appoggiare anacliticamente una sua personalità ancora debole ed incerta, che lo rende sovente vittima di azioni di bullismo da parte degli alunni della scuola che frequenta.
E questo è l'esordio: tuttavia poi l'azione devia, come se l'autore non avesse la forza o il coraggio di esplorare questa tematica sino alle estreme conseguenze. Avrebbe voluto essere cattivo, ma non c'è riuscito sino in fomdo. Ma questa è una cifra ricorrente anche nelle opere successive di Koontz, anche in quelle più sofisticate e complesse: la tendenza a voler dare ai suoi lettori una soluzione che sia sempre consolotaria e rassicurante, malgrado i più tortuosi - e, a volte, terribili - percorsi seguiti dai suoi personaggi. Una differenza profonda rispetto a Stephen King le cui storie, per quanto spesso con un (parziale) lieto fine, si presentano con una maggiore carica perturbante. In ogni caso, per entrambi gli scrittori, vale il principio fondamentale dello story telling: quello cioè _ al di là dell'etichettatura di genere - di costruire dei percorsi affabulativi per i loro personaggi. Ciò che conta non è la conclusione (come nei gialli classici), ma il viaggio attraverso le righe.
Infatti, per tornare al nostro romanzo, Colin che - nel frattempo - si innamora di una coetanea - grazie alla acquistata sicurezza come indubbio vantaggio dello stare all'ombra di Roy - e ne è ricambiato, decide di fermarsi dal percorrere questa strada e rompe il patto di sangue con il suo mentore che, a questo punto, prende a perseguitarlo.
Colin decide allora di interrompere questa spirale di violenza, per salvare se stesso e la sua ragazza.
E si va così verso il finale.
Non è dunque un romanzo cattivo, come ci sarebbe aspettati date le premesse e come prometteva la nota di copertina.
Finisce con l'essere un romanzo moraleggiante, con un finale quasi lieto, ma si fa leggere.
Cìè da interrogarsi quali saranno i destini di Roy e della sua ragazza, forgiati da una così dura prova.
Ma questo l'Autore non ce lo dice.

(dalla quarta di copertina) Il timido, goffo, impacciato Colin ha improvvisamente trovato il suo migliore amico in Roy Borden, che - al contrario di lui - ha tutto per piacere e riuscire con successo. Ma è proprio l'amicizia tra i due ragazzi che spinge Colin a seguire Roy in una investigazione che riguarda un orrendo crimine commesso vent'anni prima. L'amicizia dei due adolescenti assume l'aspetto di un'ossessione, poi quello di una sinistra avventura. E' l'inizio di una discesa agli inferi che sconvolge tutta la tranquilla cittadina di Santa Leone.

Condividi post

Repost0

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth