Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
24 dicembre 2017 7 24 /12 /dicembre /2017 10:33
AUtori Vari, 666, Edizioni Leima, 2016

I 18 racconti contenuti nell'antologia 666 (Edizioni Leima, 2016) sono stasti selezionati attraverso un contest letterario, promosso in occasione del Palermo Horror Fest 2015: si trattò di un concorso letterario, promosso dagli organizzatori del festival in collaborazione con la Casa editrice Leima, avente come tema il numero della Bestia e aperto soltanto ai racconti brevi del Terrore, un genere questo dalla ben consolodata tradizione. I iacconti, suddivisi in tre diverse sezioni composta ciascuna da 6 racconti (rispettivamente Criminal Minds, Ghost Whisperer, The X-Files) promuovono giovani scrittori emergenti e sono tutti di buona qualità, capaci di evocare in modi originali atmosfere horror, evocando e citando, ma rifuggendo del tutto da quel banale lavoro di copiatura che contraddistingue tanta letteratura di genere.

Ogni racconto esprime una visione autonoma ed è caratterizzato da uno stile curato che è indubbiamente permeato dall'impronta personale di ciascun autore: e alcuni di essi sono davvero pregevoli e si concludono con inattese zampate. Del resto - come insegna Stephen King che, a volte nelle sue prefazioni o postfazioni indirizzate al suo "Fedele Lettore", fornisce dei commenti sulla sua bottega di scrittura - non è mai sufficiente avere una buona idea e svilupparla: a volte il racconto rimane smorto ed incompleto sino a quando l'autore non trova una conclusione o una chiusura che, per ottenere il desiderato effetto perturbante, deve essere inattesa, imprevedibile.
Dietro le quinte dei 18 racconti i "grandi" dell'horror e del fantastico perturbante - con qualche puntata nello splatter - ci sono tutti, il che testimonia anche della passione cult per questo genere, coltivata da ciascun autore.

Il volume, inoltre, globalmente è ben curato arricchito com'è dalla prefazione (dal titolo "La morte (s)corre sul fiume") di Stefano Leonforte, curatore peraltro dell'antologia, e da una sezione finale con le schede bio-bliografiche dei giovani scrittori emergenti.
Insomma, da leggere.

(dalla quarta di copertina) "In queste pagine troverete zombi e dissacranti banchetti antropofaghi, deriva truculenta della moderna società dello spettacolo," distopie occulte e raccapriccianti che imbrattano di frattaglie - e abbondanti dosi di sangue le già angosciose intuizioni di Matrix, killer mascherati (del resto siamo ad Halloween, e le ispirazioni non solo letterarie, ma in celluloide, in questo caso, non si contano neppure) e smanie omicide alla american psycho... Lasciatevi cullare da questa corrente di sangue. Voltate pagina. Sospendete l'incredulità e abbandonatevi al piacere della paura. Ma ricordate: scorre la morte, su questo fiume. E probabilmente, un volta approdati ai vostri lidi domestici, così intimi, familiari e rassicuranti, non troverete più il coraggio di fissare le tenebre che vi scrutano da oltre la finestra. E in quel caso, mi raccomando: non spegnete la luce." (Stefano Leonforte)

Condividi post

Repost0

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth