Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 giugno 2013 5 21 /06 /giugno /2013 14:19

Quel venditore di strada vicino casa: una vita monocorde, spesa in quello stesso incrocioNei pressi della via dove abito a Palermo, all'incrocio tra Via Principe di Paternò e Via Piemonte (che ora si chiama in un modo diverso che non ricordo - ma non importa) stazionano da sempre dei venditori ambulanti di frutta e altri prodotti agricoli. Ci sono altri "venditori di servizi" da strada: occasionalmente dei lavavetro, oppure dei venditori di accendini e di fazzoletini tempo; qualche volta degli zingari questuanti e benedicenti. Ma queste sono presenze occasionali a questo incrocio.
I venditori di frutta invece da che io ricordi sono stati una presenza costante: da almeno 25 anni sono là dalla mattina a sera inoltrata, ad eccezione che nelle domeniche e nelle altre feste comandate.
L'incrocio è loro, praticamente, ci sono stati da sempre e sono sempre gli stessi.
In particolare, sono in due, uno pià grande segaligno con occhi azzurri e capelli tagliati corti, biondastri.
Un altro, più giovane, che è sostanzialmente la copia conforme dell'altro.
Ho sempre pensato che siano fratelli.
quello più giovane ha cominciato a vendere al seguito del più grande quando doveva avere 10 anni e, quindi, si può senz'altro dire che ha trascorso la sua vita in questo incrocio. guardando il mondo da quest'ottica ristretta.
Da che era un bambinetto con gli occhi chiari e i capelli biondi che mi prendeva in giro, quando passavo di corsa portando al guinzaglio i mei due pastori tedeschi è diventato un giovane uomo, ma fa sempre la stessa cosa: vende e poi vende, assillato dall'imperativo categorico che, entro sera, prima di tornare a casa, deve essersi liberato di tutta la merce che ha a disposizione della mattina. Niente deve essere riportato a casa, se non il denaro ricavato dalle vendite.
In genere, l'offerta riguarda un solo articolo fruttereccio: a volte si tratta di fragoloni, a volte di fragoline. Qualche volta è il turno degli ananas, altre volte, nella stagione adatta, dei meloni bianchi.
LA mercanzia se ne sta accatastata sul marciapiedi ombreggiato, in un punto in cui possa essere tenuta facilmente sott'occhio, mentre i due di vendere attraendo gli automibilisti di passaggio con offerte convenienti, al ribasso: con prezzi che si vanno facendo via via piiù passi, man mano che la giornata avanza ed ancora non è stata smaltita tutta la merce.
Quel venditore di strada vicino casa: una vita monocorde, spesa in quello stesso incrocioQuesto giovane uomo (quello più giovane, mentre il grande adesso fa una vita più rilassata, ritirandosi dopo qualche ora) a volte rimane sino a tardi, sempre a cercare di vendere, sino ad oltre le 23.00.
Io passo e ripasso, a volte a piedi, a volte in auto e mi si stringe il cuore a vederlo sempre là che si affanna da un auto all'altra, offrendo la sua mercanzia e respirando di continuo gas di scarico.
Qualche volta mi rivolge la parola e avvia un accenno di conversazione che potrebbe anche essere simpatica, perchè c'è la complicità interccorente tra due persone che si sono conosciute da lungo tempo.
Però, la conclusione è sempre univoca ed interrompe qualsiasi conversazione tra uomini liberi che è basata sul piacere puro e schietto della comunicazione: infatti, alla fine, qualsiasi sia stato l'argomento toccato, mi chiede di comprare qualcosa.

Questo esito delle nostre conversazioni mi ricorda di quando lavoravo al Servizio per le Tossicodipendenze e un utente in trattamento volle parlare con me, per presentarmi delle poesie che aveva scritto e invitandomi a leggerle, attendendosi un mio giudizio.
Io le lessi, alla sua presenza, mi soffermai a commentarle e le apprezzai, ma - ricevuto quel mio apprezzamento - il giovane (in realtà ormai di mezz'età, con metà della vita trascorsa nelle panie della droga), annullando in un attimo il piacere gratuito della lettura e della condivisione, mi chiese se non volessi comprarle.
Il tossicodipendente da droghe illecite (e costose) è come un commerciante avido: a qualsiasi cosa dà un valore in termini di denaro, ad ogni bene potenzialmente vendibile viene attribuito un valore in denaro: in questo senso il tossicodipendete è come lo Zio Paperone dei fumetti che ha negli occhi il simbolo del dollaro: tutto ha un prezzo e viene quantificato in termini di denaro che ne può essere ricavato, qualsiasi cosa può scatenare la cupidigia del tossicomane che subito dopo converte quel valore in denaro in quantità di droga che può ricavarne.
Il lavoro del venditore da strada ha delle implicazioni analoghe, a somiglianza di quello che dice Maslow a proposito di alcune deformazioni della personalità quando si restringe enormente l'orizzonte esperienziale di un individuo, quando afferma "Se come strumento possedete solo un martello, tutto ciò che vi circonda comincia a somigliare maledettamente un chiodo".
Questo povero ragazzo che ha passato la vita a vendere frutta ad un incrocio ha perso, per alcuni aspetti la sua libertà: egli stesso è divenuto una transazione commerciale da strada, talmente si è radicato dentro di lui il principio della compra-vendita e quindi, anche il semplice piacere di un dialogo fine a stesso, finisce nell'imbuto della trattazione, ovvero ha valore solo se conduce ad una possibile ed auspicabile (per lui) transazione. 

Condividi post

Repost 0
Published by frammenti-e-pensieri-sparsi - in Riflessioni
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth