Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
10 febbraio 2013 7 10 /02 /febbraio /2013 22:32

Passengers - Foto di Maurizio CrispiViaggiando in treno o in nave, o nelle sale d'attesa dei grandi aeroporti si incrociano tantissimi volti.
Volti di persone che, come te, viaggiano.
Passeggeri, esattamente come te.
Come un tempo, anche adesso indugio ad osservarli.
In effetti, si tratta di persone con cui il destino ti ha portato a condividere un pezzo della tua strada.
E si tratta di un imperscrutabile disegno.
Quel mistero che tenta di comprendere il frate chiamato ad indagare sulla morte dei cinque viandanti che si trovarono a passare sul Ponte di San Luis Rey in Perù, un ponte fatto di corde e di assi che aveva resistito per centinaia di anni e che, un giorno, improvvisamento crollò, lasciando qeui precipitare proprio quei cinque viaggiatori nell'abisso sottostante, quelli e non altri (questa storia, con il titolo "The Bridge of San Luis Rey" fu raccontata dallo scrittore e drammaturgo statunitense Thornton Wilder, nel suo secondo romanzo pubblicato nel 1927).
A differenza di un tempo, quando capitava di incrociare lo sguardo di chi ti ti stava davanti o accanto (e da quell'incrocio di sguardi poteva partire una conversazione che ti regalava qualcosa che poi portavi con te nel resto del viaggio), oggi ciò non si verifica più.
Ognuno sta nella sua solitudine, gli occhi incollati su quel piccolo parallelepipedeo 12 x 6 cm, risucchiati dal piccolo display del loro smartphone.
Le loro dita si agitano freneticamente sul tastierino e digitano messaggi.
Sono connessi. Sono dentro l'universo sintetico e ciò e per loro fonte di vita.
Non si sentono soli nell'Universo, perchè sono collegati nella rete.
Ma nonsi guardano attorno un solo momento.
Non gettano mai uno sguardo fuori dal finestrino che hanno accanto.
Non guardano il loro vicino.
Non hanno la curiosità di scoprire chi hanno accanto.
Non sono interessati ad esplorare con curiosità e con spirito arguto il mondo delle persone vive, in carrne ed ossa.
Non fa nessuna differenza per loro essere in viaggio o essere a casa.
Se qualche volta ripongono quello smartphone, subito dopo presi da un irrefrenabile impuslo lo riaccendono per controllare se non ci sia qualche nuova notifica nel social network.
In ogni caso lo tengono sempre in mano quasi fosse un talsmano, un ancoraggio, una scialuppa di salvamento.
Sono incapaci di apprezzare il senso della solitudine.
Per loro perde di significato il viaggio e la possibilità che nella storia dell'Uomo ha sempre donato di scoprire cose e volti nuove, di tornare a casa arricchito e con un pizzico di nostalgia per le meraviglie che si sono viste e che si possono raccontare o ricordare.
Non potranno mai raccontare ai propri figli: "Una volta, tanto tempo fa, mi è capitato che mentre viaggiavo su di un treno alla volta di Bologna, ho cominciato a parlare con la persona che mi sedeva accanto e ho scoperto che...", etc. etc.

Io, personalmente, rimango con la nostalgia di tante interessanti chiacchiere scambiate con i miei occasionali compagni di viaggi.
Il più delle volte persone che sono rimaste senza un nome, storie che sono nate e che si sono concluse in quell'arco di tempo per poi lasciarsi ognuno diretto alla sua meta.
Eppure quelle conversazioni hanno avuto un senso.
Sono state conversazioni con i propri simili, travasi di emozioni e di esperienze vere.
Sono stati incontri che non hanno avuto un seguito, ma che si sono sedimentati nella memoria delle mie esperienze.
Ogni tanto mi ricordo di questo o quel volto.
Di una specifica singolarità.
Di una storia che mi è stata narrata.
Io sono contento come sono. Un po' all'antica, forse.
Ho lo smartphone, ma non ho voluto per nulla avere il contratto per la connessione internet.
E tutti mi chiedono scandalizzati: "Ma come? Hai l'I-phone e non lo usi per connetterti?"

E il cellulare, mentre sono in viaggio lo uso davvero poco.
Talvolta mi dimentico persino di averlo.
Non sempre rispondo alle chiamate.

Gusto il distillato della mia solitudine di viaggiatore.
Penso che l'esperienza del viaggio sia unica ed impareggaibile e che tu da viaggiatore verace devi potere assorbire con tutti i tuoi sensi tutto ciò che la Via ti offre.
BIsogna a tutti i costi recuperare la capacità di essere passeggeri e viandanti, viaggiatori e pellegrini, nel senso più lato del termine.

Condividi post
Repost0
9 febbraio 2013 6 09 /02 /febbraio /2013 12:02

Quella lotta tragicomica di ombrelli e vento in un giorno piovoso(Maurizio Crispi) Durante i giorni d'inverno, quando soffia il vento gelido e si aggiunge anche la pioggia,  è frequente vedere in strada le comiche - a volte grottesche - sceneggiate dei viandanti alle prese con gli ombrelli scossi, strattonati, rivoltati come calzini dalle violente raffiche che si accaniscono su di loro come uno stuolo di giganti invisibili in vena di far dispetti.
Cercano di trattenere quell'ombrello, mentre forza la mano che lo regge e cerca di volare via assecondando il vento.
In altri casi, si muovono a passettini veloci quasi fossero spinti da una vela (l'ombrello metamorfizzato), quasi inseguendo il proprio centro di gravità.
Altre volte, li vedi accanirsi nel tentativo estremo di chiudere quel maledetto ombrello, prima che il vento abbia la meglio e lo distrugga, rivoltandolo come un calzino e frantumandone la fragile struttura.
Quella lotta tragicomica di ombrelli e vento in un giorno piovosoE, intanto, cortine di pioggia si abbattono su di loro, rendendo la scena vieppiù surreale oppure tramutandola in una comica finale se, nel frattempo, un refolo di vento più stizzoso strappa loro il cappello, trascinadolo via e costringendoli a partire al suo inseguimento, ma sempre alle prese con i dispetti del maledetto ombrello.
Poi, è molto comico - a volte quasi esilarante - stare ad osservare ciò che fanno dopo l'esito di queste scaramucce.
Alcuni, pieni di dignità e cercando di celare l'offesa subita, riprendono a camminare impettiti, come se nulla fosse accaduto, senonché l'ombrello é ora tutto sbilenco e strappato in più punti (e non serve più al suo scopo).
Altri, invece, nello scontro impari, finiscono con l'adirarsi, prendono l'ombrello e, in un impeto di rabbia convulsa, scagliano lontano da sé quella povera cosa sventrata, squarciata, contorta, a volte ridotta ad un semplice scheletro di asticciole di fragile alluminio (altro che i robusti ombrelli di un tempo, con la struttura in robusto acciaio di Sheffield)...
In questi casi, anche gli ambientalisti più convinti e gli assertori della raccolta differenziata, non resistendo al rabbioso impulso, contravvengono alle loro convinzioni più profonde e radicate.
Quella lotta tragicomica di ombrelli e vento in un giorno piovosoNon resistono alla razionalità del loro pensare in tutte le questioni che riguardano il senso civico e non possono per nulla riportare a casa quel povero utensile mutilato e offeso che, piuttosto, deve essere ulteriormente strappato e lacerato, schiacciato sotto i piedi, contorto e ritorto ulteriormente, aggiungendo danno al danno..
Solo così essi trovano sollievo dall'affronto subito.

E così accade che, dopo un giorno di buriana, la città è costellata di cadaveri di ombrelli colorati e contorti che giacciono in mezzo alle foglie morte dei platani e ad altri detriti vari, mentre altri pendono dalle inferriate come sbilenchi frutti ormai troppo maturi, o sono stati ficcati dentro un cesto delle spazzatura, oppure risucchiati dentro un tombino.
Se ne stanno lì per diversi giorni sottoposti ad un ulteriore degrado, come fiori dai vivaci cromatismi che vanno appassendo, quasi che volessero organicarsi, mimetizzarsi, penetrare nel terreno, lascianddo scomparire ogni traccia di sé.

Condividi post
Repost0
5 giugno 2012 2 05 /06 /giugno /2012 17:52

DSC01431.JPGTutti mi chiedono perchè io indulga a fotografare animali morti in cui mi imbatto sul ciglio della strada, oppure scene di degrado metropolitano, come ad esempio un mucchio di cantalupi prossimi alla putrefazione.
Ci sono alcuni che si sentono disturbati dalla crudezza di queste immagini, forse.
Altri le considerano antiestetiche.
Altri ancora si sentono offesi ed oltraggiati.
Ma perchè?

Si tratta di scene che fanno parte del nostro panorama quotidiano, in realtà.
Molti distolgono lo sguardo e fanno finta di non vedere.
Molti desiderano vivere in una condizione di tranquillità dello spirito, in cui la quiete e la normalità quotidiane non siano per nulla disturbate.
Sembrerebbe che la volontà di molti sia orientata a mantenere a tutti i costi un equilibrio perfetto, in cui le immagini della fine siano bandite, per evitare il loro impatto destabilizzante sulle certezze della vita che si vorrebbe fossero per sempre.

I nostri antenati erano abituati alla morte e al morire che facevano parte integrante del vivere.
Per loro la morte era strettamente intersecata con il vivere: e, oltre alle certezze del vivere, c'era costantemente la certezza della morte.
La religiosità e il bisogno di trascendenza sono nate in realtà proprio da questa stretta coabitazione di vita e di morte.
La morte era ominosa ed incombente, ma era - in realtà - un fatto della vita.
Non poteva esserci la vita senza la morte.
In un recente romanzo (opera prima di Giacomo Papi, I primi tornarono a nuoto, pubblicato da Einaudi, 2012) si ipotizza che, per motivi misteriosi (che la Scienza non è capace di spiegare), i morti - tutti i morti - ritornano ad ondate in una progressione geometrica.
DSC01440I morti risorti sono fisicamente perfetti (anche se hanno l'età cronologica che avevano al momento del decesso), ma i loro tessuti (persino i loro denti) sono giovani e vigorosi. L'unica differenza è che i risorti non possono procreare.
Al crescere del numero dei redivivi, si crea immediatamente una competizione tra i vivi e i risorti: si attiva una vera e propria lotta per uno spazio vitale che si fa sempre più ristretto, visto che i risorti sono centinaia di milioni se non miliardi (considerando i morti di tutte le epoche storiche sin dagli albori dell'Umanità): e, in questa lotta, da parte dei risorti si attiva una feroce persecuzione contro le donne (non solo simbolo della fertilità, ma anche concreta estrinsecazione della capacità di procreare) e dei pargoli da poco nati. Le donne, siano esse incinte o in età fertile, vengono sterminate.

Questo l'incipit del romanzo: «I primi tornarono a nuoto la notte del secondo giorno. A sciami, nelle ore disabitate, entrarono in acqua dai porti addormentati, dai moli senza nome, dalle anonime rive di melma ed erba dimenticate sulla terraferma, e nuotarono lenti in mezzo alla laguna illuminata e oscurata a intermittenza dalla luna e dalle nuvole, uscirono dal mare come granchi o come rane, arrampicandosi sui pali, sulle barche ormeggiate, sulle scale intagliate nella pietra e invasero le isole. Per molte ore nessuno li vide». (Giacomo Papi, I primi tornarono a nuoto, Einaudi, 2012)
DSC01428Akunin in un suo libro (Le città senza tempo. Storie di cimiteri, Frassinelli, 2006) riflette che, se soltanto si considerano le grandi metropoli (quelle che hanno una storia millenaria, come Roma, Londra o Parigi) sono più i morti che le hanno popolate e che vi sono sepolti che non i vivi che le abitano in atto. E si chiede Akunin se non sarebbe legittimo pensare che queste città debbano appartenere più ai morti che si sono affastellati nel corso dei secoli che non ai vivi che le abitano. C'è da domandarsi se tutti questi morti non sprigionino una qualche forma di energia che si espande a partire dei loro luoghi di sepolutra e se non siano persistenti - presenti ed attive - tracce del loro passaggio.

Morire è una necessità dalla quale non si può eludere in alcun modo e immaginare di procrastinare oltre il lecito (e il naturale) il tempo in cui ci è dato di vivere è semplicemente follia.
Non ha senso favorire la domanda crescente di un maggiore tempo di vita: occorre piuttosto lasciare che ci siano un naturale avvicendamento e un ricambio generazionale, in modo da assicurare un equilibrio tra le vite che si spengono e quelle che cominciano.
Se così non fosse, come prospetta il metafisico romanzo di  Papi saremmo velocemente condannati all'estinzione per sovrappolazione. Detto crudamente: diventeremmo troppi per avere di che mangiare e per dividere sempre più magre risorse.
La morte prenderebbe il sopravvento per la mancanza di un naturale avvicendamento.

Primi-tornarono-a-nuoto.jpgIndugiare sulle immagini di morte, quando la morte altro non è che un transito da uno stato all'altro, è un modo per ricordarsi dell'impermanenza e della corrruttibilità.
Un'immagine è efficace in tal senso, in quanto estrapola da scenari di vita una possibile rappresentazione della morte e del passaggio da uno stato ad un altro: e questo può aiutare a riflettere e a prendere consapevolezza sul fatto che non vivremo in eterno, che siamo a predestinati a morire.
Questa è una certezza ineludibile,  anche se non possediamo la conoscenza del modo e del tempo in cui ciò avverrà.
E non dico, ovviamente, che si debba vivere cupamente, recitando come una litania "Memento mori", come facevano certi monaci di clausura (i Trappisti), votati al silenzio, ma autorizzati a pronunciare incontrando un altro confrate la fatidica frase, scavando così giorno per giorno la fossa che, da morti,li avrebbe accolti. Oppure come icona di riflessione sul tema della morte, possiamo pensare al fiociniere Queequeg che in Moby Dick sale a bordo, portandosi a spalla la bara dentro cui un giorno vorrebbe essere sepolto (dentro la quale si mette anche a dormire) e che, poi, quando il Pequod naufraga, colpito dalla furia assassina ed ominosa del grande Capodoglio bianco diventa il provvidenziale salvagente che porta Ismael in salvo.
Se riflettiamo sugli scenari di morte, saremo un po' più pronti ad accettare la fine quando verrà, ma sempre pensando alla pienezza della vita.
La società odierna, profondamente orientata all'edonismo, è troppo materialista per esprimere una riflessione profonda sulla morte e sul morire o anche un'accettazione consuetudinaria sulla nostra fragilità e sul nostro esssere transeunti.
Se si ha la consapevolezza della morte con la convinzione (tranquillamente accettata) che ogni giorno potrebbe essere l'ultimo, ogni giorno di vita che ci è dato sarà vissuto con pienezza e, quando quel momento fatidico verrà, non dovremo angustiarci perche "...non c'è più tempo", oppure perche "...non abbiamo fatto questo o quell'altro".
Benchè nessno potrà mai dire, in tutta sincerità, di essere pronto per il passaggio dentro una dimensione di ineffabile mistero, volgendo di tanto uno sguardo non terrorizzato ad un'immagine della fine, forse, potremo dire di essere almeno un po' più pronti.

Condividi post
Repost0
8 giugno 2011 3 08 /06 /giugno /2011 13:34

albert-einstein1.jpgHo un'intolleranza crescente per tutti quelli, uomini, donne e ragazzi, che parlano nel loro telefono, quando sono in luoghi pubblici e, soprattutto, urlando, come se la conversazione fosse fatta a beneficio di orecchie terze, perchè cosi facendo invadono con noncuranza la privacy altrui con cazzi e mazzi loro (esponendo dunque al contempo e senza pietosi veli la propria intimità), con eventi futili e fatti insignificanti, con bagatelle, beghe e quisquilie di vite quotidiane più o meno squallide di cui non mi garba sapere nulla.

Potrei tollerare, forse, di stare in ascolto d'una conversazione al telefonino condotta da Albert Einstein in persona.

Allora sì che tenderei l'orecchio e mi farei sotto per ascoltare meglio, desideroso di carpire qualche briciola delle Sue intuizioni sulla grandezza dell'Universo! Potrebbe essere euristico stare in ascolto di colui che disse "Do I Dare Disturb the Universe"?.

Ma ciò sarebbe irrealizzabile: se Lui vivesse nei nostri squallidi tempi, sicuramente non parlerebbe coram populo al cellulare. Forse, non ne terrebbe nemmeno uno con sè. La sua grande mente non gli consentirebbe di non essere catturato da simili banalità.

E come sarebbe se tutti, si dessero ad un grande potlach dei telefonini in una follia liberatoria, collettiva e condivisa, frantumando i propri cellulari sotto i piedi, lanciandoli in mare o semplicemente buttandoli via? Chi sa che non avesse proprio questo significato occulto (cioè di avvisaglia della notte dei lunghi coltelli prossima ventura, in cui tutti i telefonini saranno distrutti), la moda invalsa nell'estate del 2009, di praticare come sport (con tanto di demenziali gare) il lancio del telefonino?

Condividi post
Repost0

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth