Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
2 dicembre 2020 3 02 /12 /dicembre /2020 06:54
foto di Eleonora Belitende, da rosalioblog

E siamo a dicembre
...
Un inizio davvero moscio
Mi sento spossato,
ciò nondimeno pronto a tirare la carretta
Come sempre,
con i miei costanti andirivieni e
i miei lavoretti campagnoli

In fondo, tirare la carretta
è qualcosa che contraddistingue
la nostra vicenda umana
(fatta salva, forse,
l'isola felice dell'infanzia)
giorno per giorno, sino alla fine
Oggi però è meglio,
mi sento più in forze
E, intanto, si dibatte accanitamente
sul "natalino" che ci attende
Che stupidate!

Stamane il cielo era grigio,
con nuvole incombenti
gonfie di pioggia
Ma i primi raggi di sole
si sono infiltrati tra di esse
e, sulla città affaccendata,
si è disteso un magnifico arcobaleno

iridescente


(foto di Eleonora Belitende, da rosalioblog)

Condividi post
Repost0
20 novembre 2020 5 20 /11 /novembre /2020 13:38
L'assurdo universo della città-ospedale

Ho sognato che ero all'interno di una città-ospedale enorme e labirintica.


Sembrava che questa struttura si estendesse per ogni dove, con corridoi interminabili su cui si aprivano porte che conducevano dentro sale di degenza grandi e piccole.

Ero lì perché dovevo andare in un posto ben preciso - ma quale fosse adesso non lo ricordo più.
Non riuscivo però ad arrivare mai: anche quando, per coprire distanze maggiori, mi imbarcavo sui bus navetta che circolavano di continuo.
Dovunque, attraversando spazi aperti e cortili vedevo giacere scompostamente e in pose strane i corpi ignudi di uomini e donne, ancora vivi, ma palesemente abbandonati alla loro sorte.
Dentro l’immenso ospedale c’erano anche le scuole di ogni ordine e grado. Ogni tanto mi imbattevo nelle scolaresche: e arrivavo persino alla scuola di mio mio figlio. Anche qui dovevo fare qualcosa, di sicuro parlavo con le sue maestre e poi me ne andavo.
La mia peregrinazione non aveva mai fine e mi sembrava che non sarei mai riuscito a venire fuori da questo assurdo universo

Condividi post
Repost0
15 novembre 2020 7 15 /11 /novembre /2020 05:02

Un tempo c'era un Maestro di Porta.
Da tempo se ne andato.
Forse è finito in cocci.
Se ne stava lì, a fare la guardia e, quando arrivava qualcuno, si levava galantemente il cappello che sovrastava il suo cappuccio rosso.
I visitatori, se volevano, potevano lasciare un obolo al loro passaggio: una monetina o un piccolo oggetto votivo...
Cose d'altri tempi...

Quando credevamo.

Condividi post
Repost0
12 novembre 2020 4 12 /11 /novembre /2020 20:48

Non so
La vena si è esaurita, forse
Terra sterile, aria avvelenata
Non ho voglia
Non riesco
Dove sono andati i fiori e le stelle?
Cammino in un deserto
tutto è uniforme,
grigio e senza colore
anche quando splende il sole
Provare, provare e riprovare
Non smettere, sino all'ultimo respiro
La radio va sempre
bla bla bla
musica
bla bla bla
professionisti della chiacchiera,
intrattenitori ciarlieri ed invadenti, sino all'ultimo
La pandemia colpisce forte e duro
Quanto sta penetrando il virus nell'immaginario,
nelle menti individuali?
Ancora una volta non so
Ma quello che vedo è che siamo tutti isolati
il nemico invisibile ha creato barriere invisibili
molto più forti  di quelle statuite per decreto
il deserto dei senza colore e dei senza emozione
Ognuno nel suo cubicolo invisibile
qualcuno osa salire sul pulpito dell'arroganza e predicare
parole inutili, parole sprecate
che vengono fuori dagli ego  inflazionati di alcuni
Ci dicono che il Natale potrà essere un buon Natale,
se seguiamo le regole
Ho pensato di cucinare un pollo ripieno, alé!
Ho pensato a mia madre che non è più qui,
che è nata nell'anno dell'epidemia influenzale
di un secolo fa.
Penso al suo sorriso e alla sua forza

Aspettiamo Godot, come sempre

 

Condividi post
Repost0
2 novembre 2020 1 02 /11 /novembre /2020 07:02
Medici della peste

Non sopporto, dico proprio NON sopporto tutti quelli che se ne stanno in situazioni di non possibile distanziamento (non dico “sociale”, perché l’accoppiamento dei due termini mi fa antipatia) portando la mascherina calata sino al mento oppure - peggio ancora - con il naso che incombe sopra la “face protection” come un’oscena proboscide.


Questa semplice misura -per non dire attenzione- dovrebbe essere alla portata della comprensione di tutti perché è necessario indossare la mascherina e, soprattutto indossarla correttamente. Per ciò, basta essere di intelligenza media: e anche i bambini sopra i sette anni si stanno adattando velocemente alle nuove regole. E loro lo fanno con facilità e senza sforzo, da quel che si può vedere.
Perchè?
Ma perchè la loro mente non è ancora stata inquinata dall’arroganza, dalla strafottenza e dalla “furbizia” di alcune esecrabili categorie di persone, tra le quali includerei - fatte salve alcune eccezioni - quella dei VIP e di certi personaggi politici di grido che, al contrario, proprio nei confronti della loro audience di riferimento in quanto "influencer" dovrebbero essere di esempio nel non indulgere in comportamenti di rischio in questi tempi tristanzuoli).

 

Due i casi: o gli esibizionisti sono gli arroganti, i furbi, gli strafottenti, oppure sono degli scaccolatori impenitenti che vogliono sempre mantenere una via d’accesso delle loro dita alle nari, per goduriosi lavori di scavo: non mi sembra che l’alternativa sia molto lusinghiera, in ogni caso.

 

Ho sentito dire alla radio che, se in una situazione di non distanziamento due persone, di cui una positiva asintomatica, indossano entrambe la mascherina il rischio di contagio per il non positivo si riduce al 7%, cosa indubbiamente significativa.

 


Quindi, indossare correttamente la mascherina è primariamente una forma di rispetto nei confronti del nostro prossimo: e ne discende che la misura primaria che abbiamo a disposizione per mitigare la diffusione del Coronavirus è appunto l’uso corretto della mascherina, come espressione di un senso forte di responsabilità individuale e di consapevolezza della propria efficacia nel promuovere strategie di contenimento (“io posso fare qualcosa”) e del senso di appartenenza ad una comunità.

 


Purtroppo, alcuni si sentono al disopra di tutto e di tutti e se ne fottono sia delle regole, sia delle buone norme sia, infine, del rispetto nei confronti dei propri simili e del senso di comunità: io ritengo che, in generale, non si debbano subire in silenzio simili oltraggi ma sempre si debba esprimere a voce alta il proprio dissenso, anche a costo di dover ricevere in contraccambio ingiurie e attacchi verbali da parte di coloro che girano con la loro proboscide nasale esposta...

Condividi post
Repost0
2 novembre 2020 1 02 /11 /novembre /2020 06:04

Questa notte, dopo lungo tempo, ho sognato mio padre. Camminava lungo il corridoio di casa, vestito di tutto punto in giacca e cravatta come quando si vestiva per andare al teatro, il volto atteggiato in un'espressione tesa e concentrata.
L'ho salutato pieno di gioia (poiché era da tanto che non mi visitava in sogno), ma lui ha proseguito il suo cammino, come se fosse troppo preoccupato per soffermarsi a rispondere. Cose più urgenti e gravi attiravano totalmente la sua attenzione, pensavo.
Io, nel sogno, ero allo stesso tempo bambinetto di pochi anni e adulto di molto più anziano di lui.

Condividi post
Repost0
28 maggio 2020 4 28 /05 /maggio /2020 12:50

Boh...
Boh..
.
Non ho scritto più granchè negli ultimi tempi, dopo un inizio alacre con il proposito di buttare giù un diario dei giorni del Covid 19.
Perchè? Innanzitutto, perchè ho avuto una pessima, connessione ad internet e, quindi, per lanciare in rete il benchè mininimo scritto dovevo stare davanti al PC per ore.
Poi, perchè mi sono assestato in una routine di lavori manuali in campagna e di attività all'aria aperta.

In verità,sotto il profilo meteo, non ci sono state cattive giornate  che mi spingessero a stare a lungo a casa.
Ma so che queste non sono valide giustificazioni.
Il fatto vero è che mi sono mancate l'ispirazione, la verve e la voglia di scrivere.
Per farlo devi avere anche degli interlocutori e devi poter sviluppare una connessione con molteplici soggetti con i quali intrattenere conversazioni feconde di spunti (specialmente nella vita reale, dei contatti social in rete ne abbiamo a iosa e anche su quelle conviene ogni tanto spegnere i riflettori).

Ho avuto a che fare invece con una tonnellata di libri, ma dei quali contrariamente alle mie abitudini non ho scritto alcuna osservazione/riflessione.
Del pari a rilento sono andato (forse, a dirla tutta, addirittura fermato) con i miei scritti sulla corsa nel mio magazine, ma quello è un campo di osservazione che ho ormai abbandonato da tempo.

Anzi, devo dire che la corsa e tutto ciò che vi è correlato, mi fa quasi antipatia. Sento che parlare di corsa di questi tempi è futile e fuor di luogo e non comprendo coloro che si ostinano a desiderare che tutto sia esattamente come prima. Certo è chei grandi eventi di corsa, quelli che vedono l'adunata di migliaia di personesaranno per un bel po' di tempo impraticabili.
Eventi che, nel frattempo, forse diventeranno desueti per lasciare posto a manifestazioni più di nicchia.

Sono quasi contento di questa forzata pausa, che per un attimo spegnerà le voci degli arroganti e degli arrivisti,di tutti quelli che del running hanno fatto un business. Sarà una pausa che, secondo me, potrebbe riportare indietro alla purezza delle origini della corsa amatoriale.

E, nel frattempo, tutti in pausa quanto meno rispetto agli eventi agonistici e agli assembramenti/happening. E fine anche dell'estrema retorica della corsa,spenti i microfoni e gli altoparlanti di speaker ufficiali prezzolati che inneggiano alla competitività

 


Sogni tantissimi, confusi e caotici, ma non li ho appuntati una sola volta e, in ogni caso, sono rapidamente svaniti, lasciandomi soltanto vaghe ipressioni, impossibili da tradurre in parole

Condividi post
Repost0
6 maggio 2020 3 06 /05 /maggio /2020 08:42
Ai tempi della pandemia influenzale 1918-1919

L'allarme di un appartamento suona ossessivo
E' come un trapano che penetra nel cervello
smette per un istante e poi ricomincia sempre eguale
qualcuno batte un tappeto.
il sole splende, annunciando il caldo che verrà
La pioggia è soltanto un lontano ricordo
I rondoni ancora non sono arrivati,
ma, in compenso, i cieli sopra Palermo
sono percorsi da miriadi di gabbiani
alla ricerca di cibo
ieri ho visto assembramenti
soprattutto giovani adolescenti
con la mascherina messa per finta

calata sotto il mento
oppure infilata al polso come un braccialetto
senza il rispetto della giusta distanza
per garantirsi dal possibile contagio
a respirarsi addosso l'un l'altro
ma anche famigliole e bambini sciamare festosi nei parchi cittadini
a celebrare la fine del confinamento,
ma senza alcun senso di responsabilità
la fine della reclusione forzata

Ma quale celebrazione
Il disastro incombe

 

Io cammino preoccupato
cercando di mantenere le distanze,
scantonando se qualcuno punta alla mia direzione
e minaccia di passarmi troppo vicino

I tempi di Covid non sono ancora passati
Covid c’è, c’è

 

Condividi post
Repost0
20 aprile 2020 1 20 /04 /aprile /2020 09:03
Fioritura del siliquastro (foto di Maurizio Crispi)

Aggiornamenti abbandonati...
Ed eccomi a fare un salto a ben due terzi di aprile, passata la Pasqua e la Pasquetta, blindati.
Me ne sono stato in campagna senza muovermi per niente.
Non so perché non ho scritto nulla, benché ci fossero numerose cose da dire e diversi spunti.
Forse perché, dopo un po', quella che sembrava una situazione eccezionale é diventata vita quotidiana e ordinaria.
Ci si adatta, insomma e finita la straordinarietà ci si appiattisce come le sogliole sul fondo sabbioso.
E ci parlano adesso della fase due, ipotetica e nebulosa. Tutti scalpitano e vorrebbero già essere nella fase quattro e cinque ancora non configurate.
Teorie complottiste continuano ad agitarsi inesauste.
Altri inneggiano alla ripresa della vita produttiva.
Altri invece dicono che non sarà concepibile vivere come prima dell'epidemia del coronavirus e sottolineano l'importanza delle misure di distanziamento sociale. E che brutta frase è questa!
Vagheggiano una vita prossima che verrà senza abbracci e senza strette di mano. C''è tutto un gran parlare di questo; e cosa dire della prossimità e della contiguità dei corpi? Secondo questi predittori di sventura quali dovrebbero essere gli scenari dell'intimità tra le persone?

Secondo costoro ci dovrebbero spettare scelte quantomeno monastiche...
Non so cosa dire.
Mi sento un po' frastornato.
Quali saranno in definitiva le verità ultime?
Ho mangiate favuzze e fave in questi giorni, visto che il campo ne è stato prodigo, senza che per questa volta interferisse la feroce e ingorda Lupa in modo destruente...

 

Ho sognato alcune notti fa di essere in un luogo affollato. Vi ero andato per accompagnare mio fratello che avrebbe dovuto essere lì per presenziare una riunione.
Arrivavamo sulla Tatamobile, io alla guida.
Ma non c'erano posti per parcheggiare, nemmeno di quelli riservati alle auto dei disabili.
Mi dicevano che, per forza, avrei dovuto fermarmi nel parcheggio a pagamento e che per la sosta avrei dovuto pagare 12.50 euro, anticipati.
Guardavo nel portafoglio ma non avevo soldi contati con me e nemmeno banconote. Non potevo in alcun modo pagare. Che fare?
Decidevo di andare a cercare un parcheggio libero più distante, possibilmente.
Mi mettevo alla ricerca dell'auto che non riuscivo più a nutrire (a trovare)
Mi trovavo in una specie di cittadella universitaria. Dovunque frotte di studenti, intenti a conversare, altri a studiare prima dell'esame, altri a fare colazione con merende al sacco improvvisate.
Un'atmosfera variopinta e colorata, ciarliera.
Ero basito.
Dell'auto nessuna traccia.
Arrivava l'uomo addetto alla verifica dei biglietti e mi diceva di non preoccuparmi più: l'auto l'aveva spostata lui in un parcheggio sicuro.
Dissolvenza.

 

Giornate ad Altavilla, diviso tra lavoretti campagnoli e altri di manutenzione.
E' venuto il contadino e assieme abbiamo fatto un campo con il sistema di irrigazione per paiantare delle piantine di pomodoro.

Staremo a vedere.
Le letture procedono a tutto spiano, mentre sono stato poco attento a ciò che accade nei social (ma lo sono mai stato?).
Sto leggendo (rileggendo) alcuni racconti di P. K. Dick, i primi da lui scritti, nel 1954, prima che diventasse famoso con il suo primo romanzo Lotteria spaziale.
Sono dei racconti davvero potenti e godibilissmi tutt'ora, dopo circa 70 anni.
Dick è veramente un maestro della Science Fiction.

Pomeriggi trascorsi invece sul divano, a guardare film su Netflix e a leggere.
Ogni tanto una passeggiata con la Flash, lunge le vie deserte di Santa Fe.

Santa Flavia e Via Consolare deserta (foto di Maurizio Crispi)

 

Condividi post
Repost0
2 aprile 2020 4 02 /04 /aprile /2020 06:40

Ecco di seguito un vecchio - e divertente - post di circa 10 anni fa che tratta di un prodotto che, già molto prima, aveva acquistato una certa popolarità tra i più giovani e che, periodicamente, aveva trovato una nuova diffusione (secondo un trend squisitamente generazionale che decreta corsi e ricorsi). Ciò che appare nuovo alla generazione più giovane è in realta un "vecchio" di cui si è persa memoria e che ritorna in forma "restyled".

Certi prodotti di merchandising sono intramontabili. Proprio in questi giorni sono i giovanissimi cultori di "Me contro te", a ritrovarsi con l'offerta di nuove varianti dello slime.
Forse proprio per questo motivo sono andato a cercare questa nota di tanti anni fa
Ma forse leggendolo si potrà apprezzare anche l'aspetto descrittivo della passeggiata con il cane, della visita all'edicola e della lunga chiacchierata oziosa con l'edicolante, tutti aspetti che oggi, ai tempi del Coronavirus ci sono preclusi, sia per via della forza dei decreti ai quali per senso civico obbediamo, sia anche per una forma pacata di diffidenza nei confronti del nostro prossimo che determina nei contatti occasionali una scarsa propensione alla conversazioneoccasionale, per strada o negli esercizi commerciali.

Ieri mio figlio (che, per la cronaca, va per i 16 anni) mi ha fatto fare una figura davvero barbina.

Visto che scendevo a far due passi con il cane e passavo dall'edicola, mi ha detto: "Papà, vedi se hanno lo Skifidol, slom, slim... insomma, non ricordo bene, lo Skifidol qualcosa".

"Va bene!" - ho replicato io docile.

Arrivo in edicola e acquisto le mie cose.

Poi ricordandomi della richiesta di mio figlio, dico: "Avete lo 'Skifidol'?"

"Ma, veramente ce ne sono tanti tipi diversi... Lei quale vuole?"

[davvero surreale...]

Ho pensato, tra me e me: Mi avrà preso per un maniaco delle cose viscide...

"Non so... [imbarazzo] ...veramente è per mio figlio".

"Ah!".

"Se mi consente, faccio una telefonata a casa e chiedo proprio a lui (visto che è il committente...).

Chiamo: dopo lunga attesa (l'avevo lasciato a guardare, intrippatissimo, Saw - ed era già arrivato al terzo film della serie...) - si degna di rispondermi...

"Senti un po', qua hanno una cosa che si chiama Skifidol Slime... E' questo quello che volevi? Ma ce ne sono tipi diversi: c'è quello viola, quello giallo e quello rosso, al momento... davvero un'ampia gamma...".

"Mah... Non so... Scegli tu, per me fa lo stesso".

[davvero, d'aiuto!]

Sempre più imbarazzato ho chiesto ulteriori delucidazioni per potere scegliere in modo informato.

Le confezioni, tutte identiche, avevano l'aspetto di piccoli bidoncini di plastica, agitando i quali si sentivano rumori di inquietante sciaguattio, come di un liquido denso sguazzante contro le pareti.

Un bel mistero, per me.

L'edicolante mi dice: "Quello giallo è all'urina (è immediata per me la sensazione di nausea), quello rosso al vomito (la sensazione di nausea si tramuta in conato a stento represso), quello viola al concime (e qui un'immediata impressione di benessere mi ha preso di fronte ad una cosa relativamente normale)".

Aggiungo, quasi per giustificarmi: "Sapete, è per mio figlio che ha 15 anni. Io non ne capisco nulla di questa cosa...La sto prendendo per lui, mica per me" (giusto per ribadire, a scanso di ulteriori equivoci).

Ma l'imbarazzo rimane forte egualmente.

"Va Bene. Prenderò quello al 'concime', degli altri due non posso sopportare nemmeno il pensiero!".

Vado a casa. Grande divertimento di mio figlio, quando riceve ciò che aspettava: ha subito aperto la confezione tirando fuori dal bidoncino una masserella dall'aspetto vomitevole che si spande da tutte le parti come un blob malefico e dal colore viola-shocking, degno di Elsa Luisa Maria Schiaparelli.

Gli dico: "Mi hai fatto fare una figura penosa all'edicola: La prossima volta vacci tu a comprare lo Skifidol! Per attenuare la vergogna, gli ho detto che era per te...".

"E gli hai detto la mia età?"

"Certo!"

"Avresti potuto far finta che ero più piccolo e dirgli che avevo cinque anni..." (evidentemente, lui stesso si sarebbe sentito in imbarazzo a richiederlo all'edicolante... Meno male! Almeno è un po' sensibile su questo punto... però, rifletto anche, proprio per questo mi ha vilmente mandato in avanscoperta...).

Ci gioca tutto il tempo nelle successive due ore, ispirandomi continue sensazioni di disgusto ogni volta che si avvicina con quella "cosa" tra le mani, invitandomi a palparla, a strizzarla, a maneggiarla, a farmela scorrere sulla pelle.

Una parte del suo godimento deriva dal mio raccapriccio e dall'espressione sgomenta che mi si dipinge in volto ad ogni suo tentativo di appiccicarmela addosso o di farmela toccare.

Non posso nemmeno sentirmela vicina quella "cosa", ma oggettivamente non emana alcun odore, malgrado l'aspetto così nefasto e malgrado ildecantato aroma al concime (secondo me, a posteriori, l'edicolante, vedendo il mio imbarazzo e avendo colto al volo la mia incompetenza in materia, ci aveva un po' marciato su questi aspetti).

"Toccalo, toccalo!" - mi dice mio figlio tutto eccitato - "Non è appiccicoso. Non macchia. Non si attacca alle superfici!"

I giochi di mio figlio si moltiplicano: e diventa anche sperimentale, valutandone la capacità di espansione e di assottigliamento senza che si laceri, o di allungamento in un filo sottile...

Almeno, non ho mancato di fare delle foto.

La mia piccola vendetta: gli ho detto: "Ora una di queste foto la metto nel tuo profilo FB".

"Noooooo!" - ha fatto lui - "Non farlo perché poi mi taggano per l'eternità, mentre faccio questo gioco...".

Anche lui, allora, ha i suoi pudori...

 

Skifidol slime. Nulla di nuovo sotto il sole. In corsi e ricorsi le stesse vengono proposte con nomi diversi ed anche funzioni diverse.

In fondo l'antecedente illustre di Skifidol è "Blob", l'informe extraterrestre dall'aspetto di ameba melassosa che tutto ingloba al suo passaggio.

Successivamente, negli anni Ottanta, nella saga dei "Masters Of the Universe" un famoso cartone animato con tutto un corredo di merchandising di oggetti per l'infanzia, venne fuori un tranello a forma di trono dove i personaggi buoni (He-Man, in testa, l'eroe indiscusso della saga) venivano intrappolati dal cattivo faccendiere che voleva diventare, con i suoi intrighi, padrone dell'universo e, azionando una leva a lato del trono, una pasta verdastra, densa e vischiosa, colava sul personaggio, impicciandolo.

Ma ogni volta, azionando un'altra levetta che liberava un meccanismo a molla, il prigioniero che, per definizione,era invincibile si liberava e ancora una volta trionfava nella sua battaglia contro il Male.

 

Skifidol su Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Slime_(gioco)

Sono tanti appiccicosi
tutti da lanciare...
sono trasparenti, colorati
e ti fanno scompisciare!

Skifidol Attack è il loro nome,
sono elastici e invadenti...
divertono anche i secchioni
e son tutti travolgenti!

Con Manine e Piedoni puoi ora scatenarti veramente...
e sfidare i tuoi amici
con il gioco più divertente!

Condividi post
Repost0

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth