Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
22 gennaio 2021 5 22 /01 /gennaio /2021 13:40
Variante inglese Coronavirus

Ho sognato che facevo una lunga fila in auto per sottopormi in un drive-in al tampone.
La coda era lunghissima e si procedeva lentamente.

Tutto qui.
Niente di più e niente di meno.
Stimolato da questo frammento onirico, voglio affrontarequi un discorso sulle varianti del Coronavirus. E sulle varianti delle varianti. Ebbene, ne nascono dovunque, ma secondo me -  contrariamente a quanto comunemente viene propalato nei mezzi di informazione, non sono "da asporto".
Abbiamo già la variante inglese, quella sudafricana, quella brasiliana, quella francese e chi sa quante ancora se ne identificheranno... 
E poi abbiamo le varianti che derivano da uno spillover dall'uomo infetto a certe specie animali e che poi tornano al'uomo ulteriormente modificate: vedi, ad esempio, il caso, che ha avuto una certa notorietà nella stampa degli ermellini d'allevamento danesi (e non solo).

Dovunque si comincia a sequenziare l'RNA virale in maniera estensiva si identificano le varianti: da più parti si suggerisce insistentemente che in una certa percentuali di casi infetti bisognerebbe procedere di default al sequenziamento del genoma virale, proprio per identificare precocemente queste varianti e circoscrivere igli eventuali focolai.

La cosa curiosa è che le varianti vengono identificate con il riferimento allo stato dove dapprima sono state identificate (cioè sequenziate) e chepossono esserepotenzialmente più insidiose, quanto a rapidità di contagio e ad eventuale letalità.
Ma questo ci mette su di una pista sbagliata.
Cioè, nei diversi luoghi dove si riconoscono delle varianti già descritte, ci si mette alla ricerca del "paziente zero" senza peraltro mai trovarlo, come ad esempio, in Italia , in una località abruzzese dove in quattro famiglie, per un totale di 76 persone, è stata identificata la variante inglese, senza che nessuno dei soggetti fosse mai stato all'estero.
Il fatto vero - e che dovrebbe essere dichiarato a chiare lettere - è che quanto più il virus si replica tanto più muta casualmente, per via di errori di trascrizione da parte dell'RNA messaggero. E che, se da un lato ci possono essere delle mutazioni poco vantaggiose per la replicazione del virus, se ne possono verificare altre che, invece, rappresentano un vantaggio addizionale: ed è così che quella mutazione prende piede. Va da sé che le mutazioni sono assolutamente casuali, ma in ogni caso - presumo - il range delle possibili varianti più vantaggiose è relativamente piccolo, stante le piccole dimensioni del virus in questione.
Il virus, semplicemente, compie il suo lavoro che è quello di riprodursi il più possibile.
In questa danza delle varianti sembra di vedere tornare il balletto di denominazioni legato a certe malattie infettive del passato, prima che ne fosse identificato l'agente patogeno, come ad esempio nel caso della lue (sifilide) che, a seconda, veniva indicata come "mal francese" (ovvero "morbo gallico") o "mal napoletano", o nel caso del virus HIV e delle sindromi ad esso correlate che, prima di assumere una denominazione univoca, venivano indicate con il riferimento a particolari categorie di persone, più suscettibili o vulnerabili a contrarre il morbo.   
E' una tendenza antica che tende a ritornare oggi (benché si sappia infinitamente di più sulle malattie a trasmissione virale) e che riproduce dei pregiudizi antichi ed irrazionali che tenderebbero a porre ciò da cui ci sentiamo minacciati in un luogo "altro" (e, possibilmente, anche lontano).
E ciò capita, malgrado i Centri che si occupano di malattie infettive e l'OMS abbiano definitivamente sconsigliato di utilizzare nella nomenclatura di nuove malattie infettive qualsiasi riferimento geografico a specifiche regioni, stati o nazioni del mondo oppure a particolari gruppi etnici e/o sociali.

 

Condividi post
Repost0
21 gennaio 2021 4 21 /01 /gennaio /2021 09:38
La Primavera di Botticelli. Dettaglio

Il vento che soffia è ispiratore di malinconia

Forse, è per quel fruscio continuo che riusciamo a sentire
anche quando le finestre sono chiuse

Forse, è per via dello stormire delle fronde e delle foglie, quando siamo all'aperto.

O, forse anche, per il fatto che, specie in campagna, nelle dimore isolate, si sentono cigolii e scricchiolii, quasi che la casa fosse una nave in procinto di salpare, con le vele già issate e pronte a gonfiarsi al primo vento favorevole.

Nei giorni di vento mi sento triste, inspiegabilmente.

Mi sento pervaso da un senso di attesa, foriera di presagi.

Tutto assume dei significati profondi
ai quali tuttavia non si può dare parola,
finanche l'abbaìo di un cane lontano,
oppure l'improvviso canto del gallo.
O anche la suoneria del citofono che,
spezzando il silenzio sepolcrale d'una dimora in penombra,
annuncia l'arrivo del postino.

Nei giorni ventosi,
aspetto e aspetto,
non so mai cosa.

La vita rimane in sospeso,
ma il tempo scorre più veloce,
perché la sabbia che dovrebbe scivolare
lentamente tra le dita a coppa,
viene portata via dal vento
tutta assieme,
inesorabilmente.
E una sua sola folata
ha risucchiato via tutta la vita
ancora rimasta

 

Un balzo di anni indietro

(10 ottobre 2014) Storie nel vento

1. Cielo terso, senza una nuvola

aria tersa, pungente

la luna alta nel cielo ad Est

un cerchio pallido

che incombe sulle alte torri

dalle forme bizzarre

pinnacoli arditi

piramidi

funghi e cetrioli in scala gigantesca

rivestiti di cristalli scintillanti

Voci di bimbi

intenti nel gioco

e, per il resto, silenzio

Silenzio,

silenzio

ed ancora silenzio

Poi rumore di passi

Un uomo in nero e una donna in bianco,

arrivati direttamente da un lontano oriente

non più esotico

camminano lungo la via

in basso

Il vento fresco

increspa appena i veli della donna

e sussurra racconti

che non finiscono mai

Storie che si devono sapere ascoltare

per catturarle prima che si disperdano

E’ più facile farlo se si possiede un acchiappasogni

o anche un po’ della magica polvere di stelle

che fa volare le fatine sapienti

 

2. Il giardinetto pubblico è stato sino a poco meno

di due secoli prima

un cimitero parrocchiale

con le lapidi del colore dell'osso invecchiato

rosicchiato dal muschio,

disseminate attorno alla chiesa imponente

Ora le lapidi se ne stanno in disparte,

lungo le mura perimetrali

a ricordo delle sepolture

e si leggono ancora le scritte

scolpite nella dura pietra

e che ricordano le qualità di quelli che furono in vita

Nessuno oggi si sofferma più a guardarle,

ma ci sono

sono una presenza che rimanda ad altro

E c'è un potere che promanano

Quando le foglie secche dell'autunno

vi si radunano attorno

c'è un preannuncio della caducità e dell'impermanenza

Tutto passa e solo il ricordo rimane

Poco lontano ci sono panchine spartane

per assicurare il riposo a chi desideri

un luogo tranquillo per pascersi di cibo,

per leggere

per meditare

per telefonare, gracchiando in lingue sconosciute

per interminabili minuti

Ma c'è anche un superbo parco giochi per i piccini

- superbo per chi non ne ha -

di un'ordinaria normalità qui

Ed anche qui panchine,

di una foggia diversa

perchè vi furono collocate

in epoca successiva a quelle del parco

E’ tutto tranquillo

solo sporadiche presenze di mamme e papà

con i loro piccini

All'improvviso a certe ore del giorno

la tranquillità viene spezzata dall'arrivo repentino di scolaresche

che qui vengono portate per loro ora d'aria

Sono bimbi piccini che seguono come pecorelle

i loro pastori,

ma anche scolari più grandi

Come ieri, all'improvviso,

ecco sopraggiungere un'intero stormo di gazze vocianti,

adolescenti di una scuola islamica

nerovestite di tuniche lunghe sino ai piedi a coprire

corpi ancora acerbi e velate di bianco

eccitate come bambini piccoli,

per poter giocare e sperimentare i diversi giochi,

in una pausa di libertà

dall'applicazione di una dura disciplina

Le gazze hanno rapidamente preso possesso di tutto

e hanno scacciato senza volerlo gli altri isolati avventori

ridotti ad una sparuta minoranza:

un fatto di semplice preponderanza numerica,

nulla di personale

Agli esiliati è rimasta solo la possibilità

di vagare pensosi per il parco

meditando sulla caducità e sull'impermanenza

sulle affinità tra le foglie caduche e la lapidi di pietra,

ma anche sulla forza della vita che sempre si riafferma

con quegli scoiattoli che s'affannano

a metter via provviste per l'inverno che verrà

con quegli alberi possenti

che sfidano il tempo

e le asperità del freddo e del ghiaccio,

e il potere del tuono e del fulmine

portando su di sè cicatrici e segni

e che trasmettono storie

Per riceverne brandelli

basta sedersi ai loro piedi

oppure percorrerne con i polpastrelli

la superficie rugosa...

E loro racconteranno

e racconteranno

Condividi post
Repost0
19 gennaio 2021 2 19 /01 /gennaio /2021 11:26
Aloha

Quasi, quasi mi faccio un rimpasto...
Pandemia e rimpasto, rimpasto e pandemia, distruttori/costruttori, responsabili/ irresponsabili: sono delle coppie semantiche che possono servirci bene per descrivere gli attuali passaggi...
Non c'è che dire. Situazione disperata, ma non seria, come disse un famoso scrittore. L'Italia verrà ricordata per il Rimpasto (o crisi) in tempo di Covid...
Renzi, con la sua vocazione narcisistica di rottamatore/distruttore. Meloni che sbraita con occhi che sembrano schizzare fuori dalle orbite.
Spettacolo desolante! In un momento come questo non avrebbe dovuta esserci una crisi di governo e ne possiamo ringraziare quel narcisistica di Renzi e la sua smodata voglia di potere e di protagonismo (mio pensiero emozionale di comune cittadino che si trova ad assistere esterrefatto a questi contorcimenti).
Intanto, i media ci segnalano un focolaio di variante inglese in Abruzzo... Bene!
Comincia a venire fuori la categoria di quelli che, essendo stati stati vaccinati, se ne vantano pubblicamente: come a dire "io sono a posto, adesso, comunque vadano le cose!"..
Non c'è di che sorprendersi.
Adesso essere vaccinati diventerà uno status symbol.
Oppure, per quelli che in teoria, non ne avrebbero ancora avuto diritto (e che sono stati battezzati i "furbetti del vaccino"), il segno di una sorta di affiliazione massonica che consente di essere immessi in corsia preferenziale per godere di certi presunti privilegi.
Notte opaca, senza sogni
Strade spettrali ieri sera quando rientravo a casa.
Mi allietavo quando vedevo baluginare le luci di un auto dietro di me, nello specchietto retrovisore.
Mi sentivo meno solo, anche se poi quell'auto schizzava in avanti e mi lasciava di nuovo nel buio, nel nulla, in solitudine.

All'uscita dalle scuole ci vorrebbero pertiche distanziatrici o appositi respingenti all'uscita della scuola per tenersi a distanza gli altri genitori, visto che il sindaco Orlando ha promesso sanzioni anti-assembramento e anti-chiacchiera ai genitori che vengono a prendere e/o a lasciare i propri piccini.
Chi sa se il distanziamento sociale vale anche in senso verticale.
Magari portandosi degli scranni o delle predelle o dei trampoli, qualcuno potrebbe  mettersi ad un'altezza differenziata rispetto ad altri, cosicché le proprie esalazioni non vadano in rotta di collisione (e mescolamento) con quelle degli altri.
Le nostre abitudini alla fine di tutto ciò risulteranno profondamente modificate, non c'è dubbio.
Tiriamo a campare, e vediamo cosa ci porterà un altro giorno.

 

Condividi post
Repost0
18 gennaio 2021 1 18 /01 /gennaio /2021 06:40
Blobmonster

Gioco a nascondino con mio figlio
Quando è il mio turno di andare a nascondermi
apro la porta di casa ed esco nel pianerottolo
E' mia intenzione di andare a trovare un buon nascondiglio nell'appartamento accanto.
Ma sono impacciato nei movimenti
non riesco a fare i passi necessari con scioltezza e fluidità
Per di più la porta sbatte con violenza,
attirando l'attenzione di mio figlio
verso la via d'uscità verso l'esterno
Allora, sempre con la sensazione
di avere tutte le membra molli e collose
imbocco le scale
e mi ritrovo a scivolare lungo di esse a testa in giù
Dovrebbe essere una discesa veloce,
ma anche in questa modalità il mio corpo è vischioso
e non prende la necessaria velocità
per poter arrivare rapidamente in un punto nascosto
Mentre con un senso d'inutilità
cerco di imprimere un movimento alle mie membra collose,
non so come, riesco a girare la testa
Mio figlio apre la porta
ed eccolo lì a guardarmi
pieno di stupore
mentre io sono spiaccicato sulle scale
come una gelatina tremolante
o un blob oppure uno skifidol, uno slime
oppure una forma di vita
tornata allo stato dell'ameba primigenia


Dissolvenza...

E' un sogno quasi kafkiano che propone al mio io cosciente l'idea di una dissoluzione o anche di una trasformazione: ma come sempre accade nei sogni non c'è angoscia, ma piuttosto un senso di meravigliata contemplazione quasi che il caleidoscopio delle immagini oniriche fosse una sorta di apparecchio cinematografico nel quale si è attori e spettatori al tempo stesso...

Cercando delle immagini per corredare questa nota, ho fatto delle scoperte interessanti, come sempre capita quando si fa una ricerca su internet.
1. esiste un pesce che viene chiamato "blobfish" (assomiglia infatti ad un blob informe) ed è considerato il "pesce più brutto al mondo": poverino!
2. il nascondino è un gioco che di movimento e di gruppo con delle sue regole consolidate (ma questo lo sanno tutti) ed esistono persino dei campionati nazionali e mondiali di nascondino. Mi chiedo a questo punto: per bambini o per adulti che giocano a fare i bambini?
Vabbé...

Alla variante inglese e a quella sudafricana, si è aggiunta da pochi giorni quella brasiliana, considerata ancora più temibile, ma - dicono gli esperti - ancora da studiare.
Le strade al mattino sono vuote, poche le auto in giro, molte le saracinesche abbassate.
Un'attività gioiosa, come dovrebbe essere il gioco del nascondino, diventa all'improvviso angosciante.
L'essere ritrovato non è più una fonte di piacere e nemmeno c'è più il liberatorio "Liberi tutti" finale.
In effetti, il nostro "liberi tutti" dopo il gioco collettivo del nascondino  nel corso del primo lock down c'è stato, epperò si è trasformato: anziché essere qualcosa che potesse avere degli effetti benefici e gioiosi, è diventato un boomerang che ci è tornato addosso con effetti ancora più devastanti, sicchè all0illusione della liberazione è seguito un nuovo imprigionamento.

Condividi post
Repost0
17 gennaio 2021 7 17 /01 /gennaio /2021 20:18
Foto di Maurizio Crispi

Ho visto il profilo di isole lontane e mai trovate

Ho visto gabbiani alzarsi in volo e veleggiare nel vento

Ho visto pesanti nubi grigio-nere addensarsi

e grosse gocce di pioggia sporca cadere

E le stelle punteggiare il velo nero della notte

Non rimane nulla fuorché il respiro

Breathin'

Breathin'

Breathing

 

Condividi post
Repost0
15 gennaio 2021 5 15 /01 /gennaio /2021 09:36


 

La Sicilia va verso la zona rossa. Quasi certamente da Lunedì 18 gennaio e per la durata quasi un mese.
Intanto, l'altro ieri è stato registrato il primo nuovo morto da Covid in Cina (un dato attendibile? Difficile poterlo dire) ed ieri in 24 ore la Cina ha registrato 144 nuovi contagi. In Cina si preannuncia dunque una seconda ondata.
E da noi? Tutti non hanno fatto altro che parlare di prima ondata, di seconda ondata ed ora anche di una paventata terza.
Io personalmente, pur non essendo un "esperto", non un epidemiologo, non un virologo o altre specialità affini, da semplice cittadino che cerca di farsi un'idea autonoma delle cose, ritengo che è capzioso fare simili distinzioni. Forse per la Cina può essere appropriato di una paventata seconda ondata a distanza di molti mesi dagli eventi di Wuhan. Ma da noi, indubbiamente, il virus ha continuato a circolare, anche nei mesi di stanca, quando - nelle more che i cittadini scaricassero ed usassero la app "Immuni",poi rivelatasi un fallimento - si facevano pochi tamponi: come effetto di un facilonesco ottimismo (all'insegna di un retropensiero così strutturato: "Covid non ce n'è più"). Intanto il virus circolava e si è rafforzato: quindi, a mio avviso, non siamo mai usciti dalla prima ondata, solo che il virus per un po' di tempo si è nascosto, per poi risorgere immediatamente appena si è abbassato il livello di guardia, con una distrazione nell'uso delle mascherine e una noncuranza nel rispetto delle regole del distanziamento.
E quella che alcuni si ostinano a chiamare la "terza ondata", paventandola, sarà stata sempre la prima.
In ogni caso, è questione di lana caprina poter dire in quale ondata siamo, se si tratta della prima, della seconda o della millesima: siamo qui sempre alle prese con il Coronavirus.
E le vaccinazioni non rappresentano certo una panacea: ammesso e non concesso che questi nuovi vaccini varati a ritmo di carica siano del tutto innocui ed efficaci (alcuni avanzano dubbi al riguardo), quanto tempo ci vorrà per vaccinare il 70% della popolazione del nostro paese e del mondo intero, perchè possa scattare in modo effettivo la cosiddetta "immunità di gregge".
E comunque la si giri, se il virus circola, continuerà a circolare anche tra gli individui vaccinati che anche loro verranno a contatto con il virus circolante e che, attraverso le prime vie aeree lo diffonderanno nell'ambiente, visto che il Coronavirus, come si è potuto accertare, si diffonde anche in assenza di sintomi, quando è presente solo nelle prime vie aeree.
Io personalmente non mi metterò in prima fila per vaccinarmi quando verrà il mio turno: aspetterò.
Voglio capire prima.

La velocità con cui sono stati sfornati questi vaccini, però, non mi convince del tutto e quindi voglio stare a guardare per un po'.

Vorrei avere risposte ai molti interrogativi che ancora sono senza senza risposta.

Soprattutto perchè siamo di fronte a vaccini che vengono lanciati per un utilizzo estensivo senza prima aver compiuto il percorso difficile e tortuoso che da sempre ha caratterizzato i vaccini di prima e seconda generazione, ma by-passando tutte le diverse fasi della sperimentazione e dei trial clinici, oppure accorpandole l'una con l'altra per mezzo di procedure accelerate.

In ogni caso vaccinarsi rimane e rimarrà una scelta personale. Penso che prima o poi mi vaccinerò, ma - nello stesso tempo - non sento l'urgenza di farlo. E dico questo dal punto di vista di uno che ha sempre vaccinato i propri figli e che ha affrontato in tutte le diverse circostanze della vita le vaccinazioni necessarie che fossero quelle dell'obbligo (come al tempo del militare) o consigliate in caso di viaggi in paesi esotici.

Teniamo anche conto del fatto che vaccinarsi non esimerà i vaccinati dall'utilizzare le misure protettive (uso delle mascherine e distanziamento), almeno fintanchè non si arrivi alla cosiddetta "herd immunity".
In ogni caso,come dicono alcuni esperti, dobbiamo trarre tesoro da quello che sta accadendo nel mondo in questo ultimo anno, per evitare che altre pandemie possano abbattersi su di noi, come nemesi per ciò che stiamo facendo al pianeta.
L'unica certezza al momento, è che - dopo l'investimento iniziale - le case farmaceutiche che producono i diversi tipi di vaccino si stanno già arricchendo e così tutti quelli che hanno creduto in loro, come i finanziatori privati.
Alla fine della pandemia (se ci sarà mai una sua fine), il mondo sarà globalmente impoverito, con l'eccezione di una piccolissima percentuale che saranno ancora più ricchi, mostruosamente ricchi.

Condividi post
Repost0
13 gennaio 2021 3 13 /01 /gennaio /2021 19:40


 

Foto di Maurizio Crispi (Tempi di Covid)

Il contesto è una lunga passeggiata su sentieri montani, ardimentosi, resi cupi dal velluto dei boschi. E facevo parte di una lunga teoria di passeggiatori, uomini, donne e bambini.
Tanto da far pensare anche ad un grande esodo ordinato, per superare clandestinamente un confine di stato.
Poi mi ritrovo sullo scenario di un grande meeting. Qui un predicatore su di un pulpito improvvisato arringa la folla, con la sua retorica e con la forza dei suoi gesti fanatici.
E c'è un pezzo di plastica appartenente ad un oggetto complicato che, essendo stato smantellato, è tecnicamente un "rifiuto".
Attira la mia attenzione per via della sua foggia strana e dei colori sgargianti.
Lo raccolgo per portarmelo, ubbidendo al mio gene del"raccoglitore", come la gazza che che viene attratta da oggetti scintillanti.
Ma quando  sto per caricarlo in auto, ecco che arriva una macchina di pattuglia della polizia.
Inutilmente (è troppo tardi) cerco di disfarmi dell'oggetto, lanciandolo lontano da me.
Mi prendono e mi conducono in commissariato. e, assieme a me, l''oggetto, vero e proprio corpo del reato e prova a mio carico.
Nulla può essere asportato dal loro territorio, mi spiegano.
Parlano in un tedesco gutturale. E' veramente difficile comprendere ciò che mi dicono.
Ma ce la faccio, raccogliendo le reminiscenze del breve periodo in cui mi ritrovai a studiare questa lingua.
Mi dicono che per questa volta non sarò imprigionato, ma che prima che io venga rilasciato dovrò compilare un apposito questionario e loro, per contro, scrivere un verbale sui fatti così  come sono accaduti.
Decifrare il significato delle frasi che compongono il questionario è un compito ben arduo.


Dissolvenza.


Con la consapevolezza di avere dormito una lunga e riposante nottte di sonno, costruttivo, mi risveglio.
Mi sento assediato. Qui in Sicilia, le zone che sono state dichiarate rosse - o che lo saranno presto - con l'incremento dei nuovi contagi si stanno moltiplicando.
La sensazione di essere in un posto sicuro - quella che ha caratterizzato il primo lock down - sta rapidamente svanendo.

Ed è davvero difficile non sottostare ad inquietanti suggestioni.
Cosa sarà mai quello scolamento di naso che mi capita la mattina presto al risveglio?
E quella leggera tossetta? E quel catarro vischioso che mi sento al fondo della gola e che mi sforzo di rimuovere, senza riuscirci?
Nulla più che ordinaria amministrazione... ma tant'è.
Vado a camminare a passo svelto e avverto una leggera dispnea da sforzo?  Non sarà per caso l'esordio strisciante di una polmonite atipica?
Forse sarà meglio che io vada subito ad acquistare un saturimetro...
Ecco il genere di pensieri da cui sono preso in questi giorni...
Eppure ci sono le cose quotidiane da fare, compiti da svolgere, bisogna presidiare il fortino e, per così dire, tirare la carretta.
Non fermarsi mai.
E se...
E se...
Questo dunque il tipo di pensieri che mi affligge in questi giorni.
E ieri, preso dall'inquietudine, imbacuccato come un tonnetto (simpatico refuso che voglio lasciare, anche se volevo scrivere "nonnetto") per timore di prendermi un'infreddatura, macinavo proprio questi pensieri e ruminavo, ruminavo...
Una forte ed ipnotica ruminescenza (perdonatemi il neologismo) che mi faceva avvolgere e rotolare in un loop senza via d'uscita.

E poi, senza neppure leggere la pagina di un libro, mi sono addormentato e ho sognato....

E ed ero lì che facevo una passeggiata nei boschi...

 

Condividi post
Repost0
11 gennaio 2021 1 11 /01 /gennaio /2021 06:26
Foto di Maurizio Crispi

C'è una guerra: una spedizione navale è in partenza per riconquistare l'isola non lontana che è stata invasa dai nemici.
E vedo sfilare le navi da guerra, una appresso all'altra, in formazione.
Ma, nello stesso tempo, scorgo delle navi nemiche che, in lunga fila, stanno arrivando verso la terraferma.
Si prepara un grande scontro, definitivo.
Queste navi - mi ritrovo a pensare - non sono certo espressione degli armamenti più moderni: sembrano piuttosto una flottiglia messa assieme alla buona, con i navigli più disparati e in diverso stato d'uso. Una specie di armata brancaleone del mare, insomma.
O anche, passando ai toni dell'epopea, mi pare di vedere la flottiglia delle più disparate - a vela o a motore - imbarcazioni civili che partirono dalle coste di Albione per salvare l'armata inglese chiusa nella sacca di Dunkerque.
Vengo incaricato di raggiungere un grande cargo ormeggiato a poca distanza della costa, privo di tutto le sovrastrutture.
L'uomo al comando mi spiega che quel cargo, ormai ridotto ad un guscio vuoto, è utilizzato come deposito per scorte di acqua potabile e di carburante che saranno preziosi per l'esito della guerra in atto.
Il mio compito è di raggiungerlo con una piccola imbarcazione e di presidiarlo, soprattutto per evitare che, mollati gli ormeggi, se ne vada alla deriva sino ad incagliarsi o ad affondare.
Sugli ordini non si discute.
Quando arrivo non c'è nessuno a bordo.
Nessuna traccia di vita.
Preso atto di ciò, mi addormento e mi risveglio, dopo un lungo sonno, per scoprire che sono trascorsi ben undici giorni.
Non ho memoria di nulla. Non so bene cosa sia successo nel frattempo.
La guerra a quanto pare è finita: infatti, il cargo ora è ormeggiato quietamente ad un lungo molo.
Vorrei mettere qualcosa sotto i denti perchè avverto i morsi della fame dopo tanti giorni di letargo.
Ma ci sono solo delle merendine industriali.
Dopo, scendo dalla nave e comincio a costruire un muro a secco con delle grosse pietre.
Per quanto mi sforzi continuo a non ricordare nulla del mio passato.
Il passato è passato, pensiamo al futuro adesso - mi dico.

Ho camminato per le strade
Negozi chiusi e smantellati.
Vetrine vuote.
Saracinesche perennemente abbassate, con cumuli di rifiuti spinti dal vento davanti.
Cartelli di vendesi o di affittasi oppure di cessione dell'esercizio commerciale.
Passanti in maschera.
Cani in maschera.
Anche i gatti con la maschera, ma loro indossano anche un respiratore da palombaro.
E' questa la guerra, forse.
La guerra contro un nemico invisibile e dai molti volti.
Ci siamo cascati.
A forza di smantellare il pianeta siamo arrivati al punto di non ritorno.
E se - a dispetto dei facili ottimismi - il virus diventasse sempre più letale, attraverso successive mutazioni?
Stiamocene a casa a coltivare il nostro piccolo orticello.
Prendiamo un libro e leggiamo.
Oppure dormiamo.
Facciamo come il dormiglione di Woody Allen oppure come quel Rip Van Winkle (la nota creazione letteraria di Washington Irving) che, dopo essersi addormentato, si risvegliò ben vent'anni dopo, avendo saltato a pie' pari la rivoluzione americana e i primi anni della nuova repubblica.

 

Condividi post
Repost0
3 gennaio 2021 7 03 /01 /gennaio /2021 10:46
Codadi auto per l'ingresso a ldrive in per l'esecuzione dei tamponi rapidi alla Fiera del Mediterraneo di Palermo

Oggi, domenica 3 gennaio, ho deciso di fare una camminata con i cani in direzione di Monte Pellegrino, cosa che non ho fatto per lungo tempo.
Dopo aver percorso a passo gagliardo via Imperatore Federico, arrivo alla Piazzetta Nelson Mandela, dove si trova l'ingresso principale (a suo modo monumentale) della Fiera del Mediteranno, non più Fiera.
E, lasciando alla mia sinistra l'ingresso laterale al Parco della Favorita, comincio a costeggiarne il perimetro in direzione della piazzetta (Largo Antonio Sellerio) dove si origina la strada vecchia per il santuario di Santa Rosalia.
E' ancora piuttosto presto, ma fa già luce, e mi accorgo che lungo il marciapiedi sono parcheggiate in fila continua delle auto e, all'interno, dei dormienti, a volte uno soltanto seduto al posto di guida, altre volte due o più per auto: molte delle auto hanno il motore acceso per tenere in funzione l'impianto di riscaldamento e quindi, in contrasto con il panorama delle numerose teste ciondolanti ed imbaccucate in berretti di lana e cappucci, si avverte il ronfare continuo dei motori al minimo e il lezzo di gasscarico invade le mie narici.
Molti degli occupanti nelle auto (come già detto dormienti) indossano la mascherina chirurgica.
Penso: "Ma che ci faranno qui, tutti questi a dormire in auto?"
Forse sono qui per una partita di calcio oppure per partecipare ad un evento.
Insomma, il mio cervello non la smette di almanaccare.
Beata ignoranza!
Solo in una delle auto il finestrino lato guidatore è abbassato e, allora, mi decido a chiedere al suo occupante: "Ma perchè tutte queste auto e tanti addormentati dentro? C'è forse una manifestazione o un evento?".
Il tipo (che tiene la mascherina abbassata sul mento), mi risponde gentilmente: "No, noi siamo  qui in coda perchè dobbiamo fare il tampone!".
"Ah! - faccio io - Già! Che scemo! Me ne ero proprio dimenticato che qui alla Fiera hanno messo il drive-in per l'esecuzione dei tamponi rapidi!".
Il tipo continua a parlare, ma io - a quel punto - non l'ascolto più. Già sono in preda ad una forte ansia.
"E se il tipo con cui sto parlando fosse infetto?" - mi ritrovo a pensare. Anch'io, essendo nel pieno di una passeggiata a passo svelto, ho la mascherina abbassata sul mento.
Quindi, mi sento esposto, vulnerabile, anche se sono a distanza di sicurezza dal mio interlocutore.
Sono sulle spine, vorrei concludere quella che sento essere una malaugurata conversazione il prima possibile.
E andarmene via, il più possibile lontano.
Riesco a disimpegnarmi e metto le ali ai piedi, quasi volando, alzandomi la mascherina a coprire bocca e naso a proteggermi da quella che immagino essere un'aria mefitica e contaminata dal virus, con un'elevata carica.
Scappo via ingloriosamente e lo dico senza vergognarmene.
Mentre cammino avverto già sintomi fastidiosi, tra i quali un allarmante pizzicore alla gola.
Ma so bene che tutti questi pensieri sono solo il frutto della mia immaginazione, fin troppo fervida, e di una subitanea elaborazione ipocondriaca.
Procedendo, vedo che la colonna di auto si estende a vista d'occhio lungo il muro perimetrale della Fiera in direzione dell'incrocio con via Ammiraglio Rizzo.
Incredibile!
Ma soprattutto, ciò che è incredibile, è stata la mia reazione, assolutamente irrazionale: anche se so che sono tanti quelli che vanno a fare il tampone di propria iniziativa, soltanto perchè - magari prima di un incontro con i propri familiari - vogliono essere certi di essere negativi.

Ma tant'è! Se tu vedi qualcosa che ti porta a toccare con mano una realtà temuta, proprio quella che ha piagato quasi tutto il 2020 - un vero e proprio "annus mirabilis" -, allora non puoi più fare finta di niente e pensare che se, sino ad adesso,  non ne sei stato toccato, è perché godi di una qualche forma di invulnerabilità. Devi arrenderti all'evidenza che qualche cosa di sgradevole può accadere pure a te, che anche tu puoi trovarti a dovere fare un incontro ravvicinato con il Coronavirus.
Occhio che non vede, cuore che non duole, insomma.
Viceversa, se l'occhio vede, allora il cuore duole.
Le stesse cose viste nei notiziari non provocano lo stesso effetto di immanente ed ineludibile realtà che è provocato dal vederle di persona: e, in ogni caso, tutto ciò che si vede nei notiziari, può essere facilmente rimosso dalla propria coscienza e collocato nell'ambito a cui pertengono le cose che riguardano gli altri, ma non me.

 

Ho continuato la mia passeggiata, avventurandomi per la prima volta dopo molti anni per la mitica Via Castellana Bandiera ed entrando in un mondo a se stante, una specie di capsula temporale nel cuore della moderna metropoli. Ma questa è un'altra storia di cui forse racconterò nei prossimi giorni.

Condividi post
Repost0
30 dicembre 2020 3 30 /12 /dicembre /2020 12:07
La mamma e io (Archivio fotografico famiglia Crispi)

I morti, quelli che non ci sono più o che, semplicemente, sono rimasti indietro da qualche parte.
A volte penso che essi, in qualche modo, rimangano vicino a noi, che ci guardino
Ombre, anime, spiriti, non so.
Altre volte, più razionalmente, penso che siano costrutti nella nostra mente e che semplicemente essi siano con noi solo perchè li pensiamo e ne serbiamo il ricordo.
E che, quando noi saremo morti a nostra volta, essi semplicemente svaniranno con noi.
Pensandoli, comunque, o percendone la presenza accanto a noi come angeli custodi, noi a volte interpretiamo, costruendo una pararealtà, talvolta è come se proprio - anche se in maniera benigna - delirassimo.
Una volta mi è successo questo. Ero nella stanza che era stata la stanza da letto mia e di mio fratello e poi sua soltanto. Era inverno.
Qualche tempo dopo la morte di mio fratello (lui morì a giugno), ogni volta che ci entravo, sentivo un soffio d'aria fredda che mi colpiva e che aleggiava attorno a me. E ciò capitò per diversi giorni di seguito. Era qualcosa di perturbante: sembrava che attorno a me spirasse un alito freddo.
Mi ritrovai a pensare più volte: "Ecco, è mio fratello, è qui accanto a me e ogni volta che entro nella sua stanza egli si fa sentire, per dirmi che lui c'è qui con me".
In realtà, come scoprii poi, la finestra, il cui fermo non funzionava alla perfezione, per un colpo di vento si era aperta rimanendo non vista (nascosta com'era dietro la tenda tirata) e quel soffio era dovuto al refolo d'aria che passava attraverso il varco.
Ci sforziamo di mantenere vivi i morti, come quando facciamo la contabilità della loro età,  al trascorrere di ogni anno, e tenendo conto scrupoloso di tutte le ricorrenze che li riguardano, festeggiandoli privatamente anche. E ciò a prescindere dalle ritualità del giorno dei Morti.
Mio padre e mia madre, nati entrambi nel 1918, avrebbero oggi 102 anni, mentre mio fratello, nato nel 1947, ne aavrebbe compiuti oggi 73, due più di me.
A volte parliamo con loro, i nostri estinti. Ricordo che mia madre, nei momenti di sconforto, soprattutto negli ultimi anni, chiamava spesso la sua mamma: "Mamma!". E ciò mi colpiva molto, soprattutto per l'intensità delle sue invocazioni. Come se volesse dire: "Mamma, dove sei? Ti vorrei qui vicino a me! Aiutami!".
Ma la cosa più forte è che spesso, rispetto a loro, ci sentiamo dei sopravvissuti.
Ci sentiamo come se li avessimo lasciati indietro, rispetto a noi, le cui vite, invece, sono procedute in avanti.
Per esempio, mio padre è morto quando aveva compiuto appena 54 anni.
Io ho atteso, nel volgere degli anni, di arrivare a quella stessa età, pensando che quello sarebbe stato un fatidico giro di boa nella mia esistenza. E quando, senza traumi e senza incidenti, ho superato il mio cinquantaquattresimo anno, ho cominciato a dirmi: "Ecco, ora sono diventato più vecchio di papà!". Lui è rimasto indietro, ed io, sopravvissuto, sono andato avanti, raggiungendo tappe dell'esistenza che a lui sono state precluse, dal caso e dalla necessità. E naturalmente io posso solo ricordarlo come cristallizzato nel tempo con l'aspetto che aveva nel giorno della sua morte. 
E così è stato, quando ho raggiunto e superato l'età di mio fratello, che mi ha lasciato molto più di recente.
Sì, siamo dei sopravvissuti ed è per questo che non possiamo non guardare di continuo ai nostri morti.
Essi sono sempre con noi.

Condividi post
Repost0

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth