Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 maggio 2011 5 20 /05 /maggio /2011 07:34

perfettogentiluomo.jpgUn perfetto gentiluomo (The Extra man, Usa-Francia 2010, realizzato a quattro mani da Shari Springer Berman e Robert Pulcini, documentaristi e registi emergenti usciti dalla Columbia Film School) è un'esile commedia, ma - per alcuni versi - raffinata e piena di suggestioni letterarie, un po' incomprensibile per noi Europei perchè fa riferimenti ai tic, alle idiosincrasie e alle strane abitudini dell'élite spiantata che ha la sua nicchia ecologica nel newyorkese Upper West Side, con tanto di frequentazioni di party e feste "alla moda" un po' blasé e vacanze estive a Cape Cod.

Proprio questa specificità, accoppiata ad alcune altre tematiche di possibile impatto sulla pruderie di alcuni, ha fatto sì che durante la proieizioni alcuni del pubblico abbandonino la sala (come è accaduto nel corso della visione del sottoscritto).

Un giovane professore di letteratura a Princeton (USA), Louis Ives (interpretato dall'efebico Paul Dano che ha al suo attivo un ruolo nella cinematografia maggiore in Il petroliere, 2007, ma con un debole per la cinematografia indipendente), viene espluso dal suo college perchè sono state scoperte del tutto casualmente delle sue tendenze "strane" e non ammissibili in quell'ambiente, legate all'icertezza sulla sua identità sessuale.

Ives, con la testa piena di lettura dei classici contemporanei della letteratura americana (Fitzgerald, con "Il grande Gatsby" e il suo protagonista Nick Carraway), ma non sfugge alle suggestioni della narrativa psicologica e d'ambiente dell'europeizzato Henry James a cavallo tra Ottocento e Novecento, e - vivendo immerso in un universo più letterario che di autentiche relazioni - finisce con lo sbarcare il lunario a New york dove trova lavoro presso una casa editrice ambientalista e alloggio nell'abitazione di un eccentrico personaggio, Henry Harrison (Kevin Kline), dalle bizzarre frequentazioni, che sostiene di aver scritto in passato un'unica commedioa (un autentico capovaloro) che però gli era stata sottratta prima della messa in scena e di una possibile pubblicazione: a causa di ciò quelle promettenti premesse che lo avrebbero condotto a divenire una stella emergente del panorama letterario, si erano tramutate in un flop.

Louis a New York si confronta con le sue incertezze identitarie e le esplora a fondo, inziando una sorta di "lieve" doppia vita, alla ricerca della sua vera immagine, ovvero alla ricerca del congiungimento possibile di due immagini sdoppiate e divergenti.

Ciò avverrà con un complicato percorso di "formazione" nel quale avrà un ruolo determinante Henry Harrison, con l'impatto della sua bizzarra ed eccentrica umanità, ma anche con la coorte di altrettanto eccentrici personaggi che gravitano attorno a lui e che Ives, pieno di meraviglia e con levità comincia a frequentare, sentendosi - in qualche misura - pari tra pari. Alla fine, una sua possibile "adultità" si definirà meglio, pur senza tralasciare la sua attitudine ad rimanere una sorta di Peter Pan, con la promessa quasi compiuta che, grazie al contributo rilevante in termini di esempio di Henry Harrison, riuscirà ad andare avanti con il suo progetto di scrittura, con il riconoscimento che l'esercizio della scrittura - oltre ad essere luogo di rielaborazione delle proprie esperienze - può anche assumere una valenza (auto)terapeutica rispetto ad incertezze identitarie ed esistenziali.

Un film godibile, anche se a tratti noioso.

Notevole l'interpretazione di Kevin Kline, unico attore della storia del prestigioso premio cinematografico a conquistare un Oscar in un ruolo comico (per la sua interpetazione in "Un pesce di nome Wanda"), questa volta nei panni dell'eccentrico gentiluomo, capace di trarre profitto (in senso buono) da tutte le opportunità che gli offre la Grande Mela (un vero e proprio manuale di sopravvivenza nella grande metropoli, se si hanno pochi soldi e, ciò nonostante si vogliono coltivare interessi culturali elevati).

Altrettanto bravo Paul Dano, con un perfetto physique du role.

Una curiosità sono i baffi di Kevin Kline che, da molti confuso con lo stilista Calvin Klein (non sia mai), si toglie e si mette i baffi a seconda del genere di film in cui deve recitare. Questo, ha ispirato il divertente "Principio dei baffi di Kevin Kline" del critico cinematografico Roger Ebert, che si può illustrare in questo modo: quando Kline recita in un film comico i baffi rimangono e fanno bella mostra sotto il naso dell'attore americano, mentre quando Kline deve recitare in una pellicola drammatica, i baffi devono sparire. Lo si potrà facilmente verificare andando a spulciare uno a uno i titoli della filmografia di questo indimenticabile e impeccabile professionista dell'arte drammatica… anche se, è necessario dirlo, ultimamente ci sono state delle eccezioni.

Scheda film

Un film di Shari Springer Berman, Robert Pulcini. Con Kevin Kline, Katie Holmes, John C. Reilly, Paul Dano, Alicia Goranson, Cathy Moriarty, Patti D'Arbanville, Jason Butler Harner, Celia Weston, Marian Seldes, Alex Burns, Justis Bolding, Rafael Sardina, Marshall Factora, Kevin Scullin, David Boston, John Leighton, Graeme Malcolm

Titolo originale The Extra Man. Commedia, durata 105 min. - USA, Francia 2010. - Bim uscita venerdì 13 maggio 2011.

 

TRAILER

 

Condividi post

Repost 0
Published by maurizio crispi - in Cinema
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth