Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 febbraio 2012 2 21 /02 /febbraio /2012 11:48

Riprendo qui un mio scritto di un paio di anni fa. Un momento descrittivo che racconta delle sensazioni e delle emozioni di una passeggiata lungo il mare. L'ho ritrovato e voglio includerlo tra le mie note diaristiche di questo blog, perchè mantiene tuttora una sua freschezza e una sua attualità, dando al tempo stesso l'idea molto forte di quanto la scrittura possa equivalere ad una fotografia che fissa dei momenti irripetibili, prolungandoli in certo qual modo nel futuro.

 

Una giornata magnifica nel suo esordio.

Poi, dopo un paio d'ore, il cielo s'è offuscato.

Ma quelle due ore sono state un dono grato.

Il cielo azzurro.

Il mare liscio e quieto: la risacca, soltanto un mormorio rasserenante.

Il sole tiepido.

Non un filo di vento.

Spiaggia deserta: lungo la passeggiata, a ridosso della sabbia, molti camminatori e podisti che si accingono al loro allenamento domenicale.

Il borgo marinaro pigramente comincia ora a risvegliarsi.

I venditori di pesce e frutti di mare si affacendano per esporre la loro merce.

Rintocchi di campanedalla chiesa si spandono sul mare.

Barche da pesca dipinte a vivaci colori e battezzate con nomi di donna (donne di famiglia, è sempre così, il nome di una mamma, di una moglie o di una fidanzata): la barca, ancestralmente, come la nave, è femmina, e come una femmina va trattata, affettuosamente e con dedizione.

Il cammino verso il faro solitario sulla scogliera è splendido, come sempre, coon i suoi saliscendi e con la distesa del mare che in alcuni momenti sembra farsi di oro fuso..

Il paesaggio mozzafiato.

Gabbiani volano alti, stridendo, molto oltre il ciglio della rupe stagliandosi come esili ed eleganti sagome nere sullo sfondo del cielo intensamente azzurro.

La montagna s'innalza a picco sul mare, incombendo minacciosa sulla stretta strada d'asfalto sbrecciato che fende una distesa stepposa di disi e asfodeli.

Grosse pietre sono rotolate giù dala parete di roccia: l'effetto delle cadute di temperatura dei giorni scorsi: ognuna è grossa a sufficienza da sfracellare una macchina.

Viene spontaneo guardare intimoriti la cresta del monte, scrutando con apprensione un sommovimento, un improvviso tremito e il rullo delle pietre smosse della frana.

L'inutile fortino risalente alla 2^ guerra mondiale, il faro in abbandono (che peccato!) all'infuori della lanterna, suo cuore vitale, poi un'altra postazione militare di avvistamento e poi la discesa sullo sterrato che conduce alla scogliera da cui la vista spazia libera verso Isola delle Femmine, Montagna Longa e Punta Raisi.

Su di una roccia, a caratteri cubitali e con vernice rossa, campeggia la scritta "Area nudista" ed è qui che si entra nel cono d'ombra della montagna e, all'improvviso, s'avverte il freddo del primo mattino non ancora intiepidito dal primo raggio di sole.

L'ombra genera subito apprensione.

Dappertutto, solitudine e siilenzo, un balsamo per l'anima.

Il paesaggio è talmente vasto che nemmeno ci si accorge della moltitudine di podisti e camminatori che procedono in lunga teoria, in un senso e nell'altro.

Poi il ritorno.

Mondello e la riserva di Monte Gallo: uno dei più bei posti dove andare a camminare, a correre, a esplorare, a pensare, a sentire.

Mi ritengo fortunato di poter essere qui e di poter godere di tutto questo.

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Note di diario
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth