Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
28 ottobre 2013 1 28 /10 /ottobre /2013 19:46

Su Facebook, commenti offensivi contro il ministro Kyenge. Ma per gli amministratori del social network non violano Su Facebook, commenti offensivi contro il ministro Kyenge. Ma per gli amministratori del social network non violano "gli standard della comunità".

Sappiamo - e abbiamo purtroppo constatato giorno  dopo giorno - che Cécile Kyenge, Ministro dell'Integrazione  del Governo in carica, sin dall'inizio del suo mandato è stata sottoposta ad una pioggia di insulti di stampo razzista e di atteggiamenti discriminatori.
Se ciò fosse stato - e fosse - solo espressione dell'ignoranza popolare e che venga dalla base, potrebbe essere ancora comprensibile, anche se in alcun modo non giustificabile.
Ma è assolutmente deprecabile che atteggiamenti analoghi vengano assunti e mantenuti da rappresentanti di partiti, da parlamentari o da politici impegnati in posizioni di rilievo nei governi regionali e locali.

Sappiamo ad esempio che la consigliera leghista di Padova  ha detto di lei pubblicamente: "Mai nessuno che se la stupri".
A seguito del fatto, dal quale alcuni rappresentanti del suo stesso hanno preso tardivamente (e tiepidamente le distanze) la Valandro è stata condanata a 13 mesi per direttissima.

"E' stata condannata a 13 mesi oggi per direttissima la consigliera leghista di Padova Dolores Valandro che indirizzò parole ingiuriose al ministro dell'Integrazione Cecile Kyenge. "Mai nessuno che se la stupri", aveva scritto la Valandro scatenando un diluvio di polemiche. La consigliera era stata espulsa dalla Lega e poi denunciata per istigazione ad atti sessuali compiuti per motivi razziali. Oggi Valandro è apparsa in lacrime e pentita davanti al giudice affermando che non era sua intenzione insultare nessuno, né tantomeno la Kyenge. Poco fa la condanna con l'obbligo di risarcimento per 13.000 euro. Per la donna, i giudici hanno anche disposto l'interdizione per tre anni dai pubblici uffici. I difensori di Dolores Valandro hanno gia' annunciato un ricorso in appello, mentre lei ha lasciato l'aula del tribunale senza rilasciare alcun commento " (fonte Pointblog)

 

 

Ma il solito Calderoli se ne è lasciata scappare una altrettanto pesante, di tipica marca leghista:. Ha detto, infatti - «Quando vedo le immagini della Kyenge non posso non pensare alle sembianze di un orango».
Il pesante insulto razzista lanciato dal leghista Roberto Calderoli nei confronti del ministro dell’integrazione Cecile Kyenge scatena un terremoto politico. I vertici del parlamento condannano l’accaduto, Letta protesta. Alfano critica l’ex collega di governo e il Pd chiede le dimissioni dell’esponente del Carroccio che ricopre l’incarico di vicepresidente del Senato. (14.07.2013: ilfattoquotidiano.it).

In entrambi i casi, ai fatti hanno fatto seguito rettifiche in stile berlusconiano: "Non volevo...", "Non intendevo...", "Sono stato frainteso....", "Ho esagerato...": tutte disgustose forme di marcia indietro che non annullano affatto il peso di ciò che è stato detto o fatto subito prima (ricordiamo, a carico, di Calderoli, l'episodio indecente della T-shirt decorata con una vignetta anti-islamica).
Il fatto è che queste esternazioni da parte di sedicenti "politici" di bassa lega, ma per via della loro posizione pubblica "leader" degli umori popolari, tendono a fare scuola, a rimbalzare e a moltiplicarsi.
E' successo per esempio, su Facebook dove un post in cui si riportava un articolo di Cécile Kyenge è stato commentato da frequentatori di quella pagina con analoghe ed ingiuriose espressioni (offese gratuite ed istigazione allo stupro per motivi razziali).
Fatto gravissimo questo che ha indotto alcuni, tra cui la collega giornalista Valeria che ha ravvisato nei commenti postati una violazione agli standard di Facebook (intesa come comunità), in quanto "contenuti che incitano all'odio e/o alla violenza", a fare il previsto "report" all'amministrazione di Facebook.
Ma questa volta gli amministratori del social network, spesso estremamente occhiuti, solleciti e pronti a censurare il comportamento dei Facebookiani per motivi molto più futili (le infrazioni alla privacy, il tentativo di estendere i propri contatti tra persone che non conoscono direttamente), non hanno ravvisato nelle parole degli più o meno anonimi commentatori alcuna infrazione all'etica FB.
Questi i commenti contro la Kyenge che secondo Facebook non sono offensivi e che, quindi, non vanno rimossi: "Ma tornatene in CONGO e se non sai cosa fare raddrizza le banane SCIMMIA", "Inculatela a secco".
Questa la risposta di Facebook dopo la segnalazione, risposta giunta puntualmente il giorno dopo la segnalazione: "Abbiamo analizzato il commento che hai segnalato per la presenza di discorsi o simboli inneggianti all'odio e abbiamo stabilito che non viola i nostri Standard della comunità". (Facebook).

Gli  standard sono i paletti che il social network pone a tutti gli utenti. Tutti i contenuti postati, si legge, non devono contenere attacchi o discriminazioni nei confronti di persone o gruppi di persone «in base a razza, etnia, nazionalità, religione, sesso, orientamento sessuale, disabilità o malattia».
Pena, l'eliminazione immediata del contenuto e, talvolta, anche quella dell'autore. Questa volta i moderatori non hanno ritenuto che i due commenti segnalati fossero discriminatori nei confronti della Kyenge, provocando un'ondata di proteste da parte dagli altri utenti scandalizzati per il tono degli attacchi.

C'è veramente da rimanere sbalorditi.

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Riflessioni
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth