Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
13 febbraio 2015 5 13 /02 /febbraio /2015 08:56

Storie e cunti. Dalla narrazione orale al piacere della lettura

E' una novità: sarà forse perchè la fine dell'inverno si avvicina.

La mattina

quando è ancora buio

si sentono degli uccelletti ciuciuliare

si svegliano e chiaccherano tra loro:

"Come hai passato la notte?"

"Hai dormito bene?"

"Io sì, ma ho sentito un po' di freddo"

"Quando prendiamo il volo per andare a cercare la nostra prima colazione, qulache vermetto gustoso e succulento?"

"Dobbiamo aspettare che faccia luce..."

"intanto raccontiamoci qualche bella storia..."

"Forza! Chi vuole raccontare la prima?"
"Ecco! Vi racconterò della volta in cui un nostro antenato si fece beffe di un grosso gatto nero che cercava di mangiarselo in un sol boccone..."
(...)
"E' bella questa storia! Raccontacene altre!"

 

 

Storie e cunti e cunti di li cunti, già!

Un tempo le storie più che quelle lette erano quelle che si raccontavano stando seduti attorno al fuoco dell'accampamento o davanti al fuoco del camino nelle lunghe sere d'inverno.

Ed erano sempre gli anziani a prendere la parola, attingendo dal loro ricco bagaglio di storie tramandate da una generazione all'altra e che avevano ricevuto come lascito, avendole più volte ascoltate da bambini in rapito silenzio.

Ad ogni passaggio le storie si arricchivano perchè ogni narratore inseriva il suo contributo derivante dalla sua esperienza viva e palpitante.

Il bisogno di sentire narrare le storie, forse per questo, è vivo, quasi una necessità emozionale: senza storie da narrare e da ascoltare ci si inaridisce.

La televisione e ancora di più i videogiochi stanno annullando questo nostro peculiare bagaglio che viene da tanto lontano.

Bisognerebbe spegnere gli apparecchi TV, buttare via i videogiochi e ricominciare a raccontare.

Ricordo che mio padre la sera entrava nella nostra camera da, quando eravamo pronti per dormire e ci leggeva le storie di Sindbad il Marinaio, di Aladino e i quaranta ladroni ed altre ancora: papà non leggeva semplicemente quelle storie, ma le recitava, facendo vivere i personaggi e rendendoli presenti ai nostri occhi, quasi in carne ed ossa.

Ogni sera solo un pezzo di storia e ci lasciavsa in sospes sul più bello: e io non vedevo l'ora che si arrivasse alla sera per poter sentirne la continuazione E lui, puntualmente, riprendeva la narrazione dal punto in cui eravamo arrivati la sera prima: l'uccello Rok, l'Isola misteriosa con una fonte al centro, e tante altre avventure, che alimentavano la mia fantasia.Dei professori di Liceo, tutti più o meno scialbi, ricordo con piacere il professor Carlotti che ci fece amare la Letteratura latina, perchè ci leggeva interi brani, declamandoli, e perchè quando ci parlava di un autore, lui stesso diventava quell'autoree lo faceva vivere davanti ai nostri occhi. 

Il piacere della lettura, in fondo, è figlio del piacere di ascoltare le narrazioni: quando  - essendo stato educato all'ascolto delle narrazioni orali - apri un libro e cominici al leggerne la prima pagina, il piacere che provi è lo stesso, con la differenza che adesso sei autonomo e che puoi scoprire il mondo delle infinite storie da solo.La prima pagina di un libro è una porta che ti fa entrare in un mondo che adesso puoi esplorare da solo. 

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Riflessioni
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth