Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 febbraio 2013 2 05 /02 /febbraio /2013 08:03

scrivere.jpgRicordo sempre cose del passato: alcune sono presenti, altre compaiono all'improvviso sulla base di un minimo stimolo esterno oppure a causa di un 'improvvisa associazione.
Adesso, mi capita sempre più frequentemente di avere a che fare con i miei ricordi.

Poi, vorrei poter raccontare le cose che ricordo, fissarle in qualche modo, preservandole dalla plasticità della memoria in cui i nostri ricordi, nel tempo, si modificano, ogni volta che vengono rievocati.

Ogni ricordo raccontato è diverso: se una tale la racconto oggi, sarà in un certo in un modo; ma raccontandola dieci anni prima il racconto sarebbe venuto fuori diverso, con dettagli differenti e altre cose del tutto cambiate. E questo è uno degli elementi affascinanti della memoria che, con i suoi meccanismi, ci offre un testo di noi stessi che si riscirve in continuazione.

Il ricordo non è mai obiettivo, ma è sempre intriso di soggettività.

Ricordo e scrivo dei miei ricordi.
Sembra quasi che io si ossessionato da questo compito che mi do.
Non sono uno scrittore certamente, ma molti scrittori - anche se questo non sempre appare chiaramente - scrivono per ricordare e per non dimenticare ciò che hanno ricordato o che si mantiene vivo nella loro memoria (ma sino a quando, se non lo si fissa in qualche modo?).

Sono rimasto affascinato dal modo in cui Tiziano Terzani si è avvicinato alla sua fine: chiese al figlio (con il quale i rapporti non erano esattamente distesi) se fosse disponibie a regalargli un'ora del suo tempo ogni giorno. Un'ora che sarebbe stata dedicata al racconto della sua vita. E in quest'ora il figlio avrebbe potuto chiedergli qualsiasi cosa avesse voluto sul suo passato.
Queste conversazioni andarono avanti sin quasi alla sua morte e furono poi pubblicate in un volume ("L'ultimo giro di giostra").
Mi piacerebbe potere ripercorrere così la mia vita, non per farne un panerigico, ma per prendere in considerazione tutto diessa, anche gli errori e i fallimenti.
Sarebbe più facile farlo con un interlocutore attento e affettivamente interessato.
Non parlo ovviamente di uno/a che occupi la posizione terapeuta: quel tipo di percorso l'ho sperimentato e serve unicamente a te stesso, per riordinare, per chiarire, per trasformare l'impensabile in elemento pensabile.
Quello a cui penso adesso è potere fare una cosa simile a quella che volle fare Tiziano Terzani: con mio figlio, per esempio.
Ma i tempi non sono maturi per questo.
E allora scrivo, sperando che un giorno, anche se non avremo avuto il tempo per il racconto, lui potrà scoprire qualcosa di me leggendo e, a sua volta, ricordare.
Ogni volta che un piccolo ricordo riemerge lo fisso sulla carta ed anche per questo, quando mio figlio era piccolo, avevo preso l'abitudine di registrare i piccoli eventi significativi (per me) e le conversazioni con lui bambino, apparentemente banali e prive di significato, ma degne di memoria.

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Note di diario
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth