Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 settembre 2011 2 20 /09 /settembre /2011 12:12

DSC06579Si è celebrato ieri (nella domenica pomeriggio del 18 settembre, a partire dalle 17.30) l'anniversario dell'azione civica denominata il Quadrilatero Fiorito.
Si tratta di un'iniziativa spontanea, scaturita da alcuni privati cittadini che, desiderosi di combattere il degrado e l'abbandono del proprio quartiere, hanno deciso di intraprendere delle azioni di miglioramento e di manutenzione, non sostituendosi alla pubblica amministrazione assente, ma ad essa fornendo con il proprio intervento attivistico, uno stimolo vitalizzante a meglio operare.
Così, il quadrilatero residenziale (delimitato da quattro strade ortogonali e parte del Quartiere Libertà) in cui è stato avviato l'esperimento ha goduto di una maggiore pulizia e ne è indubbiamente migliorata l'estetica, grazie a grandi fioriere e a piante ornamentali, collocate opportunamente davanti agli esercizi commerciali aderenti all'iniziativa.
Grazie ai fondi raccolti è stato assunto un operatore ecologico che provvede alla pulizia ambientale, sopperendo alle deficienze degli Operatori ecologici comunali.
Sempre in corrispondenza degli esercizi commerciali aderenti (soprattutto nel caso dei locali pubblci) sono stati posti speciali portacicche, in modo tale da ridurre l'impatto ambientale dei mozziconi di sigaretta buttati di malagrazia a terra.
Ancora, piccoli cartelli con esortazioni pedagogiche sono stati collocati qua e là, in buona vista dei cittadini che usano la pubblica via.
DSC06606.JPGQuadrilatero Fiorito è un'iniziativa non solitaria, dal momento che, a Palermo, a pelle di leopardo ne stanno sorgendo o ne sono già attive altre con denominazioni di tipo diverso, ma tutte animate dagli stessi principi informatori e da eguali idealità.
Il principio che permea l'iniziativa è che l'ambiente è di tutti, essendo un bene comune e che tutti di conseguenza devono contribuire alla sua tutela.
Principio sacrosanto e condivisibile.
Tuttavia, in tutto questo (che sembra bellissimo, di primo acchitto) c'è, a mio avviso, un piccolo neo: quello di appartenere alla categoria delle "azioni" - sino a prova contraria e sarei davvero lieto di essere contraddetto - un po' troppo autoritarie e verticistiche, che nascono da un'oligarchia di cittadini che, ponendosi su di un gradino più alto, rivendicano un ruolo di "guida" e il diritto di agire per il bene comune sulla base di un'idea monolaterale di ciò che è bene comune, ma senza aver prima consultato tutti gli altri citttadini per avere un'idea dei bisogni espressi dalla base e per potere agire di conseguenza.
DSC06626Alcune iniziative, in questa luce, parrebbero discutibili, come la proposta di un incremento della videosorveglianza stradale (nelle vie coinvolte) al fine di aumentare il coefficente di sicurezza dei cittadini del quartiere.
Sarebbe auspicabile che silmili, lodevoli, iniziative scaturissero maggiormente dalla base dei cittadini: il coinvolgimento funziona e arriva al suo massimo soltanto attraverso una responsabilizzazione diretta dei singoli cittadini e dall'aver fatto propri i valori dell'ambiente.

Cosa che può essere portata avanti solo attraverso una costante tensione pedagogica ed educativa: si vedano, ad esempio, le multiforme azioni intraprese nel contenitore "Puliamo il Mondo", promosse da LegaAmbiente che sono andate avanti tra il 16 e il 18 settembre in tutto il nostro territorio nazionale e sempre con il coinvolgimento dei più giovani, sulla scia dell'iniziativa su scala mondiale intitolata “Clean up the world”, la più importante campagna di eco-volontariato del mondo, nata a Sidney in Australia nel 1989 (per approfondire vai al seguente articolo: L'Italia si mobilita per Puliamo il mondo).
Oppure attraverso la responsabilizzazione individuale, in cui ognuno in maniera volontaristica, fa quel che può per migliorare il proprio micro-ambiente, come è nel caso dei Guerrilla Gardener a Palermo e in altre realtà dello Stivale.

Ma forse, se si arrivasse a ciò, ognuno farebbe la sua parte senza bisogno di nessuna associazione che, per funzionare (ciò detto per inciso), richiede il pagamento d'un obolo mensile per famiglia (€2.00) e per esercizio commerciale (€3.00).
Un'utopia forse che, se si avverasse, configurebbe nel suo piccolo un'applicazione felice dei principi dell'anarchismo libertario.
Ma siccome ciò è impossibile, vanno avanti delle iniziative che, purtroppo, mantengono - seppur dissimulato abilmente - un sapore di stucchevole paternalismo.
Alla fine dei discorsi celebrativi, della presentazione di un bollettino informativo a stampa prodotto dalla stessa associazione con una serie di articoli che fanno il punto dello stato dell'arte delle cose dopo un anno di attività e del dibattito (scarno), ha avuto luogo un rinfresco offerto dall'Associazione "Quadrilatero Fiorito" e dagli sponsor correlati.
Numerosa è stata la partecipazione di un pubblico, composto essenzialmente da cittadini residenti.

Condividi post

Repost 0

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth