Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
13 novembre 2012 2 13 /11 /novembre /2012 10:22

La discarica a cielo aperto di una traversa di via Principe di Paternò a Palermo - Foto di Maurizio Crispi

 

 

Come si tiene una città pulita e si può dire "Risolto (o sotto controllo) il problema della monnezza"?

Così: facendo in modo che la strada davanti alla casa del sindaco (in questo caso, Via Principe di Paternò a Palermo) sia sempre pulita, come pure le vie immediatamente adiacenti, diciamo in un raggio di 100-200 metri massimo...

Occhio che non vede, cuore che non duole...
Poi, nelle altre zone della città, non importa...
Infatti, non c'è bisogno poi di andare molto lontano dalla casa del sindaco, presidata H24 da una pattuglia dei Vigili Urbani.
Lungo la stessa strada (un chilometro circa a monte, ultima traversina a sinistra, venendo da casa del sindaco), si può vedere un monnezzaio a cielo aperto dove i "cittadini" buttano senza ritegno di tutto e di più, persino vecchi televisori e materassi dismessi.
Inviterei il sindaco Orlando (che nella sua campagna elettorale ha utilizzato lo slogann "Luca lo sa fare"), a farsi un giretto da quelle parti: potrebbe anche andarci a piedi da casa, facendo una salutare passeggiata.

 Non è possibile lungo lo stesso asse viario ci siano simili discrepanze: e che la stra da si atenuta pulita davanti alla dimora del beneamato sindaco che - ricordiamolo - è il "primo" cittadino, ma pur sempre un cittadino che come tutti i comuni mortali - come ebbe a dire il mordace Voltaire - quando si siede, "sta seduto sul suo culo", un culo che è identico a quello di tutti gli altri, potenti o umili che siano.
Si sente dire nei dibattiti pubblici e nei confronti politici che il Sindaco debba essere al servizio dei cittadini che amministra, che debba tutelare in tutti i modi possibili il loro benessere e la loro sicurezza: verissimo!
Questa è la teoria così come viene enunciata disinvoltamente...
Queste fatidiche parole, in un recente dibattito televisivo, le ho sentite pronunciare da una giovane donna che è stata sindaco di un piccolo comune del Nord e che raccontava le sue esperienze, messe in opera proprio partendo da tali premesse.
Ma, purtroppo, venendo alle nostre realtà, una cosa é il dire, altra cosa é il fare: e spesso le buone intenzioni tali rimangono, ancor più odiose, perché poi - ex-post - suonano come una buggeratura.
Il passaggio alle "buone" pratiche rimane così, il più delle volte, pura utopia.
Io penso che il Sindaco Orlando, su questa questione - come su altre - debba doverosamente rimboccarsi le maniche e darsi da fare, uscendo dal Palazzo e muovendosi tra la gente, ascoltandola e invitandola ad un modello di gestione compartecipativo, le cui finalità siano condivise in quanto scaturenti dagli effetti bisogni della collettività.

A proposito, nei quotidiani locali del giorno 11 novembre 2012 è venuta fuori la notizia (con relativo titolone) che a Palermo si è raggiunta la quota di oltre il 50% del totale dei rifiuti che sono stati trattati con raccolta differenziata. 

Ma, a leggere dentro la notizia, si apprende che soltanto il 6% delle zone della città usufruisce allo stato attuale del regime di raccolta differenziata...
Quindi, i rifiuti trattati con la raccolta differenziata, in realtà, sono soltanto una minima parte del totale dei rifiuti urbani solidi prodotti.

Intanto, però si dà la notizia in modo "trionfalistico"... e si mistifica, come sempre...

In che razza di mondo viviamo...

Ogni tanto penso seriamente di volermene andare...

Penso che ancora non manchino i luoghi dove si possa vivere in modo accettabile...

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi (Testo e foto) - in Società
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth