Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
6 giugno 2011 1 06 /06 /giugno /2011 11:52

Lafine_Scibona.jpgIeri (il 5 giugno 2011), mi è capitato di ascoltare in radio (Radio Capital) un progamma di recensioni letterarie in cui si parlava del romanzo dell'americano statunitense Salvatore Scibona (La fine), programma che si fondava anche su di un'intervista realizzata direttamente con l'autore, tra l'altro capace di esprimersi correttamente in italiano. Ho trovato la presentazione del romanzo estremamente interessante e sono andato a documentarmi. 

Ecco il risultato della mia ricerca.



Ne La fine di Salvatore Scibona, americano e discendente proprio da quegli immigrati italiani che in parte fecero l'America (pubblicato da 66th and the secon, collana Bazar), viene raccontata- nel cuore immaginario del Cleveland - una storia di immigrati italiani: una storia di decisioni determinate e determinanti che tingono di nero le vite grigie dei personaggi.

 

È un romanzo che viaggia sui binari temporali di una sola giornata, quella del 15 agosto del 1953. È la festa dell'Assunta a Elephant Park e, come ogni anno, il quartiere si trasforma in un carnevale di venditori ambulanti, gente di ogni colore, infinite varietà di cibo, mirabolanti giostre per bambini. Tra la folla svettano i portatori della Vergine con le loro tonache immacolate, che contrastano con la pelle scura della statua di Maria. L'aria della sera estiva porta in sé il sentore di un presagio, e per una volta tutto sarà diverso. Una vedova abortista, un adolescente introverso, un'enigmatica sartina, un marito abbandonato, un gioielliere che colleziona lettere di confederati e Rocco, il panettiere. Individui ordinari, trascurabili perfino, ma resi indimenticabili dalla loro fede incrollabile nella ricerca del proprio compimento, nel realizzare quel determinato atto, quel particolare progetto, con l'idea che al termine del percorso sia possibile trovare la fine di tutto. Salvatore Scibona tesse una serrata trama di eventi, costellata di indizi nascosti, ambientata negli anni Cinquanta tra gli immigrati della comunità italoamericana di Cleveland, Ohio, e segnata da un crimine mai svelato che informa le vite dei protagonisti. Un'opera prima che sfiora, con garbo e capacità di introspezione, i grandi temi della vita attraverso i pensieri e le riflessioni dei suoi personaggi, facendo scivolare il lettore nel puro piacere di un'avida lettura.

La fine narra le vicende dei suoi, dei nostri, emigrati come uno specchio impolverato svela in profondità ciò che siamo.

In quello specchio, oltre a vedere noi stessi, cogliamo i volti, le espressioni, i tratti delle generazioni che ci hanno preceduto. Salvatore Scibona racconta una storia che attraversa l’Italia da nord a Sud e s’insinua tra le vie di paesi e province, e poi su, in qualche stanza abbandonata per cercar fortuna altrove. Ci ricorda il nostro passato di migranti, mai davvero concluso e già dimenticato.  Saranno state le origini italiane, e in particolare siciliane, ad aver spinto l’autore in una narrazione tanto articolata, che si chiude tuttavia come un cerchio verso il principio di tutte le storie: la vita.

scibona.jpgNato a Cleveland, Ohio, Salvatore Scibona ha solo trentacinque anni e da quando ne aveva dieci ha deciso che nella vita avrebbe fatto lo scrittore.

È diventato il caso letterario degli States e ora è pronto a conquistare l’Italia. Con il suo romanzo d’esordio, La fine, edito da 66th and 2nd in lingua italiana, l’autore ha vinto nel 2009 il Young Lions Fiction Award e il Whiting Writers Award, l’anno prima è stato finalista del National Book Award.

Non solo: è stato selezionato tra i 20 più grandi autori di lingua inglese sotto i 40 anni d’età dal «New Yorker».

Docente nella scuola di scrittura Fine Arts Work Center di Provincetown nel Massachusetts, Scibona (il cui nome si pronuncia, in realtà, "Skibona") ha studiato scrittura creativa con Marilynne Robinson all’Iowa Writers’ Workshop. E proprio una scuola di scrittura lo ha ospitato lo scorso 19 maggio, a Roma. La LUISS Writing School – il master di Scrittura Creativa della LUISS "Guido Carli" – ha organizzato una lecture con l’autore, dal titolo Italia-America solo andata, in occasione della presentazione del libro. L’evento, realizzato dagli allievi della scuola, si è tenuto alle ore 11 nella sede di viale Pola della LUISS.

Insieme all’autore, è intervenuto Alberto Castelvecchi.

L'autore - questa è la cosa rimarchevole e curiosa, al tempo stesso - ha realizzato la sua opera scrivendola interamente a mano, attraverso una serie di riscritture successive che hanno conferito alla sua prosa la qualità di un pregevole distillato.

 

Condividi post

Repost 0
Published by frammenti-e-pensieri-sparsi - in Letture
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth