Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
25 novembre 2011 5 25 /11 /novembre /2011 15:44

This-must-be-the-place.jpgThis must be the place (di Paolo Sorrentino, 2011, Italia, Francia Irlanda) é un film davvero straordinario sulla memoria, sulla riconciliazione, sull'elaborazione del lutto e sui percorsi di vita più o meno bloccati.
Bravo Sean Penn per l'interpretazione di un ruolo che avrebbe potuto scadere nel volgare o nello stereotipo e che, invece, è di un'intensa umanità.
Il racconto prende le mosse dalla rappresentazione dello spleen esistenziale d'un musicista rock rimasto ancorato al suo ruolo (il genere di personaggio della scena musicale degli anni Settanta en travesti) e che non ha più alcuno stimolo dalla vita, dato che si è ritirato a vivere di rendita dei proventi accumulati nel corso della sua carriera e delle royalties, dopo che due fan adolescenti ispirati dal messaggio disfattista contenuto nelle sue canzoni si sono suicidati (e non passa mese che lui vada a deporre fiori sulle loro sepolture, perchè si è sentito responsabile delle loro morti e da quell'evento la sua carriera nusicale - troppo legata ad uno stereotipo si era bloccata).
Ma soprattutto Cheyenne - questo è il suo nome - continua ad essere fissato al suo ruolo e alla sua immagine di rockstar di un tempo: si veste e si acconcia esattamente come quando calcava le scene.
Perchè una simile rigidità?, si chiede lo spettatore, intuendo che non si tratta soltanto di un vezzo, dal momento che tale fissità è accompagnata da una nota fondamentalmente malinconica e triste.
E, all'improvviso, arriva la notizia che il padre con cui Cheyenne non si vede e non parla da oltre 30 anni da quando, a causa delle incomprensioni, se ne era andato di casa, è morente di vecchiaia.
E, così, Cheyenne parte per un viaggio che scaraventerà dalla sua dimensione di vita ristretta e quasi claustrofobica nel grande mondo, portandolo dalla periferia di una città d'Irlanda agli Stati Uniti, dove è sempre vissuto il padre e da dove lui stesso era a suo tempo partito, quando si era messo in fuga dalla famiglia.
Il viaggio è un'opportunità che gli si schiude davanti, per uscire dal suo mondo chiuso e imploso, statico (in cui la fonte di maggiore vitalità è tuttavia il saldo rapporto con la moglie).
Tutto il resto, che assume presto la cifra di un road movie, è un viaggio alla ricerca di se stesso e delle proprie radici, quando scopre che il padre scampato ad un campo di sterminio nazista aveva raccolto un'importante documentazione per smascherare l'ufficiale delle SS che, nel campo, lo aveva vessato e umiliato.
Sentendo come un lascito la missione lasciata incompiuta dal padre, Cheyenne s'avventura in un lungo viaggio attraverso gli States, seguendo le tracce del nazista e, intanto, come è in tutte le storie on the road, fa una serie di incontri cruciali che gli cambiano la vita e che, soprattutto, lo mettono di fronte ai veri motivi che lo hanno bloccato in un ruolo rigido e senza sviluppo.
Il film di Sorrentino è, invero, la storia della ricucitura di un rapporto spezzato tra un padre e un figlio, attraverso un percorso di elaborazione che inizia davanti ad un corpo senza più vita e che riattiva un dialogo che non aveva potuto più avere luogo per oltre 30 anni.

Alla fine, Cheyenne, ritornerà ai suoi affetti familiari, trasformato nella mente, ma anche nel corpo e nella sua immagine esteriore.
Non ultimo pregio del film è la colonna sonora in cui David Byrne (Talking Heads) fa la parte del leone con la riproposta di tanti suoi pezzi "classici" degli anni '70, comparendo anche nelle sequenze del film, quando Cheyemme si reca ad assistere ad una performance dal vivo di Byrne con un dialogo tra i due in cui viene sviluppata una riflessione tra la musica prodotta seguendo le mode, che imprigionano i musicisti in un ruolo e in un'immagine senza possibilità di evoluzione e quella che invece è autenticamente creativa con punti di svolte, con impennate in controtendenza e con una dichiarata mission di incidere nel sociale, anche al costo della transitoria impopolarità: in questo breve confronto viene delineata la differenza tra musicante che con il suo mestiere cavalca astutamente le mode e il vero artista.

In questo senso, il film contiene uno strarodinario omaggio al grande ed intramontabile David Byrne.

Scheda film
Un film di Paolo Sorrentino. Con Sean Penn, Frances McDormand, Eve Hewson, Harry Dean Stanton, Joyce Van Patten, Judd Hirsch, Kerry Condon, David Byrne, Olwen Fouere, Shea Whigham, Liron Levo, Heinz Lieven, Simon Delaney, Seth Adkins
Drammatico, durata 118 min. - Italia, Francia, Irlanda 2011. - Medusa uscita venerdì 14 ottobre 2011

Trailer

 



Colonna sonora

 


 

 



 

Condividi post

Repost 0
Published by (Maurizio Crispi) Frammenti e Pensieri sparsi - in Cinema
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth