Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 novembre 2011 2 15 /11 /novembre /2011 01:11

madame-curie-google-7-novembre-2011.jpg

 

(Fonte: Profilo di Teresa Ferro, FB) Oggi, 7 novembre, tocca a Marie Curie, ricercatrice che ha lasciato un segno indelebile nella comunità scientifica, campeggiare sul logo Google.

Il Doodle del colosso di Mountain View è dedicato a lei.

Maria Skłodowska, poi rimasta nota come Marie Curie o Madame Curie è stata la donna che ha avuto l’onore di essere il primo professore donna in Francia. Per lei, il soprannome di crocerossina radiologica, molto attiva sui campi di battaglia durante i conflitti della prima guerra mondiale. Per lei, riconoscimenti importanti: su tutti il Nobel per la fisica e per la chimica. Nonostante questo riuscì ad essere una madre e una moglie modello.

Ma la sua vita fu anche caratterizzata da un vero e proprio scandalo mediatico.

Marie Curie è giustamente considerata una delle figure più importanti della scienza del '900. I suoi studi si concentrarono sulla radioattività, e furono molto importanti. Un personaggio che è riuscito a entrare nell’immaginario collettivo, al punto da meritare anche una menzione in una canzone dei Kraftwerk, vale a dire Radioactivity, del 1975.

curie.jpgLe scoperte scientifiche di Marie Curie riguardano principalmente la scoperta e l’isolamento di due elementi della Tavola Periodica: il Radio e il Polonio. Ma si impegnò anche molto come “radiologa” sui campi di battaglia della prima guerra mondiale.

Si servì di avveniristiche unità mobili grazie alle quali riusciva ad effettuare delle vere e proprie diagnosi per i soldati feriti che per quei tempi costituivano un risultato straordinario. 

Una figura amata e apprezzata a trecentosessanta gradi? Non proprio, perchè c’è anche chi la ritiene responsabile di aver fatto da precursore - involontariamente, è ovvio - a tutto ciò che oggi si ricollega all’atomo come accezione negativa: le bombe atomiche, le centrali nucleari e la medicina nucleare. Effetti collaterali della sua ricerca, di cui certo lei non ha alcuna responsabilità.

Come detto, per lei il più alto riconoscimento arrivò con il Premio Nobel per la fisica nel 1903 e con  quello per la chimica nel 1911. Due riconoscimenti che ebbero una duplice valenza, perchè fecero di lei la prima donna ad aver vinto più di un premio Nobel. Non solo: tuttora è anche l’unico scienziato ad aver vinto il premio in due categorie differenti. Solo Linus Pauling, premio Nobel per la Chimica e per la Pace, ha avuto un onore simile.

Queste le motivazioni per i suoi premi: «In riconoscimento dei servizi straordinari che essi hanno reso nella loro ricerca sui fenomeni radioattivi» e «In riconoscimento dei suoi servizi all’avanzamento della chimica tramite la scoperta del radio e del polonio, dall’isolamento del radio e dallo studio della natura e dei componenti di questo notevole elemento».

marie curie 03Le indagini effettuate mediante l'ausilio dei raggi X, nate più di un secolo fa, sono attualmente ritenute le più salde e semplici tra le tecniche diagnostiche per immagini, ideali per la visualizzazione e lo studio di ossa e polmoni, di cui riescono a fornire immagini chiare e precise, meno nitide invece se si analizzano tutti gli altri organi.

Le radiografie utilizzano i raggi X, ossia radiazioni ionizzanti, di certo non benefiche per l’organismo umano: di fatto esistono dei limiti di esposizione, imposti dalla legge, sia per chi si sottopone all’esame sia per i medici che intraprendono la professione, sono invece del tutto da evitare per bambini e donne incinte.

Come già detto Marie Curie non si dedicò soltanto alla sua carriera e ai suoi studi. Probabilmente il suo valore come donna è anche amplificato dal fatto che unitamente ai suoi straordinari risultati raggiunti nel campo scientifico è anche riuscita a restare una moglie e una donna fedele e impegnata. Una donna che ha raggiunto una completa realizzazione sia nel campo professionale e privato, a conferma di come le due cose si possano conciliare senza problemi. Certo,  in questo ha probabilmente influito il fatto che accanto a sé ha potuto contare su un marito che lavorava nel suo stesso campo e con il quale ha potuto condividere studi e vita privata.

Quello tra loro fu un incontro che, certamente, ha contribuito alla sua carriera personale, garantendo nello stesso tempo la sicurezza d'una vita privata che procedeva in maniera parallela e serena.

marie-pierre-curieUn esempio anche per molte donne di oggi, che spesso non riescono a conciliare le due cose e che a volte temono di dover scegliere tra la realizzazione professionale e quella personale.

Marie Curie ha dimostrato al mondo di essere una donna che ha saputo fare entrambe le cose, e che ancora oggi costituisce un punto di riferimento per tutto il mondo femminile.

Le radiazioni sono problemi con i quali dobbiamo confrontarci, conseguenze delle scoperte scientifiche che spesso si rivoltano contro lo stesso uomo.

 Pierre Curie, marito di Marie, scrive in un documento del 1901 all’Accademia di Francia: “Dopo l’esposizione ai raggi (del Radio) la pelle è diventata rossa…; ha l’aspetto di una bruciatura, ma poco dolorosa. Dopo alcuni giorni l’area rossa senza che si sia allargata è diventata più rossa; al ventesimo giorno le croste che si erano formate sono cadute ed hanno lasciato una ferita profonda…; la guarigione dell’epidermide è iniziata il quarantaduesimo giorno”.

Marie Curie portava “Un paio di centigrammi della sostanza in un tubo sigillato ed ha avuto delle ustioni simili…; una esposizione di meno di mezz’ora… ha comportato una macchia rossa per quindici giorni, che per guarire ha messo oltre quindici giorni”.

Come detto,  i suoi studi, sia pure indirettamente, hanno portato a conseguenze anche nel mondo di oggi.

 

Certo Marie Curie, con i suoi studi, non avrebbe mai immaginato che saremmo arrivati a conseguenze come la bomba atomica oppure le centrali nucleari (e relativi disastri), e nelle sue intenzioni non c’era affatto il pensiero che i suoi studi avrebbero potuto condurre a sviluppi tecnologici pericolosi per l'individuo e per il mondo intero.

Tutto ciò che è avvenuto in seguito non ha niente a che vedere con i suoi meriti, e non toglie nulla alla straordinaria importanza del suo lavoro e alle sue capacità.

Marie Curie resta un punto di riferimento per la comunità scientifica e come detto un punto di riferimento per tutte le donne.

Google nel giorno del 144° anniversario della sua nascita ha deciso di omaggiarla con un logo che consente al grande pubblico del motore di ricerca più famoso al mondo di riscoprire un personaggio che a suo modo ha contribuito alla nostra storia moderna.

Un'iniziativa apprezzabile che conferma l’attenzione dei loghi di Google nei confronti di personaggi celebri ma anche meno celebri e ciò nondimeno meritevoli di attenzione.

Condividi post

Repost 0
Published by (Fonte: Teresa Ferro su FB)Frammenti e pensieri sparsi - in Personaggi
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth