Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 ottobre 2011 3 05 /10 /ottobre /2011 08:00

le-belve-don-winslow1-large.jpgSi beve in un attimo questo nuovo romanzo di Don Winslow (Le belve, Einaudi, 2011. Titolo originale: Savages), che si pone come ulteriore capitolo di una sorta di trilogia di "frontiera" sul tema della spietatezza sulle vie del narcotraffico "new style" al confine tra Messico e California (USA), avviata con "Il potere del cane". "Le Belve" ha uno stile fulminante, con capitoli brevi, rapidissimi, a volte con una struttura fulminante di poche sillabe soltanto, capitoli haiku, quasi, e nel complesso permeato di un approccio narrativo zen.
C'è la contrapposizione tra il volto "buono" - se vogliamo "ludico" e gioioso - della produzione e del commercio di droga (quello gestito dagli inseparabili amici Ben e Chon,  con marihuana di prima scelta, idroponica, coltivata con amore e filosofia "biologica", ma nello stesso tempo con competenza) e quello cattivo, violento e predatorio, dei narcotrafficanti emergenti d'oltre frontiera.

Ben e Chon con la bella Ophelia (O), fidanzata di entrambi, rappresentano il volto new age e buonista della droga, mentre come loro antagonista viene a collocarsi un cartello di narcos messicani che vuole sovrintendere alla loro attività per necessità di estendere il proprio bieco potere, più che per fare lucro, e che - per sormontare il rifiuto (intollerabile) ad una "spontanea" collaborazione (accettare la quale - per Ben e Chon - sarebbe l'equivalente dell'aprire le porte a colonizzatori predatori e cattivi), rapiscono O, tenendola in ostaggio sotto costante minaccia di morte.
Ben e Chon (che, con le le loro caratteristiche di personalità, s'integrano perfettamente l'uno nell'altro: Chon predisposto alle azioni militari e concrete, Ben più contemplativo ed idealista) accettano apparentemente l'accordo imposto (non c'è via di uscita), ma, clandestinamente, prendono a darsi da fare per riprendersi O ed uscire da una situazione di incubo, diventando nei confronti dei Narcos come una specie di postmoderni Sundance Kid e Butch Cassidy (analogia intravista dallo stesso autore che, non a caso, cita il famoso film nel corso della narrazione).
Quello che attivano Ben e Chon è tutto un gioco rapido, fantasioso, ma veloce come un videogioco, ma è anche un gioco triste e violento (non ci sono alternative per battere i "cattivi").

I narcos, alla fine, saranno sconfitti, ma sarà - in verità - una sconfitta per tutti, sino alla malinconica conclusione.
Un romanzo che non delude.
Oliver Stone ha acquistato i diritti del romanzo e lo sta trasformando in film: staremo a vedere cosa ne verrà fuori.

 

Sintesi del romanzo

Ben e Chon sono amici per la pelle: un genio delle economie di scala e un prodigio di forza fisica e addestramento militare. Diversi, complementari, accomunati dalla stessa filosofia - vivi e lascia vivere - condividono tutto, inclusa Ophelia, la ragazza dei loro sogni. In California hanno creato un piccolo regno coltivando e smerciando un prodotto speciale: la miglior marijuana degli Stati Uniti. Ora, però, la loro remunerativa attività è finita nel mirino dei cartelli messicani. Che hanno un modo tutto loro di comunicare le proprie intenzioni: spedire un video nel quale mostrano la sorte riservata a chiunque non si conformi alla loro volontà. A Ben e Chon non restano che due alternative: incassare i dividendi e ritirarsi in buon ordine o don-winslow.pngaccettare la sfida in campo aperto e prepararsi a una battaglia senza esclusione di colpi, nella quale a essere in gioco non sarà solamente la loro impresa commerciale, ma la loro stessa vita. Ben e Chon, due personaggi avvolti da un insolito, accattivante alone di romanticismo. Loro due soli contro i grandi cartelli della droga. Una storia dal ritmo implacabile, piena di azione e colpi di scena. Un nuovo tassello della saga di confine inaugurata da "Il potere del cane".

 

Nota biografica su Don Winslow
Nato a New York, 1953, è cresciuto a Perryville, Rhode Island.
 
Ex investigatore privato, uomo di mille mestieri, è autore di undici romanzi, che lo hanno consacrato come nuovo maestro del noir.
Einaudi Stile libero ha pubblicato finora L'inverno di Frankie Machine (ultima edizione «Super ET», 2009), diventato un vero e proprio caso letterario, Il potere del cane e La pattuglia dell'alba (2010). Il suo Savages (Le belve, 2011) sta diventando un film di Oliver Stone.

Condividi post

Repost 0
Published by Frammenti e pensieri sparsi (Maurizio Crispi) - in Letture
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth