Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 febbraio 2013 7 24 /02 /febbraio /2013 17:07

Le anticipazioni del filantropo siciliano del XIX secolo sullo strapotere delle banche privateUna straordinaria anticipazione. Un fuoruscito siciliano costantemente in giro per l'Europa e frequentatore dei circoli mazziniani londinesi, il barone Giuseppe Corvaja fu autore di un libro pubblicato nel 1841 con il titolo "Bancocrazia" nel quale "... sostiene che l'unico potere effettivo nella società contemporanea è ormai detenuto dalle banche e che pertanto occorrerebbe sostituire tutte le banche private con un'unica banca centrale controllata dallo stato." (cfr. Giorgio Scichilone, Francesco Crispi, Flaccovio Editore, 2012, p. 93).

Un concetto grillino che, dunque, insospettabilmente e sorprendentemente viene da molto lontano.

Giuseppe Corvaja, filantropo aristocratico siciliano, nato a Calascibetta, un contemporaneo del «Gattopardo» e proprietario di un magnifico palazzo in Taormina, emulo di Owen, Saint-Simon e Fourier, propose nel suo saggio quasi avveniristico (per il suo tempo) un nuovo sistema sociale a guidare la risorgenza di un'età dell'oro. 
Le sue opere principali furono: «Il Nuovo Mondo, un piano finanziario per ottenere una completa riforma sociale», pubblicata a Parigi nel 1837, e «La Bancocrazia o il Gran Libro sociale, novello sistema finanziario che mira a basare i governi su tutti gl'interessi positivi dei governati», pubblicata a Milano, in due volumi, nel 1840-1841. 

Ciò che egli chiamò «bancocrazia» non era, né più né meno, che l'uso produttivo di tutti i tipi di capitale, anche minimi, da parte dello Stato trasformatosi nella Banca Centrale, in modo tale da eliminare «l’inutilizzazione» delle forze e dei capitali in grado di produrre valore, il che sarebbe stato causa - secondo lui - della miseria delle classi popolari. 

 

 

(Claudio Finzi) Giuseppe Corvaja è un deciso e fervente ammiratore e seguace del Saint-Simon, ma va oltre le tesi del maestro, individuando senza esitazioni nella banca il possente centro del nuovo desiderabile potere universale, destinato a sostituire anche il potere tecnico.
Chi in realtà controlla la società (sostiene Corvaia) sono le banche, che però agiscono nell'interesse degli speculatori privati, dei grandi azionisti e dei dirigenti, sfruttando tutti gli altri, risparmiatori e lavoratori. Per porre rimedio a questa situazione, non esiste altro mezzo che spostare il controllo dei capitali dai privati allo Stato, sostituendo le molte banche private con una sola unica grande Banca di Stato, in attesa della nascita di una sola unica enorme Banca mondiale.
Occorre "...poggiare il governo sopra una Banca … solo allargandone il numero degli azionisti sino all'ultimo dei cittadini".

Occorre sostituire con l'ordinata e positiva bancocrazia pubblica di Stato la disordinata ed egoista bancocrazia privata; "sostituire al federalismo politico il federalismo finanziario".
È già un discorso da far paura; ma non basta. Giuseppe Corvaia vuole che tutto: ingegno, capacità, tempo, laboriosità, lavoro manuale, danaro, proprietà, sia versato alla Banca, che darà azioni e onorari corrispondenti al prodotto ottenuto.
Tutto sarà valutato e amministrato dalla Banca centrale, al cui controllo nulla deve sfuggire. Insomma, quanto vediamo oggi svilupparsi in Europa e nel mondo, sembra quasi prefigurato nelle pagine fra il profetico e l'allucinato dell'ottocentesco barone siciliano, che alla Banca vuole consegnare anche le anime.

Da questo "contratto sociale politico", come lo chiama Corvaia, nascerà il nuovo governo; governo della Banca, che sarà anche governo del popolo e dello Stato.
Il re (come lo stesso Saint-Simon anche Corvaja vuole salvare la monarchia, perché spera di farsi appoggiare dai sovrani, in base al principio di fare la rivoluzione con l'aiuto di chi dovrà essere spazzato via) si identificherà col governatore della grande Banca; i ministri altro non saranno che i direttori generali; i deputati e il parlamento saranno una cosa sola con l'assemblea degli azionisti; i cittadini saranno i soci.
Il nuovo contratto politico sarà eterno; potrebbe chiederne la revisione soltanto chi fosse in grado di presentare un progetto migliore. Ma questo è impossibile. Poiché le leggi dell'economia bancaria sono esatte quanto quelle delle scienze naturali, ecco che nella realtà il supremo potere della Banca non dovrà mai combattere contro altre opinioni "...perché queste non potranno più sostenersi contro la verità matematica del Governo".
La discussione è finita, perché la Banca è arbitra e giudice persino della stessa verità, calcolata secondo leggi immutabili e fisse, perché matematiche. Non esisteranno più diritti naturali, ma soltanto diritti civili, stabiliti dai soci, a maggioranza qualificata dei due terzi.

(Segui il link all'inizio della citazione per leggere il saggio di Finzi per intero)

Il pensiero di Giuseppe Corvaja, inoltre, è stato esplorato da Concetta Spoto, nel volume edito nel 2009 per i tipi di Franco Angeli, dal titolo "La Bancocrazia a sistema di governo. Associazionismo e credito in Giuseppe Corvaja (1785-1860)".
Presentazione del volume. L'incapacità dei governi europei di dare risposte adeguate alle necessità dei cittadini e, soprattutto, di mettere fine allo sfruttamento dei lavoratori da parte degli "oziosi" stimola Giuseppe Corvaja a ideare un nuovo sistema di governo, che egli chiama Bancocrazia. Chiusa l'esperienza di imprenditore industriale, riflette sull'opportunità di ripristinare nel mondo uno stato di mutualità naturale. Banca, credito, aggiotaggio sono, per Corvaja, le forme moderne in cui si manifesta la primitiva naturale mutualità. Vano è opporsi al loro sviluppo, perché è lo sviluppo stesso della civiltà, ma occorre impedire che le banche continuino a essere strumenti di potere per pochi monopolisti e aggiotatori. Propone, pertanto, di convertire tutti i cittadini in azionisti di un'unica banca nazionale, alla quale affida responsabilità di governo. 
La novità della proposta di Corvaja sta nell'aver ideato uno Stato-banca che capitalizza tutte le potenzialità e i prodotti dell'ingegno, del lavoro e della proprietà. Tutti coloro che hanno depositato i loro capitali, dal cittadino più povero, ricco solo della forza delle proprie braccia, fino al più grande capitalista, ricevono, in cambio, biglietti rimborsabili al portatore, spendibili come denaro contante. 
Attraverso la via bancocratica Corvaja ritiene di poter combattere la povertà fino alla sua cancellazione e di garantire un'equa distribuzione delle ricchezze. Alzando la bandiera dell'associazionismo, entra, dunque, nel dibattito europeo sulla questione sociale, allineandosi, per certi versi, sulle posizioni di Saint-Simon, ma, soprattutto, di Fourier.

L'autrice. Concetta Spoto insegna Storia dell'Europa e Storia del pensiero economico presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Catania. Si è occupata di storia istituzionale e di storia del pensiero economico. Nella sua produzione scientifica figurano, fra gli altri, Il Vicerè Caramanico e il Parlamento del 1790; L'Accademia Gioenia di Scienze Naturali in Catania e il Giornale del Gabinetto Letterario. Scienza ed Economia Politica (1834-1868); Le casse di risparmio: una via per lo sviluppo; I "Principi Elementari" di Placido De Luca.

 

 

 

Delle opere di Corvaja vengono date come disponibili copie delle edizioni originali su Amazon.

 

 


Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi (per la ricerca delle fonti e per la loro sistemazione) - in Letture
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth