Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
12 agosto 2013 1 12 /08 /agosto /2013 10:57

La Spiaggia delle Anime. Un mistery transgenerazionale e mediterraneo(Maurizio Crispi) La spiaggia delle anime è l'opera prima di Roberto Alba, pubblicata da Gremese Editore (2012) nella Collana Crimen che, tra i suoi primi titoli, annovera anche un romanzo di S. S. Van Dine e di Edgar Wallace.
In realtà, il romanzo di Roberto Alba non è un giallo strictu sensu, semmai è un Mistery, in cui la narrazione si dipana su tre diversi piani temporali (e generazionali), che in una prima edizione del volume con un titolo lievemente diverso e in formato e-book, "L'ultima spiaggia delle Anime" (Edizioni IoScrittore e finalista del premio letterario IoScrittore nel 2011) aveva ricevuto una diversa sottolineatura con l'utilizzo (suggestivo) di tre diversi caratteri e di tre diversi colori per ciascun carattere:  come viene scritto in una precedente recensione di Bruno Elpis, "'L’ultima spiaggia delle anime' è una storia condotta lungo tre epoche, con tre vicende interconnesse grazie alla penna di Roberto Alba che, in questo romanzo, scrive a tre colori (idealmente: la penna d’oca del 1938, la stilografica del 1978 e … la tastiera del PC del 2009)".

Non mi soffermerò sull'intreccio che è stato ampiamente raccontato in precedenti commenti, ma farò qui delle mie notazioni.
La lettura all'inizio richiede una certa attenzione, poichè inizialmente è fondata su frequenti cambi di piano temporale e di location.
Ovviamente il punto centrale della narrazione e il suo livello più importante sono i fatti del 1938, con la molteplicità dei personaggi implicati e la ricchezza dei riferimenti storici, nell'imminenza del Secondo Conflitto Mondiale.
Qui si incontrano in un felice connubbio il mistery dalle venature un po' spionistiche, la rievocazione di un'inquitante scenario storico e la ricerca dell'esotico che, in qualche modo, offre al lettore degli scenari avventurosi verniani (la scoperta di Lindos farebbe pensare proprio a "L'isola Misteriosa"), ma anche delle inquietanti (e perturbanti) aperture lovecraftiane, con un incursione su un possibile mondo di "grandi antichi".

Dal passato si genera - attraverso percorsi strani - il presente.
Il passato è causa in qualche modo del presente ed alimenta visioni in coloro che si trovavo a vivere in epoche successive e che sono, in qualche misura, collegati a quel passato.
E i personaggi dei due piani narrativi più recenti, rispettivamente collocati nel  1978 e nel 2009, sono in qualche modo condizionati da questo passato e si trovano a rivivere alcune esperienze similari che hanno come centro il Mare Egeo e Lindos, isola "magica" e misteriosa che rimarrà per sempre "non trovata".

In qualche misura, il romanzo suggestivo di Roberto Alba è una storia di destini transgenerazionali che si incrociano e si sovrappongono, per poi tornare a divergere.
Ed è anche chiaro che una catarsi dalle catene del passato che portano ad un'inesplicabile coazione a ripetere o ad essere inglobati forzosamente in una sequenza di eventi similari potrà avvenire soltanto acquisendo consapevolezza della natura e del dipanarsi degli eventi pregressi.
Solo allora, forse, le visioni che tormentano uno dei personaggi di terza generazione e che hanno tormentato quello di seconda generazione potranno finalmente sciogliersi ed inabissarsi per sempre, dentro un mare che conserverà immutato - tuttavia - tutto il suo mistero.
Il romanzo di Roberto Alba si legge con grandissimo interesse, anche se i piani temporali che si incrociano di continuo, all'inizio possono generare nel lettore qualche difficoltà, a cui tuttavia si può sopperire facilmente rivisitando i capitoli riguardanti quello specifico piano temporale, ma anche si apprezza per alcuni dei riferimenti colti che contiene.
Come ad esempio, il riferimento al lavoro della francese Anne Ancelin Schutzenberger, La sindrome degli antenati. Psicoterapia transgenerazionale e i legami nascosti nell'albero genealogico (pubblicato in Italia da Di Renzo, nel 2011) in cui l'autrice - con il supporto di evidenze cliniche sviluppate anche in altri importanti saggi -  elabora la convinzione che alcuni pazienti possano soffrire nel presente a causa di eventi avvenuti nel passato e coinvolgenti alcuni loro avi, teorizzando qui l'importanza di ricostruire per ciascun paziente un albero genealogico in chiave socio-psicologica, il cosiddetto "genosociogramma": solo la consapevolezza di ciò che si nasconde in un passato transgenerazionale potrà consentire una risoluzione clinica dei sintomi che si manifestano nel presente.
E, ovviamente, il riferimento - non meno importante - ma questa volta di tipo storico al profetico scritto- inchiesta di di Hubert Renfro Knickerbocker, giornalista USA insignito del premio Pulitzer, dal titolo "Ci sarà la guerra in Europa?", pubblicato nel 1934.

Terzo riferimento colto è quello al mito di Cynosura ed Elice che furono le nutrici di Zeus bambino, con il compito di nasconderlo e proteggerlo dall'ira del padre Crono.

A far da sfondo ci sono l'Egeo, Rodi e il Dodeccanneso, e, al centro di tutte le storie,  la misteriosa isola di Lindos, ma c'é anche la Sardegna visto che Valerio Casti, uno dei personaggi chiave della storia, (e l'autore dietro le quinte) è proprio originario della Sardegna, quella Sardegna misteriosa dei Nuraghi che, secondo alcuni potrebbe essere la misteriosa Atlantite, collocata al di là delle Colonne d'Ercole che, solo tardivamente, vennero collocate a Gibilterra, ma che per molto tempo corrispondevano piuttosto al Canale di Sicilia, nel suo punto più stretto tra Capo Bon in Tunisia e Capo Feto, nei pressi di Mazara del Vallo,
teoria corroborata dagli studi appassionati del giornalista Sergio Frau.
 

 

E, in questo, ovviamente, Roberto Alba rende un grande omaggio anche alla sua terra e alla sua propria insularità.

 

La Spiaggia delle Anime. Un mistery transgenerazionale e mediterraneo

 

 

(Dall'ultima di copertina) Tutto ha inizio durante l'afosa estate del 1938, in una stanza d'albergo del Dodecaneso, quando un alto ufficiale italiano viene ucciso e il suo assassino porta via una borsa contenente documenti importantissimi. Rivelazioni strategiche. Qualcosa che potrebbe influenzare persino le sorti dell'imminente conflitto bellico. Un gruppo di italiani in vacanza sull'Egeo si ritrova coinvolto, suo malgrado, nella sparizione della borsa e, a bordo di un bellissimo veliero, inizia una logorante guerra psicologica. Chi tra gli ospiti dell'imbarcazione è la spia che si è impadronita dei documenti? La navigazione diventa ben presto un incubo, tra sospetti reciproci e la minaccia di un complotto internazionale... 1978, siamo nello stesso incantevole scenario. Mentre naviga lungo le coste della favolosa Rodi, una coppia spera di risolvere i suoi problemi. I due si salvano da una sciagura e approdano su un'isola sconosciuta, che non risulta tracciata in nessuna carta nautica, ma la cui profanazione porta alla morte... Arriviamo, quindi, ai nostri giorni. Un giovane avvocato compie un viaggio nell'arcipelago greco per sfuggire alle allucinazioni che lo tormentano e che lo vedono protagonista di un oscuro passato a Rodi. All'uomo sembra di rivivere le stesse vicende che hanno insanguinato l'estate del 1938 e quella del 1978. Le sue "visioni" lo conducono a un'isola che custodisce un terribile segreto.
La Spiaggia delle Anime. Un mistery transgenerazionale e mediterraneoFinalista al torneo letterario IoScrittore, La Spiaggia delle anime è un esordio che lascia il segno. Un romanzo polifonico che porta il lettore in una Grecia arcana, attraverso tre vicende cronologicamente lontane ma unite da un filo comune, che solo nell'epilogo troveranno la loro imprevedibile ed affascinante spiegazione. Un'opera che rompe gli schemi canonici del giallo e vi unisce seducenti suggestioni misteriche, senza rinunciare agli ingredienti classici del genere.

 

 

Nota biografica su Roberto Alba. Roberto Alba, nato nel 1964, dirige un centro di formazione informatica a cagliari. Da sempre appassionato di scrittura, è stato finalista del torneo letterario IoScrittore 2011, promosso dal gruppo editoriale Mauri Spagnol.
La Spiaggia delle anime è il suo primo romanzo.


 

 

Vedi anche la recensione su Dustyppagesinwonderland.

Condividi post

Repost0

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth