Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
1 luglio 2014 2 01 /07 /luglio /2014 07:09

Panchina Surreal-ricorsiva

 

Sono seduto su una panchina, circondato da numerose valigie.
Una bella panchina di legno, comoda, con le assi che servono da seduta e spalliera, un po' distanziate tra loro, consunte per via della lunga esposizione agli elementi.
Cosa ci faccio lì?

Non so...

Forse sono reduce da un viaggio o, forse, sono in partenza.
Ma il viaggio si è bloccato nella sua evoluzione
Come se il tempo si fosse fermato.
Non mi posso allontanare, naturalmente.
Sono da solo: del resto, a chi potrei affidare le valigie?
Se le lasciassi incustodite, arriverebbe per certo qualcuno a confiscarle.
Sono troppe perchè possa portarle con me agevolmente, ed anche troppo - innaturalmente - pesanti.
E queste valigie sono come il gonnellino di Eta Beta.
Avvengono delle cose, arrivano persone, parlano con me, stanno, se ne vanno.
Mi capita di tirare questo e quello fuori dai valigioni, perfino uno spazioso tavolo da the, il mio laptop, libri e quant'altro, anche dei bei libri d'arte piuttosto voluminosi, per non parlare poii della mia attrezzatura fotografica
Tutto va avanti e le cose si fanno sempre più complesse, ma io non posso mai allontanarmi dal mio piccolo mondo che è quella panchina: tuttavia è un mondo che - con le interazioni che mi offre, con gli incontri e con la possibilità di lavorare al PC - si fa sempre più complesso e variegato.
Poi, all'improvviso, si azzera tutto e devo ricominciare daccapo, nella stessa sequenza.
Seduto su quella panchina circondato dai miei grossi valigioni, da solo.
Stesse situazioni, stessi personaggi, stesse interazioni. Nella mia attrezzatura non vi sono indumenti di ricambio, nemmeno un paio di mutande pulito. Ad ogni inizio sono vestito in un modo diverso, ma sempre a modo mio.

Ma non è tutto totalmente deterministico: in ogni nuova sequenza, posso attivare una nuava ed inedita serie di azioni, ma una volta fatto ciò, questa nuova serie di azioni dovrà avvenire anche successivamente.
Sicchè si attivano diverse linee temporale e io mi divido in due, tre e quattro, e ancora di più: e ciò accade ogni qualvolta aggiungo una variante alla sequenza originaria.
Ma io - assieme uno e centomila - sono sempre seduto su quella panchina, impossibilitato ad andarmene, per quanti tentativi io faccia.
Una volta sono arrivati dei tassisti e si sono fermati a chiacchierare, fuori dai loro mezzi, accanto a me. Dopo quella volta sono arrivati sempre.
Ogni volta, io chiedo loro se sarebbero così gentili da custorire il mio bagaglio (ancora, per questa volta, non disfatto) nei capaci bagagliai delle loro auto in modo da consentirmi di allontanarmi per andare a cercare qualcsa di cui sento di avere urgente bisogno, ma mi rispondono accigliati che non possono in alcun modo. Il portabagagli deve rimanere libero per i loro clienti: li ascolto un po' deluso. "Come possono essere così insensibili?", penso tra me e me, comprendendo di essere profondamente invidioso di quelle persone che hanno piena libertà di andare  e venire dove gli pare, anche se - per contro - a me è data la possibilità di attivare sempre nuove linee temporali, che - pur non potendo mai essere infinite - mi offrono caleidoscopiche possibilità e nuovi orizzonti da poter esplorare sempre stando seduto o sdraiato sulla mia panchina.

La mia è una "panchina di Babele", ma anche una "panchina dei destini incrociati", panchina "a tempo" e dei paradossi temporali, infine panchina di Escher.
Mi piace questa panchina... perchè da essa posso partire per compiere infiniti viaggi, ogni volta nuovi.

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi (Testo e foto) - in Avvistamenti e panchine
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth