Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 gennaio 2013 3 02 /01 /gennaio /2013 10:42

Leggenda-del-Vento.gif(Maurizio Crispi) Sono un vero maniaco dei romanzi di Stephen King, altrimenti catalogabile con il termine coniato dal Re in persona come suo "fedele lettore".
E' da prassi andare in libreria a prendere ogni suo volume, nello stesso giorno in cui fa la sua comparsa su scaffali, espositori, vetrine.
Per me, é del pari di prammatica, acquistarne sempre una copia in più che faccio impacchettare in confezione regalo dopo aver scritto una dedica ad hoc, per recapitarla quindi nella portineria dello stabile dove vive la mia cara amica Anita.
E' stata lei che - già fedele lettrice - mi ha trasmesso il virus della passione per Stephen King facendomi diventare a mia volta un suo "Fedele Lettore".
Quindi, in segno di gratitudine amicale, voglio che anche lei riceva subito ogni nuovo volume del nostro autore preferito.
La "sorpresa" è sempre molto gradita, perchè - a quanto pare - cade sempre a fagiolo e arriva inattesa in momenti in cui la lettura di un romanzo di Stephen Kong può essere un'autentica panacea.
Ma questa è tutta un'altra storia che forse, un giorno, io e Anita racconteremo a quattro mani.
E' stato esattamente così che sono andate le cose con il nuovo volume di Stephen King, La leggenda del vento [un episodio della serie "La Torre Nera"] Sperling&Kupfer 2012.
Un romanzo di personaggi che narrano storie, di "storie nelle storie", come è tipico di Stephen King grande affabulatore...
Un episodio collaterale che si incastona all'interno della saga della Torre Nera, come tiene a precisare lo stesso scrittore che, nel suo breve scritto di presentazione indirizzato al suo "fedele lettore", ci dice esattamente dove collocarlo... a beneficio di quei lettori maniaci della cronologia...


"Per coloro che hanno letto la saga aggiungerò che questo volume andrebbe collocato tra La Sfera del Buio e I Lupi del Calla... per cui pensò che verrebbe classificato come il volume 4.5 della serie (dalla Premessa, ib. p. VIII),

 

 

Il volume (che forse nemmeno si potrebbe definire romanzo) è una piccola sorpresa, in fondo una raccolta di tre racconti incastonati uno nell'altro, come in un gioco di scatole cinesi.


Nel raccontare esiste una sorta di necessità e le storie sono per tute le età, anche se si è divenuti degli intrepidi guerrirri rotti a tutte le avventure.
Ecco cosa dice Roland al suo ka-tet prima di intraprendere la sua narrazione: "Non si è maitroppo grandi per ascoltare delle storie, Bill. Uomo e bambino, bambina e donna, mai troppo grandi. Viviamo per le storie" (ib., p. 187)

 

Leggere questo volume fa enorme piacere al lettore affezionato che vi ritrova i suoi personaggi, quelli che compongono il ka-tet dell'Ultimo Cavaliere, Roland Deschain dell'antica stirpe dei Pistoleri di Gilead, ultimo a proteggere il mondo dallo strapotere della Torre Nera e dell'Oscuro Re Rosso che vive in essa, da quando il "il Mondo è andato avanti" e del Medio-Mondo rimangono soltanto macerie oppure rovine fatiscenti... Ma il lettore avrà anche il piacere di scoprire nuovi personaggi, quelli delle storie che Roland trasmette ai Suoi, così come sua madre Gabrielle le aveva narrate o lette a lui, quando era bambinoe ancora apprendista pistolero.
Ma, nello stesso tempo, questo volume è un'ottima introduzione - "leggera" quanto basta - ai personaggi della saga e alle sue tematiche, per quelli che ancora non si sono accostati alle storie della Torre Nera o che non hanno ancora letto un solo romanzo di Stephen King.
Esattamente per questo motivo, facendo leva sul fatto che a lui già piacciono le storie phantasy, in occasione del recente Natale l'ho voluto regalare a mio figlio...

Il pretesto narrativo è dato dal fatto che il ka-tet guidato da Roland Deschain deve rifugiarsi in un'antica stazione di posta diruta per ripararsi dallo starkblast, una temibile pertubazione atmosferica che porta con sè un gelo siberiano, rapidamente mortale e distruttivo di ogni forma di vita (alberi, animali e uomini).

Al riparo e al caldo, la compagnia passa il tempo ascoltando il racconti dell'ultimo cavaliere, risalenti ad un tempo antico e leggendario, ancora più antico di quello del Medio-Mondo
Si fa leggere tutto d'un fiato

 

 

Stphen-King.jpeg(Dal risguardo di copertina) Lo starkblast è una tempesta di violenza inimmaginabile, un vento gelido che trasforma in statua di ghiaccio tutto ciò che trova sulla sua strada. Quando lo starkblast infuria, solo tre cose possono salvarti: solide pareti, un focolare, una buona storia per scaldare il cuore nella notte paurosa. E se il narratore è Roland il pistolero, uno dei più grandi personaggi creati da Stephen King, il racconto è pura magia. Sorpresi dalla tormenta durante il cammino, Roland e i suoi compagni trovano rifugio in uno spettrale villaggio abbandonato. Qui, barricati nell'unico edificio sicuro, aspettano l'alba ascoltando affascinati ben due storie, l'una racchiusa nell'altra come scatole cinesi. La prima è un drammatico episodio della giovinezza di Roland: un tempo, il padre lo mandò ai confini del territorio ad affrontare uno skin-man, un mutante capace di trasformarsi in un orribile essere che già ha lasciato una lunga scia di sangue. La seconda è la vicenda fantastica che, in quell'occasione, in una notte altrettanto infernale, Roland - ancora un ragazzo lui stesso - raccontò al piccolo Bill, l'unico testimone di una di quelle stragi. Mentre l'assassino si aggirava nell'ombra e raffiche polverose frustavano ululando le mura di pietra, Roland, per fare coraggio al bambino, ritrovò ricordi sepolti nella memoria: una fiaba che l'aveva cullato tanto tempo prima la sera, tratta dai "Racconti magici dell'Eld", e usata da sua madre per farlo addormentare. Una vera leggenda.

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Letture
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth