Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
1 aprile 2012 7 01 /04 /aprile /2012 07:30

DSC04139R

 

La crociata contro gli escrementi dei cani è sempre particolarmente vivace. Ne sono testimonianza i molti cartelli esortativi (e a volte offensivi) disseminati da volenterosi crociati ad ogni angolo di strada (in cui talvolta la gentilezza travalica in intolleranza e gratuite offese).
A fronte dei molti padroni di cani che, solertemente, armati di paletta e sacchetto, raccolgono la merda sparsa in giro dai propri amici a quattro zampe, ci sono quelli - altrettanti, se non di più - che allegramente se ne fottono o che propugnano un principio di "pari opportunità" all'insegna del grido accorato "Dateci le sabbiere, come in tutte le metropoli di livello europeo..."

Sono colpito l'altro giorno da un grazioso avvistamento (che ho documentato fotograficamente): su di un cartone da imballo abbandonato sul marciapiedi era tato collocato un pezzetto di escrementi disseccatti (evidentemente di cani) sul quale per mezzo di uno spillone o di uno spiedino metallico era stato collocato un cartellino scritto a caratteri stampatello.
Il tutto molto grazioso, molto mignon, molto delicato...
Con lo stesso gusto di una composizione floreale o di un origami, solo che si trattava di un autentico pezzetto di merda DOC!
Un avvistamento, indubbiamente, molto particolare...

Che in termini di "avvistamento" (ciò che viene osservato anche fuggevolmente, ma che desta meraviglia e emozioni, attivando al tempo stesso pensieri e riflessioni), dà indicazioni certamente caratteriali sul personaggio ignoto che ha confezionato questa piccola opera d'arte...

Lasciando in sospeso il giudizio sui padroni di cani che lasciano in giro la merda dei propri amici innocenti e senza macchia, risulta chiaro che l'autore dell'"installazione" (sì, secondo me, la si può considerare a tutti gli effetti un'installazione, per quanto animata da un gusto scatologico) debba avere una profonda ambivalenza psichica nei confronti della merda: la detesta al punto da ritenere che i padroni dei cani che non rimuovono le deiezioni canine siano essi stessi dei pezzi di merda, ma - nello stesso tempo - ne è inconsapevolmente attratto tanto da arrivare a manipolarla per confezionare il suo originale messaggio.
L'avvistamento della merda con cartello, autentico esemplare di "ambient art" (ricordate la famosa "merda d'artista" inscatolata alla Biennale di Venezia di tanti anni fa?) è avvenuto a Palermo, nei pressi della Statua della Libertà...
In materia di " avvistamenti" (intesi - ampliando il concetto già esposto sinteticamente prima - come "...quelle piccole grandi scoperte nascoste tra le pieghe della nostra quotidianità e della nostra interiorità, ...relative al nostro ambiente prossimo, quello più legato alla quotidianità, quello di cui conosciamo tutte le pieghe e quello da dove, all'improvviso e quasi per magia, può scaturire, un elemento poetico, di rottura, insolito...") questa immagine ci riconduce a cose più prosaiche e "letteralmente" più terragnole...
Ma ciò nondimeno anch'essa desta meraviglia, perché c'illumina sulla natura umana...

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Curiosità
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth