Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 agosto 2012 4 23 /08 /agosto /2012 17:55

DSC03643r.jpgStamane, ho avvistato nella ciotola dell'acqua di Frida (per chi non lo sapesse, la mia cagnetta) una macchia scura galleggiante.
Subito, di primo acchitto, ho pensato che potesse trattarsi di uno scarafaggio volante entrato dallo spiraglio lasciato nel pannello scorrevole della veranda.
Ma, quando sono andato per prenderlo, mi sono accorto che si trattava d'un esemplare della famigerata genia dei "Punteruoli Rossi" (Rhynchophorus ferrugineus), i coleotteri curculionidi che formano l'esercito sterminatore delle nostre palme (soprattutto gli esemplari di Phoenix canariensis e Phoenix dactylifera, ma anche di altre specie), giunto con una sua testa di ponte in un lotto di palme egizianegià infestate, acquistate a prezzo vantaggioso da uno dei nostri passati amministratori (ma questa forse è soltanto una leggenda metropolitana, che qui mi limito soltanto a citare, ma che trova riscontro persino in Wikipedia).
La bestiola non era annegata, a riprova del fatto osservato dagli entomologi che si tratta di animali "resistentissimi", a dir poco in possesso di molte più delle tradizionali nove vite che si attribuiscono al gatto.
Si, questo pensano gli entomologi del Punteruolo: che è una una macchina perfetta, indistruttubile.
Il Curculionide agitava le sue zampette, galleggiando sul dorso, molto miserevolmente.
L'ho raccolto delicatamente e l'ho infilato dentro un minuscolo barattolo di vetro, pensando che, di lì a poco, le forze lo avrebbero abbandonato.
Invece no!
Resisteva, la bestiola.
Muoveva le antenne, si agitava, dando la sensazione che volesse raggiungere una via d'uscita.
Sono rimasto sbalordito da tanta voglia di sopravvivere e dalla determinazione ostinata nel tentare, sino all'ultimo, di protendersi verso una possibile "uscita di emergenza", per proseguire la migrazione da una palma già distrutta ad una ancora integra da "attaccare".
Dilemma atroce per me, quindi.

DSC03644rIl primo impulso, devo ammetterlo, è stato quello di tenerlo segregato. Ho pensato: Un Punteruolo in meno, in giro per il mondo, forse una palma salvata.
Liberandolo, avrei potuto rendermi responsabile della morte d'una ennesima palma.
Eppure, vedere quella creatura prigioniera nel barattolo di vetro, zampettante e piena di energia, mi faceva intristire.
Certo, non sono un jaina, convinto assertore che qualsiasi forma di vita - anche la più piccola - possa essere sede della reincarnazione di un essere umano, invischiato nella concatenazione karmica - e quindi attento a non distruggerne nemmeno una: da qui, le attenzioni rituali messe in atto dai sadhu jaina nella preparazione e nel consumo del cibo e il fatto di spazzare il terreno davanti ai propri piedi con un ventaglia di piume di pavone.
Senza che fossi influenzato da suggestioni orientali, alla fine ha prevalso il rispetto della vita: e fu così che, al termine di una lunga elucubrazione sui pro e i contro della mia azione, ho deciso di rendergli la libertà e di consentirgli di riprendere la sua migrazione interrotta.
Spero soltanto che il Punteruolo rosso appena salvato non vada ad infestare - per debito di riconoscenza - la palma che ancora resiste nel giardinetto d'ingresso del mio condominio.

Fine dell'Incontro ravvicinato con il Punteruolo rosso

Condividi post

Repost 0
Published by Testo e foto di Maurizio Crispi - in Il fatto
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth