Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
14 giugno 2011 2 14 /06 /giugno /2011 09:31

Tutte le follie di cui un uomo è capace io le ho provate: nato in una notte di tempesta, vissuto fra le tempeste e gli oceani ove l’anima diventa selvaggia, e le pazzie del giornalismo ove la pazzia diventa un dovere, la mia vita doveva essere tempestosa per necessità (Emilio Salgari, lettera a Aida)

 

salgari.pngNel quadro delle celebrazioni salgariane che si svolgono a cavallo tra il 2011 (centenario della sua morte) e il 2012 (150° anniversario della sua nascita), esce - per i tipi di Minimun Fax, come espressione di un progetto la cui gestazione è partita dal 2010 - l'opera Capitan Salgari. In viaggio con l'immaginazione, in cui la casa editrice propone ai lettori una combinazione di volume e DVD.

Il Dvd contiene il fim-documentario, Capitan Salgari realizzato con la regia di Marco Serrecchia (durata: 55 minuti). Capitano per ispirazione, sognatore per vocazione, a cento anni dalla sua morte Emilio Salgari continua a far volare la fantasia di intere generazioni di lettori. E' un film documentario - arricchito dalla partecipazione straordinaria di Gino Paoli - ripercorre la vita tormentata del padre di Sandokan e del Corsaro Nero.

Il libro, invece, contiene una serie di testi giornalistici scritti dallo stesso Salgari, dal titolo Emilio Salgari. Una tigre in redazione. Le pagine sconosciute di un giornalista d’eccezione (A cura di Silvino Gonzato). Curata dal maggiore biografo salgariano, questa preziosa raccolta di articoli di Salgari svela un aspetto sconosciuto dell’autore, che per un decennio alternò l’attività di romanziere a quella di giornalista. Un’occasione unica per ritrovare, dietro curiose e brillanti cronache di vita cittadina, la penna inconfondibile del re dell’avventura.

Per un approfondimento, la seguente lettura, in cui Arianna Bonazzi parla del lavoro che ha portato alla realizzazione della sceneggiatura del film.

 

Capitan Salgari di Arianna Bonazzi (Minimum Fax Magazine agosto 2010)

salgari.jpg"Bel tipo quel letterato!... Un omettino magro, fra i trenta ed i quaranta, dai baffi biondi, tutto nervi e muscoli.

Se godesse una bella fama come letterato, io non lo so.

Si piccava però di essere una celebrità, ma io credo che i suoi famosi lavori dormissero negli scaffali polverosi dei librai.

Tipo alla buona del resto, buon compagnone, e soprattutto vero bohémien di istinti randagi.

Si diceva che aveva girato mezzo mondo e forse era vero perché parlava dell'America e della China come se non avesse abitato altri paesi.

Arenatosi in patria, aveva conservato però le sue abitudini randagie, percorrendo tutte le città della bassa, della media e dell'alta Italia, senza fermarsi in alcun luogo più d'un mese."

La descrizione di Roberto, uno dei letterati bohémiens, che frequentano la "topaia artistica" di via delle Scuole, è il fedele autoritratto del Capitano Salgari.

La mattina che mi è stato chiesto di scrivere del film su Emilio Salgari che Minimum fax media sta producendo, per la regia di Marco Serrecchia, accendevo il pc per la prima volta dopo una settimana di vacanza e raccogliendo le idee di tutto il lavoro fatto quest’anno sul progetto ho buttato un occhio al mio oroscopo sull’Internazionale. Brezsny dice dei Pesci per questa settimana:

«La mia amica Erica è andata da un erborista cinese a chiedere aiuto per un problema di pelle che altri sei medici non erano riusciti a guarire. "È una malattia molto rara", le ha detto l’erborista. Secondo lui c’era solo una cosa da fare: andare nelle paludi di Ruoergai nel Sichuan, in Cina, trovare un’aquila dalla coda bianca, raccogliere i suoi escrementi e applicarli sulla pelle. La prospettiva era scoraggiante perciò Erica ha deciso di farlo solo con la fantasia. Dopo una settimana, la sua pelle è migliorata. Dopo ventuno giorni era quasi guarita. La morale della storia è: visualizzare un’eroica missione risanatrice può aiutarti a risolvere un problema».

E subito m'illumino, non è questo che faceva Emilio Salgari?

Esigenze di sogno, d’evasione, il desiderio di stupirsi, la fame d’esotismo. Il "falso Capitano" che raccontava di aver visitato mezzo mondo senza aver mai lasciato l’Adriatico, ma che questo mondo aveva davvero conosciuto e visitato "attraverso gli occhi" di esploratori della tempra del veronese. Una strana figura di letterato errante che senza la minima paura si muoveva tra animali feroci e tagliatori di teste, che aveva imparato a conoscere e rispettare l’umanità più pericolosa al punto che la sola cosa che temesse veramente erano le malattie.

Il linguaggio delle passioni simulate, insomma, ma non per questo meno attraenti. Salgari narra ciò che il lettore vorrebbe essere: chi non vorrebbe per una volta trovarsi nei panni di Sandokan o del Corsaro Nero? Chi non vorrebbe provare spasimi amorosi che avranno per sicuro premio fanciulle da sogno, adolescenti dalla pelle immacolata, labbra di corallo e denti bianchissimi?

Quando mi sono trovata a collaborare per la realizzazione di questo documentario ho percepito immediatamente quale fosse l’entità del debito intellettuale che tanta letteratura ha verso questo scrittore, io stessa ho un legame stretto con Salgari. Sandokan è stato forse il primo libro che ho letto, tornavo da scuola e passavo i pomeriggi a casa di mia nonna a leggere e rileggere i "fotoromanzi" con Kabir Bedi, chi non ricorda lo sceneggiato televisivo o almeno la sigla…

Scorre il sangue... nelle vene

Forte vento... nella notte calda si alzerà!

Sandokan! Sandokan!

Giallo il sole la forza mi dà

Sandokan! Sandokan!

dammi forza ogni giorno ogni notte il coraggio verrà...

E quando Sandokan rivolgendosi a Marianna, la Perla di Labuan, dice di sé:  "Con te non posso mentire. Tu devi sapere chi sono.Il mio è il nome di un pirata… un nome che desta solo paura… un nome che annuncia il fuoco e la morte".

L’eroe salgariano non può mai assaporare la piena vittoria: o sconfigge i nemici ma rinuncia all’amore o per seguire l’amore deve piegarsi alle armi nemiche e rinunciare alla guerra.

Per noi è stato un anno speso all’insegna della ricerca e della documentazione, un passaggio inevitabile per chi si vuole cimentare con un’opera del genere, ma che in questo caso è stata davvero tempestosa. Il Capitano è stato il primo falsificatore di sé stesso e della sua vita; a cominciare da sua moglie Ida Peruzzi, subito ribattezzata Aida. Nel corso degli ultimi cento anni le opere di Emilio Salgari sono state le più inquinate, falsificate, mistificate, smontate e rimontate, malamente pubblicate di tutta la storia della letteratura italiana.

L’intenzione di questo film è quella di raccontare Emilio Salgari da un punto di vista finora inesplorato soffermandosi sugli ultimi venti anni della sua vita, gli anni torinesi. Fu un periodo floridissimo per il Salgari scrittore, che vide pubblicate alcune delle sue opere più importanti, quelle del cosiddetto "ciclo dei pirati della Malesia", ma allo stesso tempo fu un periodo tragico per il Salgari uomo, che piombato in uno stato di forte malessere si tolse la vita nei pressi della sua abitazione.

Sono gli anni in cui si consuma la parte più emblematica della sua vita, che si trasforma prima lentamente, poi sempre più vorticosamente, nel cliché dello scrittore misero e infelice. Ma com’è arrivato a questa misera fine il più importante romanziere italiano d’avventura?

Partiamo dalla città in cui viveva in quell’epoca, Torino.

Il legame con questa città è controverso. Da un lato la città in quegli anni appariva come un luogo monotono e grigio agli occhi dello scrittore, ma dall’altro ha saputo offrirgli le fonti letterarie, gli stimoli e gli incontri importanti per la sua inesauribile produzione letteraria.

Con questo film si cerca di ritrovare quelle connessioni che legarono Salgari alla sua personale geografia torinese, seguendo i suoi percorsi all’interno della città e recuperando "l’aria" della Torino di fine secolo, ripercorrendo parallelamente la geografia fantastica dei suoi romanzi, il suo "monde à part" composto di luoghi esotici, affascinanti e lontani: un atlante che esisteva solo nella sua mente fantasiosa.

Il documentario infine tenta di delineare i punti cardine della geografia interiore del Salgari uomo, quella che lo spinse al suicidio, esplorando la sua ultima abitazione di Corso Casale a Torino e ricostruendo i suoi ultimi anni di vita attraverso il suo noto e disperato epistolario.

Nel film si alterneranno questi tre diversi percorsi salgariani, che rappresentano altrettanti piani narrativi lungo un filo conduttore che seguirà cronologicamente gli ultimi vent’anni di vita dello scrittore fino alla sua morte il 25 aprile del 1911, l'anno in cui la città di Torino si preparava a festeggiare il Cinquantenario dell'Unità d'Italia.

"Vado a morire nella valle di S. Martino, presso il luogo ove andavamo a far colazione. Si troverà il mio cadavere in uno dei burroncelli che voi conoscete, perché andavamo a raccogliere i fiori".

Il 2011 sarà l’anno di Emilio Salgari che tra il centenario della sua morte e il centocinquantenario dell’Unità d’Italia sarà al centro di eventi e manifestazioni culturali. Minimum fax media proprio in questi giorni dopo un anno dall’inizio del progetto "Capitan Salgari" che ha portato alla realizzazione di un film-documentario girato tra tra Verona, Genova e Torino (dove verrà presentato in occasione della mostra sullo scrittore presso il Museo Regionale di Scienze Naturali).

 

Cos'è esattamente Capitan Salgari. In viaggio con l'immaginazione?

Capitan Salgari racconta Emilio Salgari da un punto di vista finora inesplorato. Racconta gli ultimi venti anni della sua vita, gli anni torinesi. Un periodo floridissimo per il Salgari scrittore, che vide pubblicate alcune delle sue opere più importanti, quelle del cosiddetto «ciclo dei pirati della Malesia», ma nello stesso tempo fu un periodo tragico per il Salgari uomo che, piombato in uno stato di forte malessere, si tolse la vita nei pressi della sua abitazione. Sono gli anni in cui si consuma la parte più emblematica della sua vita, che si trasforma prima lentamente, poi sempre più vorticosamente, nel cliché dello scrittore misero e infelice. Ma com’è arrivato a questa misera fine il più importante romanziere italiano d’avventura?

Nel film si alternano tre «geografie» salgariane, che fanno da diversi piani narrativi lungo un filo conduttore. Ritrova quelle connessioni che legarono Salgari alla sua personale geografia torinese, seguendo i suoi percorsi all’interno della città e recuperando «l’aria» della Torino di fine secolo. Parallelamente ripercorre la geografia fantastica dei suoi romanzi, il suo «monde à part», composto di luoghi esotici, affascinanti e lontani, un atlante che esisteva solo nella sua mente fantasiosa, e che ha accompagnato la giovinezza d’intere generazioni di lettori. Infine, racconta la geografia interiore del Salgari uomo, quella che lo spinse al suicidio, esplorando la sua ultima abitazione di Corso Casale a Torino e ricostruendo i suoi ultimi anni di vita attraverso il suo noto e disperato epistolario.

 

Vedi anche Auguri, Italia nel sito web di Minimum Fax.

 

Il film-documentario di Marco Serrecchia è stato anche presentato al Trento Film Festival 2011

 

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Redazione Frammenti e pensieri sparsi - in Letture
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth