Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
25 marzo 2012 7 25 /03 /marzo /2012 21:03

DSC01845.JPG

 

L'infinita tipologia delle panchine non finisce mai di sorpendermi...

E' stupefacente vedere le variazioni con cui si presenta questo oggetto del nostro panorama percettivo...

Sono incredibili le variazioni combinatorie di materiali, di tecnica costruttiva, di foggia, di contesto e di luogo: e ogni volta il risultato è diverso e originale.

Se poi ci si aggiunge l'effetto del nostro sguardo introspettivo e delle nostre proiezioni, allora il gioco è fatto: la panchina diventa un oggetto universale che, dal particolare vertice di osservazione che ci regala (e la possiamo guardare dall'esterno, ma - nello stesso tempo - ogni singola panchina può divenire un nostro punto di osservazione, se la utilizziamo per la sua naturale funzione, cioè per sedersi oppure per sdraiarci su di essa, o per conversare, o semplicemente stare in quiete mentre gli altri attorno a noi si affannano e vanno veloci), consente di raccontare a noi stessi una storia del mondo, continuamente in bilico tra realtà esterna e mondo interno.

Si potrebbe dire pertanto che il mondo può stare tutto in una panchina, oppure - viceversa - che potrebbero bastare le panchine, nelle loro infinite variazioni - a rappresentare il mondo.

Certo è che, da quando lessi il libricino di Sebaste e da quando è nato il gruppo Facebook sulle panchine (Quelli Ke le panchine), che soprattutto negli ultimi tempi ha visto una crescita esponenziale della partecipazione e di contributi visuali, di pensieri, di riflessioni e di link, camminando per le strade non faccio che accorgermi sempre di nuove panchine e non faccio che rimanere meravigliate dalle molteplici possibilità combinatorie con il loro contesto, dalle atmosfere che generano, dai pensieri, dalle sensazioni e dalle emozioni che ogni singola panchina avvistata elicita in me osservatore e potenziale fruitore.

Il mondo diventa una panchina, per alcuna versi...

Ma c'è anche da chiedersi: cosa sarebbe il mondo senza le panchine?

In fondo - a ben guardare - sotto tutti i cieli, qualsiasi sia la lingua parlata da chi vi si siede, le panchine parlano un linguaggio universale che tutti sono in grando di intendere: se ci si siede in una panchina e se questa seduta la si condivide con qualcun altro, credo che ci si possa intendere davvero con poco...

La panchina diventa così l'oggetto-simbolo per una possibile ecumene tra i popoli più diversi...

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Luoghi
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth