Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
4 maggio 2014 7 04 /05 /maggio /2014 08:39

Il grado zero della panchina

Quale potrebbe essere è il grado zero della panchina? Ma sicuramente un tronco appena squadrato e sbozzato, che mantiene le sue origini vegetali visto che è stato lasciato allocato ai piedi di un albero fronzuto ed in piena vegetazione.
Il tronco che adesso è panchina, continua così a vivere una sua vita vegetale...
L'uno è svettante verso il cielo ed è in piena vegetazione, l'altro è in assetto orizzontale e, apparentemente, in quiescenza, limitandosi - allo sto attuale - ad offrire una comoda seduta al viandante che voglia sostare e riposare.
Forse un giorno il tronco trasformato in panca tornerà a buttare foglie e fiori...
E questo fa riflettere su quanto i manufatti dell'Uomo delle origini fossero connessi al mondo vegetale e alla Natura di cui lui stesso era parte, in un equilibrio dinamico e nel rispetto di un patto che mai veniva rotto.

Mi piace immaginarlo così: con una sua vita sotterranea e radici che a poco a poco riprendono vigore.
 

 

Del resto, secondo il mito, quando Odisseo nella sua Itaca si ritrovo a costruire il talamo nuziale decise di ricavarlo da un enorme ceppo di ulivo che venne lavorato e sbozzato sino a trasformarlo in letto nel posto in cui era cresciuto non potendo essere eradicato tanto era enorme. E dopo averne ricavato il letto nuziale, Odisseo ci costrui attorno la stanza e poi tutto il resto della casa.

 

Ed è così che aavvenne il riconoscimento di Odisseo da parte di Penelope, proprio per il fatto che il segreto del talamo nuziale era di loro esclusiva condivisione e parte della loro intimità di sposi (Odissea, Libro XXIII).


 

«Sciagurato! non sono altezzosa o sprezzante
né sono attonita: so molto bene come eri
salpando da Itaca sopra la nave dai lunghi remi.
Orsù, Euriclèa, stendigli il solido letto
fuori del talamo ben costruito che fece lui stesso;
portate fuori il solido letto e gettatevi sopra il giaciglio,
pelli e coltri e coperte lucenti».
Disse così per provare il marito; e Odisseo,
sdegnato, disse alla moglie solerte:
«Donna, è assai doloroso quello che hai detto.
Chi mise altrove il mio letto? sarebbe difficile
anche a chi è accorto, se non viene e lo sposta,
volendolo, un dio in un luogo diverso, senza difficoltà.
Nessun uomo, vivo, mortale, neppure giovane e forte,
lo smuoverebbe con facilità: perché v’è un grande segreto
nel letto lavorato con arte; lo costruii io stesso, non altri.
Nel recinto cresceva un ulivo dalle foglie sottili,
rigoglioso, fiorente: come una colonna era grosso.
Intorno ad esso feci il mio talamo, finché lo finii
con pietre connesse, e coprii d’un buon tetto la stanza,
vi apposi una porta ben salda, fittamente connessa.
Dopo, recisi la chioma all’ulivo dalle foglie sottili:
sgrossai dalla base il suo tronco, lo piallai con il bronzo,
bene e con arte, e lo feci diritto col filo,
e ottenuto un piede di letto traforai tutto col trapano.
Iniziando da questo piallai la lettiera, finché la finii,
rabescandola d’oro e d’argento e d’avorio.
All’interno tesi le cinghie di bue, splendenti di porpora.
Ti rivelo, così, questo segno. Donna,
non so se il mio letto è fisso tuttora o se un uomo,
tagliato il tronco d’ulivo alla base, altrove lo mise».

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi (Testo e foto) - in Avvistamenti e panchine
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth