Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 dicembre 2013 2 10 /12 /dicembre /2013 18:31

Il gatto Nerino: vecchietto, dolce e dispettoso(Elena Cifali) Nerino: gatto dolce e vecchietto dispettoso. Saranno passati oltre dodici anni da quel primo maggio.
Trovammo il Gatto Nero nel cortile del condominio. Era un gattino nero, morbidissimo, col pelo lungo e lucido, ma ancora più lunga era la sua enorme coda, spropositata rispetto all’esile corpicino.
Nerino era ancora un cucciolotto e fu preso a ben volere da tutte le famiglie del circondario.
Crebbe bello e forte.
Una coppia di novelli sposi che abitava di fronte casa mia se ne innamorò perdutamente: lo adottarono e lo trattarono con i riguardi che si riservano ai principi.
Bello, grosso, lucente, profumato col suo papillon rosso e il campanellino era il Re del cortile. Guai agli altri gatti se si avvicinavano. La giovane coppia lo coccolava, lo nutriva e lo curava. Lo fecero sterilizzare e lo lasciavano persino dormire sul letto insieme a loro.
Un Re a tutti gli effetti.
Trascorsi alcuni anni la giovane coppia di sposi si trasferì andando a vivere in una villetta nel paese di Mascalucia, subito dopo la nascita dei due gemellini.
Nero fu portato con loro: doveva seguire la famiglia!
Lui, il suo papillon ed il suo campanellino sparirono per qualche tempo.
Trascorsero alcuni giorni e nel cortile si avvertiva la mancanza della bella bestiola.
Ma - allo scadere del terzo giorno - Nero era di nuovo al centro del cortile a leccarsi il lucido pelo.
Come era stato possibile?
Il padrone lo riprese e lo portò di nuovo con sé.
Ancora tre giorni e Nero fece ancora capolino al centro del cortile, immobile come una statua seduta, una sfinge che prendeva il sole.
Il padrone tornò a riprenderlo e lo portò ancora una volta via con sé.
Accadeva che ogni volta Nero, non sapremo mai con quale innata capacità, percorreva ben 7 km per arrivare di corsa da Mascalucia a Nicolosi.
Percorreva la strada provinciale tra mille pericoli ed insidie.
Veniva visto correre come un disperato a zampe levate verso quella che lui aveva scelto come casa: il cortile del mio condominio.
Il padrone si rassegnò e ci raccomandò di trattarlo con cura, questo era il suo posto e nessuno avrebbe potuto convincerlo del contrario.
Nero è nel frattempo invecchiato, l’estate scorsa fu vittima di un’aggressione da parte di un branco di cani randagi.
Ne uscì malconcio ma riuscì a sopravvivere.
Io credo che sia anche sordo, ormai: sicuramente anche lui risente del peso degli anni.
Nero mi aspetta tutte le sere fermo immobile nello stesso punto davanti la saracinesca del mio garage. Quando miagola, il suono che esce dalle sue corde vocali è pressocchè impercettibile: perennemente raffreddato è come un batuffolo di cotone nero bisognoso di qualche carezza.
E’ più forte di me, amo questo gattone dispettoso al punto da perdonarlo anche quella volta che fece pipì sul sedile anteriore (proprio quello che uso io, lato giuda) della mia Iundai nuova di zecca.
Si dice che i cani scelgono il loro padrone.
Nero ha scelto la sua casa e - per quanto possa essere solo una bestiola - il fatto che ogni sera si trattenga fino a tardi per aspettarmi e vedermi rientrare, godendo di quelle poche carezze che gli dedico, lo rende molto simile ad un essere umano e sicuramente più amabile di tanti bipedi.

Condividi post

Repost 0
Published by Elena Cifali (testo e foto) - in Storie e storielle
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth