Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
30 luglio 2012 1 30 /07 /luglio /2012 10:20

Anita Ekberg nella famosa scena del bagno nella Fontana di Trevi a Roma (dal film di Federico Fellini, Le fontane nelle città antiche venivano edificate dai potenti oltre che con intenti scenografici, anche per il diletto e il beneficio del popolo: e, quindi, pur costruite da grandi architetti e con intenti scenografici (e ciò riguarda soprattutto le grandi fontane del Barocco), il loro impiego - come effetto secondario non preventivato - era umile. 
I popolani vi si lavavano, vi si rinfrescavano, vi mettevano a mollo i piedi per trarne beneficio: e tutto questo sotto il sole torrido dell'estate poteva avere un senso, anche se la cultura del "bagno" a mare e in lago per diletto si svilupperà soltanto verso la fine dell'Ottocento).
Insomma, fontane e bacini erano concepiti per essere "usati" e non semplicemente contemplati da persone colte da una sensazione di rapimento estetico.
Ciò aveva un senso tanto maggiore se si considera che la maggior parte delle abitazioni era priva dell'acqua corrente: le fontane pubbliche serivvano quindi anche per lavare i propri panni oppure per attingere le scorte d'acqua per gli usi domestici. E per questo, sin dall'epoca romana vi erano i Lavatoi (alcuni dei quali particolarmente imponenti) e le fontanelle (che oggi, purtroppo, tendono a scomparire oppure a rimanere desolatamente all'asciutto)
Oggi, invece, si osserva un totale rovesciamento: le fontane pubbliche, specie quelle antiche, possono essere solo contemplate e la loro fruizione può essere soltanto estetica. 
Ai "contemplatori" è richiesto di rimanere insensibili al fascino attrattivo delle acque fresche e chioccolanti.
Ci si sorprende, se qualcuno - messo da parte lo stile contemplativo richiesto - si abbandona alla naturale esigenza di rinfrescarsi.
Si considera una tale azione un vero e proprio reato: una volgare offesa al rispetto dell'Estetica e dell'Arte.
Quanta acqua è passata sotto i ponti dai tempi del Rinascimento!
Eppure, io mi sentirei più propenso a far sì le fontane avessero anche quell'utilizzo.
Un desiderio più teorico che pratico, in realtà, destinato a rimanere confinato nell'empireo dei sogni, sostanzialmente lettera morta e puro empito idealizzante.
Il problema vero è che, probabilmente, allora l'utilizzo che ne veniva fatto era grato e rispettoso: era fondamentalmente "discreto".
Oggi, anche perché nel frattempo siamo divenuti troppi e tanti, troppi, sono stati allevati nella feroce incultura del più bieco consumismo, l'utilizzo eventuale delle nostre fontane sarebbe irriguardoso e l'approccio sarebbe sovrapponibile a quello di un oggetto di consumo "usa e getta", con inevitabili derive vandaliche
E allora, l'unica strada percorribile, purtroppo, rimane quella dei divieti e delle punizioni.
E' del 2007 l'episodio in un cui Roberta, una turista milanese, ha fatto il bagno nuda nella Fontana di Trevi. 
A Carabinieri che le contestarono il reato di atti osceni in luogo pubblico, disse: "Avevo caldo, L'acqua è di tutti".
Rimane - per noi più cresciuti - la nostalgia della bellissima sequenza ne "La Dolce Vita" di Federico Fellini del bagno di Anita Ekberg nella Fontana di Trevi.

 

 

 


 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Il fatto
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth