Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 agosto 2014 4 21 /08 /agosto /2014 18:15

Favara. Il progetto artistico che sta salvando una cittadina

 

Fa veramente piacere constatare che alcune iniziative lodevoli della nostra isola, magari ignorate dai media nostrani, trovino spazio per essere raccontate nei media di altri stati europei.
In questo caso, l'iniziativa intrapresa per far risorgere a nuova vita le case semi-abbandonate del centro di Favara in provincia di Agrigento, trasformandole in un centro artistico e culturale pulsante di nuova vita, ha suscitato interesse e plauso nell'audience britannica, poichè i cittadini della Gran Bretagna sono particolarmente sensibili a tutte le imprese che "vengano dal basso" (o anche dall'iniziativa lodevole di singoli cittadini) e che siano espressione di un autentico interesse per la comunità civile in cui si vive.
Si tratta del  Farm Cultural Park, fondato il 25 giugno 2010 dal notaio Andrea Bartoli e dalla moglie l'avvocato Florinda Saieva, sorge all'interno del Cortile Bentivegna, un aggregato a sua volta costituito da sette piccoli cortili che ospitano piccoli palazzi di matrice araba ed è situato nei pressi del centro storico di Favara. Oltre che come museo si propone anche come centro culturale e turistico dove vengono allestite mostre pittoriche temporanee e installazioni permanenti di arte contemporanea. Inoltre vi sono residenze per artisti e vengono svolte presentazioni di libri e vari corsi di architettura. Lo scopo principale di questo progetto è quello di recuperare tutto il centro storico di Favara e trasformare il paese nella seconda attrazione turistica della provincia di Agrigento dopo la Valle dei Templi.

 
(TheGuardian) Sicily: the art project that saved a town. An ambitious project has transformed the run-down and semi-abandoned heart of Favara, in southern Sicily, into a modern art exhibition

It is impossible not to be inspired by Andrea Bartoli. In less than two years, the self-confessed "notary by profession and cultural agitator by passion" has achieved the near impossible: turning an impoverished town in the south of Sicily into the island's capital of cool.

With one of Italy's highest rates of unemployment and an unparalleled reputation for urban eyesores, Favara, which is just 8km from Agrigento's monumental Valley of the Temples, has never featured on any tourist map. Nor was it ever likely to. But since Farm Cultural Park (farm-culturalpark.com, free entry, closed Mondays) opened in 2010, the town has attracted artists and visitors from all over the world.

The project is a contemporary art complex that occupies the entire historic centre of Favara. The idea is to draw visitors in to a handful of structures entwined together like an art gallery – there's a design corner, a tea garden and a bookshop, a sandwich shop, a champagne bar, and a concept store.

Exteriors of buildings are used as canvases for huge paintings and sculptures by artists such as Fabio Melosu; courtyards feature installations, including Fabio Novembre's giant pot-chairs; and one building houses the world's biggest permanent collection of work by US fashion photographer Terry Richardson.

The idea came about when Bartoli bought several empty dwellings in Favara's semi-abandoned centre. Inspired by places such as Djemaa el-Fna in Marrakech, he thought that the maze of stone houses, with its alleys, central square and small castle were a perfect setting for an art marketplace, rather like a Sicilian kasbah.

"We were tired of always having to go to places like New York or London to see anything interesting," he says. "We wanted to find a way to transform and improve the area we were living in, for ourselves but also for our kids.".

Bartoli's brainchild deliberately presents art in a manner and style that relates and speaks to anyone, regardless of whether you're a worldly traveller, an art expert or someone who has never even left the town.

"In Italy nobody does anything before securing public funds," says Bartoli. "But if you're always waiting, what's the difference between you and those you are criticising?"

 

Favara. Il progetto artistico di Andrea Bartolii che sta salvando una cittadina

 

Vedi anche:

 

Notaio Andra Bartoli - Dal progetto di una vita FARM

 

Alla corte di Andrea Bartoli e del Farm Cultural Park (su Agrigento Notizie). Una vera e propria galleria d'arte all'aperto fondata dal notaio Andrea Bartoli e dalla moglie Florinda Saieva. Il progetto si articola in sette cortili del centro storico favarese, tutti collegati tra loro, totalmente recuperati e trasformati in un centro culturale e turistico“

 

 


  

Condividi post

Repost 0
Published by TheGuardian online ed altre fonti (con una nota redazionale) - in Eventi - arte - cultura e spettacoli
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth