Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 gennaio 2014 5 24 /01 /gennaio /2014 08:33

Due passi e poi un passo dopo l'altro...(Elena Cifali, il 22 gennaio 2014Ho scritto qualcosa oggi mentre ero in macchina, ferma al parcheggio prima del lavoro. Poche righe per  racchiudere i miei sentimenti di oggi. Tra gioia e dolore. I passi a cui mi riferisco racchiudono dentro di loro un'intera vita di fatti, di illusioni e di aspettative, di conquiste e soddisfazioni. un passo dopo l'altro ...Due passi. Due passi avanti: perché solo quando vai avanti puoi inseguire il sole e la luna, il mare e la montagna. Un passo dopo l'altro, fino a quella fine che non arriverà mai perché tu sarai anche dopo di te.

Due passi. Due passi avanti ed uno indietro: il primo per elevarti, perché lo scorrere dei giorni sia sempre originale, mai inutile, mai uguale a quello precedente.
Il secondo per tornare a ricordare o semplicemente per non dimenticare chi sei e chi vuoi diventare.
Non permettere agli altri di vederti ancorato al passato o al presente, lascia che tutto scorra come l’asfalto sotto le tue suole, dirigiti verso il futuro e sogna e vivi!
Due passi.
Due passi indietro: quando riconosci che ciò che stai facendo non ti appartiene come uomo, come donna, quando qualcuno calpesta la tua dignità, il tuo essere "umano”, quando ti rende infelice ed insoddisfatto.
Già, due passi indietro quando la frustrazione domina la tua mente, quando l’abitudine ti ingrigisce, quando le tue strade sono sempre uguali e la paura domina la tua mente.
A volte, l’ignoto altro non è che scoperta, bellezza, gioia e soddisfazione.
Anche le pareti più ripide possono essere scalate e solo la certezza che in cima non ci sarà il Paradiso giustificherà il tuo cedimento.

Due passi.
Tra due passi: non importa che tu stia andando avanti od indietro, inciamperai, cadrai, ogni tanto sanguinerai, ma dovrai sempre rialzarti.

Ti è vietato restare in terra a piangere e commiserarti.

Su! le lacrime si asciugano o mal che vada si ingoiano.
Due passi.
Due passi alla volta, piede destro e piede sinistro, amici inseparabili che si sorreggono l'un l'altro mentre uno dei due resta "in aria".
È questa la forza che muove tutto il corpo, tutto il mondo, è quel piede che resta saldo in terra mentre l'altro è senza appoggio.
Due passi e, passo dopo passo, finirai, un giorno, non ti è dato sapere quando.
Il tuo Cammino più importante.




Condividi post

Repost 0
Published by Elena Cifali - in Riflessioni
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth