Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
31 ottobre 2013 4 31 /10 /ottobre /2013 08:26

Cose nostre - Malavita. Luc besson trasforma un mafioso pentito e sotto protezione in un simpatico cialtrone. Operazione discutibile, ma dall'effetto garantito(Maurizio Crispi) Cose nostre - Malavita (The Family) è un film del 2013 scritto, diretto e prodotto da Luc Besson, con protagonisti Robert De Niro, Michelle Pfeiffer e Tommy Lee Jones.
Le riprese del film, iniziate l'8 agosto 2012 e concluse il 27 ottobre dello stesso anno, si sono svolte tra Francia e Stati Uniti d'America, nelle città di Le Sap, Saint-Denis, Gacé, L'Aigle e New York.
È stato uno dei primi film girati negli studios di Cité du Cinéma in Francia, complesso costruito da Luc Besson nel settembre 2012.
La pellicola è l'adattamento cinematografico del romanzo Malavita di Tonino Benacquista (Ponte alle Grazie, 2006).
Questa la trama del libro che, peraltro è assolutamente sovrapponibile a quella proposta dalla pellicola di Besson.
In una tranquilla e un po' sperduta cittadina della Normandia arriva la famiglia Blake (alias Manzoni): scrittore lui, dedita alla beneficenza lei, bellissima la figlia, simpatico il figlio. Peccato che siano effettivamente un po' strani: la signora dà fuoco al supermercato, la signorina spacca la faccia ai corteggiatori, il signorino studia da capobanda e il signore fa saltare in aria una fabbrica chimica. Quale segreto si cela dietro tanta eccentricità? E perché i Blake sono costantemente sorvegliati?

Parlando sia del romanzo sia del film ci sarebbe molto da dire su questa rappresentazione d'una simpatica famigliola newyorkese sotto protezione che, con molta scioltezza, si spende in esercizi di una violenza "normalizzata" giustificabile perché messa in atto "per una giusta causa" (che sarebbe poi l'obiettivo di avere una vita "normale" senza l'assillo di vendicatori e killer prezzolati alle costole)1.
Il film é accativante (vi si sente il peso della regia e della sceneggiatura di Luc Besson) e molto "americanofilo" nel rispetto di una cifra tipica del cineasta francese che - pur in un quadro di riferimenti europei - ha avuto sempre un culto per la cinematografia d'oltreoceano, tanto che - a tratti - si ha la sensazione di stare a guardare un seguito di "Terapia e pallottole"), ma dove si fa l'occhiolino anche a Martin Scorsese e al suo "Quei bravi ragazzi Goodfellas" (in cui Robert De Niro interpreta uno dei protagonisti). Pur accativante e vedibile con piacere, rimane pur sempre un film diseducativo, perchè vi sta una rappresentazione della violenza normalizzata, praticata da individui che sembrano essere soltanto eccentrici e pronti a risolvere le cose da sè e in modi "piuttosto" incisivi.

  

Diciamo pure che in ciò si intravede un'evoluzione recente (proprio di questi ultimi anni) della cinematografia consumistica, in cui - pur di fare cassetta - qualsiasi personaggio deve essere preentato in modi accattivanti tali da consentire allo spettatore di mettere in atto meccanismi di identificazione.

 

Come classificarlo? Probabilmente, lo si potrebbe definire una "black comedy" o come un "noir farsesco", in cui la figura del "mafioso" viene convertita e trasformata in quella di "simpatico cialtrone".


Quali le scene più comiche/grottesche?

Sicuramente, quella dell'incontro scontro/scontro di Giovanni Manzoni con l'idraulico, ma anche la "piccola" rivendicazione vandalica messa in atto dalla mogle ai danni del supermercato di provincia dove avventori e commessi, ritenendo di non essere capiti si erano lanciati in un'invettiva contro i "soliti" turisti americani, eccentrici e dalle strane abitudini, dei veri e propri "barbari".
Ma anche quella in cui il nostro Giovanni Manzoni viene chiamato a disquisire in qualità di "scrittore" competente ed informato del film di Scorsese "Quei bravi ragazzi".

 

 

Interpreti e personaggi
Robert De Niro: Fred Blake / Giovanni Manzoni
Michelle Pfeiffer: Maggie Blake
Tommy Lee Jones: Agente CIA Stansfield
Dianna Agron: Belle Blake
John D'Leo: Warren Blake
Jon Freda: Rocco
Dominic Chianese: Don Mimino
Vincent Pastore: Fat willy
Joseph Perrino: Joey
David Belle: Mezzo

 

 

 

Trailer

 

 


 

 

 

 

 

 

 


Note (1) Per esempio "Antonio" ha postato sulla scheda del libro "Malavita" in IBS il seguente commento che non si può non codividere. (Antonio) Sarà perchè non ho mai sopportato tutti quei film in cui il gangster assume connotati umani, sarà perchè odio la mafia e i suoi metodi, ma a me questo romanzo non è proprio piaciuto. Pur essendo un divoratore di libri, ho addirittura fatto fatica a finirlo. Tutto sembra paradossale: il pentito (o se vogliamo, l'infame) spacca con un martello le braccia all'idraulico, ma sembra che compia un'azione meritoria; dieci uomini arrivano in Francia, non in Burundi, e mettono a ferro e fuoco un paesino senza alcun problema; a un certo punto la moglie sparisce dal racconto e non si sa più che fine abbia fatto, ecc. ecc. Molto discutibile l'epilogo, un po' farragginoso, in cui il pentito parlando in prima persona trova altre giustificazioni al suo operato.

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Cinema
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth