Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 luglio 2013 1 22 /07 /luglio /2013 08:17

Corsa senza fine

 

Vado di corsa
 

 

A volte sono da solo
 

 

A volte in compagnia
 

 

Corro

lungo strade desolate
lungo strade aggettanti su alte orride scogliere
dentro palazzi e lungo interminabili corridoi
 

 

Quando passo, ci sono riunioni di lavoro in corso
manifestazioni uffciali e file compunte di dignitari
celebrazioni e ricorrenze
ed io passo di corsa senza mai fermarmi

 Molti mi guardano distratti,

ma non proferiscono verbo

 

Passo accanto ad una fossa scavata di fresco
e c'è la parte posteriore di un auto che emerge dallo scavo,
con una targa nuova e risplendente in buona evidenza
 

 

Ci sono dei musicanti che provano i loro strumenti
 

 

Qualche volta sono con Frida, la mia cagnolozza,
che mi segue fedele
anche se qualche volta è riottosa

 e mi fa disperare

 

Mi ritrovo all'interno di antichi monumenti
chiostri romanici e strutture arabo-normanne
con lievi arcate e meravigliosi colonnati,
e delicati merletti di pietra a fare da decorazione

e fontane chioccolanti che rendono l'aria fresca

 

Correndo, passo anche dalla casa di famiglia al mare
e lì c'è mia madre ad aspettarmi, con mio fratello
e mi fermo per un attimo a mangiare con loro,
ma poi riprendo a correre
 

 

So che alla fine della mia corsa
dovrò prendere la mia canoa
e andare per mare
 

 

E diverse volte, infatti,

ci passo davanti

 ma non è mai tempo di distogliermi dalla corsa
 

 

Eppure so che devo metterla in acqua ed andare

 Dove?
Non so!

 

Ma ogni volta c'è una faccia di plastica sporgente dal pozzetto
che mi guarda ghignante
e mi chiedo cosa ci faccia lì

 e m'inquieto, come di fronte ad un presagio

Forse per questo rimando sempre

il fatidico momento di mettermi per mare
 

 

E intanto giro e rigiro,
sempre correndo
 

 

A volte imbocco dei vicoli ciechi
e dei sentieri promettenti che si perdono nel nulla
 

 

Per riprendere la strada giusta
talvolta dovrei fare dei salti oppure protendermi nel vuoto,
e ogni volta, pusillanime, preferisco rinunciare
e ritorno sui miei passi
 

 

Poi, mentre sono all'interno di un antico chiosco,
con un porticato di esili colonnine
nel tentativo di saltare da un punto all'altro
(sotto di me il vuoto)

quasi fossi un esperto acrobata

rompo una delle pregiate colonne
e si scatena un sommovimento improvviso,
come un terremoto morbido e continuo

E il porticato inizia a disgregarsi in frammenti
minuti e sottile pulviscolo

Fuggo via spaventato
e riprendo a correre

Non ci sarà mai fine alla mia corsa

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi (sogno del 21 luglio 2013) - in Sogni
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth