Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
28 ottobre 2013 1 28 /10 /ottobre /2013 16:36

Con Lou Reed se ne va un gigante del Rock e muore un pezzo di tutti quelli che hanno amato la sua musica(Maurizio Crispi) Ho sentito questa mattina alla radio la notizia che Lou Reed a 71 anni se ne è andato (il 27 ottobre 2013).

Con lui, se ne va un bel pezzo di storia della musica moderna e del costume.
E con la sua scomparsa gli amanti del Rock si metteranno un po' a lutto, anche perchè difficilmente potrà venire fuori un musicista, complesso e sfaccetato e soprattutto della sua statura.

C'è tanta nostalgia nell'ascolto di tutti quei pezzi che spaziano sull'intera sua carriera musicale che ora, a ritmo continuo, vengono mandati in onda sulla radio (in quella che ascolto io che è prevalentemente Rai2, ma sono sicuro che in tutti gli altri canali - soprattutto quelli interessati alle musiche "giovani" e di tendenza - stia accadendo la stessa cosa.
E non potrebbe che essere così.

Lou Reed è stato un gigante della musica Rock, espressione di un filone newyorkese ("eastcoast") più "cool", rispetto alla scintillante psichedelia musicale della West Coast; e, quando tutti quelli che conoscevo a Palermo, ascoltavano musica westcoast, io presi a coltivare la conoscenza dei Velvet Underground e di Lou Reed che portava avanti un'idea della musica diversa (ed anche una pratica sociale fortemente differenziata rispetta alla cultura dei figli dei fiori, da cui scaturì il Rock psichedelico come quello dei Quicksilver, dei Jefferson Airplanes o dei Grateful Dead.

I miei primi album? Naturalmente furono "White Light White Heat (che per alcuni brani fu un 'autentica folgorazione), seguito poi dall'album della "banana" e poi, terzo, seguì Berlin. Ma, poi, con diligente passione, ho recuperato tutti gli altri, meno conosciuti, della prima parte della carriera musicale dei Velvet e tutti quelli successivi, sino agli album da solista e alle diverse collaborazioni.
Mi viene da pensare alle molteplici esperienze di Lou Reed anche nel campo della cultura visuale: alcuni dei suoi album furono al tempo stesso musica e visual art (come ad esempio fu il famoso album con la banana di Andy Wharol in copertina).

Le cose di Lou Reed che preferii e che preferisco tuttora?

Una domanda a cui è difficile dare una risposta.

Ma, certo, ci sono dei pezzi su cui tutti possiamo essere d'accordo, espressione ciascuno di uno dei diversi momenti della sua evoluzione artistica.

Sicuramente uno degli album che mi piacque di più, preso nella sua interezza, perchè costruito a tutti gli effetti come un concept album, fu "Berlin".

Ma - e qui lo dico - perchè questo pezzo è poco noto quello che in assoluto mi piacque di più e che si rifà alla tradizione del Rock parlato fu The Gift, con la sfortunata e surreale storia del timido Waldo che si spedisce dentro ad un pacco postale alla sua amata alla quale non è capace di dchiarare il suo amore, con un finale orrido e di dolore.
Quali le sue cose che mi sono piaciute di meno? Forse alcuni album frutto di una sperimentazione nel campo della musica elettronica di cui trovai difficile l'ascolto.

Una volta alcuni anni ebbi il piacere di vedere Lou Reed in transferta a Palermo, al Teatro del Verdura (forse eravamo nel 2004), e fu un bellissimo concerto di cui ho tuttora uno straordinario ricordo e vidida la percezione della temperatura emotiva del pubblico presente in platea portata al calore bianco.
Il concerto di Palermo fu parte di una tourneée europea per la promozione di un suo album appena uscito, dal titolo "Ecstasy" (altro album che mi piacque moltissimo).

 

Lou Reed è morto ieri, ma non è veramente morto: continuerà a vivere, sintantochè continuerà ad essere ascoltato.

Lunga vita a Lou Reed!

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Crispi - in Obituaries e commemorazioni
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth