Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 dicembre 2012 3 05 /12 /dicembre /2012 11:38

Cap d'Agde. Oasi di Libertinaggio naturista. Sulle tracce di Houllebecq (Appendice n° 1). La descrizione di Michel Houellebecq(Appendice n° 1) Quelle che seguono sono le pagine dello scrittore Michel Houellebecq, in cui si parla appunto di Cap d’Agde (Le particelle elementari, Bompiani)

 

 

"Ciò che colpisce al Cap d'Agde (...) è prima di tutto la coesistenza tra luoghi di consumo banali - simili in tutto e per tutto a quelli che ritroviamo nelle stazioni balneari europee - e altri commerci esplicitamente orientati verso il libertinaggio e il sesso. Per esempio è sorprendente vedere alternarsi macellerie e minimarket a negozi di abbigliamento che propongono essenzialmente minigonne trasparenti, biancheria in latex e indumenti concepiti per lasciare scoperti seni e natiche. E' altrettanto sorprendente vedere le donne e le coppie, accompagnate o meno dalla prole, aggirarsi tra gli scaffali senza mostrare il minimo imbarazzo di fronte al contrasto tra questi diversi commerci. Infìne sorprende vedere come le edicole presenti nel complesso offrano, oltre alla normale gamma di quotidiani e periodici, una selezione particolarmente abbondante di riviste pornografiche e giornali specializzati in inserzioni particolari, oltre a svariati articoli erotici, il tutto senza suscitare nei consumatori il minimo turbamento.

I centri-vacanze tradizionali si possono classificare lungo un asse che va dallo stile 'familiare' (Mini Club, Kid's Club, fasciatoi, scalda-biberon) allo stile 'giovani' (sport acquatici, serate a tema per i nottambuli, sconsigliata la presenza di minori di 12 anni). Per la frequentazione in gran parte familiare, per l'importanza che vi riveste lo svago di tipo sessuale svincolato dal contesto abituale del 'rimorchio da spiaggia', il complesso naturista di Cap d'Agde sfugge a questa dicotomia. E altrettanto si distacca, con grande sorpresa del visitatore, dai tradízíonali centri per naturisti. Questi ultimi, infatti, enfatizzano una concezione 'sana' della nudità, escludendo ogni interpretazione sessuale diretta; vi si fa un grande uso di cibi biologici, e il fumo vi è praticamente bandito. Spesso ecologicamente sensibili, i frequentatori si ritrovano in attività tipo lo yoga, la pittura su seta, le ginnastiche orientali; accettano volentieri di adattarsi a un habitat rudimentale in un luogo dove la natura è selvaggia. Invece gli appartamenti offerti dal complesso di Cap d'Agde rispondono abbondantemente alle norme di comfort tipiche delle stazioni di villeggiatura; la natura vi è presente essenzialmente in forma di prati e cespugli fioriti. Infìne, la ristorazione, di tipo classico, alterna pizzerie, ristoranti di frutti di mare, rosticcerie e gelaterie. La nudità stessa sembrerebbe, mi si passi il gioco di parole, rivestirvi un carattere diverso. In un complesso naturista tradizionale, essa è obbligatoria ogni volta che le condizioni atmosferiche lo consentano; tale obbligo è oggetto di una sorveglianza rigorosa, e si accompagna a un severo biasimo riguardo a ogni comportamento assimilabile al guardonismo. A Cap d'Agde, invece, si assiste alla serena convivenza, nei supermercati come nei bar, di tenute estremamente differenziate, che vanno dalla nudità integrale a un abbigliamento di tipo tradizionale, passando per tenute a vocazione apertamente erotica (minigonne di rete, biancheria intima, stivali). Inoltre il guardonismo è tacitamente ammesso: sulla spiaggia è comune vedere gli uomini indugiare davanti ai sessi femminili offerti al loro sguardo; alcune donne danno a questa conternplazíone un carattere più intimo optando per la depilazione, che facilíta l'osservazione del clitoríde e delle grandi labbra. Tutto ciò contribuisce a creare, anche quando non si prenda parte alle attività specifiche del centro, un clima estremamente singolare, lontano sia dall'ambiente erotico e narcisista delle discoteche italiane sia dal clima 'losco' tipico dei quartieri caldi delle grandi città. Insomma si tratta di una stazione balneare classica, sul genere 'alla buona', tranne per il fatto che i piaceri del sesso vi occupano una parte importante e bene accetta. A questo proposito è forte la tentazione di parlarne come di un ambiente sessuale 'socialdemocratico', tanto più che i frequentatori stranieri, parte rilevante dei numero totale delle presenze, sono essenzialmente costituiti da tedeschi, con un'altrettanto forte presenza di contingenti scandinavi e fiamminghi. (...)

In pratica, ciascuna delle coppie presenti nell'area compresa tra la linea delle dune e la battigia può prendere l'iniziativa di toccamenti sessuali pubblici; spesso è la donna a cominciare, masturbando o leccando il sesso del compagno, e questi ricambia allo stesso modo. Le coppie vicine osservano con particolare attenzione queste carezze, sí avvicinano per veder meglio, poco a poco cominciano a seguirne l'esempio. Così, a partire dalla prima coppia, sulla spiaggia si propaga rapidamente un'onda di carezze e di lussuria incredibilmente eccitante. Con l'aumentare della frenesia sessuale, numerose coppie si avvicinano tra loro, al fine di abbandonarsi a toccamenti di gruppo; ma, aspetto che va sottolineato, ogni avvicinamento segue rigorosamente un preliminare consenso, per lo più esplicito. Qualora una donna desideri sottrarsi a una carezza non desiderata, lo indica molto semplicemente, con un banale cenno del capo - provocando immediatamente nell'altro una profusione di scuse, cerimoniose e quasi comiche.

L'estrema correttezza dei partecipanti maschi appare ancor più sorprendente quando ci si spinga particelle elementari filmnell'entroterra, al di là della linea di demarcazione naturale costituita dalle dune. In effetti, tale zona è tradizionalmente dedicata agli amanti del gang bang e della penetrazione femminile da parte di più maschi. Anche qui il germe iniziale è costituito da una coppia che si abbandona a una carezza intima - perlopiù una fellatío. In breve, la coppia si vede circondata da una decina e a volte da una ventina di maschi singoli. Seduti, in piedi o accovacciati sui talloni, costoro si masturbano assistendo alla scena. Talvolta le cose finiscono qui, la coppia torna al rapporto iniziale e gli spettatori si disperdono alla spicciolata. Altre volte, invece, con un cenno della mano la femmina esprime il proprio desiderio di masturbare, leccare o farsi penetrare da altri maschi. A questo punto i maschi singoli si fanno avanti a turno, senza alcuna precipitazione. Quando la femmina desidera fermarsi, anche qui lo indica con un semplice gesto. Nessuno parla; si sente distintamente il vento che soffia tra le dune, che piega i ciuffì d'erba. Talvolta il vento cala; e allora il silenzio è totale, turbato unicamente dai gemiti di godimento.

Ma non si tratta in alcun modo di dipingere il complesso naturista di Cap d'Agde sotto l'aspetto idilliaco di chissà quale falansterio alla Fouríer[1]. Al Cap d'Agde come altrove, le donne di corpo giovane e armonioso, e altrettanto gli uomini seducenti e virili, vengono fatti oggetto di proposte lusinghiere. Al Cap d'Agde come altrove, gli individui obesi, avanti con gli anni o fisicamente sgradevoli, saranno condannati alla masturbazione - che, va comunque detto, laddove solitamente proscritta dai luoghi pubblici, qui sarà considerata con una cordiale benevolenza. (...) Tale atteggiamento rispettoso e legalistíco, che assicura a ciascuno, purché onori i termini del contratto, molteplici momenti di piacere, sembra in ogni caso disporre di un notevole potere di persuasione, giacché riesce a contagiare senza difficoltà, e a prescindere da qualsiasi codice esplicito, gli elementi mínoritari presenti nel complesso (bestie frontíste della Languedoc, delinquenti arabi, italiani di Rimini)".



[1] Il falansterio di Fourier fu un esperimento utopico di “comune”, nel quale si praticava anche una sorta di libero scambio tra le coppie, allo scopo di evitare che il sentimento della gelosia potesse inquinare le relazioni sociali tra pari, tutte all’insegna della reciproca collaborazione e dello svolgimento paritario di tutti i compiti necessari a mandare avanti la struttura.

 

Condividi post

Repost 0
Published by Appendice 1 con citazione dal romanzo di Michel Houellebecq - in Cap d'Agde. Oasi di Libertinaggio Naturista
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth