Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
18 aprile 2012 3 18 /04 /aprile /2012 14:48

NIMAG0010.JPGel settembre 1990, partecipai alla 1^ serie delle "Giornate psichiatriche lampedusane".

Era l'anno in cui era stato commercializzato in Italia il Prozac e le giornate lampedusane di psichiatria avevano un taglio sostanzialmente "promozionale" del nuovo farmaco, per quanto con il corredo di autorevoli interventi scientifici.
La ditta che produceva e distribuiva il Prozac si assunse integralmente l'onere della organizzazione.
Tutti gli psichiatri al top (universitari ed ospedalieri/USL) vennero ovviamente patrocinati. Era anche il momento in cui il terriorio apriva alla psichiatria e andavano a regime i servizxi psichiatrici ospedalieri per le cure psichiatriche urgenti: un'occasione di connubio forte ed indiscutibile (almeno per Palermo e Catania) tra Psichiatria cattedratica e polo ospedialiero, le cui potenzialità erano state fiutate dalla Major farmaceutiche.

Noi poveri peones no, invece: pur avendo garantita la partecipazione gratuita al consesso (senza l'onere del pagamento della quota partecipativa), per il resto - viaggio e spese di soggiorno - dovemmo far fronte alle spese di tasca nostra.

In ogni caso, avemmo sicuramente la bella opportunità di passare un'intera settimana a Lampedusa, usufruendo di alcuni giorni di Congedo straordinario per aggiornamento.
Tra l'altro, le giornate di studio erano organizzate apposta per favorire un clima vacanziero: i lavori plenari cominciavano invariabilmente alle 17.00 e di mattina, soltanto una brevissima session plenaria, con veloci interventi e poi tutti in relatori in barca o in spiaggia.
Per noi peones c'era tutto il tempo per stare al mare durante il giorno.
Sole e mare: al pomeriggio la lucidità non era certo al massimo e i sonnellini in corso di relazioni erano frequenti.

IMAG0007Erano anche grandiosi, ricchi e munifici, i buffet per un sano break a metà circa dei lavori.

In quell'occasione, tra l'altro, andai sull'isola per nave, portando con me auto e canoa.

Era anche l'anno in cui io stavo per raggiungere il mio apice podistico, dopo l'esordio con la mia prima maratona a NY.
Mi alzavo di mattina molto presto e mi allenavo
: prima, quando ancora faceva fresco, corsa, poi uscita in canoa per un'ora-un'ora e mezzo e quindi nuoto.

Un vero scialo...

Una settimana di cui ho un bel ricordo: conobbi tantissime colleghi di fuori e, da Palermo, c'erano il mio collega Mario Maggio e Gerlando Brucculuri che avevamo uscito da pochissimo e che stava tentando di passare dalla pratica dell'Ematologia a quella della Psichiatria... C'erano anche tantissimi psicologi da palermo, poiché quello era stato l'anno in cui le USL di Palermo ne avevano assunti tantissimi, sbloccando dei concorsi fermi da tempo.

Condividi post

Repost 0

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth