Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 marzo 2013 5 15 /03 /marzo /2013 08:33

Ancora a proposito di dialoghi canini... Frida ha ora un amico di penna ed intrattiene conversazioniDa qualche tempo a questa parte Frida ha trovato un amico di penna e, superate diffidenze e differenze iniziali, i due si scrivono lunghe lettere.
Ma - e questa e la cosa veramente strana - Frida scrive in ....Inglese...
Poffarbacco!
I cani sono degli esseri davvero meravigliosi e a volte ci sorprendono con la loro mente arguta.
Ci osservano e ci controllano. Forse, siamo noi Umani che, impropiamente, riteniamo di essere al centro del mondo (e del loro mondo) in una visione antropocentrica che mostra ormai dei cedimenti, ad essere in realtà in qualche misura i loro "servitori".
No, non è esattamente questa la parola che intendevo usare: la parola in sé mi pare brutta.
Nessuno "serve" nessuno, nel senso del "servilismo". ma semmai in una costante reciprocità qualcuno può essere utile a qualcun altro e fornire al tempo stesso nutrimento al mondo dei sentimenti e delle emozioni.
E, dunque, ragionando in questi termini si può essere sicuramente, in qualche misura, entità senzienti con pari diritti in una relazione di reciproco vantaggio in cui noi "serviamo" il cane e il cane con la sua presenza e con la sua compagnia ci elargisce dei vantaggi, "servendo" noi.
In passato, tanti si meravigliarono del cavallo che sapeva fare le operazioni matematiche (anche se questa prodezza si rivelò per essere un abile inganno) o di animali capaci di fini performance, ma questa del cane che sa scrivere (e quindi anche - supppongo - leggere in Inglese) non l'avevo mai sentita.
Certo, io credo che l'Inglese di Frida non sia perfetto e che sia alquanto pieno di improprietà, ma - del resto - cosa si può pretendere?
E' già meraviglioso il fatto che scriva delle lettere al suo amico di penna da poco acquisito.
Come mi sono accorto della faccenda? Semplice, accendendo il PC, mi sono accorto che era stato attivato un nuovo accesso utente, scoprendo che Frida si era un po' data da fare, mentre io dormivo. Dando così piena dimostrazione del detto che fa: "Quando il gatto dorme, i topi ballano".


Ancora a proposito di dialoghi canini... Frida ha ora un amico di penna ed intrattiene conversazioniNella lettera che segue, Frida descrive la visita dal veterinario a causa di un piccolo problema agli occhi e poi una disastrosa - ma avventurosa - gita a Mondello assieme al suo padrone (che sarei poi io).

Dear friend,
I'm quite OK with the eye... It's something... mmm ... [mumble... mumble] ... mmm ... well... I don't know well how to say it, but the vet used a very difficult word to be repeated again...
It's smething with my left eye, but not so bad...

He looked inside my eyes with a lens and a strong light ... and I was forced to keep my eyes wide openend... I was quite displeased...

Afterwards the vet and my friend (someone says he is my "father", in some way - spent a lot time talking about me and food...
In these days, I'm always hungry and would spend all the time eating... and stealing food, even dirty things on the road surface...
I dream of food, I wanto food, I lack food ... any day...
And He - my father - s always angry with me because of my persistent hunger and very, very disappointed...

Vet said that, since I'm not overweighting, I can have the permission of eating a little more... Oh, my god! Said something about my age... Yes, i'm getting a little bit older...

Wow! It was time!

So, from tomorrow I'll have some more food - and moreover it'll be a very special food! Vet let me try it: and was really good...

Then, vet put some eye drops in my eyes and we went away with a piece of paper - a prescription? Is this the wright word?

Immediately afterwards we went to the sea, to have a look at the beach with strong winds and big waves and huge clouds almost black...

And we were walking and here arrives a rush of wind and rain...
The umbrella was upside down and came to a complete crash...
We were drenched to the bones...

We rushed to the car and we went back to city...
Actually it was't a very good idea...
My dad want to take pictures everythere and at everything...
That's why he decided to go.
But I know that he likes to have a glimpse to the sea avery now and then.
I don't like water, instead, I've never sswum during all my life...
Ancora a proposito di dialoghi canini... Frida ha ora un amico di penna ed intrattiene conversazioniI prefer to feel my feet solidly grounded.

And so, it was a silly and stupid and crazy thing to do...
Weather was rainy and windy (almost stormy) and very, very cold...
Anyone else, would have decided in a different way...
But he! I would say he is a little crazy and eccentric...
I like him so much though...

I'm really glad of your writing to mereal letters...
I was getting tired - and disappointed too - no to deserve any attention from you...

I hope that will be getting more and more friend soon .

A lot of canine greetings

Frida

Condividi post

Repost 0
Published by Frida Crispi (con una nota introduttiva di Maurizio Crispi) - in Racconti e storielle
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth