Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
23 ottobre 2018 2 23 /10 /ottobre /2018 09:13
Michael Connelly, L'Ultimo giro della notte, Piemme, 2018

(Maurizio Crispi) Decisamente degno di nota il  nuovo personaggio di Michael Connelly che compare nell'ultimo suo romanzo pubblicato in traduzione italiana da Piemme (2018) e uscito negli USA nel 2017: si tratta di L'ultimo giro della notte (titolo originale: "The Late Show, come sempre nella traduzione di Alfredo Colitto). Renée Ballard è una stella nascente, si potrebbe dire: di origini hawaiane, è approdata al LAPD e, per una serie di vicissitudini che il lettore apprenderà in seguito, è - al momento dell'incipit - inserita nel turno di notte, chiamato dagli stessi poliziotti e detective "the late show". Si tratta di un turno duro e che dà poche soddisfazioni, dal momento che i detective chiamati sulla scena del crimini di rado possono proseguire con le indagini sui casi per cui sono in prima battuta intervenuti e lo devono passare a quelli che lavorano la mattina. Ballard è forte, determinata, sa quel che vuole e, avendone l'opportunità, non si tira indietro, portando avanti personalmente le indagini malgrado le difficoltà e contemporaneamente lottando con tutto il suo orgoglio contro la burocrazia e le antipatie personali indirizzate a lei, all'interno del corpo di polizia.
Con questo romanzo, Connelly ci mostra con precisione di dettagli una faccia del funzionamento del sistema poliziesco di LA che ancora non ci aveva dato modo di conoscere, ma come ha mostrato in molteplici occasioni con Bosch, anche qui si evidenzia come il bravo detective deve essere capace non soltanto di seguire il suo fiuto, ma anche essere eccellente nel costruire un caso "solido", cioè fondato - oltre che su prove indiziarie  - anche su evidenze inoppugnabili, raccolte in modo preciso, accorto e documentabile.
Ballard, pur con quello stesso modus operandi che abbiamo imparato a conoscere e ad apprezzare con Bosch, si espone coraggiosamente e affronta anche dei pericoli per dimostrare le sue tesi.
Come in altri romanzi di Connelly le indagini si intersecano e il ritmo si fa via via più incalzante, man mano che l'indagine procede.
Non mi ha deluso. Ed è un buon romanzo per entrare nell'universo narrativo di Connelly. Chi arriva a Bosch adesso, potrebbe essere scoraggiato dallo spessore della sua storia passata ed entrare quindi un po' in confusione: da dove cominciare, quando la scelta può cadere su circa venti romanzi? Nel risguardo di copertina viene anticipato che Ballard e Bosch sono destinati ad incontrarsi: staremo a vedere!

 

(Risguardo di copertina) «La scarica di adrenalina adesso era una locomotiva in corsa nelle sue vene. Nel profondo di sé, Renée Ballard sapeva che era per via di momenti come questo che non avrebbe mai mollato, qualsiasi cosa dicessero di lei, in qualsiasi turno la obbligassero a lavorare».
La polizia di Los Angeles non è stata gentile con Renée Ballard: ex reporter di nera, è entrata in polizia stufa di scrivere di crimini, e impaziente di risolverne qualcuno, e in poco tempo è diventata detective alla Omicidi. Ma poi qualcosa è andato storto. E adesso la detective Ballard è relegata al turno di notte, insieme al collega Jenkins, a godersi dagli scomodissimi posti in prima fila quello che in polizia chiamano "l'ultimo spettacolo". Ciò che di peggio la notte losangelina ha da offrire. Qualunque cosa accada, però, alle sette del mattino il turno finisce: l'ultimo giro di ruota della notte non consente mai ai detective dell'"ultimo spettacolo" di vedere un crimine risolto, di seguire un caso fino alla fine. E così anche questa notte. Un travestito picchiato selvaggiamente, trovato sul lungomare in punto di morte; una cameriera aspirante attrice freddata sul pavimento del Dancers, un locale di Hollywood. Ballard e Jenkins sono subito sulle scene del crimine. Ma stavolta Renée, che non è famosa per l'amore delle regole, decide di fregarsene delle procedure: perché dietro i due crimini ha intravisto più che un casuale scoppio di violenza. In una Los Angeles nera come non mai, Michael Connelly ambienta una nuova, maestosa storia, intrecciando più casi e soprattutto presentandoci un nuovo personaggio - destinato a incontrarsi presto anche con Harry Bosch -, una detective tosta, solitaria e dalla corazza durissima. Una che non ha nessuna intenzione di mollare.

 

Non c'è dubbio che Michael Connelly sia un maestro assoluto del thriller. E "L'ultimo giro della notte" non fa che confermare ciò in modo spettacolare

The Huffington Post

Condividi post

Repost0

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth