Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 settembre 2018 4 20 /09 /settembre /2018 08:22
Sulla mia pelle (Cremonini, Italia, 2018)

Visto su Netflix.
"Sulla mia pelle" è il coraggioso film sugli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi, morto nell'Ospedale protetto Sandro Pertini di Roma, dopo essere stato arrestato per possesso di sostanze stupefacenti ed essere stato "interrogato" da coloro che lo avevano tratto in arresto con brutalità sommaria. Il film è stato realizzato da Alessio Cremonini e prodotto da Andrea Occhipinti e Lucky Red.
Un film di denuncia (compressa, perché l'iter giudiziario è ancora in corso) sulle solitudini carcerarie e sul modo in cui il sistema (a partire dalla detenzione preventiva) possa di fatto sequestrare in maniera totale ed irrevocabile il corpo e la mente di coloro che vi entrano: istituzione totale e depersonalizzante, in cui anche i più elementari diritti - compresi quelli dei familiari - vengono cancellati con boria e tracotanza.
Il film termina con la morte solitaria del protagonista.
Dell'iter giudiziario nel film si parla poco, se non in poche note asciutte in sovraimpressione sullo schermo, prima che scorrano i titoli di coda.
Colpisce il dato finale della posizione che occupa Stefano Cucchi nell'elenco degli oltre 170 morti all'interno del sistema carcerario nel corso dell'anno della sua scomparsa.
E' un film duro e che fa soffrire istante per istante, ma che - malgrado questa sofferenza - tutti dovrebbero vedere per farsi delle idee e porsi degli interrogativi.
E questo è importante, a prescindere del fatto se Stefano Cucchi fosse più o meno colpevole: e, infatti. Cremonini ha scelto la strada di non cadere nella retorica buonistica, presentando Cucchi con tutte le sfaccettature della sua personalità, comprese le molte ombre.
Un film di denuncia dunque e che dovrebbe sollecitare a far sì che fatti del genere - come quello di Aldovrandi - non debbano più verificarsi: e che sopratttto si possano prevenire derive di violenza da parte delle istituzioni nei confronti di cittadini indifesi (anche nel caso che siano colpevoli di qualche reato), l'ottusità delle burocrazie e le insensibilità degli operatori della giustizia e del sistema penitenziario, combattendo anche la tendenza a far finta - per quito vivere - di non vedere ciò che è evidente.
La cosa interessante è che sulla base del passaparola si sono creati nelle piazze italiane dei momenti di aggregazione spontanea per la visione collettiva e pubblica del film che, essendo di produzione Netflix, avrebbero dovuto essere fruito solo privatamente: e questo è stato un fenomeno di grande rilevanza che ha dato la misura di quanto il ricordo delle ingiustizie subite da Stafano Cucchi sia ancora vivo e di quanto, di fronte a fatti di tale gravità, si possa sentire il bisogno di essere uniti e solidali.

Luca Moretti e Toni Bruno, Non mi uccise la morte. La storia di Stefano Cucchi assassinato due volte dallo Stato Italiano, Castelvecchi, 2014

Il film si pone al culmine di una serie di inziative, promesse prima dai familiari di Stefano Cucchi e dalla sorella Ilaria, in particolare, con grande coraggio e determinazione, poi riprese ed amplificate dall'ACAD (Associazione Contro gli Abusi in Divisa - onlus) che, con il suo attivismo, ha contribuito a varare un'importante inizativa editoriale. Si è trattato del volume a più voce, comprendente anche una graphic novel,  dal titolo "Non mi uccise la morte. La storia di Stefano Cucchi assassinato due volte dallo Stato italiano" (edito da Castelvecchi nel 2019 e rilanciato con una nuova edizione nel 2014, arricchita con lo scritto di Cristiano Armati sulle vittime della "legalità").
Il volume, curato da Luca Moretti e da Toni Bruno, ha tentato di ripercorre gli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi e riporta anche gli agghiacianti documenti fotografici del post-mortem di Stefano Cucchi e quindi dopo questo "diario di bordo" doloroso, scritto da Luca Moretti) segue la graphic novel che, disegnata da Toni Bruno, che si può considerare a tutti gli effetti un "precursore" dello story telling cinematografico sul "Caso Cucchi".

(12.10.2018) E' recentissima la notizia che finalmente uno dei Carabinieri implicati avvenuti nella Stazione dei Carabinieri Casilina di Roma, Francesco Tedesco, abbia cominciato a raccontare la verità di quel pestaggio e del fatto che gli altri due colleghi presenti gli avessero chiesto di mentire e di omettere.
C'è da chiedersi quanto abbia inciso in questo ripensansamento e nell'attivazione di di un intenso conflitto morale l'ampia risonanza che ha avuto il film di Cremonini.
La sorella di Stefano Cucchi, Ilaria, che di recente è stata fortemente impegnati in presentazioni della pellicola di cCremonini e in pubblici dibattiti, ha detto: "Finalmente abbiamo vinto la nostra battaglia".

 

(da www.mymovies.it) L'ultima settimana nella vita di Stefano Cucchi è un'odissea fra caserme dei carabinieri e ospedali, un incubo in cui un giovane uomo di 31 anni entra sulle sue gambe ed esce come uno straccio sporco abbandonato su un tavolo di marmo. Alessio Cremonini ha scelto di raccontare una delle vicende più discusse dell'Italia contemporanea come una discesa agli inferi cui lo stesso Cucchi ha partecipato con quieta rassegnazione, sapendo bene che alzare la voce e raccontare la verità, all'interno di istituzioni talvolta più concentrate sulla propria autodifesa che sulla tutela dei diritti dei cittadini, sarebbe stato inutile e forse anche pericoloso.
Cremonini sposa il racconto della famiglia Cucchi e la loro denuncia di un pestaggio delle forze dell'ordine come causa principale della morte del detenuto affidato alla loro custodia, e anche se non ci mostra direttamente la violenza ce ne illustra ampiamente le conseguenze.
La sua narrazione è imbavagliata e compressa, un po' perché l'iter legale è tuttora in corso, un po' perché questo è un modo efficace per rappresentare il tunnel in cui Cucchi è entrato, le pareti sempre più strette intorno al suo corpo martoriato, fino alla scena in cui la testa di Stefano è letteralmente incastrata fra due supporti che sembrano una morsa, uno strumento di tortura medievale. Intorno a lui si muove un universo magmatico e incolore fatto di rifiuti e ostruzionismi, di autorizzazioni non concesse e responsabilità non assunte, di ottusa burocrazia e di ipocrisia travestita da rispetto delle regole.
Cremonini sceglie di non fare di Cucchi un santino, anzi, ne illustra bene le debolezze e le discutibili abitudini di vita. Stefano acconsente alla propria odissea perché si vive come una "cosa da posare in un angolo e dimenticare": e perciò minimizza, non si fa aiutare, non cerca di rendersi simpatico, alle autorità come al pubblico. Ma è proprio sull'anello debole della catena che si misura la solidità di un sistema democratico, e giustizia, carcerazione e sanità dovrebbero comportarsi correttamente a prescindere dalla stima che nutrono per i soggetti affidati alla loro tutela.

Luca Moretti e Toni Bruno, Non mi uccise la morte, Castelvecchi, Edizione 2010

(dal risguardo di copertina del volume di Luca Moretti e Toni Bruno) La notte del 15 ottobre del 2009, il giovane geometra Stefano Cucchi viene fermato da una pattuglia dei Carabinieri nei pressi del Parco degli Acquedotti di Roma e trovato in possesso di una piccola quantità di hashish. I militari, dopo aver perquisito l'abitazione di Cucchi, arrestano il ragazzo e lo portano in caserma. Al momento dell'arresto - contrariamente a quanto si è sostenuto Stefano gode di ottima salute e frequenta quotidianamente un corso di prepugilistica. Il giorno dopo il suo arresto, processato per direttissima nel tribunale di piazzale Clodio, ha il volto segnato ma sta ancora bene. Quello è l'ultimo momento in cui i genitori di Stefano Cucchi hanno la possibilità di vedere loro figlio. Perché, una volta condotto nelle celle di sicurezza del tribunale e, da lì, nella sezione penale dell'ospedale Sandro Pertini, Stefano Cucchi emergerà dall'incubo in cui è precipitato soltanto grazie a una serie di immagini raccapriccianti: gli occhi incavati e la mascella rotta come uniche testimonianze di un trattamento crudele e disumano. "Decretato" morto la mattina del 22 ottobre, Stefano Cucchi da quel momento in poi diventa il simbolo dei diritti negati e dei tanti - troppi - omicidi commessi nelle carceri, sotto la tutela dello Stato. "Non mi uccise la morte" racconta con partecipata sofferenza gli ultimi giorni di vita del ragazzo e, con coraggio, squarcia il velo di omertà che è sembrato calare su un caso che ha commosso l'Italia.

 

Condividi post

Repost0

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth