Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 maggio 2017 5 19 /05 /maggio /2017 18:50

Lindsay Faye, Il Dio di Gotham, Einaudi Stile Libero Big, 2012Andando a ritroso, ho letto solo ora il primo volume delle storie di Lyndsay Faye che vedono Tim Wilde, "stella di rame" della polizia metropolitana di New York ai suoi primi passi come protagonista.
Come il secondo volume della saga, anche "Il Segreto di Gotham", anche "Il Dio di Gotham" (titolo originale inglese: The Gods of Gotham - nella traduzione di Norman Gobetti - Einaudi Stile Libero Big, 2012) non mi ha deluso: in più mi ha consentito di comprendere alcuni fatti che ne "Il Segreto di Gotham" venivano dati come già assodati e acquisiti da parte del lettore.
Qui al centro della storia vi sono dei casi di brutali uccisione di ragazzini e ragazzine inermi, coartati in un giro di prostituzione minorile, molto fiorente nella New York di quegli anni.
Timothy Wilde, reduce da un micidiale incendio cittadino che gli ha sfigurato il volto con una cicatrice deturpante, prende ad indagare sulla barbara uccisione di un ragazzino, con piena delega da parte del Capo (nonché fondatore) della neonata Polizia metropolitana, il NYPD ai suoi albori, creato con il reclutamento di una forza stipendiata di uomini di buona volontà forniti come unico segno della loro appartenenza al Corpo di una "stella di rame".
Con arguzia e determinazione, Tim Wilde andrà avanti nella sua indagine sino a trovare una soluzione all'enigma. malgrado ingarbugliamenti vari, falsi indizi e piste, e pressioni politiche che vorrebbero insabbiare l'indagine, allontanando sempre di più il raggiungimento di una verità.
Il tutto con lo sfondo esasperato dell'intolleranza che vede contrapposti i protestanti e i "papisti" irlandesi che, in quegli anni, a causa della carestia dovuta alla morìa delle patate, arrivavano a torme a New York, stravolgendone gli equilibri già precari.
Il romanzo, che non è soltanto un poliziesco poichè in essi convergono in un appassionante mix elementi storici e sociologici, ma anche una delicata - e tormentata  - storia d'amore, è scritto con grande perizia ed è stato il frutto di lunghe e pazienti ricerche storiche da parte d'una scrittrice che ha tempra e coraggio.
"Alla mia famiglia - dice, infatti, la scrittrice in epigrafe - per avermi insegnato che quando ricevi una bella botta ti rialzi e continui ad andare,oppure ti rialzi e continui in una direzione leggermente diversa".
Ed è davvero un peccato che, ancora, molti dei romanzi scritti da Lindsay Faye, tra cui il primo che è un "apocrifo" holmesiano (Dust and Shadow: an Account of the Ripper Killings by Dr. John H. Watson), non siano ancora stati tradotti in Italiano.

Lyndsay Faye(dalla quarta di copertina) Un thriller storico che svela un passato ormai sepolto, e ha il sapore di un'autentica rivelazione. E cambia per sempre il nostro modo di pensare alla città di New York.
New York, 1845. Timothy Wilde gestisce un bar e sogna di sposare la ragazza che ha sempre amato in silenzio, ma un incendio lo lascia sfigurato, senza lavoro e senza casa. Il fratello gli procura un impiego nella neonata polizia e Timothy lo accetta senza entusiasmo, anche perché la sua zona di competenza è a due passi da Five Points, il peggior quartiere della città. Una notte, durante la ronda, Timothy si imbatte in una bambina in vestaglia e coperta di sangue, che gli racconta una storia improbabile secondo la quale decine di suoi coetanei sarebbero stati uccisi e sepolti nella foresta a nord della 23ma Strada. Perplesso, Timothy decide comunque di verificare, e scopre una catena di omicidi dietro la quale sembra nascondersi un disegno crudele e onnipotente.
Sull'Autrice. Lyndsay Faye vive a New York con il marito e due gatti. Il segreto di Gotham (2016) è il secondo romanzo della serie dedicata alle indagini di Timothy Wilde, già protagonista de Il dio di Gotham, pubblicato da Einaudi Stile Libero nel 2012.

 

De Il Dio di Gotham, il grande scrittore di thriller contemporanei Michael Connelly ha detto: «Il dio di Gotham è un libro fantastico. Lyndsay Faye dimostra una padronanza dei materiali storici e una conoscenza della mente umana davvero ammirevoli. Mi sono immerso nel suo mondo già dalle prime pagine, e non ho piú potuto allontanarmene fino all'ultimo capitolo».
Marilyn Stasio, per «The New York Times Book Review» ha invece scritto: «Un libro sensazionale nel raccontarci le difficoltà del lavoro di polizia per un gruppo di "stelle di rame" senza alcun addestramento, impegnate in turni di sedici ore per impedire agli abitanti dei bassifondi di derubarsi, picchiarsi, stuprarsi e uccidersi uno con l'altro».

Condividi post

Repost 0
Published by Frammenti e Pensieri Sparsi (Maurizio Crispi) - in Libri e letture
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth