Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 marzo 2016 2 29 /03 /marzo /2016 22:37
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina
Quello storico viaggio in Cina

Tra la fine di Marzo e l'inizio di Aprile 1979, quando da pochissimo erano state aperte le frontiere della Cina al turismo internazionale, una comitiva (una delle prime ad essere organizzata partì da Palermo alla volta della Cina. Della comitiva facevano parte la mamma, zio Aldo (il fratello della mamma) e zia Bice (la moglie di quest'ultimo), una loro amica che poi divenne anche amica di mamma, Mariuccia Sirchia e Gianliborio Mazzola (figlio di una collega di scuola della mamma). Forse faceva parte del gruppo anche il mio vecchio professore d'Italiano del Liceo, Sebastiano Bavetta, che a quel tempo doveva essere ormai anzianissimo.
Io e mio fratello convicemmo la mamma a partire: in fondo dalla morte di papà non era ancora mai partita e ci sembrava che l'occasione sarebbe stata davvero unica.
Ci riuscimmo alla fine, smontando molti dei suoi sensi di colpa a lasciarci soli e a fare una deroga a quelli che riteneva fossero dei doveri imprescindibili, specie dopo la morte di nostro padre.
Le dicemmo che ce la saremmo cavata: e lei, ovviamente, predispose tutto con molta puntualità, organizzando perfino - di concerto con la collaboratirce domestica di allora - il menu giornaliero, sicchè ci fosse la certezza inoppugnabile che non saremmo morti di fame.
Io, a quel tempo, avevo da poco concluso il mio servizio militare e vivevo ancora in una condizione di scarso impegno lavorativo e di attesa, con tantissimo tempo libero da occupare nei modi più diversi.
Fu una bella esperienza per la mamma (e per noi che la sera ci davamo ai bagordi organizzando cenettine con Gianfranco e gli altri cugini e loro amici.
Quel viaggio fu un viaggio da veri pioneri nella misteriosa Cina di Mao che, ancora non post-maoista, aveva aperto le porte all'Occidente ma soltanto a comitive guidate e controllabili, grazie all'impiego di guide ufficiali cinesi, affiancate sempre da un occhiuto uomo del regime che controllava strettamente la guida e ciò che diceva ai visitatori e quello che veniva detto loro nel corso di occasionale conversazioni (controllore di regime che aveva anche il compito di limitare il più possibile i contatti tra i viaggiatori e la popolazione locale)..
Visitarono Pechino, Shangai, Nanchino, forse andarono anche sulla Grande Muraglia.
Si fotografarono ripetutamente in classiche foto di gruppo nelle diverse Piazze del Popolo.
Andarono a visitare anche un ospedale di Shangai dove si operano pazienti con malattie tumorali utilizzando come metodo di anestesia l'agopuntura, e di questo furono meravigliati.
Ritornaro raccontando alla fine meraviglie di ciò che avevano visto.
E, per la mamma, questo viaggio rimase impresso come evento memorabile.
E furono davvero tra i primi ad essere in Cina: vero e proprio manipolo di precursori.
Ho trovato di recente un blocchetto di foto a colori (ma un po' sbiadite, quasi ad accrescere l'effetto nostalgia) relative a quel viaggio, mentre mettevo ordine in un cassetto, assieme ad altri ricordi di famiglia, non solo fotografici.

Condividi post

Repost 0
Published by Frammenti e Pensieri Sparsi (Maurizio Crispi) - in Ricordi
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth