Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
16 giugno 2015 2 16 /06 /giugno /2015 13:35
Eraclea Minoa: un luogo fuori dal tempo e dallo spazio. La bellezza e il fascino della storia, malgrado l'incuria
Eraclea Minoa: un luogo fuori dal tempo e dallo spazio. La bellezza e il fascino della storia, malgrado l'incuriaEraclea Minoa: un luogo fuori dal tempo e dallo spazio. La bellezza e il fascino della storia, malgrado l'incuria
Eraclea Minoa: un luogo fuori dal tempo e dallo spazio. La bellezza e il fascino della storia, malgrado l'incuriaEraclea Minoa: un luogo fuori dal tempo e dallo spazio. La bellezza e il fascino della storia, malgrado l'incuria
Eraclea Minoa: un luogo fuori dal tempo e dallo spazio. La bellezza e il fascino della storia, malgrado l'incuriaEraclea Minoa: un luogo fuori dal tempo e dallo spazio. La bellezza e il fascino della storia, malgrado l'incuria

(Maurizio Crispi) Abbiamo deciso di fare una bella gita alla vigilia del nostro avversario di matrimonio 8il 1° maggio scorso).
E abbiamo pensato di andare (o meglio: sono stato io a concepire questa possibile destinazione della nostra gita, con l'idea che sarebbe stata una bella sorpresa per Maureen) sino a Eraclea Minoa nel territorio agrigentino di Cattolica Eraclea. Perchè proprio Eraclea Minoa?
Perché per me Eraclea con i suoi 2600 e più anni di storia possiede un suo fascino enorme.

Ma anche per la bellezza della vasta spiaggia sottostante, contornate di rupi friabili di bianche rocce calcaree e da una pineta, densa di fresca ombra: un luogo ancora non guastato - in questo periodo dell'anno - dalle torme di villeggianti e di gitanti giornalieri.
Sarà per il silenzio che vi regna sovrano, per il vento che soffia impetuoso quasi costantemente, per il frinire delle cicale e per il ronzio sommesso di un'infinita varietà di altri insetti, o per il rombo costante della risacca che si frange a riva, si ha la sensazione di essere spaesati e trasportati in un altrove spazio-temporale, come se si entrasse in una capsula del tempo.
Le rocce calcaree friabili e delicate di cui sono fatti i ruderi del teatro antico e di altri edifici che pazientemente sono stati riportati alla luce e che hanno richiesto nel corso del tempo speciali accorgimenti per frenarne l'inarrestabile degrado causato dall'azione degli elementi atmosferici (nessuno veramente efficace tuttavia), ma anche quelle scistose più resistenti che - entrambe - compongono le strutture rimaste visibili, le gradinate dell'antico teatro, i basamenti delle case di civile abitazione e deputate ai commerci, le antiche cisterne per la raccolta dell'acqua piovana, ciò che resta di un imponente muro di cinta, parlano di un passato remoto e grandioso: e scrutando verso la linea dell'orizzonte, si possono facilmente immaginare le navi da trasporto che arrivavano ai piedi di Capobianco, trasportando mercanzie e che venivano tirate a secco sul greto e alla foce del fiume Platani che continua a scorrere oggi e a riversarsi nel mare, esattamente come faceva 2500 anni addietro. E si può immaginare che, mentre si attendevano le navi dei commerci, gli aruspici scrutassero il cielo alla ricerca di segni e di vaticini, mentre i cittadini operosi, piccolissime figurine di fronte all'immensità del cielo e del mare, eranointenti al lavoro ciclico del giorno e ai commerci.
E' un luogo di intense emozioni, di vibrazioni nell'aria e di palpitazioni interiori.
Aggirandosi tra quelle antiche pietre si sente l'esigenza del silenzio e del raccoglimento: non si potrebbe tollerare nemmeno il brusio di una radiolina o di un I-pod ascoltato da qualche malaccorto visitatore in cuffia.
Non c'è posto per la modernità qui.
Il sito archeologico dell'antica Heraclea è quasi misconosciuto.
Pochissimo frequentato dalle italiche genti, sempre più ignoranti ed insensibili, è piuttosto meta di pellegrinaggi di turisti esteri, tedeschi e britannici, che vanno alla ricerca pensosa - e in fondo romantica, esattamente come i cultori del Grand Tour di un tempo - del fascino dell'antichità e della storia trascorsa e che arrivano qui alla spicciolata, e non in grandi comitive chiassose in torpedone, consumatori di coca cola e produttori di cartacce..
La passeggiata nel cuore del sito e poi tutt'attorno, da dove si domina in un unico colpo circolare, la campagna irrigua della Valle del Platani e la linea della costa che si spinge ad Est verso le meraviglie della Riserva naturale orientata di Torre Salsa, il verdeggiare dei campi, punteggiato - in questo periodo dell'anno - di splendide fioriture - di convolvoli, di papaveri, di acacie - in un manto ancora verde smeraldino - è di grandissimo fascino: e non si può non sentirsi dentro di sé grati per potere usufruire di tutto questo, della bellezza a portata di mano, malgrado tutto, malgrado l'incuria degli uomini e malgrado la loro capacità di dare a questi luoghi il giusto valore.

Foto di Maurizio e Maureen Crispi
Foto di Maurizio e Maureen CrispiFoto di Maurizio e Maureen Crispi
Foto di Maurizio e Maureen CrispiFoto di Maurizio e Maureen CrispiFoto di Maurizio e Maureen Crispi

Foto di Maurizio e Maureen Crispi

Condividi post

Repost 0
Published by Frammenti e Pensieri Sparsi (Maurizio Crispi) - in Note di diario Luoghi
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth