Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
4 maggio 2015 1 04 /05 /maggio /2015 05:57
Sergio Mattarella: un Presidente della Repubblica a misura d'uomo

(Maurizio Crispi) A volte sono le piccole cose che fanno la differenza.

I nostri politici sono mediamente arroganti e approfittano a piene mani mani dei privilegi che sono loro concessi per virtù delle loro cariche, tutto apparentemente in nome della "sicurezza", ma in in realtà molto al servizio dell'apparenza e dell'ostentazione del proprio potere: quasi che l'essere "importanti" fosse statuito dall'"apparato" e non tanto dalle proprie qualità di persona prima ancora che di politico o dalla carica che si ricopre.

E siamo talmente abituati alle ostentazioni dell'Apparato che quasi non ci facciamo più caso.

Duole dirlo, sì!

Può verificarsi tuttavia l'eccezione a ricordarci che un modo diverso é possibile.

Mi spiego con un esempio concreto.

Domenica 3 maggio 2015, correvo con il mio cane al fianco lungo Viale della Libertà di Palermo.

Nei pressi di una filiale BNL (sulla mia destra) ed essendomi lasciato alle spalle in cui il Presidente della Regione Piersanti Mattarella venne barbaramente assassinato, ho notato un piccolissimo assembramento di gente: insolito per l'orario e per il giorno di festa.

Ho notato anche, un'auto blu parcheggiata discretamente nella traversa di via Libertà subito prima.

Mentre sto per superare la piccolissima folla lì raccolta, ecco che dal portone del palazzo di fianco spunta il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, elegante nel suo sobrio abito scuro che creava un contrasto ancora più marcato con la chioma bianca e ancora più ieratico di quanto non sembri nelle riprese televisivi di notiziari e telegiornali: una presenza fisica davvero significativa.

Ma altrettanto significativo - se non di più - e tale da accrescere la pregnanza della sua presenza fisica era la discrezione dell'apparato di sicurezza: poteva sembrare un qualsiasi cittadino che si accingeva ad uscire di casa per una passeggiata domenicale nelle prime ore del mattino.

Alcuni cittadini, fermi poco più in là hanno detto con calore: "Buongiorno, signor Presidente!"

Io stesso sono rimasto sorpreso da questo imprevisto incontro e ho proseguito nella mia corsa (rammaricandomi di non aver salutato io stesso), notando che all'incrocio con la traversa successiva era parcheggiata - altrettanto discretamente - una Volante della Pubblica Sicurezza.

Di solito, in una situazione del genere, non appena il politico di turno è salito a bordo della sua autoblu blindata si scatena un coro di laceranti sirene, e i veicoli (due o più) partono a grandissima velocità e a sirene spiegate, senza rispettare i segnali della strada e le relative precedente: loro sono di una pasta diversa e le comuni regoli del vivere civile non sono per loro.

Anche in questo caso tutto diverso dall'ordinario copione, trito e ritrito (e disturbante). Un primo cittadino che si comporta da cittadino e che ha imposto al suo apparato di sicurezza di adeguarsi alla sua volontà.

L'autoblu si è avviata a moderata velocità senza sirene in funzione e soltanto con il lampeggiante sul tetto, a velocità di passeggiata. E l'auto della Polizia davanti, lo stesso.

Mi dicono che il Presidente della Repubblica viene spesso a Palermo nei fine settimana, dove ha famiglia ed affetti e che, ordinariamente, rifiuta di servirsi dell'apprato dello Stato per i voli aerei, ma che la sua opzione (significativa, con l'antecedente di Sandro Pertini) é quella di viaggiare con i comuni voli di linea (e stiamo parlando della più alta carica dello Stato!).

Dunque, un modo diverso è possibile e bastano poche semplici cose a fare la differenza. ridicolizzando per altro quei politici che rivestono cariche non altrettanto significative e che si "proteggono" dietro arroganti apparati di sicurezza.
E sono queste piccole, semplici, cose (il silenzio e il muoversi in punta di piedi invece del frastuono prepotente) a farmi sentire che Sergio Mattarella sia un Presidente della Repubblica a misura d'uomo.

 

Condividi post

Repost 0
Published by Frammenti e Pensieri Sparsi (Maurizio Crispi) - in Riflessioni Personaggi
scrivi un commento

commenti

federico 05/04/2015 12:28

La volante sulla via Arimondi sta lì 24 ore su 24 quale servizio di scorta a un magistrato.

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth