Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 maggio 2015 3 20 /05 /maggio /2015 12:29
Breve la vita felice di Tania Valguarnera
Breve la vita felice di Tania ValguarneraBreve la vita felice di Tania Valguarnera

Breve la vita di Tania Valgarnuera, falciata da una morte assurda.
La vogliamo pensare sorridente e radiosa accanto alle sue sculture.
E voglio anche sperare che la breve vita di Tania sia stata felice e piena di speranze radiose.
Fatti come questo, quando accadono, ci inducono a pensare a quanto sia labile ed incerto il confine tra la vita e la morte, tra l'esserci e il non esserci.

E' sufficiente un battito di ciglia, un'omissione, una distrazione, l'imponderabile che si presenta con la sua prepotenza, e il radicamento nella vita che pensavamo tanto forte è spezzato in un colpo solo.

Senza appello.

E viene da pensare all'ingiustizia delle cose e a come gli eventi siano governati da un farneticante dio folle oppure semplicemente da un fato crudele.

L'ingiustizia è nel fatto che spesso sono le persone belle, quelle con il sorriso sulla bocca e negli occhi a doversene andare. E nel fatto - speculare - che, spesso i loro carnefici, la fanno franco e continuano a vivere; e che, spesso, nemmeno la giustizia terrena è sufficiente a punirli.

E, ogni volta che ciò accade, dopo il Mondo è meno buono e meno bello: ha perso irremimediabilmente un frammento di Luce.

Sono in tanti quelli che ancora passano davanti al luogo dove Tania Valgarnuera ha perso la vita, tanti i fiori freschi (e rinnovati ogni giorno) sotto lo striscione bianco con il suo nome e attorno al relitto dell'ombrello che Tania stringeva tra le mani, per proteggersi dalla pioggia, mentre si accingeva al suo ultimo attraversamento di strada.

Le auto rallentano e i loro passeggeri lanciano occhiate, alcuni dei passanti si fanno il segno della croce, altri toccano il palo dov'è attaccato lo striscione e lo striscione stesso.

Tania è ancora là, forse, la sua presenza aleggia: si dice che quando si verifica una morte violenta ed improvvisa, le anime smarrite rimangano - in uno stato confusionale - ad indugiare nel luogo della loro dipartita, senza avere acquisito ancora una piena consapevolezza del loro nuovo status di trapassati.

I fiori, le attenzioni, i pensieri, le emozioni, forse possono servire ad alleviare il dolore e a facilitare l'uscita da questo limbo di anime smarrite che ancora non riescono a trovare la loro via.

 

Condividi post

Repost 0
Published by Frammenti e Pensieri Sparsi (Maurizio Crispi) - in Transiti e passaggi
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth