Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 aprile 2015 2 21 /04 /aprile /2015 18:05
Il borgo
Il borgo
Il borgo
Il borgo
Il borgo
Il borgo
Il borgo
Il borgo
Il borgo
Il borgo

La fontana antica
con la sua presenza discreta domina la piazza
E dalle bocche di volti di pietra levigati dal tempo
scorrono perennemente acque fresche e limpide
L'uomo vecchio con la coppola se ne sta sull'uscio di casa,
un po' storto di schiena e malfermo sulle gambe,
a sogguardare il mondo
e s'azzarda anche a fare due passi fuori,
ma tenendosi accosto al muro
per timore di essere inghiottito dal vasto spazio vuoto
due passi e poi fa marcia indietro,
guarda, aguzzando lo sguardo,
scruta
e poi fa marcia indietro,
verso il rifugio sicuro dell'uscio di casa
Non si sa mai quale pericolo possa materializzarsi all'improvviso

Appanchinati in attesa,
protezione civile e primo soccorso
ma anche paesani in conversazione
e c'è pure il locco iccat'i ciancu
a fumare una sigaretta appresso all'altra

Risalendo la strada
si vedono altre fontane antiche
selciati antichi di pietre
che fanno risuonare i passi con durezza
porte aperte che danno verso interni ombrosi e abbelliti da piante in fiore.
e ancora fontane da cui pendono verdi barbe muscose

E I podisti attesi passano ora in una fila continua o separati da ampi spazi uno dall'altro
gioiosi, affaticati, frettolosi a volte, ingobbiti,
sorridenti quasi sempre,
alcuni alzano le braccia al cielo

Un asino impastoiato vicino ad una casa sul pendio
li guarda incantato con le orecchie tese,
ma non raglia per salutare il loro passaggio:
non li comprende, ma sembra incuriosito da tanto affanno,
lui nella vita se la prende molto più comoda e non vede la ragione di tutto ciò

Alberi in fiore,
prati verdissimi e piccoli fiorellini di campo che li punteggiano
Intanto, in basso, nello spiazzale antistante il presidio ospedaliero
è in corso un'azione di elisoccorso
i rotori dell'elicottero cominciano a ruotare prima lentamente,
poi sempre più veloci e, alla fine,
il mezzo si alza nel cielo
e prendendo velocità in avanti con un'ampia virata si dirige a Nord
oltre la cresta montuosa che contorna la valle del Sosio

Pecore su di un altro scampolo di prato,
incastonato tra brutti edifici moderni,
se ne stanno accucciate,
tanto che di primo acchito,
le si scambia per massi biancastri,
tanto sono ferme a ruminare,
isole bianco-avorio in una distesa verde smeraldina
ma poi una mamma si alza sulle zampe
e c'è l'agnello che la segue come un'ombra
con la testa infilata tra le sue gambe posteriori a suggere il latte benefico

E intanto i podisti continuano a sfilare e a rollare,
intenti nell'ultimo chilometro della loro fatica
Poi, la festa della premiazioni, i sorrisi e gli abbracci
il commiato e gli addii

E subentra un'atmosfera da siesta messicana,
tutto chiude persino i bar che s'affacciano sulla piazza

Mexico&Nuvole, insomma...

Un uomo riposa su di una panca, avvolto nel suo tabarro,
malgrado l'aria sia mite,
il bastone da passeggio fieramente puntato al sole

Un altro riposa sotto l'Albero di Giuda in fiore

E, alla fine, la fontana rimane di nuovo da sola
al centro della piazza
a cantare la sua canzone

Condividi post

Repost 0
Published by Frammenti e Pensieri Sparsi (Maurizio Crispi) - in Luoghi Note di diario
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth