Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
27 marzo 2015 5 27 /03 /marzo /2015 16:15

Durante uno scavo archeologico condotto in un sito di interesse nell'antica città di Varna in Bulgaria è stato rinvenuto uno scheletro gigante (della statura di 2,50 metri).E' stato datato con i carbonio è sembra risalire indietro a circa 2500 anni.
Naturalmente il ritorvamento nella città di Varna, collegata con l'immaginario collettivo grazie alla storia di Dracula il Vampiro, ha dato adito a numerose speculazioni fantasiose, tra cui anche quelle relative ad un'antica razza di giganti giunta sulla Terra dallo spazio.

(da Montaigne - un sito senza pretese) Negli ultimi anni pare che la Bulgaria sia teatro ideale in cui ambientare i ritrovamenti più sensazionali di sempre. Dopo gli scheletri dei vampiri, l’ultimo attore, suo malgrado, di questa sceneggiatura, che non si basa su storia vera, ma è creata all’uopo, è uno scheletro rinvenuto durante gli scavi alla Necropoli nella città di Varna.

E’ vero che questa zona è ricca di storia e cultura e questo sedicente antico gigante, datato al carbonio, è stato sepolto più di 6500 anni fa. Sappiamo che in quest’area nel VISecolo AC i Greci fondarono Odessos (ora Varna) una città popolata anche da Traci, trasformata poi in rifugio romano alla fine del II secolo DC, e rinominata dai romani Odessus. Questo ce lo dice la Storia.

Durante gli scavi alla Necropoli gli archeologi hanno scoperto il muro di un’antica fortezza e hanno proseguito gli scavi per restituirlo quanto più possibile alla luce, in questo lavoro è stato rinvenuto lo scheletro, che ha destato stupore non per le sue dimensioni ma per il fatto che si trovasse proprio lì, sotto le mura, sepolto in modo cerimoniale ovvero con le mani poste sulla sua vita e il suo corpo che punta ad est (testa) e ad ovest (piedi).

«La loro ipotesi è che l’uomo probabilmente è morto in un incidente durante la costruzione del muro fortezza di Odessos alla fine del IV o all’inizio del V secolo. Lo scheletro è stato scoperto davanti alla parete rocca di città trovando pezzi di lampada in ceramica, che è determinata dalla datazione. La prova che si tratta di un funerale sono la posizione e l’orientamento delle mani del corpo secondo le direzioni est-ovest. Gli archeologi ritengono che la stessa area era la porta di Odessos. Durante gli scavi hanno trovato le fondamenta di un edificio dello stesso periodo».

La sensazionalità è riservata alla scoperta in sé e non certo alle dimensioni delle ossa, ce lo dicono gli esperti che hanno studiato le fotografie sparse in rete e gli archeologi, unici in grado di fornire un parere autorevole che metta a tacere le inutili speculazioni su questo argomento. Scrivere delle scoperte è un passo in avanti perché tutti conoscano il passato, lanciarsi in falsi sensazionalismi è un passo verso l’oblio che si tentava di evitare.

Une équipe d’archéologues a découvert les restes d’un géant dans la ville de Varna, en Bulgarie.

Située sur la rive orientale de la mer Noire, Varna est désormais une attraction touristique majeure. La région possède une culture riche et son histoire remonte tout droit jusqu’à 5000 avant JC. Le trésor le plus ancien contenant de l’or du monde a été trouvé lors de fouilles dans la Nécropole de Varna et la datation au carbone 14 a révélé qu’il a été enterré il y a plus de 6500 années.

Au 7ème siècle avant JC, les Grecs ont fondé un poste d’échanges appelé Odessos dans ce qui est maintenant Varna. Il a été peuplé par un mélange de Grecs et de Thraces. Vers la fin du deuxième siècle de notre ère, Odessos a été transformé en une retraite romaine et a été rebaptisé Odessus.

Le squelette géant a été trouvé plus tôt ce mois-ci, enterré près des ruines de l’ancienne muraille de la ville de Odessus. On estime que l’humain géant vécut et mourut au cours du 5ème siècle après JC.

Valeri Yotov, un membre de l’équipe des fouilles archéologiques a été cité en déclarant que la taille des os était «impressionnante», mais a refusé de fournir des détails précis.

« Comme nous avons commencé à découvrir l’ancien mur de la forteresse, nous nous posons beaucoup de questions, et, bien sûr, nous avons dû continuer à creuser pour atteindre les fondations du mur. Voilà comment nous sommes tombés sur le squelette », at-il dit.

La position du squelette est une indication claire qu’il a été enterré selon un rituel. Ses mains ont été placées sur sa taille, et sa tête est alignée avec l’Est.

En attendant d’obtenir de plus amples détails, nous ne pouvons que spéculer à son sujet. Si le squelette possède effectivement des proportions gigantesques, il constituerait alors une avancée archéologique majeure et ce serait encore mieux si cette découverte ne se retrouvait pas poussée d’un coup de balais sous le tapis.

squelette-bulgarie-2
Ceci étant dit, ce n’est pas l’unique squelette géant qui a été découvert en Europe de l’Est. Durant l’été 2012, des archéologues ont fait une découverte similaire près de la ville roumaine de Carei. L’excavation d’une grande guerrière de 2,50 mètres de haut, enterrée avec un poignard à côté de sa tête, remontant à 5,0000 ans en arrière durant l’âge de bronze. À l’époque, la hauteur moyenne d’un individu était d’environ un mètre cinquante, ce qui fait que la propriétaire de ce squelette était une vraie géante parmi ses pairs.

Source: Before It’s News

wikistrike

Condividi post

Repost 0
Published by Frammenti e Pensieri Sparsi (fonti web) - in Curiosità
scrivi un commento

commenti

Mi Presento

  • : Frammenti e pensieri sparsi
  • Frammenti e pensieri sparsi
  • : Una raccolta di recensioni cinematografiche, di approfondimenti sulle letture fatte, note diaristiche e sogni, reportage e viaggi
  • Contatti

Profilo

  • Frammenti e Pensieri Sparsi

Testo Libero

Ricerca

Come sono arrivato qui

DSC04695.jpegQuesta pagina è la nuova casa di due blog che alimentavo separatamente. E che erano rispettivamente: Frammenti. Appunti e pensieri sparsi da un diario di bordo e Pensieri sparsi. Riflessioni su temi vari, racconti e piccoli testi senza pretese.

Era diventato davvero troppo dispendioso in termini di tempi richiesti alimentarli entrambi, anche perchè nati per caso, mentre armeggiavo - ancora alle prime armi - per creare un blog, me li ero ritrovati ambedue, benchè la mia idea originaria fosse stata quella di averne uno solo. Infatti, non a caso, le loro intestazioni erano abbastanza simili: creatone uno - non ricordo quale dei due per primo - lo ho "perso" (per quanto strano ciò possa sembrare) e mi diedi alacremente da fare per ricrearne uno nuovo. Qualche tempo - nel frattempo ero divenuto più bravino - il blog perso me lo ritrovai).

Ohibò! - dissi a me stesso - E ora cosa ne faccio?

La risposta più logica sarebbe stata: Disattiviamolo!. E invece...

Mi dissi: li tengo tutti e due. E così feci. E' stato bello finchè è durato...

Ma giocare su due tavoli - e sempre con la stessa effcienza - è molto complicato, ancora di più quando i tavoli diventano tre e poi quattro e via discorrendo....

Con overblog ho trovato una "casa" che mi sembra sicuramente più soddisfacente e così, dopo molte esitazioni, mi sono deciso a fare il grande passo del trasloco, non senza un certo dispiacere, perchè il cambiamento induce sempre un po' di malinconia e qualche nostalgia.

E quindi ora eccomi qua.

E quello che ho fatto - ciò mi consola molto - rimane là e chiunque se ha la curiosità può andare a dargli un'occhiata.

 

Seguendo il link potete leggere il mio curriculum.

 

 


frammenti-e-pensieri-sparsi.over-blog.it-Google pagerank and Worth